Erotici Racconti

Incontri estivi

Scritto da , il 2017-11-14, genere etero

La incontrai nell’estate di tre anni fa, eravamo entrambi ad un meeting letterario nella pineta di Castiglione della Pescaia, dove io avevo una piccola libreria. Ascoltavamo un giovane scrittore che durante quell’anno aveva pubblicato un interessante romanzo, divenuto dopo pochi mesi un best seller.
Il pomeriggio offriva un piacevole passatempo a turisti, curiosi e quelli che come me erano là, perché interessati dalla passione che mi aveva portato ad aprire l’attività.
Il cielo era limpido ed il sole cominciava a nascondersi, quando lo scrittore concluse la sua intervista-dibattito, sotto l’ombra dei pini secolari.
Sedevo accanto alla signora, che seppi poi, essere in vacanza con suo marito. Dopo un breve applauso, ci alzammo e dirigemmo verso il bar per un aperitivo, mentre venivo servito, mi ritrovai di nuovo accanto alla signora e così, con leggerezza e curiosità, le chiesi se aveva trovato interessante il dibattito. “Molto”, rispose guardandomi, masticando un’oliva. Aggiunse di avere letto il libro di cui si era parlato e di averlo trovato appassionato ed intenso. Condivisi in parte il suo giudizio ed in breve ci trovammo a fare collegamenti letterari infiniti e confrontare le nostre letture. Ci presentammo, si chiamava Cinzia. Veniva da Milano, con suo marito avevano deciso di trascorrere sulla riviera toscana i quindici giorni di vacanze estive ; erano giunti alla metà della loro permanenza. Le chiesi del suo consorte e mi rispose che era impegnato in una partita di tennis, con delle persone incontrate in albergo.
Ci avviammo verso il centro del paese, chiacchierando delle nostre attività e lainvitai a venirmi a trovare in libreria, avremmo potuto continuare la chiacchierata e scambiarci consigli letterari.
Due giorni dopo, nel tardo pomeriggio, sentii le campanelle della porta del negozio suonare, ero nel retro bottega a controllare sul computer alcuni ordini. Dissi a voce alta che sarei arrivato subito e quando mi presentai dietro il bancone, davanti a me c’era lei, con un vestito bianco di cotone, semplice e fresco, i seni e i fianchi riempivano perfettamente la stoffa tesa, due gambe affusolate e abbronzate si muovevano fra gli scaffali, indossava un paio di sandali di cuoio, comodi e pratici, teneva le braccia incrociate dietro la schiena, mentre leggeva il dorso dei libri.
“Buon pomeriggio”.
“Buon pomeriggio” disse sorridendo, “stavo dando un’occhiata in giro … per me è sempre piacevole e magico entrare in una libreria.”
“La capisco” annui sorridendole.
Ordinai due aperitivi al bar e li sorseggiammo nel negozio.
A quell’ora il lavoro era quasi cessato e si poteva stare molto più tranquilli all’interno della libreria che al bar, dove la confusione della stagione e il costante andirivieni di persone che conoscevo, mi avrebbero costretto a continui saluti.
Mi raccontò della sua ultima lettura: "L’ombra del bastone" di Mauro Corona, uno scrittore particolare, per le storie che racconta, legate alla montagna ed alla sua terra. Mi disse che l’aveva trovato interessante e piacevole, avrebbe voluto leggere dell’altro di quell’autore, così le presi dallo scaffale Aspro e dolce, un libro di racconti e glielo diedi. Quando fece per pagarlo, allontanai garbatamente la sua mano tesa con un gesto e la pregai di accettare quel piccolo dono, come pegno di un’amicizia letteraria che mi avrebbe fatto piacere coltivare.
Nei giorni successivi, passò spesso a trovarmi, sempre alla stessa ora, come un piacevole rito prendevamo il nostro aperitivo, seduti dietro il bancone, dove avevo due poltrone di vimini con dei morbidi cuscini, che d’inverno sostituivo con un paio di pelle verde.
Sembrava la riunione di un circolo letterario, nel quale parlavamo solo o prevalentemente di libri, con i giorni però, diventammo più intimi, sempre nei limiti della discrezione, ci raccontammo delle nostre vite, trovandoci d’accordo su alcune conclusioni.
Cinzia, mi confidò che scriveva racconti, alcuni dei quali erotici. Incuriosito, le chiesi di poterne leggere qualcuno e lei mi segnò su un foglietto l’indirizzo di un sito, sul quale ne aveva pubblicati alcuni; aggiunse che sarebbe stata contenta di sapere cosa ne pensavo dopo averli letti.
Quando fui a casa, dopo essermi preparato dei meravigliosi spaghetti con un sugo aglio e olio, mi sedetti davanti al portatile e cercai il sito del quale mi aveva scritto Cinzia. Era dedicato completamente alla scrittura dilettante, suddiviso in generi, trovai ciò che cercavo nella narrativa erotica, lo pseudonimo usato da Cinzia era "Cioccolatoepistacchio".
Scorrevo la lista dei racconti e ne scelsi uno, mentre leggevo questa storia, divertente ed eccitante, mi ritrovai ad immaginare Cinzia nel contesto e sentii un turgore gonfiarmi il sesso, continuai con "Il gelataio", poi "Dilettante allo sbaraglio" e conclusi con "Un matrimonio insoddisfatto" che dentro di me, più che un racconto eccitante, cominciava ad essere una speranza, per fare breccia in quella donna che mi aveva rivelato un aspetto intimo di lei che la mostrava sotto una nuova luce e leggendo e fantasticando, mi trovai con il pene fuori dai pantaloncini che usavo per casa, mentre con la mano destra mi masturbavo lentamente, indugiando sul frenulo, solleticandolo con l’indice.
Il pomeriggio successivo, quando entrò nella libreria, l’atmosfera era diversa dalle ultime volte, quello che era successo la sera prima davanti al pc, mi vorticava nella testa, come una vertigine; ci sedemmo ai soliti posti, prendemmo i nostri aperitivi e cercando di parlare della giornata e della sua partenza imminente, le raccontai con tutta la naturalezza della quale fui capace, (non credo fu molta) della sera precedente, iniziai dicendole che avevo letto i suoi racconti, citai i titoli che mi avevano più impressionato, argomentai lo stile, l’originalità, la fantasia, ma celavo la cosa più importante, la feroce eccitazione che mi aveva pervaso e per la quale avevo preso in mano il mio sesso e mi ero masturbato fin quando un fiotto di sperma lungo e denso non mi aveva destato dal parossismo nel quale ero precipitato.
Cinzia mi ascoltava attenta, annuiva, ringraziava, ma la sua espressione tradiva l’attesa di quella confessione che tardava. Che cosa aveva smosso dentro di me la lettura dei suoi racconti?
Dopo circa venti minuti, nei quali il minuetto perdeva consistenza e credibilità, abbassando lo sguardo, perdendo fluidità e veemenza nella voce, le dissi che non avevo potuto resistere all’eccitazione e che mi ero masturbato, che quell’orgasmo era stato intenso, proprio perché pregno d’immagini e fantasie che la vedevano protagonista.
Mi aspettavo che si alzasse e prendesse la porta, sarebbe stato logico!... chi ero in fondo io?... Un uomo conosciuto solo qualche giorno prima, che la invitava a prendere l’aperitivo e che le diceva di essersi fatto una sega corposa e viscerale leggendo i suoi racconti, immaginando che fosse lei la protagonista delle sue fantasie.
Sarebbe stato troppo anche per una persona conosciuta da più tempo. D’accordo, ero stato gentile, educato, discreto anche nella rivelazione, ma ciò non toglieva che era forte come notizia e neppure richiesta, una scheggia privata che impazzita la colpiva con violenza.
Cinzia invece non si mosse, sorrise con genuinità e negli occhi, vidi o volli vedere una punta di malizia, come a dire: “è qui che ti volevo” !... non seppi mai se ciò che vidi era vero, ma ciò che successe quella sera mi confermò che la visione non era solo frutto della mia immaginazione.
Le avevo accennato dove abitavo, il mio nome lo conosceva e così quella sera, intorno alle nove, sentii suonare il campanello esterno, aprii il cancelletto e davanti alla porta mi trovai Cinzia.
Indossava un abito leggero e sottile di un verde autunnale, con le spalle scoperte, scarpe basse della stessa tinta, le mani dietro le spalle, la testa inclinata: “posso entrare?”, mormorò avanzando di un passo, dando per scontata la mia risposta, mi spostai dalla porta e con la mano le indicai di precedermi.
Ci sedemmo nel picco giardino davanti la cucina, accesi le candele di citronella e portai da bere.
“Cosa stavi facendo?” chiese mentre sorseggiava una sambuca ghiacciata.
“Leggevo il giornale e navigavo un po’ su internet” fu la mia risposta, bevendo la stessa cosa.
“Come mai da queste parti, senza marito?”
“Aveva una cena fra uomini, così mi sono presa la serata libera anche io” sorrise come nel pomeriggio.
“Sono contento tu sia qui, vieni, ti faccio vedere la casa”
Ci aggirammo per gli ambienti, tra spiegazioni e commenti, scoprimmo di avere gusti simili nell’arredamento, prima di giungere come ogni buona presentazione all’ultima stanza, quella da letto, arredata in stile giapponese, con molto spazio a disposizione e una grande finestra a giorno che dava sul giardino.
Mi chiese se il letto così basso fosse scomodo e la invitai a provarlo, si sedette facendo attenzione a non permettere al vestito di sollevarsi troppo, allungò le mani ai suoi lati, molleggiando un po’: “sembra comodo” disse seria. “inoltre si ha la sensazione di essere a contatto con la terra” aggiunsi sedendomi accanto, “l’arredamento giapponese che ho scelto, mi dà una grande serenità e pace, ho fatto diverse ricerche prima di decidere dove collocare i vari ambienti e l’ho fatto studiando l’orientamento. Conosci la filosofia dello feng shui?” parlavo mentre le nostre spalle quasi si toccavano, il suo viso era a pochi centimetri dal mio, sentivo fortissimo il suo dolce profumo e il calore che la sua pelle emanava, la stavo desiderando.
“Ho letto qualcosa, mi pare si basi sul principio dei cinque elementi che interagiscono fra loro e che possono essere produttivi o distruttivi, affascinante direi”.
“Non come te Cinzia” bisbigliai e quando i suoi occhi si distolsero dai miei, per un misto d’imbarazzo e lusinga, la baciai, furtivo e veloce, sentii la dolcezza e la morbidezza delle sua labbra, un bacio casto ma ripieno di desiderio. Tornammo a guardarci, questa volta con la sensazione di qualcosa di ineluttabile che stava per accadere.
Ci baciammo di nuovo, questa volta avvolgendo le nostre appendici bagnate l’una intorno all’altra, mentre le labbra si mangiavano vicendevolmente, la mia mano destra calò la spallina del vestito di Cinzia, scoprendo il suo seno, piccolo come un bocciolo, sormontato da un capezzolo turgido e grande, che cominciai a stuzzicare tra il pollice e l’indice, pizzicandolo.
Ci sdraiammo sul letto, sollevai il vestito fino alla vita e scoprii il bacino, le cosce tornite e abbronzate si spalancarono, mentre con la mano strofinavo il sottile lembo di stoffa che componeva il suo stringato perizoma, sentivo la fica bagnata, le mutandine si stavano inzuppando, ma volevo continuare questa tortura, così, mentre i suoi gemiti riempivano la stanza, cominciai anche a baciarla intorno all’inguine e immediatamente sopra al pube, senza mai arrivare al suo sesso.
Il trillo del suo cellulare, colpì il mio cervello come una lama tagliente, qualcosa si spezzò.
Suo marito stava tornando dalla cena in anticipo, un contrattempo lo aveva irritato, le chiese dove si trovasse e Cinzia mentì, dicendogli che era fuori per una passeggiata, ma sarebbe stata di ritorno da là a qualche minuto, “ti raggiungo” disse lui, “così prendiamo qualcosa da bere”.
Cinzia mi guardò, scosse la testa e dopo avere chiuso il telefono, si scusò con me.
“Mi spiace, devo andare…” disse sistemandosi la gonna e ravviandosi i capelli. L’aiutai a rialzarsi dal letto e l’accompagnai alla porta.
“Domani pomeriggio torniamo a Milano” disse guardando fuori il cielo stellato.
“Già. Fai buon viaggio, se vuoi puoi scrivermi qualche mail e ogni tanto potremmo telefonarci.” Le dissi senza troppa convinzione, la sensazione che l’occasione per vivere qualcosa d’intenso insieme fosse passata, era fortissima dentro di me.
Annuì e mi baciò sulle labbra, poi uscì dal vialetto e scomparse nella notte profumata.

Questo racconto di è stato letto 3 0 4 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.