Erotici Racconti

La signora dei Parioli

Scritto da , il 2017-11-13, genere etero

Viale Parioli, Roma, ore 11.30 di un sabato mattina giugno di qualche anno fa. Io, Lorenzo, studente 22enne, sto andando a una partita a tennis, mi distraggo un attimo e con il mio scooter prendo in pieno lo specchietto di una vecchia Bmw 520 cHe sTa uscento da un garage. Sbaam. Rotto. Mi accosto, scendo dal motorino e intravedo nell'abitacolo uno sguardo assassino che da dietro un paio di occhiali scuri da donna mi fulmina. Scende una donna sui 50 anni, piccoletta, forse neanche 1.60, castana con i capelli corti, in tailleur rigato con gonna poco sotto le ginocchia, due gambe sinuose e caviglie fini che arrivano a scarpe con tacco non esagerato. Ha una eleganza discreta e anche se è molto più grande di me devo dire che è bella. Il vestito sembra comprimerla, un gran bel seno e un pò di pancetta, ma la vita è stretta, le forme sono donna. Prende lo specchietto penzoloni attaccato a un paio di fili, lo tiene in mano come si potrebbero tenere le palle di un toro, si leva gli occhiali e me lo mostra alzando lo sguardo verso di me, ha due occhioni castani, leggermente truccati: "E adesso come la mettiamo?". "Signora mi scusi tantissimo, veramente". "Mi faccia vedere". Osservo le sue mani, devo dire bellissime, curate, con dita lunghe e sinuose, con le vene che si vedono, un paio di anelli per mano e un orologione al polso sottile. Il danno ma è evidente, mentre lei guarda l'orologio. "Guardi, se vuole facciamo l'assicurazione ma forse ha fretta e le faccio una proposta: vedo che anche l'altro specchietto è rigato, se le portassi due specchietti originali glieli potrei montare io. Sono quasi un meccanico". Bugia. Lei alza il sopracciglio tirandosi cosi un pò le rughe degli occhi e mi squadra. Accenna a un sorriso con un angolo di bocca, sottile e con un po di rughette intorno ma molto bella, con un rossetto scuro. "Se non si fida le lascio la mia patente. Faccio l'ordine al magazzino e appena arrivano glieli monto". "Guarda, mi hai incontrato in una giornata si e per me va bene. E comunque fammi uno squillo così mi rimane tuo cell, il mio numero è questo".Ripartendo la vedo che sta al telefono. Si chiama Francesca, ha detto. Decido che sarò di parola e cerco gli specchietti su internet. Dopo qualche giorni le mando un sms: "Signora Francesca mi sono arrivati gli specchietti, quando vuole glieli monto". Invio con tanto di foto delle due scatole dei pezzi. "Ciao Marco, se va bene puoi venire domenica mattina alle 11 da me, sto a Fregene". Cazzo, fino a li devo arrivare! Va bene, ma ci perderò mezza giornata. Noto che mi da del tu mentre io continuo dandole del lei.
Mi apre il cancello della villetta un filippino: "Signora Francesca impegnata, venga con me e la porto alla macchina della signora". Si tratta di una villetta bianca anni '60, a due piani, un giardino con pini e dietro forse la piscina, nel vialetto che che porta a casa c'è la bmw, giardinetto davanti e uno dietro più grande. Mi accomodo e inizio a lavorare. Fà caldo, e nonostante la macchina l'ombra di un grande pino dopo mezz'ora che sto inginocchiato a fare questo cacchio di lavoro sono sudato. Arriva però il filippino con un vassoio con un bicchiere di tè freddo e mi dice di andare in casa quando avrò finito il lavoro, la signora mi aspetta. Dopo un po' entro in casa, il filippo mi fa accomadare in salotto, lei è al telefono, fumando una sigaretta. Indossa dei pantaloni chiari da equitazione, stivali e una camicetta bianca. I capelli sono legati. Si avvicina, mi sorride (finalmente) e mi da un bacetto sulla guancia, a bassa voce mi dice: "Nello spogliatoio vicino la piscina ci sono dei costumi da bagno da uomo, sono di mio figlio, se ti stanno prendine uno e se ti va fatti un bagno in piscina. Io mi vado a cambiare, ci vediamo dopo. Poi pranziamo insieme, sei mio ospite". Non me lo faccio ripetere e dopo due minuti sono nello spogliatoio, nudo, con il cazzo che mi si fa barzotto pensando a Francesca, mentre provo un paio di costumi. Modello slip, non il massimo per i miei gusti e in più  mi stanno strettini. In casa ho intravisto foto di un ragazzo che sarà suo figlio. Nessun uomo però. Potrebbe essere mia madre ma mi arrapa parecchio.
L'acqua della piscina è perfetta e io mi vorrei mettere a nuotare nudo. Mi appoggio al bordo della piscina, mi giro e guardo in casa. Francesca è di spalle sul balcone al piano di sopra, appoggiata alla ringhiera, con indosso un accappatoio bianco, i capelli bagnati, e ancora al telefono. Quando entro in casa, rivestito, lei non è ancora scesa e così mi metto a curiosare. Libri di autori americani, diversi Harmony rosa, foto di un ragazzo, di vacanze in barca, tanti accendini, pochi soprammobili, nessun giornale e quadri marittimi di una casa borghese al mare."Eccomi Lorenzo!". Eccola, Francesca, indossa una camicetta bianca sottile e dei pantaloni grigi leggeri. E' senza reggiseno e le si intravedono bene le tettone, belle, grandi, forse una terza, i capezzoli scuri e duri che si intravedono e si muovono sotto quando mi viene incontro. Mi piace. "Scusa se ti ho fatto aspettare ma avevo delle noie da sistemare. La macchina è ok? Grazie davvero". Ha i capelli bagnati tirati indietro e si accende una sigaretta. Mi guarda mentre parliamo. Anche dopo a pranzo, è molto attenta e interessata a quello che le racconto di me. Ha un figlio mio coetaneo di diciottoanni, all'estero per studio ed è separata da tre anni. Ha una società a Roma che si occupa di consulenze aziendali. Dopo pranzo mi invita ad accomodarci su una specie grande materasso da esterno vicino la piscina, sotto l'ombra dei pini. "Se vuoi fare il bagno fai pure, il costume sai dov'è, io ti aspetto qui intanto che arrivano i caffè". Quando esco dall'acqua ho il cazzo in erezione e contenuto a malapena nel costume. Non me ne curo, mi avvicino a lei ascigandomi. Lei è  seduta preparando una canna, i caffè sono arrivati. Mi siedo davanti a lei nella sua stessa posizione. Noto che i pantaloni le si sono tirati sul davanti e le si vede tutta la forma della passera. Cameltoe si chiama nel porno, il bozzo delle labbra sul tessuto. Ecco, a lei, seduta davanti a me, le si vedono benissimo le due grandi labra. Inoltre, è posta un po' in avanti e dalla scollatura le si vede un pò il seno, ha 50 anni ma è ancora molto bello. Grandi tette, un po' calate ma due belle forme a pera che guardano in fuori e i capezzoli che guardano all'insù. Vorrei metterci il viso la in mezzo. Il mio cazzo è duro, lo sistemo nel costume e lei lo vede, le cade l'occchio più volte. Poi si guarda intorno, e appoggiandosi ai cuscini si accende la canna e mi fa: "Me lo fai un grande piacere?", "Certo". "I filippini sono andati via, in salotto c'è una libreria e li un barattolo di crema, me la prendi?". Quando torno, si è levata la camicetta e si è stesa a pancia in giù, indossando ancora i pantaloni, "Me la metti un pò sulla schiena perfavore?". Mi siedo accanto a lei, gliene verso lungo la dorsale e inizio a spalmargliela. Decido che sarà un massaggio e poi vediamo. Dall'alto in basso e poi ai alti. E' abbronzata, ha la pelle calda e lentigginosa, dal mio lato vedo il seno che esce da sotto il suo corpo. La pelle del seno non è abbronzata, si vedono le vene sotto la pelle chiara, ci passo con la mano vici.no, con le dita le sfioro la pelle al lato del seno. Con la mano scendo lungo la schiena, percorro la linea sopra i pantaloni. Infilo un pò le dita sotto e sento l'attaccatura del solco del sedere. Non dice nulla, mi lascia fare e io la voglio toccare tutta. Voglio vedere come gode una donna matura. Infilo la mano e la passo su una chiappa, poi sull'altra. Ha il sedere sodo. Poi la tiro fuori, mi passò altra crema sulle mani, mi siedo sopra di lei e iniziò con due mani. Allargo le gambe e appoggio le mie palle sul suo sedere. Lei sembra gradire, alza un pò il culo quando ripasso con le mani sui lati dei seni. Si tira un pò su e si appoggia sui gomiti inarcando un pò la schiena. Ora le tette non sono appoggiate e sono penzoloni. Ci passo le mani e con il palmo vado sui capezzoli. Li stringo con le dita, sono grandi e duri. Inizio a farle sentire il mio cazzo duro sul solco del culo, lei si sposta i capelli dal collo e me lo offre. La bacio lì, la mordicchio. Si gira e si sdraia allargando le gambe, mi tira a sé e mi mette la lingua in bocca. Con il cazzo, che ormai è tutto fuori dal costume premo sulla sua fica, che è ancora sotto i pantaloni. Ci abbracciammo mentre le nostre lingue si inseguono e ballano. Le sue mani vanno sul pisello e ne tastano la cappella. Poi sul mio culo, abbassano il costume e mi stringono le chiappe. Mi levo il costume e inizio a leccarle il collo, scendo e conquisto un capezzolo. Duro, sembra un piccolo pisello e lo tintinno con la lingua. La mia mano ora è sulla sua passera. Il tessuto leggero dei pantaloni è bagnato e caldo. Le masturbo il clitoride da fuori. Ha una macchia di bagnato sulla passera. Ci metto il muso sopra e respiro il suo odore. Forte, buono. La lecco da fuori e le mordicchio. Lei mi mette le mani nei capelli e alza il bacino: Anzima, sta avendo un orgasmo. Poi mi tira a se, mi siedo sul di lei. Alza la testa e prende il mio cazzo in bocca. Lo lecca, lo mette dentro lo bocca, lo bacia. Se lo sta divorando mentre con una mano mi tiene il cazzo e con l'altra mi massaggia il culo. Con un dito cerca il mio buco e ci mette la punta. Spinge un pochino e ho mezzo dito dentro. Poi si sposta e mi fa sdraia, mi sfila il costume e lo riprende in bocca mentre con una mano mi massaggia le palle. Prende la crema, se la spalma sulle mani e intorno al mio buco del culo. Ora ha infilato tutto il suo dito medio. Lo sento muoversi dentro, non  avevo mai provato queste sensazioni e mi piace. Continua a leccarmi il cazzo, mentre io ho riconquistato la sua fica, ancora sotto i pantaloni. Si gira e mi si siede praticamente sul viso, strofinando la passera sulla bocca. Stiamo facendo un 69, con lei sopra di me che mi spompina alla grande e mi  tiene infilato un dito nell'ano. "Ti prego, levati i pantaloni". Si alza, abbassa i pantaloni, ha sulla passera una barretta pelosa ma molto curata ed è senza mutande, noto che il cavallo dei suo pantaloni ha una vistosa macchia bagnata grigiastra all'altezza della passera. Poi si sdraia vicino a me e tirandomi a se mi mi fa "Vieni qui". Mi metto sopra di lei, la bacio, appoggio il mio cazzo duro sulla sua fica bagnata. Punto la cappella sul buco ed entro. Mi guarda e dice "Whaoo!". La stantuffo lentamente, soffermandomi all'interno e facendoglielo sentire nella sua durezza. Continuo così, alza il bacino e sta godendo, le sue unghie mi graffiano la schiena. Mi dice "Si, si! Sto venendo tutta. Sborrooo". Il mio cazzo sta letteralmente sguazzando in una pozza, mai vista una cosa del genere. Tutto quel bagnato mi fa venire, lo tirò fuori e mi avvicino al viso, lei tira fuori la lingua e le sborro in faccia, sula bocca. Si passa il mio cazzo sulla faccia, pulendosi lo sperma e leccandolo. Mi sdraiò accanto a lei, addosso abbiamo una patina di sudore, sperma e liquidi vaginali. Stupendo.
Dopo qualche minuto in cui siamo stati sdraiati a guardare il cielo, e ci siamo fatti un'altra canna Francesca si alza e nuda entra dentro la piscina.

Continua

Questo racconto di è stato letto 6 1 4 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.