Erotici Racconti

Riflessi

Scritto da , il 2017-11-13, genere sentimentali

Il riflesso di un righello arancione posato tra le due pagine di un libro mi fa viaggiare lontano...Fino a che non ti raggiungo, anima di un canto femminile che trova le corde dell'anima.

Ero sempre lì, quando pensavo di toccare il tuo corpo, di farmi possedere col peso della tua virile presenza sui miei seni e sulla mia pelle...Abbandonata a te e schiava della passione che in te si incarna, ti offro me stessa e il mio calore per scaldare il tuo timoroso cuore.
Ed è poesia quando non si sente la tua mancanza perché sei il buio in una stanza, una spinta che continua ad oltranza...

Questo racconto di è stato letto 3 9 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.