Erotici Racconti

Quella volta con il mio compagno di scuola

Scritto da , il 2017-11-12, genere prime esperienze

Quando ero un ragazzino, l'amico che frequentavo di più era Lorenzo, un mio coetaneo con il quale andavo a scuola e che abitava vicino casa mia. Lorenzo aveva una certa influenza su di me, era bello, il più bravo a calcio, era nel gruppetto dei fichetti un leader e che piaceva alle ragazze. Quando alla fine delle medie iniziò a cercarmi ne ero un po' lusingato. Lo raggiungevo a casa sua il pomeriggio visto che i suoi genitori non c'erano e passavamo insieme il tempo. A volte uscivamo con altri 2 o 3 amici, con delle ragazze, qualche fidanzatina, e avevamo messo su una squadretta i calcio e facevamo delle partite con altri amici o stavamo nel cortile di casa sua a palleggiare.
Avevamo sviluppato da poco e con lui e gli altri non parlavamo altro che di donne e quando rimanevamo il pomeriggio a casa sua era regolare che ci masturbassimo tutti davanti ai video porno. A volte ci facevamo anche 3 seghe nello stesso pomeriggio. Lorenzo era bello, labbra carnose, occhi grandi, naso all'insù e fisico delineato, spalle larghe, un pisello considerevole, il più grande dei nostri e con lui ci scherzavamo. Ce lo faceva toccare, "senti quanto è duro", e via di seghe e sborrate dove capitava e gare a chi schizzava più lontano.
A me e a noi piacevano le ragazze e quelle erano l'oggetto delle mie fantasie, ma in quei momenti di masturbazione collettiva, con Lorenzo o con gli altri, sentivo una curiosità particolare per il suo cazzo, lo guardavo mentre lo teneva in tiro con le dita alla base e lo faceva roteare, o quando schizzava vedevo la sua sborra che usciva.
Guardavamo ogni genere di video, tutti abbastanza nella norma. Una volta capitammo su un video di un ragazzo che si faceva mettere da una ragazza un vibratore nel sedere, a Lorenzo piaceva questo genere di cose, si alzò e lo vidi andare in camera della mamma. Tornò con un vibratore a forma di pene, non gradissimo e della crema per le mani. "Quanto mi piace 'sta cosa, guarda", mise della crema sul vibratore e con dell'altra iniziò a massaggiarsi il suo buco del sedere. Pensandoci aveva e avevamo due culetti meravigliosi come solo dei ragazzi di quell'età possono avere, due melette lisce e sode. Poi si sedette e mise una gamba sulla scrivania e l'altra sulla sedia. Prese il vibratore, lo azionò e prese a vibrare e ci iniziò a massaggiarcisi il buchino del culo. Io intanto guardavo, mentre lui si stava segando con l'altra mano. Vidi la punta del dildo entrare nel suo buchetto, la scena mi eccitava moltissimo. Aveva difficoltà a fare entrambe le cose e mi chiese "Tienimelo fermo". Si alzò e io presi con una mano il dildo e glielo tenetti fermo sulla sedia. Lui, piano piano ci si sedette sopra. Si stava masturbando con una mano e con l'altra si massaggiava le palle. Poi si alzò e si appoggiò alla scrivania, dandomi le spalle e mettendomi il suo sedere di fronte, "Vai, rimettilo dentro in questa posizione", mi disse. Cosï presi il vibratore e mi feci aiutare da lui a infilarlo nel suo buchetto. Entrò piano piano mentre il suo buco si allargava. Lui con il suo cazzo in mano si stava segando, aumentò la velocità e fece una lunga sborrata sul tavolo da pranzo. "Provaci anche tu adesso.
Ero sulla sedia, appoggiai le gambe sulla scrivania, presi della crema e me la spalmai sul mio buchetto, presi quindi il vibratore e lo puntai sul mio buchetto. La vibrazione mi faceva il solletico, provavo a spingere ma faceva male. "Devi fare piano, prima ti massaggi con il dito, allarghi il buchetto e poi prova con il dildo. Vedi che entra un pò per volta". Seguii il consiglio. Lui intanto mi guardava mentre aveva ripreso a masturbarsi. Ma avevo delle difficoltò e allora disse, "Mettiti come mi ero messo io prima, in piedi appoggiato al tavolo, il sedere tiralo più su che puoi".
Prese il dildo, ci mise altra crema e lo appoggiò al mio buchetto, me lo stava infilando e lo sentivo entrare. Faceva male, ma era una bella sensazione, mi stavo segando. Poi lo tolse e senti la sua cappella calda strusciarsi sul mio sedere, toccare il buco, si masturbò in quella posizione. Io rimasi fermo, "Che fai Lory?". "Girati verso di me", mi girai verso di lui, era davanti a me e mi sborrò addosso. I suoi schizzi mi arrivarono sul petto e sulla pancia, la sua sborra mi colava sul mio cazzo in erezione. Ero sorpreso ed eccitato, sentivo addosso il suo sperma caldo, sul mio cazzo c'era la sua sborra. Mi stavo segando e venni pure io. Feci un grosso schizzo che gli arrivò sui suoi addominali, un altro sul suo petto e poi altri ancora.
Ridevamo di tutta quella sborra sui nostri corpi. Poi andammo a farci una doccia nel bagno della madre, era abbastanza grande, con le pareti scure, dei faretti in alto e un grosso getto d'acqua dall'alto. L'acqua scese sui nostri corpi portando via lo spera dai nostri corpi. I nostri cazzi erano di nuovo in tiro e sentivo la voglia di toccarglielo. Lui prese il suo è iniziò a sbatterlo sul mio, feci così pure io, ma volevo di più. Mi giraì e alzai un pù il sedere, lui ci si strusciò con il suo cazzo duro. Poi lo puntò sul mio buchino e iniziò a spingere. Lo sentivo caldo, con la cappella che spingeva ed entrare piano. Avevo il buco già allargato ed il suo cazzo entrò facilmente dentro di me, tutto. Rimase fermo, mi mise le mani sui fianchi e iniziò a fare avanti e indietro. Mi piaceva il fatto che gli stavo dando godimento. Accelerò, sbattendomi sul muro della doccia, poi con le mani prese il mio pisello duro e mi disse "Ora ti sborro dentro" e venne. Sentii il suo sperma che mi inondava il culo.
Poi Lorenzo fece una cosa che non mi sarei aspettato, si abbassò e prese il mio cazzo in bocca. Quel calore provocò in me una immediata sborrata. La sputò, si alzò con la bocca dalla quale colava sperma e ci guardammo.
Quella fu l'unica volta che io e Lorenzo facemmo una cosa del genere e non ne parlammo ne tra noi e ne con gli altri. Era un nostro segreto. L'estate passò e noi cambiammo scuola e un po per volta ci perdemmo.
Dopo di allora ho avuto solo esperienze etero e per quanto innocente lo possono essere a quell'età esperienze simili la racchiudo in un contesto di esplorazione della propria sessualità. Chissà se la mia vita sessuale avrebbe preso altra piega se avessimo continuato a frequentarci.

Questo racconto di è stato letto 4 9 1 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.