Erotici Racconti

Risvegli

Scritto da , il 2017-11-10, genere sentimentali

Ti guardo dormire, mi sono svegliato che era l'alba, la prima cosa che ho visto è stato il tuo volto sereno, la tua fronte alta, il tuo morbido naso. Le tue labbra carnose sembrano così caste, mentre sappiamo entrambi che peccano continuamente col mio piacere.



La tua mano lunga e sottile si allunga sul letto, alla ricerca del mio braccio, è la prima cosa che cerchi nella notte.



Immagino il tuo caldo corpo sotto la camicia da notte, che freme di desiderio per me, le tue cosce odorose che si schiudono con dolcezza mentre il tuo sesso mi accoglie con voracità, il tuo ventre rado mi eccita ogni volta come la prima; sento il cazzo diventare turgido proprio mentre il tuo limpido sguardo si schiude e mi dice: "Buongiorno", poi allunghi la mano come ogni mattina, a cercare quel piacere che cresce sotto di me.

Questo racconto di è stato letto 7 8 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.