Un Nuovo Inizio : L'addestramento di Lara - Parte prima

Scritto da , il 2017-09-18, genere orge

Un Nuovo Inizio – L’addestramento di Lara

Lara è nervosa, ne avverto la tensione nella stretta della sua mano nella mia, il suo passo è malfermo, non credo per una sorta di indolenzimento, sono stato deciso, ma ancora non sufficientemente brutale nel prenderla. Ho passato tutta la settimana senza pensare a cosa sarebbe successo questa notte, semplicemente perchè non ne avevo il tempo materiale di pensarci, ma ora eccoci qui, è sorprendente come tutto stia prendendo forma...
Il letto della camera degli ospiti ha le lenzuola scalzate quasi del tutto, Veronica è distesa su un fianco e Aldo le è di fronte e stanno parlando, ed è quest’ultimo che ci vede comparire nello specchio della porta per primo.
- Bene siete arrivati, stavamo ascoltando le vostre ultime fatiche commentando -
Io sorrido, ma con la coda dell’occhio guardo Lara che cerca il mio sguardo, al contempo guarda anche il membro di Aldo che è diciamo importante come dimensioni, in larghezza rispetto al mio.
Veronica mi ha detto, nelle nostre brevi telefonate, che ha spiegato alla nostra giovane amica come sarà condivisa e messa al centro dei nostri giochi dopo un breve preliminare con me, le ha spiegato in ogni particolare come doveva prepararsi e cosa avremmo fatto, l’aveva rassicurata dicendole che entrambi saremmo stati presenti lì tutto il tempo, che Aldo l’avrebbe prima fatta rilassare e eccitare e poi si sarebbe preso anche il suo culetto.
Ad Aldo piace il rough sex e la mia sodomizzazione di prima era nulla più e nulla di meno che il preparativo a quello che sarebbe seguito dopo, in sintesi l’avevo preparata, dilatata per lui.
Veronica bacia il nostro amico e si alza dal letto, va incontro a Lara e la abbraccia per un lungo bacio, la mia piccola è stupenda, non posso fare a meno di desiderarla, poi accompagna la ragazza sul letto e la offre al nostro ospite, fatto questo mi raggiunge.
La gaiezza dell’incontro in ascensore e della cena ormai è svanita, Aldo è un predatore in piena frenesia alimentare, non è violento, ma deciso quando afferra il capo di Lara e la attira a sé, in un attimo l’ha messa sotto di se immobilizzandola con il suo peso .
Il tempo di indossare il preservativo farebbe impallidire un cambio di pneumatici in Formula Uno.
Le mani e la bocca si impadroniscono della giovane carne di Lara, che prova a reagire, ma lui ne blocca i polsi tenendoli insieme stretti in una mano sopra la sua testa.
I nostri sguardi sono rivolti a questo pasto di passione che si sta consumando sul letto, mentre noi in piedi abbracciati ci stiamo accarezzando , permettendo alle nostre pelli di parlare tra i nostri corpi in modo assai più esaustivo che ogni parola potrebbe fare.
Una mano corre giù a saggiare l’eccitazione della mia donna senza lasciarmi deluso, poi scivola di lato lungo la coscia e glutei a verificare lo stato del suo buchetto, ma sorpresa, sorpresa, è strettino ...non l’ha presa lì...ma quindi…
Veronica ha intuito al mia muta domanda - No mi ha presa davanti, ho voluto conservasse la sua voglia per il culo tutta per Lara, oggi la piccola sperimenterà cosa significa essere una troia sottomessa al piacere dei suoi partner- .
Queste ultime parole sono proferite sottovoce, nel mio orecchio con una strana compiaciuta durezza, frattanto le sue mani viaggiano dal mio scroto al solco del mio culo, indugiandovi lungamente, so cosa vuole e sa che è un suo privilegio come mia donna ed amante.
Aldo ci sta offrendo un vero e proprio film porno, Lara all’inizio ha provato a reagire a cercare di frenarne l’impeto, ma il nostro amico è molto eccitato e con esperienza, lei è destinata a soccombere, non può farcela.
Veronica ed io stiamo facendo l’amore in piedi, con la coda dell’occhio vedo Lara che ci guarda, e se ne deve accorgere anche Aldo, perchè subito l’afferra per i capelli prima di iniziare di nuovo a baciarla voracemente.
La mia piccola geme rumorosamente, forse per il ditalino che le sto facendo da alcuni minuti e che le fa tremare le gambe, l’altra coppia ormai è nel pieno di un focoso amplesso con l’uomo cinto alla vita dalle gambe della ragazza, con i talloni incrociati sulla schiena.
Lui si sta solo scaldando, lo so, il cazzo dentro la fica è solo un preliminare per lubrificarsi; stanotte passeremo tutti per il culo di Lara e non una sola volta...e Veronica mi ha anticipato che ci sarà una gustosa sorpresa domani mattina, visto che la nostra amica non è di turno al lavoro.
Aldo, prevedibilmente si arresta ed esce da quest’ultima, la ragazza non gradisce ed emette un suono inarticolato di disappunto, tenta di trattenerlo a se afferrandone gli avambracci, ma lui le scosta le mani in modo deciso, l’ afferra e la gira sulla pancia.
Lei ci guarda, una sorta di richiesta forse di aiuto, forse di sostegno, forse una preghiera, non importa...lei stanotte sarà presa ancora ed ancora… deve imparare una prima piccola lezione di sottomissione al piacere altrui, deve imparare a godere non solo del suo piacere da del piacere che imparerà a dare.
Ancora una volta è Veronica a sorprendermi, mentre guarda negli occhi la sua amica si rivolge ad Aldo - Prendila adesso falle capire cosa significa essere una vera cagna in calore -
Il tempo di sistemarle un cuscino sotto la pancia ed il nostro amico è con la cappella che preme contro il suo ano.
Aldo la bacia, il suo è un bacio passionale sembra che voglia mangiarsela, ed in effetti in un certo qual modo è quello che farà, la sua lingua la fruga nella bocca mentre Veronica ed io ci avviciniamo ai due lati del letto. Per afferrarle i polsi e tenerla ferma.
Vero le massaggia i seni e si china a baciarne prima la bocca e poi tra le scapole, guardo la sua lingua percorrerle il collo mentre Aldo ormai è pronto.
Il nostro amico mi guarda soddisfatto, posso intravedere il suo desiderio la sua voglia crescergli sotto pelle, le parla “Rilassati stai tranquilla, oggi darai molto piacere - a me le sue parole sembrano ben poco rassicuranti e non so neppure se Lara ad occhi socchiusi, mentre si gode le carezze a fior di labbra della mia donna, lo ha sentito.
Il nostro amico afferra sul comodino il contenitore del gel lubrificante, tenuto in un piccolo catino di acqua tiepida, lo fa colare sul suo buchino e poi con le dita lo spinge dentro rigirandole a dovere
dentro.
Le dita di Aldo entrano dentro sempre più in profondità, la ragazza soffoca un gemito, la mano libera di Vero corre ad allargarle le natiche, ed io la imito, la cappella del nostro amico sembra gonfia da scoppiare quando la si posa sul buchino,.
La prima spinta è decisa, spietata, profonda, Lara caccia un piccolo urlo, prega di fare piano, morde il lenzuolo per il dolore forse, sente il cazzo dell’uomo aprirle nuovamente il culo e farsi largo dentro.
Se potesse abbraccerebbe un cuscino, ma la stiamo tenendo bloccata giù per le braccia, soffoca forse un altro urlo di dolore nel cuscino, mentre lo sente entrare sempre di più dentro.
L’uomo con le mani la tiene ferma per i fianchi, mentre le nostre sono tornate sugli avambracci di Lara , la guardiamo mentre comincia ad essere scossa da tremiti e poi dalle prime spinte lente, che via via acquistano velocità, spostiamo lo sguardo da loro a noi due, quasi a sondare l’uno le emozioni dell’altra.
Aldo la impala lentamente fino a farle sentire le sue palle sbattere contro il culo, lo conosciamo si sta appena scaldando, tra poco si scatenerà del tutto e potremo lasciarli per dedicarci a noi.
Questa è la camera più interna della casa, i nostri vicini sono provvidenzialmente via per il weekend, Lara può urlare quanto vuole...ed urlerà stanotte.
La ragazza deve sentirsi strapiena di lui, lasciamo la presa sui suoi polsi ed avambracci e le sue mani si serrano spasmodicamente sulle lenzuola che scalza dal materasso, vi si afferra come un naufrago farebbe all’unico pezzo di legno che gli passa vicino, per venirne poi strappato via a sua volta.
Forse il dolore che sente e' forte, ha il fiato corto e le lacrime a gli occhi....sia Aldo che Lara sono stati istruiti...il tutto andrà avanti sino alla sua naturale conclusione.
Lara mi morde e succhia i capezzoli, con le mani cerca il mio cazzo, lo trova, è già di nuovo duro, lenta inizia ad abbassarsi ma io la fermo.
Ci spostiamo poco lontano vicino ad un tavolino di vetro, mi discosto da lei il tempo di prendere dal comodino il fallo a ventosa e posizionarlo su di esso, Vero sorride – Perverso bastardo! - mi bacia.
- Fica o culo ? - mi chiede con un aria di sfida
- Fica e culo – rispondo io con un mezzo sorriso – se riuscirà a guardarci voglio che veda come sa godere e far godere una vera Donna -
Aldo nel contempo ha iniziato ad entrare ed uscire completamente e lentamente dal culo della nostra amica, le lacera l'intestino, i suoi movimenti sono decisi, lo guardiamo uscire riaffondare dentro mentre le sue palle sbattono sulle chiappe e la fica ad ogni spinta.
La ragazza geme, urla a volte, prega, ansima...forse gode già, forse non pensava che si muove nel suo culo potesse essere tanto.
L’uomo cambia il ritmo aumentando, è il sodomizzatore che Vero ben conosce e che ha accolto altre volte dentro di sé, il suo desiderio ha preso il sopravento, ora ansima e grugnisce per il piacere, la ragazza morde una federa, tira ancora le lenzuola che non possono darle più nessun appiglio.
Io spingo giù Veronica che con una mano guida dentro la sua fica il cazzo di lattice e nel contempo si porta all’altezza giusta per imboccare il mio tra le labbra.
L’abbraccio caldo che mi circonda la cappella quasi mi toglie il fiato per un secondo, la guardo negli occhi mentre finisce di impalarsi del tutto, la guardo mentre li socchiude appena.… è meravigliosa la mia piccola.
Lara nonostante la veemenza dell’inculata che la scuote e la domina, ogni tanto prova a girarsi per guardare nella nostra direzione, Aldo forse se ne accorge, la vuole tutta per sé culo, anima e corpo, la afferra nuovamente per i capelli, tenendole la testa indietro e la schiena inarcata e pompandola senza pietà.
Vero mi fa uno dei suoi terrificanti pompini, tediosi e dilanianti, in passato a volte ho dovuto farla smettere e pregarla di concedermi il piacere, perché sa essere goduriosamente terribile quando ci si mette e lo sa.
Per cercare di controllarla le pongo una mano sulla spalla dandole il ritmo della sua cavalcata sul fallo di lattice; so che lei non mi permetterà di venire perché dopo toccherà a me prendere nuovamente Lara.
La mia signora ci mette qualche minuto a trovare il ritmo giusto a dividersi tra il fallo e il mio cazzo, e quando lo raggiunge, con un pizzico di bastardaggine la faccio interrompere per farla spostare il primo dentro il culo.
Altrettanto crudelmente quando si imbocca la cappella sul buchino con entrambe le mani la spingo giù mentre ho cura di stare piegato in avanti per tenerle il mio in gola.
La risposta è fulminea: le sue mani mi artigliano il culo e due dita entrano senza troppe cerimonie nel mio orifizio rigirandosi subito, io gemo per l’intrusione improvvisa.
Frattanto sul letto si consuma il pasto carnale di Aldo e Lara, la ragazza ormai è spalmata sul materasso con l’uomo sopra a cavalcioni, quando le spinte sono più forti, alle grida si unisce un involontario movimento delle gambe di lei che si ripiegano all’indietro, sfiorando in vita il nostro amico con i talloni.
La giovane inizianda prova dolore , ma anche piacere, piacere che la porta ad incitare a scoparla sempre più forte, forse per porre fine a quel supplizio, forse per eccitazione, forse perché sà che potrà finire solo con la venuta di Aldo.
Forse lei stessa non può credere sta per avere un altro orgasmo con un cazzo nel culo.
All’improvviso si irrigidisce e urlando grida – Vengo! - guardo la sua carne tremare per tutto il corpo e si scuote tutta, senza controllo e senza fiato, perde ogni controllo del suo corpo , con la mano cerca la fica mentre il liquido scorre copioso , per fortuna le traversine sotto il lenzuolo proteggeranno il materasso, non è la e la prima volta che succede, ma e' meraviglioso ogni volta.
Aldo continua a muoversi dentro di lei, la inforca senza sosta mentre ormai è inerte a pancia in giù, esce per un attimo per poi rientrare subito tutto dentro , il suo scroto sbatte contro le chiappe, lo vediamo entrare e uscire dal culo più volte, ed è a questo punto che i suoi affondi sono quasi violenti ripetuti, ravvicinati.
Le sue mani si infilano sotto a stringere le tette, la attira a sé, ma poi ci ripensa, la sbatte di nuovo giù sul materasso, la afferra e la gira.
Lara è ancora stordita dal piacere, come una marionetta a cui hanno tranciato i fili, cerca stancamente di assecondare i movimenti che la frenesia di Aldo le impone.
Rapido si fila il preservativo, il suo cazzo sta già pulsando, il suo mugolio e' come un a sorta di ringhio, poi snuda la cappella e si avvicina al viso di Lara per colpirla con due fiotti bianchi.
La ragazza è talmente stordita che non cerca neppure di ritrarsi, o forse ha intuito che non deve farlo, ha gli occhi chiusi, uno schizzo le ha preso la guancia destra finendo sul lobo dell’orecchio e in parte tra i capelli, il secondo ha centrato il mento la bocca e in naso.
Riapre le palpebre e ci cerca con lo sguardo, poi dopo un tempo che pare un eternità apre la bocca e lecca tutto quello che può raggiungere con la lingua.
Guardo Veronica che mi sta spompinando lentamente, ha una strana luce negli occhi.


Questo racconto di è stato letto 7 3 9 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.