Erotici Racconti

L'iniziazione

Scritto da , il 2017-08-12, genere pissing

Alice è una donna di 33 anni, alta, mora, non bellissima, come dice lei, ma un tipo…….terza di seno, culetto abbondante e non si piace eccessivamente. Come tutte le donne si trova mille difetti, difetti che i maschi che la circondano non rilevano assolutamente, ma le donne si sa che sono così……non si trovano abbastanza toniche, col culo troppo grosso, il seno cade un po’……tutte cazzate, ma le amiamo per quello, perché le donne sono fatte così, dolcemente complicate, come dice la canzone.
Ha il pregio migliore che ci sia…..è molto calda sessualmente, cerca stimoli forti, aspira a fare la porca……..nella fantasia, perché nella vita si contiene e per questo una punta di insoddisfazione la pervade.
E’ molto impegnata nel suo lavoro, è dottoressa in un laboratorio veterinario a Bari e tutto il giorno si dedica ai suoi piccoli e grandi pazienti……. Appena è libera si dedica agli esseri umani ed in particolare ad uno, il suo fidanzato Alessio, col quale appena può fa sesso……lei adora il sesso, vorrebbe cose trasgressive, ma Alessio è molto tradizionale, un po’ le spegne gli ardori, non ha il coraggio di confessargli del tutto le sue voglie.
Non manca il sesso in vagina, con le normali precauzioni per non rimanere incinta, col sesso orale andiamo meno bene…….lo fanno sì, ma a lei non piace eccessivamente…….lo fa un po’ così, perché a lui piace……si fa sborrare in bocca, ingoia tutto lo sperma, ma la cosa non la entusiasma più di tanto……lui è contento ovviamente, ma non sa cosa è un vero pompino……e nemmeno lei.
Col sesso anale va meglio….lei lo adora e lui generosamente la soddisfa……quanto le piace col culo dilatato avere un orgasmo e sentire gli schizzi caldi di Alessio nell’intestino.
Lei ha un sogno segreto, ma se ne vergogna e non ha il coraggio di rivelarlo ad Alessio……. Adora il pissing, è una febbre che la divora……quando è sola si masturba a pensare di pisciare in bocca al suo ragazzo, sul suo cazzo mentre lui se lo mena, pensa di stare a bocca aperta e di ricevere la sua di pipì, di farla schizzare sulla sua faccia, sul seno, sulla fica. La vorrebbe fin dentro il culo e l’idea le fa infilare le dita nella fica a tormentare il clitoride, dita che si immergono in un lago viscido e bollente……. Quante volte ha avuto un orgasmo pensandoci…..è una febbre che la divora.
Ormai è rassegnata ad una vita normale, ma piena di fantasie……vorrebbe che il fidanzato la guardasse mentre fa sesso con altri uomini, anche lei vorrebbe guardarlo farlo con altre donne e sgrillettarsi per la scena eccitante…….ma è un po’ rassegnata….le sue rimarranno solo fantasie…..
Una sera Alessio venne a dirgli che un suo amico li aveva invitati ad una festicciola in un club privato sabato sera…….lui sapeva che lei non era di turno al laboratorio veterinario e aveva risposto che se lei era d’accordo sarebbero andati…… A lei la cosa proprio non andava, comunque per farlo contento si informò sulla serata, di cosa si trattava, come mai il club era privato ecc…
Alessio spiegò che si poteva cenare, perché c’era un buffet principesco, da bere a volontà, musica in sottofondo, possibilità di fare un bagno nella piscina riscaldata, la sala cinema e poi……..non sapeva cosa ci fosse d’altro. “E non si paga niente?” chiese lei. “Che club privato è se può andare chiunque”.
“Funziona così” rispose, “si può entrare se si è presentati da un socio e si diventa automaticamente soci a nostra volta. La prima volta è gratis, dalla volta successiva si entra con una offerta…..10, 20 euro a testa…quello che ti pare. Considera che mangi e bevi……possiamo andare anche di pomeriggio per fare un bagno nella piscina coperta….Solo la prima volta c’è una specie di rito di benvenuto per i nuovi iscritti e se poi non ti piace l’ambiente o qualcosa, puoi anche non ritornare mai più. E’ aperto tutti i sabati, ma siccome fai un offerta quando vai, non c’è obbligo di andare frequentemente, non ci sono quote mensili o annuali, insomma è così…che dici proviamo? Conosciamo un po’ di gente nuova…..”
Lei acconsentì e nel pomeriggio del sabato andarono all’indirizzo del famoso club……si trattava di una villa signorile sulla strada provinciale fuori Bari…….si svoltava per una stradina sterrata e dopo 300 metri appariva il cancello della villa…..si entrava nel parco dove c’erano già molte macchine parcheggiate, alcune anche di grossa cilindrata….e il tutto sembrava molto signorile.
“Sei sicuro che questa gente paga solo 20 euro per entrare?”chiesi ad Alessio. “Ci sono molti tipi di soci….ordinari , sostenitori ecc. non so bene la differenza….comunque il minimo è i 20 euro che ti ho detto.”
Dopo che ebbero presentato l’invito dell’amico di Alessio entrarono e subito arrivò un cameriere a offrire loro della champagne. Fecero un giro nella varie stanze e videro un lusso sfrenato….quadri di pregio alle pareti, stucchi dorati, soffitti alti e antichi, tappeti, candelabri….il luogo li intimidiva un po’…..arrivarono fuori da una stanza con scritto sulla porta Sala giochi e Sala cinema. Provarono a girare la maniglia, ma un altro cameriere che passava di lì disse loro che quella porta sarebbe stata aperta dopo le 21.
Allora si diressero verso la piscina coperta, si cambiarono nello spogliatoio e poi si sdraiarono mollemente sui lettini a bordo piscina….ogni tanto una nuotata, mentre camerieri continuavano a portare da bere…Gli altoparlanti diffondevano musica soft e stesi sui lettini e un po’ brilli per il troppo bere senza mangiare quasi si assopirono…….Passò un altro cameriere ad avvertire che dalle 19 il buffet era aperto. Ma come mai così presto? Eravamo al sud e non si cenava a quell’ora….
Facemmo una doccia, ci rivestimmo, lasciamo tutto nell’armadietto dello spogliatoio e ci avviammo al buffet…….
Era già pieno di gente…….ci saranno state una trentina di persone, forse di più.…c’era qualche viso conosciuto tra le famiglie più ricche della città, gente di tutte le età, signore vestite eleganti e giovani in modo più informale….. Alessio riconobbe qualche calciatore della squadra cittadina e almeno un paio di politici locali. L’amico che li aveva invitati li presentò ai padroni di casa, una coppia sulla sessantina molto affabile, e man mano che la serata procedeva, conobbero altre persone gentilissime. Il buffet era grandioso, le bevande altrettanto, la musica piacevole e le coppie già ballavano allacciate. Alice ancora non si capacitava di come fossero finiti tra quelle persone, non era proprio il loro ambiente…… ma era stata messa a suo agio e si sentiva bene…… d’altronde lei aveva a che fare solo con animali nel corso della giornata ed era forse un po’ brusca con gli essere umani……. Non ci pensò più e si abbandonò alle danze con Alessio…. Molti la invitarono nel corso della serata……l’età media di maschi e femmine era tra i 40 e i 50……loro erano più giovani, ma non per questo si isolarono nel reparto dei loro coetanei come qualcuno aveva già fatto.
Ad un certo punto alle 21 la musica si spense, si accesero le luci e il padrone di casa prese la parola.
“Amici, questa sera abbiamo il piacere di avere due nuovi iscritti al nostro club……li avete conosciuti già nel corso della serata…sono Alessio e Alice….un bell’applauso” e tutti applaudirono…Alice sorrideva, non era proprio abituata a essere al centro dell’attenzione e prese la mano di Alessio per farsi coraggio.
“Adesso verranno sottoposti al rito dell’iniziazione per l’ingresso al nostro club, dopo di che saranno soci effettivi e speriamo che ci vengano a trovare spesso……..e adesso buio…” Le luci si spensero, loro due non sapevano che fare…..sentirono un tramestìo che non capivano, poi ad un certo punto le luci si riaccesero …..davanti avevano un cameriere che disse “I vostri abiti, prego”. Non capirono, poi videro altri camerieri carichi di abiti che portavano via, si girarono e videro che la sala era piena di gente nuda, si erano spogliati tutti……gli uomini erano già eccitati e le donne si vedeva che fremevano già e alcune addirittura si toccavano….. si spogliarono anche loro…
Alessio era quasi spaventato e Alice faceva finta di esserlo…le tremavano le gambe dall’eccitazione….i suoi sogni di essere porca forse si realizzavano? Ma con Alessio doveva fara la brava fidanzatina…. “Che succede Ale?, ho paura….”. “Non lo so…mi dispiace tanto…non immaginavo…”
“Per primo tocca ad Alessio, poi la star della serata sarà Alice”. Dopo queste parole arrivarono due meravigliose ragazze nude, sembravano uscite direttamente dal paginone centrale di playboy, tette esagerate, completamente depilate, culetti a mandolino molto sporgenti. Li presero per mano e li condussero nella adiacente sala cinema dove c’era un grande ampio divano su di un lato, illuminato da un riflettore, e di fronte una poltrona con i braccioli con accanto un tavolino. Sembrava un set cinematografico messo lì per l’occasione…… Tutti gli ospiti erano entrati nella sala e restavano dietro di loro in ombra….. sembravano fantasmi tutti lì nudi e in attesa di non so che……..
Alice fu fatta accomodare sulla poltrona mentre Alessio con le due ragazze si avvicinarono al divano….. gli altoparlanti diffondevano in sordina musiche di Vivaldi, il che dava un tocco magico di signorilità all’avvenimento……. Le due ragazze erano una castana e una rossa e la rossa si sedette aprendo le gambe, sporgendo il bacino e appoggiandosi allo schienale con il capo….l’altra fece capire ad Alessio che doveva inginocchiarsi per terra e quando lui fu in ginocchio gli spinse la testa tra le gambe dell’altra dicendo “lecca cagnolino…..”. Lui ubbidiente cominciò a leccare, leccare….si vedeva la sua lingua saettare dentro quella fica che si dilatava sempre di più, mentre il clitoride della donna cominciava a gonfiarsi. La castana salì a sua volta sul divano e si sedette in cima allo schienale, con il corpo appoggiato il muro e le gambe allargate, in modo di avere il corpo dell’altra in mezzo. Alessio salì sul divano e cominciò a leccare la fica dell’altra…….era preoccupato per cosa poteva pensare Alice, ma i sapori di quelle due fiche così simili eppure così diversi, lo esaltavano. Mentre lui si occupava della castana, la rossa aveva il suo cazzo eretto davanti agli occhi……prese a dargli piccoli colpi di lingua, a menarlo un po’ con la mano, a farlo scivolare lentamente nella bocca per poi estrarlo, poi di nuovo in bocca scappellandolo piano piano, facendo scivolare la cute del pene con le labbra, fino a trovarsi il glande tutto in bocca…..per poi rilasciarlo e ricominciare di nuovo, facendolo entrare ogni volta di più nella gola…..
Alessio fece scivolare giù la donna che stava sullo schienale e la fece sdraiare sul divano col capo sul bracciolo, l’altra si accomodò supina a sua volta tra le gambe della prima e lui si mise sopra loro due a gambe tese e appoggiato solo sulle mani…..continuò a leccare furiosamente la prima, aveva già le labbra e la bocca impastate dal suo succo e intanto si mise a chiavare in bocca la seconda…era nella posizione giusta, muoveva le anche in su e in giù e ad ogni colpo di reni infilava in bocca il cazzo gocciolante di saliva che faceva traboccare copiosa dalle labbra della donna……
Alice guardava e si infoiava…….mise le gambe sui braccioli della poltrona, una per parte, e oscenamente dilatata in quella posizione si cominciò a masturbare….le sue dita scomparivano tra i peli di quella che lei chiamava la sua micetta (deformazione professionale….) e mentre le infilava sentiva il cic ciac del lago che aveva dentro……..un po’ dei suoi umori stavano colando anche fuori sul sedile della poltrona, ma lei non se ne accorse. Quando era eccitata amava diventare volgare, amava dire oscenità, la eccitava tantissimo, per cui cominciò a spronare Alessio. Quante volte aveva fantasticato di guardarlo fottere con altre donne….ora era arrivato quel momento. “Dai Ale, porco cornuto……sfondale quella bocca di merda……siiiii, rompile quella fica da troia e spaccale il culo…” non si conteneva più e Alessio sembrava ringalluzzito da quel sostegno….. fece inginocchiare la castana davanti a sé, in modo che tenesse tra le gambe la rossa, e senza tanti complimenti appoggiò il cazzo alla sua fica, diede una spinta e non si fermò fino a che non fu tutto dentro……l’altra cominciò a leccargli le palle e a succhiargliele mentre lui scopava e ogni tanto si fermava, lo tirava tutto fuori e lo infilava in bocca a quell’altra di sotto. “Si dai” diceva Alice “falle assaggiare il sapore della fica…..pisciale in bocca….” e continuava a masturbarsi sempre più violentemente. Ad un tratto vide che sul tavolino a fianco c’era qualcosa…….perbacco un fallo finto riprodotto benissimo, non rigido, sembrava vero…..con la bava alla bocca lo leccò e se lo piantò tra le labbra della fica, facendolo penetrare fino in fondo da tanto che era bagnata. Cominciò a farlo andar su e giù mentre non staccava gli occhi dal fidanzato.
Alessio aveva cambiato a posizione…….ora era la rossa seduta sul bracciolo mentre l’altra inginocchiata la baciava con la lingua in bocca e si chinava a leccarla…..Alessio era dietro a questa e le tormentava il buchetto del sedere. Appoggiò all’ano la sua cappella gonfia e quella entrò abbastanza facilmente, evidentemente la aveva lubrificata prima abbondantemente con la sua saliva. Alice continuava la sua frenetica masturbazione toccandosi il clitoride e continuando ad infilarsi il finto cazzo….”Dai inculala…” urlava…
Ad un tratto dai presenti si staccò un uomo di mezza età, abbastanza prestante e ovviamente col cazzo duro…….si avvicinò al divano e si abbassò vicino al culo di Alessio, incominciando a leccargli l’ano e contemporaneamente masturbandosi…quando l’ebbe insalivato a dovere si inginocchiò dietro di lui, gli allargò le natiche e lo penetrò di colpo…. Alessio si irrigidì, credeva di avere dietro un’altra donna, ma non era così. Ma non si sfilò, non fece nulla, stava per venire e non reagì…
Anche Alice a quella vista aumentò il ritmo della sua masturbazione….”porco….sei anche frocio”… la visione era arrapante…..una donna semisdraiata, l’altra che le leccava la fica mentre veniva inculata e Alessio inculato a sua volta……si vedevano tre bacini di profilo che si muovevano all’unisono e due cazzi che sparivano in due buchi del culo……. Alessio fu il primo a venire…..chiudendo gli occhi e godendo scaraventò innumerevoli schizzi di sborra nel culo della donna, ma dopo pochissimo toccò a lui riceverne altrettanti dall’uomo che lo stava penetrando………
I cazzi gocciolanti uscirono dai culi…….lo sconosciuto si chinò davanti ad Alessio e glielo prese in bocca, per succhiargli via le ultime gocce che stavano cadendo, poi subito si voltò verso la donna inginocchiata e prese a leccarle il culo ingoiando la sborra che Alessio generosamente vi aveva depositato e che cominciava a colare giù . Alessio era in piedi e vide l’altra donna alzarsi, stendersi ai suoi piedi e leccare il suo di culo, allora allargò le gambe e lasciò che le cadesse in bocca tutta la sborra che l’altro vi aveva scaricato. Con la bocca piena, la donna si alzò e andò a baciare l’altra, mescolando lingue, saliva e sborra…..
Alice stava per venire con gli occhi fuori dalle orbite dall’eccitazione. Levò il toys e continuò con le dita…..si lamentava…..mugulava….” sto per venire….sono una porca….siiii”….. l’uomo si alzò e si mise davanti a lei cominciando a menarsi il cazzo, era bisex allora…… All’improvviso uno schizzo violento…….Alice aveva l’orgasmo e stava squirtanto…..il liquido spruzzava da tutte le parti e l’uomo veniva investito in pieno…..aveva aperto la bocca per riceverne un po’ e intanto non finiva di farsi quella sega che aveva cominciato……sborrò anche lui vicino alla poltrona di Alice, ma lei nemmeno se ne accorse…….
Gli spettatori si erano scaldati talmente che c’erano maschi intenti a farsi seghe, donne che si masturbavano o venivano masturbate da chi stava vicino, c’era chi era chinata a fare pompini, due maschi in un angolo che facevano sesso, uno lo aveva messo nel culo all’altro e da dietro gli menava l’uccello, altre appoggiate al muro si infilavano toys di ogni tipo, ma il padrone di casa interruppe tutti.
“Ringraziamo le nostre assistenti per la collaborazione e anche Carlo che quando vede un culo maschile non può resistere” (risata generale). ”Tocca ora alla nostra cara Alice, la regina della festa….entri il suo trono….”……. Il divano sparì ed entrò un enorme letto tondo…….ci si stava almeno in 6……. Su tutte le pareti scesero dei maxischermi sui quali cominciarono ad essere trasmessi video porno, come se gli animi non fossero già eccitati abbastanza……
Alice fu fatta invitare a sdraiarsi su quel letto, che riceveva una luce dall’alto…..era al centro della sala e illuminata……le uniche altre luci venivano dagli schermi pieni di gente che scopava, pieni di cazzi, fiche, sborrate, inculate…….Alice era eccitatissima, le batteva forte il cuore….. aveva una vaga idea di cosa stava per succederle e se avesse potuto toccarsi, si sarebbe sentita nuovamente gocciolare.
L’assalto cominciò, uomini e donne si avvicinarono al letto…decine di mani cominciarono a toccarla, le stringevano le tette, le natiche, il ventre, dita le scavavano nella fica, qualcuna cercava dì insinuarsi nel suo culo, lei vedeva quel riflettore sul soffitto che veniva oscurato da mani, da cazzi, da mani maschili e femminili che agitavano quei cazzi, qualcuno le si era inginocchiato accanto e glielo metteva in bocca, se girava il capo dall’altra parte ce ne era già un altro pronto……due donne erano salite sul letto e la leccavano alternativamente, poi si scambiavano i suoi umori baciandosi….riconobbe la padrona di casa quasi sessantenne che si inginocchiò ai lati della sua testa, la prese per i capelli, e la spinse contro la sua fica perfettamente depilata……sentiva l’odore palpabile del sesso tutto intorno, l’odore pungente di sessi non lavati e il profumo di quelli puliti, ma non le importava. Tenuta per la testa leccò quella fica incredibilmente bagnata…..la vecchia porca era eccitata anche lei….. Quando quella ne ebbe abbastanza, sempre tenendola stretta cominciò ad allargarsi la fica con le dita e a masturbarsi, tenendo il viso di Alice a pochi centimetri dal sesso…..ma Alice non riusciva a concentrarsi……una lingua abilissima le leccava la fica grondante, non sapeva se era un uomo o una donna, non vedeva nulla, intravedeva gli schermi dove continuavano a scorrere immagini di orge e da cui provenivano suoni di godimento…… La donna su di lei avanzò ancora un po’ più avanti fino a che quasi non si sedette sulla sua bocca…..allargò una gamba e abbassandosi il suo buco del culo venne a contatto della bocca di Alice……. Lei non aveva mai leccato un culo, ma infoiata come era cominciò a farlo……..intravedeva che la signora aveva un cazzo in bocca mentre con le dita si masturbava e si faceva leccare il culo da lei……la sentì tremare e capì che era venuta. La donna si sollevò un po’ e tornò e metterle la fica appoggiata alla bocca..….la carezzò riconoscente della goduta e le strinse il naso. Alice per respirare aprì la bocca e tirò fuori la lingua per leccarla ancora, quando uno scroscio di piscio le si riversò nella gola……..la signora stava scaricandosi sul suo viso, le lasciò il naso e continuò a pisciare.
Alice non si scompose….era la sua passione, il suo sogno che si realizzava, amava essere pisciata addosso, bere quella bevanda calda alla fonte…..Alessio non glielo faceva fare…….ma dove era Alessio? Lo intravide con le mani nei capelli, disperato per averla trascinata lì…… Mentre lo guardava con uno sguardo compassionevole (per dire guarda che mi fanno), si beava di tutto quel piscio caldo che sgorgava così copioso da quella fica, saporito, aspro, salato…….ogni sorsata che ingoiava sembrava procurarle un orgasmo….era finito, peccato….la signora si ritirava e subito si affacciavano due tre, dieci cazzi che si agitavano sul suo viso……..uno le era appena penetrato nella fica e cominciava a sbatterla con colpi violenti. Sentì degli schizzi…..uno le stava sborrando in viso……per uno che veniva e se ne andava, altri 5 prendevano il suo posto……..lei apriva la bocca…voleva prendere quei cazzi….non sapeva a chi appartenevano, se giovani, vecchi, maturi…..sentiva il loro odore, l’odore della sborra, tanti puzzavano di piscio, profumo che la inebriava…….allungò le mani, ne prese due, cominciò a menarli lei….intanto altri si infilavano nella sua bocca…era supina e non poteva quasi muoversi con tutti quei corpi che la sovrastavano…. Lei succhiava chi si era infilato nella bocca intanto che menava gli altri, ma i cazzi erano dappertutto, davanti ai suoi occhi, dalle sue orecchie, nel collo , sul seno….e tutti avevano una mano che li mandava avanti e indietro…… Un altro la stava schizzando, aveva già la bocca piena e non poteva ingoiare nulla…….gli schizzi andavano sull’altro cazzo che lei aveva piantato bene in gola e la sborra gli colava lungo le pareti per fermarsi agli angoli delle labbra…..riuscì a girarsi su un fianco per cercare di respirare meglio e in quel preciso momento venne schizzata fin giù nella gola…….filamenti bianchi densi e caldi che le si appiccicavano al palato. Una volta ingoiato tutto lentamente estrasse quel cazzo, succhiò le ultime gocce che cadevano e passò ad un altro.
Lo afferrò, lo menò e aprì la bocca pensando di ricevere un altro fiotto di sperma e invece quello cominciò timidamente a pisciare…..lo prese in bocca subito, adorava lo schizzo caldo liquido sul palato, poi di fianco poteva ingoiare liberamente….d’altronde anche volendo, dove avrebbe potuto sputare……
Il letto era pieno, le altre donne la leccavano, ma approfittavano anche per gustare cazzi e anche molti maschietti si prendevano la loro parte di piselli….ce n’era a volontà.
Ad un certo punto qualcuno la voltò………e la mise in ginocchio sul letto……..un giovane le scivolò sotto, si mise supino e le strofinò il cazzo contro le labbra della fica…….si aprirono subito, bagnata come era, e il cazzo le scivolò subito dentro……era piegata in avanti ed il giovane cominciò a scoparla con forza, quando sentì qualcosa premerle sull’ano…era un altro ucello che voleva entrare…..lo toccò, era viscido, era stato lubrificato, si piegò in avanti per facilitare l’introduzione si allargò le natiche con le mani……il cazzo entrò facilmente, ma essendosi piegata in avanti un altro era penetrato nelle sua bocca. Non aveva più buchi liberi….i tre cazzi continuavano a stantuffarla….vennero uno dietro l’altro, nella fica, in bocca, nel culo….appena venuti si ritiravano per fare posto ad altri.
Un’altra donna riuscì a farsi strada sotto di lei come i cazzi la liberarono, e prese a leccarle l’ano e la fica, la sborra le gocciolava fuori ed essendo in ginocchio quella che usciva dall’ano le scivolava lungo le pareti della fica che la donna continuava a lappare come un cagnolino…….Alice sempre inginocchiata si mise eretta col busto…..per la prima volta aveva un colpo d’occhio della stanza…….attorno al letto brulicava di gente…..quelli fuori dal letto scopavano per terra, in ginocchio, c’erano donne inginocchiate per terra che facevano pompini a maschi bisex che intanto venivano inculati, lesbiche che si leccavano a vicenda, coppie etero , le più, che scopavano, si inculavano o facevano sesso orale……le più anziane erano le più porche…erano anche loro circondate da più cazzi contemporaneamente che con abilità facevano eiaculare. Sul letto c’erano anche 4 gay che facevano sesso…….erano due coppie una di fronte all’altra e si inculavano…. I due che lo prendevano nel culo se lo stavano menando, quando si accorsero di essere nella posizione giusta del 69…….si avvicinarono e presero in bocca uno il cazzo dell’altro. Alice li guardò ammirata, era molto eccitante, due maschi che sdraiati sul fianco facevano un 69 e altri due dietro che i inculavano.
Intanto la donna continuava a leccarla in mezzo alle natiche….era sdraiata supina sotto di lei, ma Alice era un po’ stufa di farsi leccare, allargò le gambe, tirò le labbra della fica, le appoggiò alla bocca della donna e cominciò a pisciare…..l’altra venne colta all’improvviso e cominciò ad annaspare….cercò di recuperare e di inghiottire qualcosa, ma buona parte le aveva lavato la faccia….
Ma fu fatta sdraiare con forza e ancora una volta inculata, chiavata in vagina……era come una bambola nelle mani di quella gente…….e ancora appena sborravano dentro di lei e uscivano, altri subito entravano……non sì ricordava quanti ne aveva presi….10, 20? Chissà…..e ancora, ancora una dietro l’altro, l’ano le bruciava, era in fiamme, non ci stava più sborra e altrettanto nella fica….le colava fuori dovunque, anche dalla bocca…..non sapeva quanta ne aveva ingoiata……mentre ci pensava un altro glande si appoggiava al culo……lubrificato dallo sperma che conteneva penetrò tutto subito all’interno fino in fondo…non sentiva più niente, non capiva nemmeno più se sborrava…..quando sentì un caldo piacevole nelle viscere…….le stava pisciando dentro….che sensazione piacevole e rinfrescante……non seppe mai chi fosse il suo benefattore, perché appena finito ritornò nel buio della stanza……Non le interessavano nemmeno più le visioni porno diffuse dai maxi schermi…….aveva la nausea.
Si alzò da quel letto e le girò un po’ la testa……era stata sdraiata a lungo facendo troppi movimenti, ma si riprese subito……..una donna che indossava uno strap on le fece un gesto eloquente, ma lei non ne aveva voglia…..ora doveva darsi una rinfrescata…..puzzava come un cesso dopo quasi essere stata al centro delle attenzioni per circa un’ora.
Si diresse un po’ barcollante verso il bagno…..aveva visto che c’era la porta di accesso seminascosta dietro un paravento e vi si diresse……su un bancone erano posizionati bicchieri e bottiglie di spumante tenuti in fresco nelle glassette…..aveva sete (quello che aveva bevuto non era certo dissetante) e si fece 3 o 4 bicchieri di bollicine…..seduto sul bancone c’era il padrone di casa a gambe larghe, mentre una graziosa fanciulla lo stava spompinando….da nudo era tutta un’altra persona, meno affascinante con la sua pancia prominente, e anche lui stava bevendo…..chissà quella vacca della moglie che altre fiche stava leccando.
Gli passò davanti per andare in bagno e lui la fermò tenendole un braccio “Cara, c’è ancora una piccola prova da sostenere…….vai in bagno e resta lì.” Lei non rispose, dopo il lettone cosa mai poteva esserci? Mentre si avviava verso la porta, lui sborrò in bocca alla ragazza, le scrollò sul viso le ultime gocce e poi la raggiunse….”Senti, devi restare lì per un’oretta e chiunque entri devi accettare che ti possa pisciare addosso o dove vuole…….devi fare il cesso umano…..poi a pieno titolo sarete ammessi al club…, ti faccio vedere….”. La fece accostare al water, sollevò la tazza, la prese per i capelli e la fece chinare giù, quasi con la testa dentro il cesso…..la tenne ferma e cominciò a liberare la vescica mentre il piscio caldo le si riversava tutto in faccia, la colpiva sulla guancia,le schizzava sul naso e negli occhi…… Lei ebbe un sussulto che lui magari interpretò come rifiuto, ma lei stava godendo, si era sentita bagnare la fica e le dita erano andate subito là. Si girò per ricevere il getto direttamente nella bocca….la colpiva sulla lingua e andava in gola e quel la getto la eccitava…era come se fosse scopata da quella pioggia bollente…..beveva e ingoiava estasiata……ma finì troppo presto per lei e si attaccò con la bocca a quel cazzo per succhiarne le ultime gocce…….”Brava…..ottimo….” disse lui, e le diede un bacio sulla guancia……”un’ora, non è necessario di più…quando è finita un segnale ti avvertirà..”
Quanto si era eccitata…….i suoi sogni, le sue fantasie più porche si avveravano…..quante volte aveva sognato di bere piscio sgorgante da un cazzo…….tremava al solo pensiero….senza accorgersene si stava toccando……rimase sola, ma dopo poco entrò un altro uomo…….non parlò, la guardò, ovviamente era nudo come tutti, e cominciò a pisciarle addosso….lei si sdraiò per terra, si stringeva le tette con le mani, si toccava la fica e la tormentava, e il getto bollente la seguiva, dall’alto le batteva sul clitoride e quasi le procurava un orgasmo…….vide che il getto diminuiva di intensità e allora si inginocchiò offrendo la bocca che si riempì rapidamente….lei la chiuse un momento, guardò l’uomo in viso……e ingoiò tutto. L’urina di quell’uomo aveva un odore acre e pungente…..aveva certo mangiato la torta di asparagi del buffet. Gli asparagi erano la cosa più micidiale per l’orina, a cui l’asparagina contenuta dava quell’odore così pungente…lei era medico anche se veterinario e lo sapeva bene…
Entrò una donna sulla quarantina stringendosi le gambe…….”come mi scappa….me la faccio addosso…dov’è il cesso?”. “Sono qui” rispose prontamente Alice e si mise sotto di lei. Le arrivò in viso veramente uno scroscio incredibile…….le bagnò la testa, i capelli, le pisciò sulle gambe, Alice riuscì a rialzarsi e ad incollarsi con la bocca alla sua fica….meno male che era depilata…..riuscì a bere due sorsate piene…questa era più buona…….si vede che la donna aveva bevuto parecchi bicchieri di succo di ananas, che come è noto addolcisce la pipì……e continuò a leccarla con passione anche dopo che ebbe finito…….ma la gente fuori bussava….erano tutti in coda per andare al cesso…..avanti il prossimo……...
Perse la cognizione del tempo…….uno dietro l’altro venivano a pisciarle addosso……il cesso umano era proprio un termine azzeccato…….giovani, vecchi, donne e uomini…….ad un certo punto arrivò anche Alessio, il fidanzatino…….tutto contrito….. “non sai quanto mi dispiace per questa serata……non potevo immaginare”. Lei stette al gioco e fece la parte dell’incazzata “guarda cosa mi hai fatto subire….ora non mi vorrai mica pisciare addosso anche tu? Io ho fatto tutto questo per te…..” Come si divertiva a farlo sentire una merda……. “sei tanto dispiaciuto che ti sei fatto due donne mentre ti facevi inculare….” E così girava il coltello nella piaga….
Alessio provò a reagire “ma tu ti sei fatta un ditalino a guardarmi…..” “dovevo farlo…faceva parte dello show….” . “Ma tu potevi rifiutarti…..” si cominciava ad alterare…… “e se mi fosse piaciuto?” disse lei in atteggiamento di sfida. “Allora sei una troia….fatti il primo che entra se credi, fammi vedere….”
Non aspettarono molto…….Alice pregava che fosse un bel ragazzo e lui entrò…..era stata troppo fortunata….un giovane sulla trentina biondo, muscoloso, completamente depilato e con un notevole pisello….già da moscio gli sfiorava la coscia, era largo e tozzo…….lei gli si avvicinò strisciando sul pavimento, gli accarezzò la gamba, salì su con la mano lungo la coscia, arrivò sfiorare le pareti di quella verga un paio di volte, soppesò la sacca dei testicoli e poi con tutta la mano lo afferrò e lo strinse…….l’uccello subito si mosse e pian piano stretto in quella mano prese vigore. “Sbattimelo dove e come vuoi” gli disse ancora e guardò un’altra volta verso Alessio, il quale si era già pentito di averla sfidata, ma non sapeva come fare a farla tornare indietro…….
Alice passò la lingua sulle labbra ripetutamente dall’eccitazione, si avvicinò ancora e prese a leccare quel cazzo con passione….il prepuzio, l’asta, le palle, andava su e giù come una forsennata, inghiottiva il glande e poi tornava a leccare, inseriva la punta della lingua nella fessurina del prepuzio e poi si chinava sotto di lui senza mai staccarsi, passando a leccare le palle e il buco del culo……tornava sull’asta e quando fu raggiunta la piena erezione si apprestò a metterlo tutto in bocca, mise una mano sullo scroto e strinse leggermente, lo colse di sorpresa quando gli infilò tutto il dito medio nel culo, ma contemporaneamente lo spinse versi di sé ingoiando centimetro dopo centimetro quell’uccello di fuoco. Alessio la guardava quasi stordito…..prima faceva parte del gioco, ma ora.….perchè lo faceva?, non era necessario……..
Intanto l’uomo l’aveva sollevata da terra e l’aveva posata sul lavandino del bagno, con le gambe spalancate e aveva cominciato a dedicarsi alla sua fica……anche quella le doleva, ne aveva presi troppi tutti insieme, ma aveva ancora voglia, sempre di più, e la schiuma bianca della sua eccitazione le colava ancora tra le gambe……quel cazzo le andava dentro e fuori dalla fica instancabile, senza cedimenti la stantuffava con vigore, sembrava una macchina perfetta……si teneva al lavandino su cui era semisdraiata e ad ogni colpo sussultava….. “Siiii, sfondami la topa……sono una vacca……entra anche con le palle….daiiii….ancora”. Alessio la sentiva…….sapeva che diventava volgare in queste situazioni…. le piaceva il turpiloquio quando faceva sesso……ma si stava eccitando a vedere la sua donna nei panni di una puttana, come se non avesse visto già abbastanza prima…….Il suo cazzo si indurì, quasi inavvertitamente cominciò a segarsi vedendo quella chiavata selvaggia e si avvicinò…..Toccò il seno di Alice…. i suoi capezzoli sembravano chiodi di acciaio…..si chinò a succhiarli sempre senza smettere di segarsi….. “Cornuto segaiolo, si vieni anche tu……sono anche la tua troia…”
Quel grosso cazzo rallentò il ritmo…..evidentemente non voleva ancora sborrare…..uscì dalla fica di Alice tutto ricoperto dei suoi umori che colavano lungo l’asta e Alessio fu come preso da un mancamento…… si dedicava ancora ai capezzoli, ma aveva vicino quell’uccello gocciolante e fiero che si strofinava sulla fica….non sapeva cosa faceva…..si sentì attratto da una forza superiore e lo prese in bocca e lo succhiò….. sentiva il sapore di Alice e il sapore di cazzo…non aveva mai provato, ma gli piaaceva…che stava succedendo? “Dai cornuto frocio….succhia il cazzo…dopo che l’hai preso nel culo sei diventato una troietta….” Alice era scatenata……aveva preso a masturbarsi eccitata da quello che vedeva…..
L’uomo la sollevò ancora e la mise a terra, fece segno ad Alessio di sdraiarsi supino sotto di lei e la aiutò ad impalarsi sopra di lui, che infilò il suo cazzo nella fica stupito di trovarla meno stretta del solito…. La serata aveva fatto effetto…..era così dilatata che ne sarebbero entrati anche due….il pensiero lo eccitò ulteriormente, Alice già lo cavalcava……..in piedi dietro di lei lo sconosciuto si chinò sulle gambe e andò diritto al culo, appoggiando il glande all’ano…non occorreva lubrificazione, nulla….era sempre piena di sborra all’interno e il grosso cazzo scivolò all’interno con facilità. Alessio si muoveva in quella fica che trovava straordinariamente morbida…..lungo le pareti aveva ancora la sborra che non era colata fuori e lui scivolava all’interno come un pattinatore sul ghiaccio, sentendo i colpi che l’altro dava nel’ano.
“Spaccatemi il culo, sfondatemi la fica………” Alice era fuori controllo……voleva venire e venne per prima….la vagina cominciò a contrarsi insieme ai muscoli dello sfintere anale….era un orgasmo infinito, tremava e sussultava….Alessio si sentì stringere…..sembrava che quella fica volesse morderlo…..lo segasse….venne copiosamente con uno schizzo violento che colpì le pareti dell’utero e contemporaneamente gli parve di sentire gli schizzi dell’altro nel culo……anche lui era stato stretto dai muscoli e quella sensazione lo aveva fatto finire……. Rimasero tutti e tre stanchi, col fiato grosso mentre si riprendevano……Alessio era appagato…..non gli dava spesso la fica Alice, preferiva dargli il culo per evitare conseguenze….
L’uomo si sfilò dal culo di Alice che rimase chinata in avanti con il cazzo di Alessio ancora dentro mentre si ammosciava e l’ano che le pulsava ancora…..era oscenamente dilatato e cominciava a riempirsi vedersi lo sperma che voleva uscire. Vide un grosso cazzo davanti agli occhi…… era quello dello sconosciuto che stava ancora gocciolando…….lo sollevò con la mano e lo leccò per ripulirlo, ma l’uomo lo sollevò un poco e cominciò a pisciare……. Quella doccia calda inaspettata la sommerse di beatitudine……..fu colpita in faccia e la pioggia si riversò anche tutta sul viso di Alessio che le stava sotto…….ma lui non reagì……… lei aprì subito la bocca e quando fu piena deglutì…..sono negli attimi in cui ingoiava veniva colpita sul viso, ma subito dopo riapriva la bocca insaziabile per berne dell’altra…….sentiva che la fica le tirava ancora….si sarebbe masturbata di nuovo……ma basta ne aveva abbastanza. L’uomo finì, si sgrollò nella sua bocca aperta e se andò…. Fece un ciao con la mano prima di uscire e li lasciò ancora lì per terra, una sull’altro…… Si accese una luce verde sul soffitto del bagno….voleva dire che l’ora era finita…..finalmente.
Alice decise di fare l’ultimo regalino ad Alessio…..spostandosi sulle ginocchia gli mise la fica davanti alla bocca e questa volta fu lei a lasciarsi andare in una pisciata violenta…..colto alla sprovvista Alessio sposto il capo, ma lei gli prese il viso e con pollice e indice gli strinse le gote costringendolo ad aprire la bocca e a bere. Poi gli spingeva la mascella per fargli chiudere la bocca e ingoiare…….si alzò in piedi e ridendo continuò a pisciargli sul cazzo era ammosciato del tutto, anche lui si alzò ridendo e la prese un braccio…….lei fece finta di scappare, ma lui la costrinse ad inginocchiarsi ai suoi piedi…….cominciò a pisciarle in viso a sua volta e lei aprì la bocca beata….. finalmente…..non doveva farlo più di nascosto…..il suo fidanzato aveva capito che lei desiderava ardentemente i giochi d’acqua ed ora potevano farli insieme. Non si sarebbe più vergognata ad avere questi desideri intimi……….bevve appagata tutto il piscio cha Alessio poteva donargli, lo leccò fino all’ultima goccia……..di piscio ce ne era sempre, bastava bere a volontà….non era come lo sperma che doveva riformarsi.
Si baciarono, lerci e puzzolenti come erano…. E poi fecero una bella doccia purificatrice, questa volta con l’acqua però……
Dopo che si furono riordinati e vestiti, tornarono di là…..ormai si erano ricomposti tutti, le signore di nuovo eleganti, profumate e ingioiellate……il puttanaio e lo sborratoio di poco prima erano solo un ricordo. Alice fu accolta da un applauso collettivo…..”La nostra nuovo socia….Alice” disse il padrone di casa, facendo vedere che le consegnava la tessera gold, che dava diritto a 10 ingressi gratuiti……d’altronde se li era ampiamente guadagnati.
Alice era raggiante……aveva raggiunto un doppio scopo…….finalmente Alessio aveva capito cosa le piaceva, cosa sognava di fare da sempre, e aveva trovato un luogo dove potevano sfogare i loro istinti più bassi…….la prossima volta non sarebbero stati protagonisti, ma si sarebbero confusi tra gli altri scegliendosi i partners che preferivano e facendo quello che più desideravano…….Era stata proprio una serata che apriva mille prospettive…….Si strinsero la mano pensando a tutte le godute future, pubbliche e private…….. Alice non poteva smettere di sorridere……….

Questo racconto di è stato letto 5 0 5 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.