Erotici Racconti

Mia suocera 2

Scritto da , il 2017-08-12, genere dominazione

Tornarono dopo circa trenta minuti, e subito Marcella riprese il controllo della situazione dicendo alle nuotatrici. Ragazze pronte per lo stile libero. Subito le prime cinque si alzarono ei si posizionarono sulla pedana del blocco e dopo il trillo del fischietto erano tutte a metà vasca. Mentre, L'allenatrice era intenta a controllare quali delle 5 erano le meglio, Alessandra, mi si avvicinò e mi prese le braccia da dietro dicendomi: Antonella, tu da domani mattina vai da Marcella, e tornerai il pomeriggio. tutti i giorni sabato compreso, tranne se ci sarà il mio ragazzo e il tuo Alex. Chiaro ragazza? Come vuoi Antonella risposi. Bene, rispose lei e subito dopo mi baciò sulla nuca, e mi accarezzò il ventre bisbigliandomi all'orecchio, questa sera dopo cena, a nanna presto, anzi, dormiremo insieme. Quando giunse il momento dei saluti, l'ultima ospite ad essere accompagnata al cancello con la sua accompagnatrice fu Marcella che mi disse: ti aspetto domani mani mattina da me, e mi salutò dandomi un bacio e mi fece una carezza sul viso, poi prese per mano la ragazza che le stava accanto e salirono in macchina e partirono.
Tornando indietro, pensavo a cosa avrei dovuto fare da il giorno seguente da Marcella, una volta in casa io e Alessandra facemmo la doccia insieme, oramai sta diventando una abitudine lavarsi noi due insieme. Per cena mangiamo insalata mista, senza formaggi ne tanto meno affettati, poi frutta e da bere acqua.
Dopo avere cenato ci rechiamo in soggiorno e vediamo un pò di TV, poi quando Alessandra decide che è ora rivolta a me dice: Antonella, su preparati, è ora di andare a nanna, mi reco in camera e mi spoglio, lei dalla porta mi vede e dice, non dirmi che dormi con il pigiama, non mi da nemmeno il tempo di rispondere che mi prende per mano e mi porta in camera sua. Si spoglia completamente anche lei ed insieme ci corichiamo sul letto matrimoniale a tre piazze. mi prende tra le braccia ed inizia con il farmi un pò di coccole, mi accarezza e mi bacia il viso, e dopo poco mi addormento tra le sue braccia come fossi una bambina appoggiando il viso sul suo seno sinistro. Ci svegliamo il giorno successivo che sono le 9,00 del mattino e Alessandra vede sul suo cellulare che, vi è un SMS della sua carissima amica Marcella , che le comunica che deve assentarsi per un lungo periodo per il lavoro, e se può occuparsi della sua accompagnatrice di ieri. Iride, Alessandra le risponde immediatamente dicendole di non preoccuparsi, e dopo venti minuti Iride, suona al cancello della nostra tenuta.
Io come al solito, sono al cancello per accogliere la nostra ospite, e come al solito son in bikini, mentre lei sembra una collegiale da come è vestita.
Dopo un paio di minuti, siamo nello studio di Alessandra che rivolta alla nostra ospite le dice: cara, benvenuta alla tenuta azzurra, qui potrai allenarti per le gare di nuoto, e riposarti nei momenti di relax. Poi rivolta a me, dice: Antonella, accompagna la nostra ospite, e mostrale la sua stanza.
Eseguo prontamente quanto dettomi da Alessandra, e dopo cinque minuti, Sarah è nel suo appartamento. Dopo averle mostrato il suo appartamento dotato anche di sala da bagno, le chiedo se le necessita qualcosa o se posso ritirarmi, e lei mi dice che posso ritirarmi perché lei sistemerà le sue cose e poi andrà in piscina per allenarsi.
Torno quindi nello studio per riferire il tutto ad Alessandra.
Non è in studio, quindi ne approfitto per andare in camera mia per sistemare alcune cose. Sto per entrare, ma sento dei gemiti provenire dalla stanza di mia suocera, mi avvicino, e vedo Alessandra, completamente nuda che si sta masturbando. entro nella stanza chiamando mia suocera ad alta voce. Alessandra sobbalza essendosi sentita chiamare proprio nel momento che sta avendo un super mega orgasmo. No dico, ma cosa fai, ti dai piacere da sola? Brutta porca che non sei altro. Non va bene, non va assolutamente bene, ed ora ricomponiti, fila subito a farti il bidet, lavati accuratamente le mani, e poi vieni in piscina, la nostra ospite è già li che si sta allenando, è anche lei nuda quindi non scomodarti a cercare cosa indossare. E da questo momento assumo io il controllo della situazione in questa casa. Entro nel bagno con lei tenendola saldamente per il braccio sinistro e, per controllare se esegue quello che le è stato detto, e quando il tutto è terminato uscite dal bagno le assesto due belle, forti e sonore sculacciate, tanto per farle capire chi da ora in poi comanda.
E adesso fila dritta in piscina dalla nostra ospite senza fiatare le dico prendendola nuovamente per il braccio sinistro e portandocela quasi di peso, continuando a sculacciarla. Arriviamo alla piscina che la nostra ospite è stesa sul lettino prendisole completamente nuda, vedendoci arrivare Iride, rivolta a me dice: deve averla combinata bella grossa Alessandra, per portarla qui di peso e a suon di sculaccioni. ed aggiunge, alla tua età essere punita come una bambina capricciosa, e subito dopo scoppia in una risata fragorosa, e dopo essersi ripresa aggiunge: Antonella, la prossima volta cosa farai? Userai l'ortica, o lo scudiscio? Se sarà questo che vuole questo riceverà, risposi io alla nostra ospite.

Questo racconto di è stato letto 5 2 0 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.