Erotici Racconti

Il ritorno all'anormalità 2

Scritto da , il 2017-08-12, genere trio

Dopo aver sbottato contro di me in maniera rude e scomposta, tradendo i suoi sentimenti per Sara, Marta tornò sui suoi passi, scossa da quella verità. Sopprimere sentimenti, arrendersi all'incapacitá di governare i propri istinti, delegare a terzi la propria felicità, tutto pur di neutralizzare pulsioni omosessuali forse inaccettabili alla coscienza.
Appena rincasati le saltai addosso, con la foga e la determinazione di un crociato al ritorno da una guerra santa. Marta si lasciava fare, succube dei miei demoni, come una bambola di pezza pronta a soddisfare ogni iniziativa, come una vittima consenziente che attende finalmente il suo stupro. Ci baciavamo, le leccavo la pelle del collo, intorno alle labbra, i capezzoli. La palpavo senza ritegno né delicatezza alcuna, le divaricavo oscenamente le natiche mentre l'altra mia mano le penetrava maleducatamente la bocca. Mia moglie riceveva sbavando, offrendosi, sporgendosi ai miei gesti di lussuria. - Sei una sgualdrina, guarda, guardati come godi a farti toccare come una puttana! Volevi andare a leccarti la figa di quella lesbica, vero? No, invece, starai con me perché tu adori il cazzo, vuoi segarlo, leccarlo, ti faresti sborrare in faccia, sulle tette, ovunque...- sproloquiavo. Mia moglie annuiva eccitata mentre io tirandole i capelli le concedevo di inginocchiarsi di fronte al suo idolo e di goderselo tutto in bocca. Raccolsi con un dito i liquidi seminali cosparsi sul bordo della cappella e li offrii in sacrificio alla lingua avida di mia moglie, ordinandole quindi di ripulirmi per bene tutto il membro. Vederla dall'alto svelava particolari dei suoi lineamenti ancor più meravigliosi: gli occhi celesti incoronati da lunghe ciglia, il nasino all'insù, le labbra disegnate. Il contrasto che si creava tra lo squallore dei gesti e quei suoi tratti così delicati rendeva ancor più eccitante e perversa la situazione, incitandomi a infierire: - brava troia, ciucciamelo bene che adesso arriva un mio amico... così fai vedere anche a lui come sei brava, ok? - Marta si scompose impercettibilmente e aumentò l'intensità del pompino - Ci servi qualcosa da bere mezza nuda, ti siedi in mezzo a noi e se gli piaci ti farai vedere e palpare come vuole... - ascoltava gli umilianti ordini più arrapata che sorpresa, vogliosa di realizzarli - se vuoi gli fai vedere pure la fica, va bene? Dimmi, gliela farai toccare, ti piacerebbe? -
Totalmente in balia del desiderio, Marta esprimeva il suo assenso a quelle sconce proposte con gemiti che trasmettevano piacevoli vibrazioni al mio uccello, rigonfio come il bicipite di un body builder.
Puntuale come in un film, arrivò la risposta del mio amicone, l'atleta maledetto: "Che dici Ste? Guarda che sto facendo jogging, ci metto un attimo ad arrivare ma un bel po' sudato! Chi hai sotto mano?". Lessi e incalzai Marta a spompinarmi meglio, con tono di rimprovero: - dai bella, dai che arriva Kamil!
All'udire quel nome, il nome di una persona vera, sentii che un brivido la percorse da capo a piedi, parimenti scioccata e felice che il mio sproloquio stavolta non si era fermato alla mera fantasia sessuale.
- Contenta amore? Ora smetti di spompinarmi e togliti i leggins che voglio mandargli una foto del tuo culo!
Con gli occhi simili a quelli di una drogata, in silenzio, Marta eseguì.
"Vieni, ti aspettiamo!" risposi a Kamil allegando una foto del perizoma verde smarrito tra le chiappe di mia moglie, poi le imposi di togliere il reggiseno e restare così, in mutande e maglietta. Quando Kamil fu alla porta, Marta andò ad aprire così conciata. L'ospite rimase disorientato dal vedere che si trattava di mia moglie, che aveva sempre ammirato per la bellezza del corpo e del carattere, ma un attimo dopo la sorpresa si trasformò in entusiasmo. Si salutarono col solito bacio sulla guancia, ma in quelle condizioni già quel gesto fu sufficiente a suscitare una forte emozione in me. - Entra Kam, ora Marta ci serve una birra!
Kamil si avvicinò a me con lo sguardo interrogativo, impaziente di capire. Io con un cenno e uno sguardo gli confermai che avevamo intenzione di goderci la serata. Avevo scelto lui perché era sempre sopra le righe, in qualsiasi situazione non arretrava e anzi andava aldilà di ogni aspettativa e poi era un figo biondo e sportivo che piaceva a tutte. Facendo riferimento alla sudata che aveva addosso mi spiazzò puntuale come un orologio atomico: - Si Ste, ma prima sarebbe il caso che faccia una doccia, che dici se me la faccio con questo splendore? - così dicendo si diresse verso il bagno cingendo a sé Marta in un abbraccio che non dava scampo. Fu troppo veloce ed efficace, come sempre nella vita, e presi alla sprovvista, io non potei che acconsentire, sorridendo come in una situazione goliardica, mentre Marta ci guardava confusa. Non me l'ero immaginata così la cosa, avrei preferito vedere mia moglie lì a disposizione per noi, un un crescendo di erotismo e dissolutezza. Mandarli al cesso da soli era troppo, ma per fortuna Kam mollò Marta svelando l'intento scherzoso di quella frase. Ma quel gesto mi ricordò il bagno in piscina del sabato prima con Sara e Marta: - Cazzo, è un'ottima idea, Kam fatti la doccia che io provo a organizzare una cosa. Dai Marta vestiti figa che si esce! -
Chiamai Elena, una mia simpatica cliente che gestiva una beauty farm di lusso a mezz'ora da casa nostra. Data l'ora prenotai solo una degustazione e una camera con idromassaggio. Prestai a Kamil un paio di pantaloncini e una maglietta facendolo accomodare in camera dove mia moglie, con solo le mutandine addosso, intanto si infilava un vestitino nero. Quell'idea aveva totalmente cambiato l'atmosfera: Marta non era più la vittima predestinata all'altare della nostra libido, ma una complice attiva ed entusiasta di una serata ancora tutta da vivere. E pensare che nemmeno un'ora prima mi aveva mandato a fanculo sbattendo la porta per andarsene da me.
Al sesso il mio più grande nobel per la pace.


Questo racconto di è stato letto 5 0 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.