Erotici Racconti

Vicinanze

Scritto da , il 2017-08-03, genere masturbazione

Il corrimano è freddo sotto la sua mano accaldata.
E un pompino è andato per oggi...Forse non sarà neanche l'ultimo della giornata.
È stato...Non sai neanche lui come definirlo...Inappropriatamente dolce, ma trasgressivo.


Appoggiata al fresco muro, lei chiude gli occhi, ma il sole sembra che sia rimasto lì, tra le palpebre socchiuse.
Riprende fiato, è stata una masturbazione solitaria e umida di sudore, la vista si è quasi offuscata sia dall'alta temperatura che dal piacere che l'ha fatta dilatare...Non solo fra le gambe, non ha appetito, non ha sete, ogni vizio è lontano.


Ma lei è finalmente vicina a sé stessa.

Questo racconto di è stato letto 1 5 5 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.