Mai abbandonare un'amicizia

Scritto da , il 2017-05-21, genere etero

Cristian, un bambino di 5 anni, abitava al confine di una piccola città. Lui, suo padre e sua madre vivevano in un piccolo paese di montagna, lontani dalla civiltà e dalla società arida e asettica che caratterizza invece quella di città. A tutti gli effetti era una comunità piccola, da poco avevano costruito addirittura una scuola superiore. Fino ad allora, erano costretti ad andare ogni giorno a valle.
In quel paese tutti conoscevano tutti, e il ritmo della vita procedeva ad una velocità tutta sua.
Tuttavia, c'era una sola famiglia che viveva lontano dagli altri, volutamente isolata dal nucleo cittadino. La famiglia Fabbri avevano costruito la loro casa sul limitare del bosco, un po' più lontana dalle altre, e al suo interno ci abitavano padre, madre e una figlia della stessa età di Cristian, Aurora. Lui non sapeva perchè avevano fatto quella scelta, e gli unici con cui la famiglia Fabbri aveva rapporti di amicizia costanti erano con sua madre, che spesso portava visita per interi pomeriggi. Quando poteva Cristian l'accompagnava, dato che non gli dispiaceva per niente la compagnia della ragazza. Anche se introversa e un po' misteriosa, era comunque un ottima amica, forse l'unica che aveva mai avuto. Innumerevoli volte si sono addentrati nel bosco per giocare, esplorando e costruendo fortini. A quell'età bastava veramente poco per divertirsi, e ogni tanto i due, ancora in tenera età, si divertivano a giocare al " il dottore e il paziente", spogliandosi completamente e facendo finta di curare immaginarie malattie o ferite. Niente di malizioso, era ancora tutto un gioco per le loro menti innocenti e che tutti i bambini fanno.
Il loro posto preferito era alla fonte di un torrente di modeste dimensioni, e lì, lontano da tutti, si divertivano con questi passatempi proibiti o non.

Gli anni passarano, ma loro amicizia, invece che rafforzarsi, si sgretolò sempre di più. Le visite della madre si facevano sempre più rare, e Cristian era sempre più impegnato con gli amici di quartiere. Ormai i due ragazzi erano alle superiori, e pian piano, Aurora, resasi conto del distacco del suo amico di infanzia, si allontanò sempre di più dal ragazzo fino a che i due diventarono come degli estranei. Cristian era sempre stato il suo unico amico, e ora che aveva rotto quel rapporto, diventava sempre più isolata e introversa. Per questo motivo veniva spesso bersagliata dai bulli, che non avevano difficoltà ad infierire con una singola persona senza amici. Fra questi c'era Annie, una delle ragazze più carine della scuola. Sicura di se stessa, manipolatrice, a tratti crudele ed egoista. In quel periodo era la fidanzata di Cristian, essendo lui il più belloccio fra tutti i ragazzi. Alto, con i capelli neri e gli occhi verdi. Con l'adolescenza, il suo fisico si faceva sempre più virile, e Annie riconosceva queste qualità. Avevano un rapporto adolescenziale, con quella passione superficiale che solo i giovani possono avere. Ma se i sentimenti di lui erano sinceri, quelli di lei erano totalmente fittizi. Lo usava, alcune volte lo maltrattava, oppure lo esibiva come un trofeo per le sue amiche. Nell'ultime giornate di terza superiore lui si rese conto di queste cose, e la rottura avvenne in modo del tutto naturale nell'ultimo giorno di scuola.

"SEI UNA PUTTANA! LURIDA STRONZA, RIMARRAI SOLA PER IL RESTO DELL'ETERNITÀ!"
Gli urlava Annie ad Aurora, che per una volta aveva osato a resistere ai suoi affronti. La campanella che segnava la fine dell'ultimo giorno di scuola era suonata da poco e tutti erano nei corridoi. Era uno spettacolo ricorrente, e la folla rideva ogni volta che la povera ragazza veniva umiliata dagli insulti di Annie. Quella volta però Cristian ci diede un taglio, e stanco di quelle scenate provò a difendere la sua amica di vecchia data, dando ad Aurora il tempo di scappare senza dire una parola. Fu così che Annie di fronte al suo tradimento lo lasciò, mettendosi di lì a poco con il secondo ragazzo più bello della città.

Per l'ultimo giorno di scuola era tradizione organizzare una grande festa all'aperto sul limitare della foresta, dove i bambini potevano giocare in libertà, gli adulti bere e discutere in tranquillità e gli adolescenti svagarsi fra di loro, con i più grandi che compravano alcool per gli amici minorenni. Era una festa a cui tutta la comunità partecipava, esclusa la famiglia Fabbri. In passato, i correspettivi padri di Cristian e di Aurora uscivano verso la sera per bere qualche goccio, mentre le madri rimanevano a casa con i bambini.
Con il tempo questa usanza fu persa, ma per l'appunto quell'anno le madri avevano deciso di fare una rimpatriata. Così, anche se all'inizio era contrario, pure Cristian andò nella casa della sua vecchia amica a metà pomeriggio. Normalmente sarebbe uscito con i suoi amici, ma non aveva voglia di ritrovare Annie in giro. I padri erano già chissà dove, mentre gli altri quattro erano rimasti in salotto a chiaccherare. A essere più precisi, però, erano solo le madri che parlavano. I due ragazzi rimasero muti, in tensione, con nessuno dei due che aveva il coraggio per rompere il ghiaccio. Dopo un po', tuttavia, le madri si stancarono di averli in giro.
"Dai, fate un giretto nella foresta come nei bei vecchi tempi, così ci lasciate parlare degli affari da mamme."
I due, senza avere altra scelta, si avviarono nella boscaglia, senza una meta precisa. I preparativi per la festa di fine anno stavano per finire, e il luogo che fino a poco tempo fa era già colmo di di tendoni. Passarano velocemente fra le bancarelle, dato che nessuno dei due aveva voglia di rimanere a lungo laggiù, e così entrarono finalmente nella foresta. Dopo un poco di tempo si allontanarono defintivamente, e rimasero per la prima volta da soli. In modo del tutto involontario, come avevano fatto per numerose volte, si diressero verso il loro luogo segreto. Era uno dei pochi posti tranquilli che potevano avere, e arrivarono infine a destinazione.

Una radura a loro molto famigliare li accolse, inondando la testa di Cristian di innumerevoli ricordi. La fonte creava una cascata che finiva in una vasca naturale di discrete dimensioni, che nel punto più basso poteva arrivare anche ad un metro di profondità. I due si fermarono ad ammirare quello spettacolo della natura, ancora incontaminato dopo tutto quel tempo. Cristian notò che evidentemente neanche Aurora era andata in quel luogo da molto tempo.
Beh, a quel punto non potevano andare più da nessuna parte, era arrivato il momento del confronto. Cristian rimase in piedi, in attesa che Aurora si girasse. Il ragazzo, per la prima volta da moltissimo tempo, si mise a studiarla per bene: era da tanto che i due non erano così vicini, e a casa aveva evitato il più possibile di guardarla per paura di incrociare lo sguardo. Lei indossava una maglietta bianca, sobria e senza nessuna scritta. Era probabile che non indossasse nemmeno il reggiseno, dato che non riusciva a vedere gli elastici che dovrebbero correre sulla schiena. Ora che ci pensava bene, si ricordò che la sua era una famiglia che credeva nel naturismo, quindi era probabile che la madre l'avesse educata a non indossarlo. Indossava poi degli shorts molto corti, che gli esponevano tutte le cosce e che coprivano appena il suo bel culo sodo. In quel periodo tutti si vestivano molto leggero, soprattutto a causa del tempo particolarmente caldo. I capelli biondi della ragazza cadevano dolcemente sulle sue spalle, illuminati dalla luce del sole.
Finalmente Aurora si girò, guardandolo dritto negli occhi. Era da tanto tempo che Cristian non vedeva i suoi occhi marroni, e si soffermò a guardare la sua faccia. Al contrario di ciò che tutti i loro coetanei dicevano, forse per invidia, la ragazza aveva un bel volto curato dalla magia della adolescenza.
Ora che la vedeva frontalmente, notò che, a quanto pare, la pubertà gli aveva fatto un bel paio di tette, di cui poteva vedere vagamente la forma sotto la maglietta aderente.

"Perchè oggi mi hai difeso?" Chiese lei di punto in bianco.
Lui rimase un attimo spiazzato, in effetti non lo sapeva neanche lui. Non si ricordava esattamente cosa gli era preso quella mattina, o perchè aveva provato a difenderla.
"Non lo so..." Rispose Cristian, avvicinandosi a lei che era rimasta in piedi vicino alla riva.
"Come non lo sai? È perchè ti facevo pena?" Chiese lei arrabbiata.
"No Aurora, non mi facevi pena, è che..."
"Ah no? E allora cosa aspettavi per tutto questo tempo? Ti divertivi a vedermi soffrire?"
Lui si irrigidì. Non sapeva come risponderle.
"Evidentemente ti divertivi di più a stare con i tuoi amici o con quella puttanella, invece che stare con me. Sei uno stronzo, proprio come tutti gli altri!"
A quell'offesa, anche lui alzò il tono di voce: "Io stronzo? È così che mi ringrazi?!"
"Sì, perchè le persone stronze devono stare lontano da me!" concluse Aurora, spintonandolo. In realtà lui era molto più pesante di lei, così la ragazza finì per perdere l'equilibrio e a cadere nell'acqua.
La cosa prese Cristian alla sprovvista, facendolo scoppiare a ridere, ma lei non era altrettanto contenta.
Quando uscì dall'acqua la sua maglietta bianca era mezza, lasciando chiaramente vedere attraverso. Effetivamente non indossava il reggiseno, ed le sue tette erano molto più grandi di quanto Cristian si aspettasse.
"Cazzo, e adesso come faccio a tornare a casa? Non posso andare in giro queste condizioni..." Disse lei.
In effetti sarebbe stata costretta a passare tra le persone, ed inoltre la festa era già partita, significando quindi che era già gremita.
"E va be', non mi resta che aspettare che asciughi." disse a se stessa. Si stava per togliere la maglietta per metterla ad asciugare da qualche parte, ma si ricordò che c'era un'altra persona oltre a lei. Notò subito però che lui stava già fissando le sue formose tette già attraverso la trasperenza del tessuto, così, senza nemmeno provare a nasconderele, si rassegnò si sedette su una lastra di pietra coperta di muschio.
"Tanto te mi stai già guardando, pervertito." Disse lei provando a risvegliarlo. Cristian, che era rimasto ammaliato dallo spettacolo, cadde dalle nuvole. Imbarazzato, si mise a sedere accanto a lei. Ormai era inutile lasciarla sola, ma l'unico problema era la sua vistosa erezione, facimente distinguibile attraverso i pantaloni attillati della tuta, ma lui non poteva farci nulla. Anche lei sembrava averlo notato, ma fece finta di niente e rimasero per un po' in silenzio. La situazione, per quanto bizzarra, stava eccitando enormemente Cristian. Forse era per il cambiamento sensazionale del corpo di Aurora, forse per i sentimenti non tanto chiari che stava provando per lei.
A sua insaputa, anche la ragazza era in preda alla voglia. Lei poteva notare facilemente quanto grosso si fosse fatto il suo pene, un'altro dono della pubertà.
"Aurora?"
"Sì, dimmi."
"Ti ricordi quando si giocava al dottore? Sei tanto cambiata..." disse lui con un sorrisetto e lo sguardo chino, troppo imbarazzato per alzarlo. Evidentemente, quella situazione lo aveva riportato a quei momenti di infanzia.
Lei rise. Si ricordava chiaramante di come giocavano insieme quando erano più giovani.
"Sì, ma anche tu sei molto cambiato."
"Non sono solo cresciuto in altezza, Aurora. Prima mi chiedevi come mai ti ho difeso stamattina, ed ora lo so."
"Oddio, scusami per quelle parole! Cristian, le ho dette in preda alla rabbia..."
"Lo so, ma avevi ragione. Qualcosa è cambiato in me. Quando ti ho visto, oggi, non ce l'ho fatta più." Disse lui, guardandola dritta negli occhi e sforzandosi di non volgere lo sguardo in basso verso le tette.
"Dopo tutti questi anni non ce la facevo più a starti lontano. Mi perdoni?" Concluse lui.
"Certo che ti perdono." Rispose facendo unire le loro labbra.
E fu così che si lanciarono in un primo bacio, passionale e liberatorio. Finalmente la tensione sensuale si ruppe, portando così altri numerosi baci.
Lei, finalmente, si tolse la maglietta che serviva ben poco a coprire, lasciandoglieli ammirare i seni in tutta la sua completezza. Lui, senza indugi, si gettò su di esse, leccandone una e massaggiando l'altra. Erano grandi, soffici, un piacere da toccare. I capezzoli erano già turgidi a causa dell'eccitazione e del bagno imprevisto.
Aurora lasciò andare un gemito di piacere: il ragazzo ci sapeva fare. Pian piano con i baci scese fino all'addome, poi sbottonò i pantaloncini rivelando delle mutandine già bagnate. Tolse anche quelle, e si lanciò a leccargli ardentemente la figa, già mezza per tutta quella eccitazione. Lei ormai si era abbandonata. Distesa sulla pietra, assoporò tutto il piacere che Cristian gli dava, stimolando le labbra con la lingua e il clitoride con le dita. Lui continuò, finchè il corpo della ragazza si irrigidì e lei lanciò un gemito particolarmente forte.
Dopo essere venuta, Aurora lo fermò. Si chinò di lui, lo fece distendere e gli abbassò i pantaloni, rivelando così il suo cazzo completamente eretto. Rimase un'attimo colpita dalla sua notevole grandezza. Quando era nei pantaloni era sembrava molto più piccolo. Ma si riprese subito e incominciò a succhiarglielo avidamente, volenterosa di ricambiare il piacere. Con la mano strofinava vigorosamente l'asta, mentre con la lingua stimolava abilmente la grossa cappella. Lui si lasciò andare, approvando il suo operato con numerosi gemiti di piacere. Lei non aveva ancora finito: prese le sue grandi tette e si mise a fargli una spagnola, facendosi penetrare i seni dal suo grande cazzone. Nonostante avesse una quinta abbondante, il cazzo riusciva comunque a sbucare dall'altra parte, e con la lingua si limitava a leccargli la punta. Lui non veniva, così si lei aumentò il ritmo finchè il ragazzo non rilasciò un copioso getto di sperma, irrigidito dal piacere.
Nonostante tutto, il suo cazzo si ostinava a rimanere alzato, così fece stendere lei e si mise a penetrare vigorosamente la sua figa ancora bagnata, che conteneva a stento quell'enorme attrezzo. Lui sentiva la vagina avvolgere strettamente e piacevolemte il suo cazzo, e si diede da fare a penetrarla a dovere, facendo imapazzire entrambi di piacere. L'eiaculazione tardava a venire, così la mise a gattoni e la penetrò da dietro. I due si lanciarono in questo sesso sfrenato, animalesco. Aurora chiuse gli occhi e si lasciò completamente andare con gemiti di piacere quando Cristian, gli ficcò dolcemente due diti in culo. Alla fine i due vennero un altra volta, con le loro voglie finalmente saziate.

I loro scorpi si staccarano e, ansimanti, si riposarono dopo quell'atto che presto sarebbe diventato abitudine.

Questo racconto di è stato letto 4 2 4 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.