Erotici Racconti

Una sala per due - Cap 4

Scritto da , il 2017-05-18, genere etero

Un raggio di luce lentamente arriva a colpire la palpebra chiusa di Franco, prono sul letto disfatto, un piede pende fuori dal bordo. Quel raggio fastidioso lo fa agitare nel sonno, strizza gli occhi e controvoglia li apre appena. Mette a fuoco ciò che ha davanti a sé. Una portafinestra, che non è la sua portafinestra, anche perché non ha una portafinestra in camera da letto. Le lenzuola, il letto. Non è nel suo letto. Solleva appena la testa per guardarsi meglio in giro. Cerca di fare mente locale ma non riesce a capire dove si trova e perché non è nel suo letto. – Navigli… Sidecar… Nora… Zacapa… Nora! Sono a casa di Nora! – Franco si alza di scatto sulle braccia, è da solo sul letto di Nora.
“Nora? Nora? Dove sei?” Si alza, si sorprende ad avere addosso di nuovo i suoi boxer. Ha rimosso completamente quello successo dopo il primo giro di rum. Si aggira per la casa ma non vede Nora, bussa in bagno e la chiama, ma la porta si apre e di lei non c’è traccia. Sono le 9.20 e un bel mal di testa si sta facendo strada man mano che Franco acquista lucidità.
Sente le chiavi nella toppa della porta. La porta si apre ed ecco il volto di Nora, lo vede e gli sorride.
“Ah buongiorno principessa! Abbiamo fatto i bagordi stanotte? Ti vedo un po’ sbattuta. Forse la mezza bottiglia di rum non ha aiutato, vero?” Nora ha un tono canzonatorio, è in tenuta ginnica, e ha un sacchetto in mano.
“Mmm… buongiorno… pensavo mi avessi abbandonato… in mezzo al tuo stuolo di scatole, nel casino organizzato…” Franco ha la voce roca da risveglio, ma sorride alla simpatica presa in giro mentre si stropiccia un occhio.
“Ah! Ma no che non ti abbandono, mi sveglio sempre molto presto, sono andata a fare la mia corsetta e visto che c’ero ho preso dei croissant… integrali però… spero ti piacciano” Si toglie le cuffiette dalle orecchie e si avvicina a Franco.
“Ci sei Franco? Vuoi un caffè? O ne vuoi tre?” Gli sorride con gli occhi in attesa di una sua risposta.

“… tre andranno benissimo Nora. Dopo tre caffè riesco persino ad essere presentabile”, in effetti stride la tua attività e la tua freschezza con il mio spettinato deambulare.

“Va bene, ho già acceso la macchina per il caffè prima di uscire, basta mettere una, due o tre capsule di seguito ed è fatta… ma prima possiamo farci una doccia, che ne dici?” Nora lo guarda da vicino, il profumo dei croissant caldi sale prepotente alle narici di Franco, ma più forte è la persistenza di quello sguardo interrogativo. Le sue mani la afferrano per i fianchi e la tirano a sè. I volti si cercano, le labbra si sfiorano e si uniscono in un bacio intenso ed eccitante. Franco tira Nora lungo il corridoio, non vuole smettere di baciarla e di stringerla e così uniti si dirigono verso il bagno. Nora appoggia il sacchetto e le cuffie sulla prima scatola che incontra, si toglie la maglia e poi si riattacca alla sua bocca. Raggiungono il bagno e Nora fa scivolare i pantaloni e le mutandine ai suoi piedi, Franco le slaccia il reggiseno, percorre la sua pelle ancora sudata per la corsa, arriva al seno, lo stringe fra le mani. Nora apre l’acqua con una mano mentre con l’altra stringe saldamente la sua erezione. Lo vuole dentro, subito, a placare quel calore che sente espandersi veloce fra le gambe. Franco la appoggia al muro, finiscono entrambi sotto il getto tiepido dell’acqua, piega appena le ginocchia e si infila dentro di lei, scivolando senza nessuna resistenza. Un gemito all’unisono li fa tremare, le braccia di lui la stringono forte mentre inizia a scoparla, sollevandola da terra e puntellandole le spalle al muro. Nora si aggrappa con le braccia e solleva una gamba sui suoi fianchi per aiutarlo nel movimento, le bocche non smettono di torturarsi finchè quella di Franco cede per prima per correre a mordere la pelle a lato del collo, sotto il lobo. Nora geme e si contorce per il troppo piacere, sente di non poter più contenere l’onda di brividi che sta per pervaderla. Si stringe più forte, le corte unghie si incastrano nelle sue spalle, viene con un lungo gemito, l’unica gamba che la tiene in piedi trema e vacilla, ma Franco la stringe più forte per sostenerla.

Ci sono Nora, sono qui, ti tengo, ti prendo, ti scopo, sei mia, il tuo corpo diventa molle si rilassa, io ti sto per raggiungere, ancora uno, ancora uno, un altro… Ecco… dentro di te, eccomi dentro di te Nora.

Nora stringe un asciugamano a mo’ di turbante sulla testa e si dirige verso la cucina. Franco si è già rivestito. Entra in bagno per recuperare il cellulare dal bordo della vasca dove lo aveva lasciato la notte prima.
Si siedono entrambi al tavolo di cucina. Nora porge una tazza extralarge a Franco.
“Ecco il tuo triplo caffè, anche se devo dire che non mi sembri mica così giù di tono…” Nora ride divertita mentre Franco fissa lo schermo con espressione neutra.
“Franco ci sei?”
Si scuote come ridestato da un sogno.
“Sì Nora, ci sono… stavo leggendo una mail…”
“Qualcosa che non va?” Nora da un morso al croissant
“Mmm… no no, niente che non va, ma dovrò stare per un po’ fuori città… ”
“Ah mannaggia, e devi partire subito?”
“Sì, devo passare a casa a farmi un bagaglio al volo e partire subito…” beve il suo caffè quasi in un solo sorso.
“Ma io e te rimaniamo in contatto eh… mi faccio sentire io a brevissimo Nora.”
Nora sorride, sgrana gli occhi e annuisce con forza con la testa, masticando il suo cornetto.
“Certo che ci sentiamo! Non penserai di liberarti di me così facilmente Franco?!”
“No, no, non ci penso proprio di liberarmi di te! A prestissimo Nora” Si alza e con il cornetto in mano si avvicina per lasciarle un bacio sulle labbra.
Nora si alza e lo accompagna alla porta, lo guarda scendere le scale. Poi va alla finestra e lo osserva allontanarsi sulla sua moto, con quel buffo sidecar attaccato.

— FINE (per ora) —

Questo racconto di è stato letto 9 3 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.