Erotici Racconti

Gioia la troia - 1 L'incontro

Scritto da , il 2017-04-20, genere dominazione

Mi presento sono Gioia una ragazza di trentanni laureata a pieni voti in storia dell'arte, di buona famiglia da cui ho ricevuto un' educazione rigidamente cattolica.
Dopo la laurea ho svolto alcuni lavori stagionali presso un museo fino a quando grazie all'aiuto di mio padre ho coronato il sogno di aprire una galleria d'arte tutta mia.
Credo di essere una bella ragazza, castana con un fisico atletico scolpito da anni di pallavolo.
Direi che la mia vita possa definirsi una vita tranquilla e appagante che si svolge tutta fra il lavoro, la vita famigliare e il mio ragazzo... o almeno così era prima dell'incontro con Lui.

Era un grigio pomeriggio di gennaio quando suonò alla porta della galleria e appena varcò la soglia mi accorsi del suo fascino magnetico: lineamenti marcati, alto, fisicamente atletico ed elegantissimo nel suo completo grigio scuro.
Ma la cosa che mi colpì fu il suo sguardo autorevole che mai si staccava dai miei occhi che generava in me un senso di imbarazzo di cui non riuscivo a capire il motivo.
L'incontro non durò molto, forse una decina di minuti, una normalissima conversazione con un cliente realmente appassionato d'arte che si concluse con la promessa da parte sua di tornare presto per concludere l'acquisto dell'opera.

Il turbamento che quell'incontro mi aveva trasmesso si attenuò con il trascorrere dei giorni fino a quando il campanello della galleria suonò e alzando gli occhi lo vidi lì oltre il vetro.
Mi alzai dalla scrivania ero felice nel vederlo ma allo stesso tempo stranamente timorosa ed in imbarazzo.

Questa volta il colloquio fu un po' più lungo del precedente ma sempre incentrato sull'arte e null'altro in cui manifestò il suo interesse a concludere l'acquisto dell'opera e per questo salimmo sul soppalco sovrastante la galleria per compilare le pratiche necessarie.
Sempre chiaccherando di arte lo precedetti sulle scale ma dopo una decina di gradini mi scivolò il catalogo che avevo in mano,senza pensarci mi piegai per raccoglierlo, lo feci senza malizia, ma sostanzialmente gli misi il culo in faccia anche perchè quella mattina indossavo dei pantaloni chiari molto eleganti ma anche piuttosto aderenti.
Mi accorsi della gaffe quando, rialzandomi, vidi con la coda dell'occhio il suo sguardo godersi lo spettacolo ed uno strano ghigno attraversare le sue labbra.
Non disse nulla ed anch'io feci finta di niente ma quell'incidente aumentò il mio imbarazzo, e allo stesso tempo mi trasmise un strano senso di eccitazione.
Anche per questo motivo tentai di compilare i moduli nel più breve tempo possibile, ci accordammo sul ritiro dell'acquisto, che si sarebbe svolto il giorno seguente e ci scambiammo anche i cellulari.
Questa era una cosa poco professionale ma a cui acconsentii dato il valore ingente dell'acquisto; lo accompagnai alla porta e ci salutammo con una professionale stretta di mano.
Fu proprio un'istante prima di uscire che mi disse:
Sai staresti bene con qualcosa di rosso

e senza aggiungere altro o attendere una risposta se ne andò.

Quelle poche parole mi aumentarono ancor di più il senso disagio ma più di tutto mi colpì il tono passato improvvisamente da un formale “lei”, ad un “tu” più perentorio che confidenziale.

Il giorno dopo, nonostante una notte piuttosto agitata mi sentivo bene e straordinariamente femminile.
Per questo dopo la doccia indossai un completino intimo nero piuttosto sexy con perizoma e reggiseno push-up che valorizzava la mia terza, infilai le autoreggenti color carne, una camicetta bianca, ed un taileur nero gessato con gonna leggermente sopra al ginocchio.
Aprendo la scarpiera l'occhio mi cascò su un paio di decoltè di vernice rosso brillante con tacco dieci molto belle ma forse un po' troppo appariscenti. Dopo averci pensato qualche minuto le indossai e mi guardai allo specchio: l'effetto era decisamente sexy ma non volgare, quindi mi misi il cappotto e mi recai a lavoro.

La giornata trascorse normalmente con le normali attività lavorative fino a quando sentì il campanello suonare e lo vidi davanti alla porta, bello ed elegante come al solito.
Gli andai ad aprire e mi accorsi che mi squadrò da capo a piedi, quello sguardo penetrante mi fece bagnare istantaneamente, ma con mia grande delusione non disse nulla anzi mi salutò in modo distaccato e il suo modo di parlare ero tornato in un tono formale.
Si limitò a ritirare l'opera e se andò facendomi sentire tremendamente stupida.

Senza un vero motivo ci rimasi male e il resto della giornata fui di pessimo umore per cui decisi di chiudere il leggero anticipo; fu proprio tirando giù la serranda che mi arrivò un messaggio, distrattamente presi il telefono dalla borsa; era Lui:

Vieni al centro commerciale in via roma!
era un messaggio deciso senza appello che mi turbò perchè era il centro commerciale vicinissimo a casa, ma allo stesso tempo mi fece nuovamente eccitare.

Non ci pensai molto e mi recai all'appuntamento, mi convinsi che non ci fosse nulla di male.
Una volta attraversata la porta scorrevole arrivò un nuovo messaggio
siediti al bar ed ordina un aperitivo

Feci ciò che mi aveva scritto pensando che fosse in ritardo, ma non appena il cameriere arrivò con il bicchiere il telefono trillò nuovamente .

sfilati in perizoma e lascialo sul tavolo poi vattene!

Lessi un paio di volte il messaggio... ma come si permetteva? Con chi pensava di aver a che fare?
Ma soprattutto dov'era? Mi guardai attorno, il bar era quasi vuoto ma il centro commerciale era ancora piuttosto affollato era impossibile capire dove fosse.
Per un attimo pensai anche al mio fidanzato Luca e alla sua reazione se avesse saputo cosa stessi facendo.
Eppure mi sentivo eccitata, la mia fighetta era un lago mi guardai attorno fortunatamente il tavolo che avevo scelto non era troppo esposto anche se i clienti che sarebbero passati nel corridoio o sulla vicina scala mobile avrebbero potuto vedermi.
Spensi definitivamente il cervello... aspettai che il cameriere iniziasse a mettere in ordine dietro al banco e mi tirai su la gonna fino a metà coscia maledicendo il fatto che fosse così attillata; così non ci sarei mai riuscita, fingendo di aggiustarmi sulla sedia la tirai ancora più su arrivando a metà della balza delle autoreggenti... non potevo più fermarmi con un movimento rapido presi l'elastico del perizoma e lo tirai verso il basso fino al ginocchio e da lì fino alle caviglie sfilandolo poi dai piedi, quindi lo raccolsi e lo strinsi nel pugno mentre con l'altra mano tentai di risistemarmi la gonna.
Mi guardai attorno, avevo il cuore a mille, tutto sembrava normale anche se non potevo essere sicura che nessuno mi avesse vista. Ero bagnatissima, l'aria fresca che ora mi arrivava fra le gambe non faceva altro che aumentare la mia eccitazione, avevo solo voglia di toccarmi per cui appoggiai il perizoma sul tavolino e corsi via.
Una volta entrata in macchina mi tirai la gonna fino in vita spalancai le gambe e mi comincia a toccare in modo furioso, quasi animalesco, in pochissimo tempo venni fu un orgasmo intenso come non avevo mai provato, urlai tutto il mio piacere.
Quando mi tranquillizzai e presi il telefono c'era già un messaggio di una sola parola: “Brava”

Riposi il telefono dalla borsa, e misi in moto mentre un sorriso soddisfatto percorreva le mie labbra.
Ero Sua anche se ancora non sapevo quanto.

Questo racconto di è stato letto 3 8 4 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.