Il lavoro perfetto - Il primo giorno

Scritto da , il 2017-03-08, genere dominazione

AVVISO: Per chi legge per la prima volta questa serie, il primo capitolo non è questo, ma "Il lavoro perfetto - Il colloquio"...vogliamo lavorare senza prima fare un colloquio? ;) buona lettura!

La sveglia suona alle 7.45. Mi sveglio di colpo al primo squillo, sbarrando gli occhi. Mi sento sveglia e vigile come se avessi ingurgitato venti tazze di caffè. È l'emozione del primo giorno? Oppure altro? Mi alzo al volo dal letto, ogni azione che compio avviene come se fossi una spettatrice, mi vedo in terza persona: vado in cucina, tazza di latte con tre cucchiai abbondanti di miele d'acacia, uova strapazzate e pane tostato, sotto la doccia, mi lavo i denti, mi trucco, scelgo una maglietta del cazzo che non ha niente di speciale (una maglietta leggera blu scura con le maniche che arrivano vino alle dita) e prendo dei pantaloni...no, ho in mano una gonna? Perché? La mia mente ha elaborato automaticamente la gonna come unico indumento adatto per il lavoro. Perché? Forse perché inconsciamente spero che accada ciò che è accaduto ieri. Forse è per questo, ma non lo so. So solo che automaticamente non mi metto neanche l'intimo. Faccio le cose velocemente e con foga, mi sembra di essere in un trip di cocaina e qualche altra sostanza eccitante. Tre spruzzi di profumo, un ultima occhiata allo specchio, prendo una piccola pochette ed esco di casa.
Arrivo sul luogo del lavoro con tipo un quarto d'ora d'anticipo e attendo quasi impaziente lo scattare delle 9. Un respiro, due, tre, quattro, cinque! No no no sto andando troppo veloce, anche il mio cuore martella veloce come un trapano, i miei polmoni sembrano una locomotiva impazzita e i miei muscoli degli elastici in tensione. Mi appoggio al muro. Dai cazzo, sgombra la mente! Non te ne deve importare dello stato in cui ti trovi, dell'eccitazione che senti farsi strada fra le tue cosce. Stai calma. Scattano le 9.

All'ingresso mi accoglie una segretaria indaffaratissima sulla 40ina. In confronto a lei, la velocità che avevo fino a pochi istanti fa può essere uno slow motion. Come diavolo fa a battere sulla tastiera così velocemente? I suoi occhi scorrono alla velocità della luce sullo schermo di fronte a lei, è concentratissima. Non è quell'indaffarato della serie "Oh mio dio devo sbrigarmi!" è un indaffarato della serie "Io ho il pieno controllo della situazione." Mi faccio notare tossendo leggermente. Lei alza gli occhi e senza smettere di premere tasti (anche senza guardare quello che scrive, sa cosa sta scrivendo!), mi accoglie con tono caldo e cordiale: "Buongiorno signorina. I signori sono nel loro ufficio e ti attendono."
La ringrazio e faccio per dirigermi verso l'ufficio, quando lei continua con estrema naturalezza: "In fondo al corridoio trovi il bagno. Se vuoi disfarti di qualcosa che non dovresti avere troverai una busta con il tuo nome. Lascia lì le tue cose, nessuno te le toccherà." Rimango sconvolta! Ma che diamine! Pure la segretaria è coinvolta in questo circolo di dominazione sessuale! Vabbè...tanto valga che faccio come mi dice. Hanno detto che un rifiuto è uguale al licenziamento, quindi...andiamo in bagno. Più questa fantomatica busta mi incuriosisce. Tanto ormai mi aspetto che mi facciano girare completamente nuda. Non mi stupirei.
Una volta arrivata in bagno, vedo la busta e ci ficco dentro il reggiseno. Me lo tolgo semplicemente perché mi dà un fastidio immenso il ferretto. È praticamente una liberazione. Ma me ne pento quasi subito, vedendo il mio seno. Sbuffo. Non posso far perdere tempo ai miei nuovi capi e con riluttanza me ne esco con il seno libero.
Entro nell'ufficio indicatomi dalla segretaria è trovo l'uomo bellissimo ed elegante al computer e la moglie, altrettanto bella ed altrettanto elegante, che sta sistemando dei fogli su una scrivania posizionata apposta per me. Ieri non c'era. È vicino alla finestra. Menomale! Posso vedere il panorama fuori! Ho bisogno di luce e aria...manco fossi una pianta!
"Ciao cara" esordisce la donna con un sorriso "questo è il tuo posto, vieni a sederti che ti faccio vedere alcune cose."
Rispondo in tono cordiale, cercando di non guardarla in quei suoi occhi penetranti. Dopo ciò che è successo, mi crea un'eccitazione pazzesca guardarlo dritto negli occhi. È come se leggessero i miei pensieri. E questa cosa mi turba oltre che eccitarmi. Lei invece si comporta come se non fosse successo niente e con tono professionale mi dice: "Devi compilare questo documenti, voglio che resti a completa disposizione di mio marito, io uscirò per un'oretta." Allungo una mano verso i documenti, ma lei allunga una mano sul mio seno e me lo accarezza delicatamente: "Brava, lascia queste tettine libere...ma forse questa maglietta non piacerà a lui...". Un brivido mi percorre la schiena per questa affermazione...ma resto quasi impassibile. Quasi. So che lei mi legge dentro. La guardo uscire sinuosa sui suoi tacchi a spillo, invidiando la grazia che ha nei movimenti. Comincio subito a compilare i documenti davanti a me, dando un'occhiata fugace all'uomo.
Passano appena 10 minuti, quando lui, senza neanche guardarmi in faccia, mi dice: "Voglio un caffè. Amaro. Trovi la macchinetta all'ingresso...dì anche alla segretaria di non disturbarmi fino a pranzo perché voglio occuparmi di te." Finalmente mi degna di uno sguardo: "Dille esattamente quello che ho detto e non omettere niente."
Che cosa vuol dire quel "Voglio occuparmi di te." ? Ho una vaga idea...ma con atteggiamento professionale, mi dirigo svelta verso la macchinetta e prendo il caffè. Con quello in mano (tra l'altro bollente) mi dirigo dalla segretaria e le dico le stesse identiche parole che mi ha detto lui. Lei in tutta risposta, dice che non disturberà, con uno sguardo strano negli occhi. Okkei, la mia vaga idea si sta mano a mano concretizzando, ma rimango comunque perplessa da tutto ciò...ed involontariamente eccitata. Torno dal mio capo e gli porgo la tazza di caffè sulla scrivania, tornando alla mia postazione.
Lui ha continuato a lavorare imperterrito, non curandosi della mia presenza. Io, come una cagnolino, me ne sto buona buona nella mia cuccetta a compilare moduli. Passano alcuni minuti e poi, sorseggiando il caffè, si avvicina a me. Lentamente cammina dietro di me, posizionandosi proprio sopra la mia testa.
"Prima che tu arrivassi ho fatto sistemare questa postazione in modo da poterti avere sempre a mia disposizione. Ora stammi a sentire bene." lo vedo appoggiare la tazza vuota davanti a me e poggia le mani calde sulle mie spalle "Stai dritta con la schiena. Se ti troverò in posizione non corretta ti infilerò un palo nel culo." La sua voce è ferma e decisa "Inoltre, ogni volta che ti siedi, devi sollevare la gonna in modo che il tuo culetto sia a contatto diretto con la pelle della sedia. A fine giornata dovrai pulire tutto quello che la tua fica lascia e a giudicare da quello che ho visto, dovrai pulire molto." Le sue mani si staccano da me "Tutto chiaro?"
Come un automa, faccio sì con la testa, mi alzo leggermente dalla sedia e alzo la gonna quel tanto che basta per avere il culo scoperto per poi sedermi. La pelle è leggermente fredda, ma io la scaldo subito. Quelle mani stanno già facendo un certo effetto. L'uomo si sposta davanti alla scrivania e mi guarda con aria di sfida: "Ti ho fatto una domanda."
"Sì sì! Tutto chiaro!" Rispondo con la stessa prontezza che ha una scolaretta davanti al professore che la interroga.
"Alzati e mettiti nella stessa posizione di ieri con le mani sulla scrivania."
Io mi alzo subito, come se di colpo la sedia fosse bollente. Non posso farne a meno, i suoi ordini vengono espressi con tono duro e allo stesso tempo caldo che ti accarezza la pelle. È impossibile resistergli. Mi posiziono come mi ha ordinato, ormai sono alla sua mercé. La mia figa e il mio culetto esposti.
Senza neanche darmi il tempo di pensare a cosa vuole farmi, mi si avvicina e mi da cinque sonore sculacciate. Alla prima, mi sfugge un piccolo urletto, ad indicare che non me l'aspettavo. Poi cerco, inutilmente, di trattenere dei gemiti di piacere. Le sculacciate sono sempre state uno dei miei punti deboli fatali.
"Ti piace pure?" Dice lui sfiorandomi la fica con il dorso della mano. Si bagna all'istante, una scossa elettrica mi arriva al cervello. "Rispondi con educazione."
"Sì, signore...non posso nascondere che mi piaccia..." rispondo nel modo più educato possibile, arrendendomi all'evidenza. Sento le tempie pulsare insieme al cuore.
"Girati. Ti sto insegnando le buone maniere e mi sembra che tu stia solo godendo come una cagnolina." Mi volto completamente, mentre il mio corpo trema per la voglia che mi fa venire lui, la sua voce, il suo corpo. "Vuoi godere?"
Il suo sguardo e il suo tono mi bloccano. Lo guardo perdendomi nei suoi occhi. Non dovevo guardarlo negli occhi, adesso sono completamente esposta e lui mi sta scrutando. Riesco a balbettare un "sì" appena accennato. Un formicolio estremamente piacevole comincia a espandersi nel mio ventre.
"Ma io no. E tu fai quello che dico io. Chiaro?" Detto questo, si dirige verso il telefono per prendere una chiamata. Talmente ero in trance non l'ho sentito neanche squillare. Lo sento dire: "Pronto...sì...è molto meglio di quanto sembrava..."
Con chi parla? Che cosa è meglio di quanto sembrava? Non lo so, ma rimango un po' delusa dalla sua risposta. Mi stavo facendo un castello in aria inutilmente. Sono in piedi come uno stoccafisso e mi dirigo verso la sedia.
Il mio capo mi lascia sedere mesta, poi chiude la telefonata e si dirige nuovamente verso di me. Non sembra volermi lasciare in pace, ma d'altronde mi aveva avvisata.
"Cosa ne pensi di mia moglie?" mi domanda fissandomi negli occhi. Domanda inaspettata e di nuovo mi lascio catturare dal suo sguardo: "Beh...penso che sia una donna molto determinata, che sa quello che vuole e anche intelligente." mi risparmio giudizi sull'aspetto fisico. Non voglio che pensi che sia una specie di lesbica...cioè, non lo sono...ma lei è davvero bella e dopo ieri mi attrae in un modo pazzesco.
"Esatto. Io e lei abbiamo un rapporto molto speciale. È una donna fantastica." Vedo una nota di tenerezza nella sua voce. Si vede che la ama veramente e mi compare un leggero sorriso sul volto. Poi aggiunge: "Mi ha chiesto di poter passare un pomeriggio con te. Vuole comprarti qualcosa che sia adatto alla tua nuova posizione. Ho acconsento, quindi questo pomeriggio uscirete insieme per fare shopping." Fare shopping con il mio capo...finalmente una cosa normale! Dopo un attimo di pausa prosegue: "Ora passiamo al lavoro. Esaminerai alcuni documenti e proposte per esposizioni. Io controllerò tutto e al minimo errore verrai punita. Un'ultima cosa: quando ti rivolgi a me devi darmi del lei ed essere sempre molto gentile. Chiaro?"
"Certo, signore. Ringrazio sua moglie per il pomeriggio di shopping e adesso passo al lavoro." Rispondo con il tono più gentile che posso avere e comincio a passare in rassegna tutti i documenti e le proposte. Le esamino con cura: alcune sono davvero interessanti, mentre altre decisamente no. Le guardo con scrupolosità, cercando di stare attenta a ogni singolo dettaglio. Lui mi guarda fisso, sento i suoi occhi addosso e per un secondo perdo la concentrazione senza rendermene conto: "Ci sono diverse mostre che sembrano molto interessanti...altre invece mi sembrano, se posso permettermi, leggermente banali e già viste...ma altre sembrano davvero avvincenti! Come questa che si terrà il 3 Aprile..."
"Il 3 Aprile?" mi chiede lui. Guardo la data per confermare e...è il 13 Aprile. Porca troia, non ho letto la prima cifra: "Scusi. Non ho letto il primo numero."
"Vedi, cagnolina" oddio quel soprannome mi fa bagnare inevitabilmente, poi quel tono di voce "le date e i numeri sono importanti." Attimo di pausa in cui si alza e si porta di fronte a me: "Confondere il 3 con il 13 è impossibile se facessi le cose con attenzione." Chiudo gli occhi e mi maledico per l'errore così scemo! Aspetto l'inevitabile.
"Rimettiti in posizione." Ordine sparato con tono duro che non ammette repliche. E infatti non replico, mi metto di nuovo piegata sulla scrivania con i palmi appoggiati. Sto tremando, mentre l'uomo si posiziona dietro di me. Sento il rumore di lui che si slaccia la cinghia. I miei sensi sono all'erta come quelli di un cane è una parte di me spera ardentemente che si slacci anche i pantaloni. Il mio cervello elabora solo una voglia quasi ultraterrena di essere presa in questa posizione, di essere scopata a 90 mentre mi sculaccia, mentre mi chiama cagna, di sentire il suo sesso duro e caldo dentro di me. La parte razionale di me cerca di urlare quanto tutto questo sia ingiusto e quanto praticamente mi stia facendo pagare per dei piaceri sessuali. Ma l'altra parte di me risponde con un urlo ancora più forte: "CHISSENEFREGA!!". Quelle sculacciate mi hanno mandata fuori controllo. Cerco di captare qualsiasi altro movimento, ma c'è solo il silenzio. Attendo quasi tremando e con il fiato sospeso. Solo il rumore della cinta che si sfila, ma niente zip che si abbassa. Il mio cuore martella.
"Stai tranquilla cagnetta. Non è ancora il momento di farti godere del mio cazzo...anche se da come sgoccioli sembra che tu non voglia altro." Come dargli torto? La mia figa esposta e bagnata parla da sola. "Ho ragione?" sento un sibilo e poi la pelle della cinta impatta contro il mio culo scoperto. Al posto della risposta alla sua domanda, esce un rantolo quasi strozzato. Non me l'aspettavo di certo una cinghiata! Mi arriva bruciante sulla pelle, il bruciore e il dolore si espandono sulla chiappa colpita, ma nonostante questo io mi sto davvero eccitando come una cagnetta. Ho sempre amato farmi far male sulle chiappe. Più le sculacciate sono forti e più godo. In effetti sono un po' masochista in certi casi e anche il fatto che sia un uomo come lui a procurarmi questo dolore misto a piacere, mi fa veramente sciogliere. Ma lui si ferma e poggia la cinta sulla scrivania davanti ai miei occhi, tra le mie mani, in modo che possa vederla bene: "O rispondi come si deve o te ne vai. Ti ho già detto due volte che devi rispondermi e io mi sono stancato." Diamine! Non me ne voglio andare! Anche se non so se non voglio andarmene per via del lavoro o per via di questo trattamento...
"Scusi, ha ragione. In effetti sono molto...eccitata..." faccio quasi fatica a dire quella parola, nonostante sia palesemente vera "non mi aspettavo le cinghiate, signore." Nei miei occhi si legge il terrore di essere cacciata, li tengo bassi in segno di sottomissione senza muovermi di un millimetro dalla mia posizione.
Lui è impassibile: "Rispondi."
Lo guardo in quegli occhi. Quegli occhi eh mi fanno impazzire. Oddio...e adesso come faccio a dirgli che effettivamente mi aspettavo e volevo che mi scopasse qua sulla scrivania?! Come faccio a essere educata dicendoglielo chiaramente in faccia?! Quello sguardo però mi incanta. Mi sento come un cobra al comando di un incantatore di serpenti e rispondo senza neanche accorgermi, sentendo la mia voce lontana, come se non appartenesse a me: "Sì...vorrei il suo cazzo..." oh merda! L'ho detto! Così diretta! Sarò stata troppo diretta? Sarò andata bene? Sarò andata male? Aiuto!
"Brava cagnetta. Ci voleva tanto a dirlo?" Risponde lui con un sorriso beffardo. Lo odio e allo stesso tempo lo adoro! Mi umilia e mi eccita! Ma che diamine!
"Ma non te lo sei meritato, quindi resterai con la figa volante ancora per molto."
Detto questo, ritorna alla poltrona e si siede tranquillo, io non mi sposto. Continua a parlare: "Ora tornerà mia moglie. Voglio che tu ti spogli completamente, dovrai farti 13 pizzicotti su ogni capezzolo, poi ti toccherai 13 volte. Inizierai con i pizzicotti e poi ti toccherai. Conta ad alta voce, voglio sentirti. Devi arrivare al punto che sfiorarti ancora ti farà godere. Se avrai un orgasmo verrai licenziata in tronco."
Mi tolgo quasi subito tutti i vestiti (non che ne avessi tanti)...non voglio farlo arrabbiare...prendo tra le dita un capezzolo, con l'altra mano prendo l'altro...tiro due pizzicotti abbastanza forti...sento un dolore misto a piacere...mi tocco il clitoride..."Uno."
Ripeto il procedimento: pizzicotto e toccata alla figa "Due."
Conto ad alta voce e sento il dolore che si fa sempre più intenso..."Tre"
Mentre i capezzoli iniziano a farmi male, sento che qua sotto sono un lago..."Quattro."
L'uomo mi guarda fisso..."Cinque."
Le unghie con cui mi tocco i capezzoli pizzicano e il clitoride pulsa..."Sei."
Il seno mi fa male, sento il sangue affiorare sui capezzoli...e anche l'eccitazione farsi strada dentro di me "Sette."
Comincio a perdere fiato..."Otto..."
La mia voce inizia a tremare..."N-nove..."
Oddio, perché mi piace così tanto? "...die...ci..."
Sento che sto per venire...mi fermo due secondi, non posso venire...faccio un respiro profondo..."Undici."
Il mio sesso è gonfio e voglioso, non posso nasconderlo..."Dodici."
Dai, sono alla fine...solo un ultimo pizzicotto per capezzolo e un'ultima toccata di figa...non venire..."Tredici."
Mi fermo e quasi mi siedo sulla scrivania per lo sforzo di aver trattenuto l'orgasmo...i capezzoli sono durissimi e doloranti, il clitoride duro, rosso e pulsante...
L'uomo mi ha fissata per tutto il tempo con un lieve sorriso e gli occhi impassibili. È estremamente affascinante e allo stesso tempo mi da sui nervi la sua mancanza di reazione. "Bene. Ora torna al tuo posto e continua il lavoro." Tutto qui? Messa come sono PRETENDO un orgasmo! Ma non posso di certo dirglielo, per due motivi: il primo è il briciolo di orgoglio e dignità che mi sono rimasti; l'altro è perché mi hanno detto che non vogliono repliche o rifiuti. Lui continua a fissarmi e io non riesco a vestirmi. Mi piace troppo come mi sta guardando adesso. Mi siedo di nuovo sulla sedia, riprendendo il lavoro più eccitata di prima. Tra le mie gambe sento gli umori farsi strada e adagiarsi sulla pelle della sedia.
Il tempo passa e il silenzio fa da padrone. Sento il sangue pulsare in tutto il corpo e un leggero venticello che entra dalla finestra mi fa venire la pelle d'oca. Lui non parla e continua a lavorare come se non esistessi. Eddai! Mi stavi facendo venire e adesso mi ignori così? Ad interrompere i miei pensieri perversi e la porta che si apre tutto d'un tratto. È la signora che è rientrata, su tacchi vertiginosi e con un abito che le sta talmente bene da fare invidia a una modella. Ma come diavolo fa a camminare così tranquilla con quei trampoli? A me fanno male i piedi dopo neanche venti minuti! Lascia chiudere la porta dietro di sé e mi guarda sorridente e con le sopracciglia alzate in segno di stupore. Appena mi scruta, non arrossisce solo il mio viso...proprio tutto il mio corpo diventa una sorta di peperone. La guardo e provo a ricambiare un sorriso naturale...che di naturale non ha proprio un fico secco: "Salve."
Lei non risponde, fa solo un sorriso appena accennato. Si dirige da suo marito e testa ferma in piedi alla sua destra. Dopo qualche secondo si toglie il vestito, rimanendo completamente nuda e con solo i tacchi a spillo. La mia presenza è irrilevante e lei sembra in attesa di qualcosa. Io strabuzzò gli occhi, estasiata da quel fisico perfetto e bronzeo. Io non sono una brutta ragazza, anzi praticamente tutti mi dicono che sono "bella", "figa", "altamente scopabile"...ma davanti a lei mi sento uno sgorbietto, una ragazza mediocre e un aspetto trascurabile. Con un occhio la guardo e con l'altro lavoro...o almeno cerco di lavorare. Sento il mio inguine rispondere a quella visione con una scossa.
Finalmente l'uomo fa un movimento: si alza mettendosi di fronte a lei. Le tocca la testa, scende verso il basso con la mano, accarezzandole i seni e stuzzicandole i capezzoli. Poi scende ancora, fermandosi sul sesso di lei. "Sei un lago." Dice lui con evidente soddisfazione e solo ora noto che dalle grandi labbra della donna spunta una cordicella. Cos'è? La risposta non tarda ad arrivare: lui la prende con le dita e tira, estraendo da dentro di lei un vibratore di 7 cm più o meno, lucido come un diamante. "Puliscilo." Ordina lui, portando quel lussurioso oggetto sulla bocca della sposa. Lei lo succhia con gusto, lo pulisce q fondo e con dedizione. Una volta terminato lui le dice: "Brava. Ora puoi andare da quella cagnetta che sta sbrodolando là sotto." E punta i miei occhi. Appena mi cattura con lo sguardo e finisce quella frase, ho la stessa sensazione che avevo quando, da piccola, giocando a nascondino, quello che contava mi beccava e urlava "TANA!". Nella mia testa rimango ipnotizzata dalla visione del vibratore che esce e di lei che lo succhia. Ho smesso praticamente di lavorare e ho gli occhi fissi su di loro, ma li riabbasso appena lei si volta verso di me, come se mi vergognassi. Lei si riveste con lentezza e cammina sinuosa verso di me. Arriva davanti alla mia scrivania e richiama la mia attenzione poggiando il vibratore sui fogli che tentavo invano di leggere: "Sei davvero così tanto eccitata, cara?"
L'uomo, intanto, senza dire una parola esce dalla stanza, lasciandoci sole.
"Ehm...sì...sì, lo sono..." dico io guardando prima il vibratore e poi lei. Cerco di rispondere subito e con gentilezza. Per favore, abbiate pietà! Sto imparando a rispondere!
"Hai visto cos'è successo poco fa?" E me lo chiede pure? Non so se ha notato il mio sguardo quasi assatanato! Provo a rispondere: "Lei si è spogliata...e lui accarezzandola le ha tolto il vibratore...e ha detto che lei era bagnata..."
"Lui mi ha controllata." Risponde lei decisa "Io voglio essere sempre perfetta per lui."
"Beh...io penso che lei sia già perfetta..." oddio! Giudizio personale uscito dalla mia bocca senza volerlo! Ma che diavolo mi è preso! La guardo con lo sguardo che la dice lunga su come mi senta adesso, sono sorpresa dalle mie stesse parole! Mi sono scappate senza farlo apposta. "Che cara che sei." Sorride lei. Dentro di me un sospiro di sollievo. L'ha presa bene. Continua: "Il giudizio di lui, però, è più importante del tuo." attimo di pausa "Il mio compito è quello di controllare te, lo sai questo?"
"Sì...almeno...l'avevo intuito..." rispondo io ridendo in modo nervoso. "Bene." dice lei con entusiasmo "Allora alzati da quella sedia e fammi vedere come l'hai ridotta."
Mi alzo immediatamente, come un soldatino sull'attenti e la guardo con atteggiamento misto tra la vergogna, il timore e l'eccitazione. Si avvicina e tra me e me penso che non bisogna essere Sherlock con la lente d'ingrandimento per vedere i miei umori sulla pelle: "Hai sporcato tutto cara...sei davvero molto eccitata. Mettiti a pecora e ripulisci tutto."
E io dovrei piegarmi e leccare i miei umori come un cane?! Sì...è esattamente quello che sto per fare, costretta da quegli occhi e quel sorriso malizioso. Questa umiliazione quasi mi eccita, a dire il vero. Non so per quale motivo. Mi piego a 90 e dopo cinque secondi dò la prima leccata...poi la seconda...la terza...sto leccando la sedia come una cagnolina.
Mentre lecco, lei porta le dita sul mio culetto, le sue dita sono molto invadenti. Mi muovo leggermente, perché il piacere che mi sta dando è mescolato al fastidio per il culo. È una parte ancora semi vergine del mio corpo e non riesco a trattenere un gemito quando le dita prendono più confidenza. Adesso scendono verso la mia figa: "Che sapore ha?" Mi chiede lei. "È salato...e aspro...non lo so, un miscuglio..." dico io balbettante, mentre la mia vagina si pregusta quello che potrebbe accadere se quelle dita continuano ad insistere. Inarco la schiena per facilitarle il tutto, il mio corpo si esprime con un linguaggio tutto suo. Sento le sue dita che mi stimolano le labbra e il clitoride e io inizio a sospirare più forte mentre continuo a leccare e ingerire. Dietro di me la sento sorridere beffarda, il mio piacere e la mia voglia sono ovvi. Ma non passa molto che lei si toglie completamente da me e sento alle mie spalle il rumore di un piccolo risucchio e di un leggero mugolio di piacere. Si è portata le dita alla bocca e le ha succhiate per sentire di cosa sanno. "Cara, ora rivestiti che dobbiamo uscire."
Dentro di me sbuffo. Mi portano all'apice del piacere, vicino all'orgasmo, regalandomi false speranze di godere...e poi mi lasciano a bocca asciutta...MA PORCA PU..comunque, mi alzo barcollando e mi rimetto la gonna, la maglietta e le scarpe. Faccio per nascondere l'incazzatura del mancato orgasmo, non voglio farla arrabbiare. Cerco di rilassarmi, mentre lei mi osserva rivestirmi. Appena comincio a rilassarmi, la signora mi porta davanti al viso un vibratore molto simile a quello che le ha tolto il marito. Ma da dove salta fuori?! Dentro la mia testa si presenta una scena buffa di una donna con la vagina talmente profonda che la usa come portaoggetti e tira fuori di tutto. Ma non rido. Rimango fissa sul vibratore. "Prima di uscire dobbiamo infilarci questo." dice lei facendolo oscillare davanti ai miei occhi: "Scoprirai presto il motivo..." il sorriso non abbandona le sue labbra carnose, labbra che ti viene voglia di mordere, che si aprono ancora per parlare: "Solitamente è mio marito che me lo infila e me lo toglie, ma dato che è la prima volta ti lasceremo fare da sola." Detto questo, mi porge il vibratore e attende, senza mai togliermi gli occhi di dosso, che io lo inserisca nel mio sesso. Io, per tutta risposta, la guardo sorpresa e poi guardo l'oggetto come se fosse la prima volta che vedo qualcosa del genere. Lo prendo tra le mani e lo rigiro per pochi secondi. È asciutto, ma non c'è alcun bisogno di bagnarlo, sono già lubrificata di mio, abbastanza da accoglierlo dentro di me senza alcun problema. Continuo ad osservarlo, mentre lo porto sotto la gonna, lo strofino un po' contro le labbra umide e il clitoride gonfio e poi lo inserisco tutto con un lieve sospiro. Riporto lo sguardo sulla donna e sbatto gli occhi, come se mi fossi destata da un sogno. Dopo di me se lo infila anche lei, spinge leggermente il suo vibratore tra le labbra e in un colpo è dentro. "Bene, cara. Ora siamo pronte." Si avvicina a me e mi accarezza delicatamente i capelli. Piego impercettibilmente la testa sulla sua mano, come per assaporare appieno quel gesto di naturale gentilezza. Mi sorride: "Andiamo a fare shopping." dice con un filo di voce, avvicinandosi alle mie labbra e sfiorandomele in un bacio simile a quello che mi ha dato ieri, con una puntina di lingua che per una frazione di secondo sente le mie labbra. Io rimango pietrificata da quel bacio, un bacio altamente erotico, uno di quei baci che ti fanno montare la voglia in un nano secondo, un bacio che mi fa percorrere un brivido di piacere lungo la colonna vertebrale. Usciamo dalla stanza.

Continua.

Nota dell'autrice: ringrazio ancora il mio Padrone mecenate.gioco@yahoo.com per aver continuato questa storia che sto adorando :)

Questo racconto di è stato letto 8 4 0 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.