Erotici Racconti

Quell'afrore abbacinante

Scritto da , il 2017-01-11, genere gay

Mi è sempre piaciuto. Prima superiore, magro, glabro, occhi e capelli castani. Che capelli! Ancora godo se penso a come stavano bene le mie dita nelle sue ciocche mentre la mia lingua affondava nella sua bocca e il mio vergine cazzo sfondava il suo vergine culo.


Sono uscito dal corso di recupero, ma ho già deciso che ripeterò il terzo anno. Ci vado solo per fare visita al mio migliore amico che abita vicino.
Suono, mi aprono senza chiedere e questo mi incuriosisce, comunque salgo le scale, busso.
Non mi apre Fulvio, ma un ragazzo castano con il pigiama più nero e attillato del mondo.
"Alessio?!"
"Lukas?!"

Cavoli, è proprio Lukas. L'ultima volta che l'ho visto non era un metro e settanta. D'istinto lo abbraccio così forte da sentire il suo piccolo petto schiacciarsi e dall'alto del mio metro e ottanta gli arruffo i capelli: "Ce l'hai ancora questa zazzera!".
Lui sorride delicato, incassando un po' le spalle e coprendosi le labbra con le dita. Mi dà una pacca sul braccio e mi offre uno spuntino.
Sta preparando il thè mentre io gli guardo la carrozzeria leggera, ben tenuta in questi anni di assenza: quei capelli brillanti, curati bene alla nuca; le spalle larghe ma deboli, in attesa di qualcuno che le protegga; i fianchi stretti ed eleganti; le gambe snelle; ma signori, per ultimo quel confetto di culetto che si ritrova, visione perfetta che mi fa ancora dubitare dell'assenza di un Creatore di Culi.
Mi coglie con gli occhi nel culo mentre si gira con le tazze. Però sembra soddisfatto.
Prendiamo i biscotti e il mio si spezza e cade a fondo.
"Alessio, tieni"

Mi porge il biscotto sulla bocca.

Lo mordo, ne spezzo metà.

Inzuppa la restante metà, se la passa sulle labbra, se la mette in bocca.

Ci guardiamo mentre le nostre guance si muovono, sotto il suono croccante.

Ingoia, schiude la bocca, "ah...".


Completamente spiazzato, ingozzo il mio mezzo biscotto e gli chiedo il miele che mi ero scordato. Lento, mi passa tazzina e cucchiaino. Anziché ritrarre il braccio, lo poggia sdraiato lungo il tavolo.
Lo guardo terribilmente eccitato.
Mi guarda serafico.

Gli imbocco un cucchiaino di miele. Lui chiude gli occhi, se lo gusta tutto, si lecca le labbra.

Sdraio il mio braccio, incrociamo le dita.

Prende il cucchiaino, lo immerge, mi imbocca.

Io sto esplodendo.

Ci guardiamo al gusto di miele, alla luce soffusa del salotto.
Mentre respira il suo petto va su e giù.

Silenzio.

La quiete prima della tempesta.


Mi alzo di scatto, la sedia scricchiola. Sgrana gli occhi mi fiondo su di lui le tazze vanno a fanculo chiudo gli occhi lo bacio.
Mi bacia.

Apriamo gli occhi. A due centimetri. Che occhi! Iride castano, pupilla dilatata, intorno un bianco divino.

Metto le ginocchia sul tavolo, lo afferro e lo porto su con me. Siamo sopra, le tazze sono sotto frantumate e il thè dilaga.

Lui tiene le gambe distese di lato mentre sta seduto sul tavolo. Mette un dito nella tazzina, lo porta umido nella mia bocca. Glielo lecco tutto, lo lustro con le labbra. Agguanto la sua stessa mano e la metto nella tazzina di zucchero.
Il dito mieloso e zuccherato, glielo porto alla bocca. Lui geme mentre si lecca e si lustra.

Adesso sono esploso.

Gli tolgo di prepotenza la maglia del pigiama e vedo quella pelle glabra, mulatta, divina, quei capezzoli ellissoidali e marroni. Scatto verso i suoi occhi socchiusi e fiondo la lingua nella sua boccuccia.
Ci prosciughiamo a vicenda.
Le mani mie nei capelli suoi, mani sue sotto la mandibola mia.
Gli bacio una guancia, lo prendo e lo metto per terra come fosse alla mia mercé.
Lo è.

È sdraiato supino. Gli abbasso i pantaloni e il pene mi si rizza oltre il suo limite: le cosce più delicate che abbia mai visto. Sode. Non un pelo. Un bignè sessuale, come lui. Mi tolgo felpa e maglia.
Mi sdraio su di lui, sento le cosce, il suo pisello dritto con la cappella sotto il mio ombelico, il suo piccolo petto compatto. Gli metto le mie mani sotto le sue spalle, gliele afferro e lo bacio più forte. Lui mi afferra le natiche. Ha quattordici anni ma sembra navigato.
Eppure quando lo giro e gli apro le natiche, vedo un buco piccolo piccolo.
Le mie mani afferrano le sue chiappe nude, crude e pelate, le unghie graffiano, mi butto sopra la sua schiena con tutta la forza che ho e lui fa un gemito turbato dal sussulto.
Prendo il mio cazzo paonazzo, lo adagio al cerchietto del culo, gli afferro e tiro i capelli e il suo viso si gira così tanto che i nostri occhi si incrociano.

Nello stesso momento, le sue sopracciglia si contraggono insieme con la fronte e gli occhi castani si chiudono. Un lamento strozzato dal sussulto.
Sento la spada nell'elsa. È la sensazione più bella del mondo, non riesco a non sorridere di piacere. Volevo scoparmelo da anni.

Un altro sussulto, la sua faccia avanti e indietro, il suo culo sobbalza. Un altro gemito.
Più forte! Un urletto!
Ancora! Un urlo!
Tutto dentro!!! Un grido disperato!!!


Sfodero la spada. Mi sdraio. Chiudo gli occhi: posso morire felice. Ma ancora la felicità deve arrivare.

Sento una lingua intorno al filo che circonda la cappella. Sento succhiare. Credo che stessi svenendo. Ma in realtà era lui che stava venendo. Mi ha preso la mano mentre me lo succhiava con la sua boccuccia troppo piccola e in pratica si sega con la mia mano. Viene sul mio palmo.
Io rinvengo, apro gli occhi e nel clou della pompa stacco la spada dall'altra elsa e gli schiaffo la mia mano intrisa di sua sborra sul suo volto. Glielo spalmo come fosse Nutella. La lecca e la ingoia come fosse tale. Gli afferro il collo e lo tiro su di me. Ci baciamo, limoniamo duro. Gli bacio i capelli profumati, li annuso. Ci capovolgo. Le tazzine erano cadute nel frattempo, accanto a noi. Butto la mano nel miele, gli cospargo la prima elsa e infodero a tutta potenza. Scivola che è un piacere. Urla come se lo stessi uccidendo e questo mi trasforma in un toro.

Gli affondo la lingua fino alla gola, voglio toccargli il culo. Me lo sto divorando vivo.
Lo inculo a intervalli così veloci che sembra lui abbia un attacco epilettico. Si pente di aver già sborrato, il ragazzo. Ma per fortuna io non mi sono accontentato del pompino.

Sto per venire. Sono sfinito. Emaniamo afrore e ormoni a mille. Gli metto le dita nei capelli, in quelle ciocche lisce dategli da un serafino, gli bacio il collo, la mia testa crolla. La mia minchia sborra.
Urliamo al punto che il bambino dei vicini si unisce a noi.

La spada resta infoderata. Stiamo così, per terra, col thè che si unisce a sborra e sudore. Ci baciamo a lungo, dolcemente. Consumiamo tutto il miele, tutto lo zucchero.

Ci addormentiamo così, esausti e soddisfatti.


...


Mi sveglio, ho sborrato le lenzuola. Non me ne curo, ma prendo il cellulare.

"Ciao Lukas, non ci vediamo da tempo. Che ne dici se questo pomeriggio vengo da te?"

Questo racconto di è stato letto 2 9 6 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.