Erotici Racconti

A casa di papà - La verità

Scritto da , il 2017-01-04, genere incesti

"In che senso Giada è in pericolo?! Che stai dicendo?!" Stefano era infuriato. Si era recato lì al bar con l'intento di spaccargli la faccia. Ivan, dopo essersi beccato un bel destro che gli aveva aperto il labbro, aveva alzato le mani in segno di resa, dicendogli che doveva informarlo di una cosa importante. "Giada è in pericolo, se già non l'ha presa Diego!"
"Chi cazzo è Diego?! Mi vuoi spiegare?" Ivan gli disse di sedersi a un tavolo e chiese al barista un bicchiere d'acqua. Bevve un sorso, prese un profondo respiro e cominciò a raccontare.

"Allora: Mauro non è la persona che tutti credono che sia. Lui si è spacciato per il padre naturale di Giada, ma non è vero."
Stefano era incredulo: "Ma perché? Chi è? Se mi stai dicendo una puttanata..."
"Giuro su Dio. Io lo so, sono suo figlio! Mauro in realtà si chiama Diego. In realtà ho diciassette anni e non tredici come credevate. Io vivevo con lui e mia madre. Il loro matrimonio sembrava andare benissimo, ma poi tutto cambiò. Mio padre ha cominciato a rientrare sempre più tardi dal lavoro, inventando sempre una scusa diversa. Credo che andasse a puttane, che si fosse stufato della vita matrimoniale e dei suoi obblighi e divieti. Lui e la mamma avevano cominciato ad allontanarsi e la mamma cominciava a deprimersi sempre di più. Poi sua madre è morta di leucemia e lei è caduta in un buco nero. Quasi non mi considerava più. È stato allora che Diego e io ci siamo avvicinati: veniva a vedere le mie partite a calcio, mi aiutava con i compiti e mi lasciava uscire con chi volevo, ovviamente volendo sapere con chi uscivo e dove andavo. Guardandomi indietro, mi accorgo che in effetti c'era qualcosa di strano nel modo in cui mi guardava e mi toccava.  
Sta di fatto che un giorno, mamma era fuori. Non so a fare cosa, probabilmente delle lunghe passeggiate. Nonostante tutto quello che stava accadendo, le volevo un bene immenso e non ho mai smesso di amarla, neanche quando lei non mi considerava più. Diego cominciò a dirmi che per lui ero speciale, che mi amava, che pensava sempre a me. Mentre mi diceva tutto questo, cominciava a toccarmi...in modo diverso. Mi aveva fatto sedere sulle sue gambe e avevo sentito sotto il culo una cosa gonfia che spingeva. Io non sapevo che fare. Insomma, era mio padre che mi stava parlando e in quel momento mi sentivo tanto amato. Aveva cominciato a toccarmi il pacco, a baciarmi sulla guancia. Non ti racconterò i dettagli morbosi di come mi ritrovai con il grosso cazzo di mio padre nel culo. Mi continuava a dire che mi amava, che era una dimostrazione del suo amore. Io ero troppo impaurito e confuso, non avevo idea di che cosa mi stesse facendo. Cioè, sapevo cosa ovviamente che cosa fosse il sesso, ma...non sapevo cosa pensare in quei momenti. Ma ogni volta che entrava in camera mia, sapevo che voleva il mio culo. Che lo voleva penetrare e che voleva farmi suo. È andata avanti così per diverso tempo e io ero sempre più sottomesso a lui. Poi mamma ci vide un giorno." Ivan si bloccò. Sembrava sul punto di piangere, gli occhi erano lucidi e le sue mani tremavano leggermente. Stefano stava facendo scemare la rabbia. Sembrava che Ivan fosse davvero sincero mentre parlava. Inoltre voleva capire che cavolo stesse succedendo. Ivan ricacciò dentro di sé le lacrime, deglutì, il pomo di Adamo fece sue giù. Riprese: "Eravamo in camera mia. Io sdraiato sulla pancia. Diego sopra di me. Sentivo quella cosa squarciarmi in due ogni volta. Mamma urlò. Diego saltò in piedi e cominciò ad insultarla. Lei gli disse che avrebbe chiamato la polizia, che sarebbe morto in galera. Lui, per tutta risposta, la prese per i capelli. Lei cadde a terra. Io ero impietrito. Non sapevo che fare. La trascinò fuori casa. In macchina. Partirono, io ero in casa, ancora nudo, che cercavo di coprirmi con le coperte. Una settimana dopo ero al funerale di mamma. Sapevo che lui era responsabile, ma dicevano tutti che era stato un incidente. Che la macchina aveva sbandato e che era finita nel fiume. Lui mi rinchiuse in una specie di istituto. Mi avevano prescritto degli antidepressivi è una serie di farmaci per farmi stare tranquillo. Ma ogni notte. Ogni fottuta notte. Avevo incubi. Incubi su mio padre che entrava in camera mia sbottonandosi i pantaloni. Incubi su quel mostro nella mia bocca e sul bruciore all'ano e il dolore sia fisico che psicologico che mi procurava MIO PADRE nello scoparmi! Finsi di stare meglio solo perché volevo uscire da quella gabbia di matti dove ero rinchiuso. Provai a scappare di casa, ma dopo due giorni lui mi aveva già trovato. Ogni giorno mi violentava il culo. Mi sono sentito uno schifo per non aver mai fatto niente. Perché mi minacciava di farmi rinchiudere di nuovo, o peggio...di riunirmi a mamma. Poi un giorno ha visto Giada. Continuava a pensare a lei. La voleva, voleva fare di lei il suo nuovo giocattolino. E io, merda come sono, ho accettato di aiutarlo, pensando che una volta ottenuta lei mi avrebbe lasciato in pace, che mi avrebbe lasciato andare. Diego ha preso il posto del padre di Giada. L'uomo che hanno trovato pochi giorni fa." Stefano sbiancò. Non poteva essere vero! Era un incubo. Il ragazzo davanti a lui non si stava inventando una storia strana per pararsi il culo dalle sue perversioni. Era un ragazzo ferito nell'animo. Ma quel pensiero su Giada...lo faceva incazzare come una bestia! Ivan gli lesse nel pensiero: "Appena l'ho vista...ho capito che stavo sbagliando. Mi sono...credo di essermi innamorato di lei a prima vista. Io che faccio il guardone non è legato a Diego. Sono io che sono attratto da lei. E credimi, lei mi ha rimproverato per questo! Ma adesso lei è sola...con LUI in casa! Devi aiutarmi!"
Stefano lo guardò intensamente. Gli credeva. "Che cosa dobbiamo fare?"

Continua.

Questo racconto di è stato letto 5 6 5 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.