L'appuntamento

Scritto da , il 2017-01-01, genere dominazione

Sottomessa ai suoi voleri, verrà trattata come la cagna che è. Con grande soddisfazione di entrambi.

S.: Sento la porta aprirsi: è lui. Eravamo d’accordo da tempo per quell'appuntamento; tesa, più che eccitata ero nervosa per l'attesa, per l'anticipazione del nostro incontro.
Un guazzabuglio di pensieri. Troppo tardi ormai per tornare indietro, troppo avanti per rinunciare, troppo importante quel presente che stavo vivendo e che mi scuoteva l'anima nel profondo.
Paura e desiderio, passato e futuro, bene e male... Ancora una volta bene e male miscelati nel crogiolo dell'esistenza, nella fucina di cui noi stessi siamo i fabbri.
Seduta a terra, come lui mi aveva detto di farmi trovare per il suo arrivo, aspettavo tremante dall'emozione molto più che dal freddo. Ci avevo pensato e ripensato, fino allo sfinimento, alla noia: perché lo stavo facendo?
La risposta era in me, in quella camera buia della mia mente che solo lui sapeva aprire, in quella camera dai confini così ampli da contenere tutta me stessa come una sorta di contenitore rivoltato su se stesso, in modo che il contenuto divenisse il contenitore e viceversa.
Ora basta, i suoi passi scandiscono la fine di ogni possibile ripensamento: ora il presente sta per farmi esistere davvero, nella pienezza delle mie sensazioni, cancellando tutto il resto.

M.: Non riuscivo a concentrarmi sul lavoro: e come avrei potuto sapendo quello che stavo per fare? Sono lì, davanti a quella porta bianca, con le chiavi in mano, in una sorta di iper-realtà, tutti i sensi tesi al massimo.
Chiedersi se aprire quella porta sia saggio o meno è una cosa inutile ormai, ma lo faccio lo stesso e mi fermo a metà gesto. So che lei è di là da quella porta, a pochi metri di lì, come le ho chiesto di farsi trovare.
E' la mia controparte femminile: ci capiamo al volo per i nostri giochi anche se è la prima volta che si trascende dall'astratto al reale.
E’ il pensiero che reclama l'atto, attraverso una continua linea di sensazioni, che porta me da questo lato della porta, e lei dall'altro. Uso la chiave per aprire, e risoluto entro.

S.: Si avvicina, sento la mia nudità pesarmi addosso più di un pesante cappotto. Non riesco a tenere lo sguardo basso come vorrei, per affermare la mia sottomissione, invece vince la curiosità di sapere se anche lui è scosso come me dalle sensazioni, così lo guardo negli occhi.
Riesce ancora a stupirmi: il suo sguardo è tra i mille possibili sguardi il più tenero che possa esistere sul suo viso, ed è sincero. Sorride, riprende a camminare passandomi accanto. Non lo vedo più e non voglio cambiare la mia umiliante posizione. Sta cominciando. Mi fido di lui.

M.: Pochi passi e le sono di fronte: la trovo come volevo che fosse: semplicemente nuda ed accovacciata per terra. E' bella da stupire; più strano ancora è che la sua bellezza più pura non è di quella che si possa vedere.
Rallento, mi fermo. Lei alza lo sguardo -lo sapevo che non avrebbe resistito!- Ci scrutiamo l'anima a vicenda già sapendo quello che avremmo trovato.
Devo spezzare l'incanto! Con fatica avanzo di un passo, poi di un altro, le sono di fianco, poi la supero. Mi giro e la osservo: lei non si muove né mi guarda.
Bene, è l'inizio del nostro gioco.

S.: Aspetto, lo sento appoggiare la 24-ore che portava con sé sul tavolo -chissà cosa conterrà- mi chiedo, già intuendo la risposta.
Torna da me, è dietro. Fremo per l'attesa. Una scossa, un brivido: mi sfiora le spalle con la mano. Finalmente un contatto, un ponte fra noi che non sia solo pensiero, ma carne.
Continua così per un po’ e ho difficoltà a restare ferma, così lui mi redarguisce ed io mi sforzo di ritrovare l'immobilità. E' difficile: insiste sui fianchi ora, ed io non posso non sussultare; ogni tanto scende sino al fondo della schiena, andando a sfiorare il mio fiorellino nascosto.
Mi inarco per facilitare la superficiale ispezione ma lui risale veloce ed allontana la mano. -Hmm, non va bene piccola monella, non devi muoverti così!- mi sussurra all'orecchio.
Biascico qualche scusa: -soffro il solletico- dico piano. -Lo so- Mi risponde.

M.: -Se non sai stare ferma, sono costretto a legarti piccola. Le dico in tono canzonatorio, sapendo che non aspetta altro. Tuttavia, ho sempre detestato essere così prevedibile, quindi vorrei trovare un’alternativa per stupire e in grado di appagare entrambi. Ma l’idea di legarla, di renderla del tutto impotente, di obbligarla a godere, di farle perdere il controllo senza aver la possibilità di agire, è davvero troppo forte. No, non posso ripiegare su altri giochi, per quanto possa essere scontato legarla ora diventa un imperativo categorico.
Prendo veloce dalla 24-ore un foulard di seta nero e le bendo gli occhi, quindi le chiedo di alzarsi. Lentamente le giro attorno. Lei si innervosisce e muove qua e là il capo per capire dove io sia. Le carezzo un seno mentre lei trema un po’; la carezza si fa più ruvida sino a diventare un pizzicotto. Lei si contorce e alza le mani per allontanarmi, ma si ferma a metà gesto, vincendo la lotta di autocontrollo; il pizzicare continua forte ora.
-Abbastanza bene- Commento. Le sfioro il pube e lei si ritrae di scatto. –Monella- le dico, -e ora metti le mani dietro la schiena-

S.: Congiungo le mani dietro la schiena, sento che lui mi viene dietro, e con una cordicella mi lega saldamente i polsi. Poi con una corda più lunga comincia a stringere i gomiti fra loro sino a legare assieme anche quelli, quasi uniti dietro la schiena. E’ una posizione scomoda, che mi costringe ad allargare al massimo le spalle, esponendo il mio seno a qualunque trattamento. Sono scomoda, ma già così tremendamente impotente.

M.: Prendo la cintura a doppia fibbia dalla 24-ore e la fisso ai suoi fianchi. Scelgo un pezzo di corda grossa e ruvida per farlo passare dai suoi gomiti sin sotto il sedere, fra le sue cosce, e di nuovo su verso l’ombelico, sino a legarsi strettamente sulla grossa cintura in pelle. Geme: la sento eccitarsi al contatto della corda fra le gambe. Tiro ancora di più la corda; e ancora di più sino a farle male.
I gemiti che sento sono di piacere. Le allargo le grandi labbra per permettere alla corda di assestarsi bene sulla vagina, venendo a contatto con la clitoride.
Tiro ancora forte verso l’alto e lei comincia a dimenarsi per il dolore ed il piacere.

S.: Ho problemi a mantenere l’equilibrio: non posso vedere né muovere le braccia e cerco di alleviare il dolore sollevandomi ora su un piede ora sull’altro. Lui continua a strattonare verso l’alto inondando il mio corpo di scosse di piacere e di dolore. Non trattengo i gemiti, e lui continua.
Poi l’ultimo strappo verso l’alto, forte, che mi lascia senza fiato, quindi la corda si distende e ricade giù senza tensione. Riprendo fiato.
Qualcosa mi sta toccando là sotto. Sensazione di liscio e freddo; poi un rumore sordo: una vibrazione e qualcosa che cerca di insinuarsi piano dentro.
Lascio fare, penso sia un vibratore. La cosa mi entra dentro, non la trovo particolarmente grande, ma il pulsare continuo là sotto dà l’impressione di accoppiarsi con un amante incapace di stancarsi.
Mi piace! Ora qualcos’altro preme nell’altro buchino. Non riesco ad identificare l’oggetto. Mi concentro per capire ma l’altra cosa che ho già dentro mi impedisce di essere lucida. Ma sì, certo, ne avevamo parlato tempo addietro: sono delle sferette!
Mentre ansimo per la prova, lui me ne infila 5 collegate da una cordicella nel mio sedere. Non capisco più nulla: le sferette entrano in risonanza con le vibrazioni del fallo, e tutto il mio basso ventre trema, vibra e si contorce dal di dentro.

M.: Posizionata l’ultima sfera, rimetto a posto la corda in modo tale da bloccare sferette e vibratore dentro il corpo della mia compagna. Sembra in estasi. Blocco il tutto legando molto stretto sulla cintura; poi le chiedo di inginocchiarsi. Lo fa lentamente, per non sentire dolore mentre cambia posizione. La mia eccitazione è già al massimo ma mi impongo di aspettare.
Le lego saldamente le caviglie fra loro, ed anche le ginocchia: ora è davvero immobilizzata! Prendo due mollette dalla 24-ore, di quelle dalla molla rigida, e gliele applico ai capezzoli.

S.: -Ahhh, maleeee- Non riesco a trattenermi. Qualcosa mi stringe i capezzoli e da lì attaccato penzola, stirandoli ulteriormente. Gemo ancora, le cose che ho nella pancia stanno per farmi venire, mi sento costretta e violata, e lui si sta ancora dedicando interamente a me.
Mi rendo conto che trattenermi ora è impossibile e comincio a gemere ed agitarmi in preda alla lussuria senza alcun ritegno. La sua voce al mio orecchio mi dice di non parlare e di non fare troppo casino; dopo un attimo mi infila qualcosa di sferico e molle in bocca e quindi mi imbavaglia stretta. Piano piano sto diventando un oggetto.

M.: Il bavaglio sopra la pallina in gomma infilata in bocca era in latex: mi compiaccio della scelta accarezzando quel materiale che tanto amo. Bene, ora non resta che privarla dell’udito per permetterle di concentrare tutte le sue sensazioni sui suoi punti erogeni e sulla sua umiliante situazione.
Predispongo una cuffia collegata all’HI-FI ed una cassetta di un gruppo pressoché sconosciuto che fa musica sperimentale, regolo il volume piuttosto alto ma non assordante, quindi gliela faccio indossare.
Le vado di fronte e mi godo la scena. Lei è lì ai miei piedi che mugola e si contorce, legata in modo tale da non poter far altro che questo, non vede né sente altro se non quello che io le propongo: perverso regista delle sue sensazioni.
Mi spoglio.
S.: Non capisco più nulla, mi sento obbligata a godere, e la sola idea di come mi deve vedere lui adesso, mi eccita a non finire: volgare spettacolo di umiliante immobilità.
Un altro orgasmo, molto più intenso di prima, di quando giocava con la corda, mi scuote dal profondo. Poi mi aspetto la pace, ma tutto resta così com’era prima: il fallo, le palline, il bavaglio, le mollette, la cuffia e tutte quelle corde che mi legano.
Sono sconcertata e mi accorgo che non posso fare assolutamente null’altro che godere, godere fino a stare male.
Il tempo si dilata. Riaffiora il piacere.

M.: Nudo mi avvicino a lei, in un impeto di magnanimità le tolgo le mollette. Le tolgo anche il bavaglio e mi avvicino per permetterle di succhiarmelo.
Lei non sembra lucida, e legata com’è cerca come può di accontentarmi. Io godo più nel vedere i suoi goffi tentativi, intralciata in ogni movimento dai legami, che dalla cosa in sé. Dopo un po’ mi accorgo di essere prossimo all’orgasmo, mentre lei ormai sta delirando con in bocca il mio cazzo.

S.: La musica si abbassa, -Non ingoiare, non sputare- mi dice la sua voce, poi di nuovo quella musica dai ritmi lenti e cadenzati e dalle vorticose risalite.
Ancora il suo cazzo in bocca, poi un’esplosione calda nella gola, e cerco di fare come mi era stato detto. Non capisco, ho goduto ancora ed ora me ne sto lì con il suo sperma in bocca; un po’ ne tracima dal mio labbro inferiore e cola sul seno scivolando poi più in basso; il tempo passa.
Tutto resta immobile, se non per il vibratore e le sferette che mi stanno togliendo ormai ogni energia.

M.: Tolgo finalmente la corda, e un millimetro alla volta il vibratore. Via cuffie, bavaglio e benda: lei resta lì tremante, con le braccia ancora legate dietro la schiena, il seno oscenamente esposto. Qualche sguardo d’intesa e mezzi sorrisi, non servono le parole. Solo i suoi ansiti, e il silenzio diviene spesso. Sono accucciato davanti a lei; decido di penetrare quello spessore. - Ora dovrai liberarti da sola dalle palline, inginocchiati e falle uscire -.

S.: - Mi vergogno -.
- Lo so ? mi risponde con voce suadente, - non vorrai tenerle là dietro per sempre vero?-.
Non riesco a decidermi, lui è lì che mi guarda? So che lo fa per umiliarmi, ma so anche che ciò che lo spinge a farlo non è tanto il suo ego, quanto il voler soddisfare il mio nella ricerca di quelle sensazioni di impotenza e lasciva passività di cui sono tanto golosa.
Mi sento davvero di essere la monella che lui dice che io sia, così sollevo lo sguardo, quasi a sfidarlo, e una alla volta, lentamente, faccio uscire tutte le sferette senza mai smettere di guardare nel grigio-azzurro abisso dei suoi occhi.

M.: Sorrido: una volta ancora è lei che è riuscita a sorprendermi! Nel vedere la scena non riesco a trattenere un’ennesima erezione che mi è impossibile da fermare o nascondere trasudando desiderio.
Riesco tuttavia a scuotermi dalla situazione e riprendere, almeno a parole, il controllo: - Mi sfidi dunque? Va bene, continuiamo pure nella stanza di là! -.
Mi alzo, e veloce vado dietro a lei. Prendo con mano salda i suoi polsi ancora legati e li sollevo per costringere il suo corpo a seguire la linea delle braccia, pure legate ai gomiti. Da dietro la obbligo ad inchinarsi in avanti così da procedere con il sedere ben schiacciato sulla mia virilità.
Ovviamente mi struscio un po’ e mi compiaccio dei suoi gemiti.

S.: Arrivati nella stanza, uno studio ricavato da una bella mansarda in stile rustico, fissa i miei polsi a un ennesimo laccio pendente da una trave soffitto, e tira forte il tutto verso l’alto.
E’ una posizione scomodissima, e per salvaguardare le spalle sono costretta a stare a 90 gradi ed in punta dei piedi.
Lui se ne accorge e stira ancora di più il laccio.
- Basta ti prego -.
Allenta appena il laccio, e un po’ mi delude la sua condiscendenza. Poi però capisco: mi chiede infatti di allargare le gambe (obbligandomi ad abbassarmi e stirando così nuovamente le braccia). Non ho la benda e così mi godo la scena dall’alto, di lui che mi fissa due cavigliere, unendole poi fra loro con un manico di scopa.
Il risultato è eccitante: il manico di scopa, rigido, mi impedisce di richiudere le gambe!

M.: Prima di metterle la benda e mollette sui capezzoli, mi lascio trascinare dalla situazione e la tocco un po’ qui, un po’ là, con nervosa bramosia.
Concludo l’operazione con qualche forte scapaccione, a sorpresa, che le fa lanciare qualche gridolino subito coperto dal bavaglio.
-E’ arte- penso, mentre aggiungo le cuffie per alienare la mia ancella.
Godo nel sentire i suoi sobbalzi mentre applico alle sue grandi labbra, carezzandone il biondo pelo, 5 o 6 mollette. La lascio appesa e gemente che dimena il culo per alleviare il dolore delle ultime mollette; io nel frattempo, con calma, vado nella doccia a procurarmi il ruvidissimo guanto in crine che sapevo di trovare.

S.: Passa un’eternità prima di sentire ancora le sue mani su di me: le mollette non mi danno pace, e così come sono ridotta non percepisco più il tempo come un flusso regolare. Finalmente è tornato! Cosa mi avrà preparato ora? La mia fichetta già tormentata dalla morsa crudele delle mollette, ora deve sopportare un ulteriore aggravio di sofferenza: qualcosa di molto ruvido mi viene passato fra le gambe, e quindi schiacciato con forza sul clitoride, peraltro lasciato ben esposto grazie alla presenza delle stesse mollette.
E’ un inferno! Mi sta masturbando con il guanto in crine!! Mi dimeno come una pazza non capendo più nulla e desiderando di urlare, ma il bavaglio mi permette solo di gemere.
Ad ogni movimento che faccio per sfuggire al guanto mi porta a stirarmi le braccia oltre ogni dire, mentre chiudere le gambe è impossibile. Ho un orgasmo da delirio.

M.: Vado avanti così un bel po’, sino a sfinirla. Le concedo una piccola tregua, quindi riprendo ad occuparmi dei suoi deliziosi tormenti infilandole con molta calma il vibratore di dietro.
- Facciamo un gioco, questo non dovrà uscire - le dico sollevando momentaneamente la cuffia, - sino all’ultima canzone della cassetta, altrimenti ti frusterò-.

S.: Sono terrorizzata all’idea: non avrei la forza per sostenere una frustata, e poi i segni sarebbero visibili!
Cerco di decontrarre i muscoli dell’addome, ma piano piano, essendo lubrificato, quell’affare sta uscendo.
Mi concentro al massimo, nonostante tutte le mollette, e forse si ferma, sì, si stabilizza! Aspetto la fine della canzone. Una nuova sensazione: qualcosa mi fruga sotto l’ascella, e lungo il fianco.
Scatto di lato (come posso) per la sorpresa ed il solletico, ma così facendo il coso esce di qualche centimetro! No, ora devo resistere al solletico senza contrarre nemmeno un muscolo!! Ancora la sua mano sull’altro fianco!
Devo respirare solo con il naso, e l’aria comincia ad essere poca davvero.
Non resisto. Con le sue mani che saettano qua e là, mi dimeno e scarto, sino all’irreparabile: un ultima forte stoccata al fianco mi fa spingere fuori il coso!
Lui smette e non sento altro se non le mollette.
Poi comincia a sciogliermi da tutti i legacci.

M.: Le tolgo tutte le corde, le mollette eccetera, lasciandola di nuovo nuda ma con la benda.
-Vieni con me - le dico prendendole la mano. Lei trema, e sono costretto ad aiutarla ad arrivare sino al letto, dove di nuovo la lego a croce: con ciascun arto in un angolo del letto. -Ancora una prova, sai già di cosa si tratta- le dico.
-Non farlo, mi lascerai i segni!-
-Non ci saranno segni se non nel tuo animo- le prometto, -fidati-.
-OK- mi risponde, ed io mi sciolgo per questa sua fiducia incondizionata, baciandola dolcemente sulle labbra.

S.: Un forte pulsare proveniva già dal mio basso ventre, ed ora una nuova sorpresa doveva attendermi! Sta mantenendo tutte le sue promesse: dopo avermi legato le ginocchia in modo che io non possa chiudere le gambe, mi colpisce laddove la carne è più tenera con qualcosa composto da decine di sottilissime striscioline di cuoio (forse).
Dalle sensazioni che provo capisco che non è uno strumento fatto per lasciare segni, né eccessivo dolore, ma è come se mille aghi mi pungano proprio lì; e non posso sapere quando arriverà il prossimo colpo!
Dapprima è poco più di un fastidio, ma poi, colpo su colpo, diviene un supplizio, ed una volta ancora perdo lentamente il controllo finendo con un balbettare -Basta per favore, basta-

M.: E’ proprio quello che mi aspettavo di sentire: le rimetto il bavaglio e ricomincio a colpire con più fervore. Continuo così sino a vederla ansimare e scuotersi senza controllo.
Ora può bastare. La lascio in quella posizione e comincio a baciarla proprio lì dove ho colpito più duramente, con dolcezza, per lenire il dolore che le ho provocato.
La sento gemere ancora, di piacere.
Tolgo bavaglio e benda e senza più riuscire a trattenermi la prendo così, ancora legata.
E’ un amplesso breve ma travolgente, e mentre sono ancora in lei, fissandola negli occhi, le chiedo: -Ti slego?-

S.: -No!-.


Per fare quattro chiacchiere: evoman@libero.it

Questo racconto di è stato letto 2 8 0 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.