Prime esperienze col senno di poi. Cap. 4

Scritto da , il 2016-12-28, genere etero

Studiamo di meno ovviamente ma è più che sufficiente, abbiamo un grosso vantaggio sugli altri e lavoriamo molto bene insieme. Quando, un paio di volte la settimana al massimo e solo quando siamo tanto "sicuri" per andiamo a letto è un paradiso.

Non abbiamo più remore a raccontarci quello che ci piace e quello che non ci piace o ci piace meno.

Sul serio non ti interessa fare l' amore, sul serio? Esito a rispondere, ormai mi conosce tanto bene che mentirle senza che se ne accorga è quasi impossibile.

Mi piacerebbe e tanto ma da un lato ho promesso...e poi sarebbe rischioso, per te intendo, fisicamente. Potrebbe...non so esattamente ma potrebbe farti male. Zittiamo entrambi ed una lacrima si forma, scende lungo la gota e protendo la mano ad asciugargliela. Tira su col naso, sorride. Ti amo dice sorprendendomi. E' la prima volta che usa questa parola: amore...penso poi che possiamo fare tante cose insieme aspettando...aspettando che sia il tempo giusto, che siamo pronti entambi. Chiudo la bocca per non andare troppo oltre, perchè sono emozionato ed infine perchè il solito diavoletto ci mette la coda. Ormai me lo bacia con l' ingoio. Non è bravissima ma sta imparando persino a prenderlo un poco in gola. Leccandole la figa non le spiace, è così che dice, non le spiace che le infili con molta delicatezza il dito su per il culo.
Perchè non cominciare a parlare almeno di sverginarglielo sul serio il sedere?

Io sto copiando il compito di latino per giovedì, lei matematica. Siamo interrotti da una telefonata. Niente di speciale. Mamma, rincaserà un poco oltre il previsto, chiede come stiamo e mi da istruzioni per il mangiare.

Quando finiamo sono soltanto le cinque ed il diavoletto ha la meglio. Andiamo di la, le chiedo? Esita solo un momento, avevamo pensato di andare avanti col ripasso, poi un sorriso. Si caro. Vado prima in bagno. Il solito rituale, se la lava. Mi lavo pure io e ci impiego al solito meno di lei. Mi spoglio, tolgo il copriletto e mi stendo. Non devo aspettare molto. Lucia arriva ancora vestita, le piace che sia io a spogliarla, dice sorpendendomi, è una novità. La accontento ben volentieri.

Bassa, ossuta, senza fianchi o tette ma tra le gambe invece che l' uccello ha la figa, ed è questo che conta. Mi si struscia addosso e tanto basta a mandarmi in tilt. Le dita sanno dove e cosa fare, le labbra pure. Impossibile stare fermo nonostante abbia detto che oggi io dovrò stare fermo e lasciarla fare. Tu, fermo là. Immobile. Ci provo, rispondo ridendo, ma non è facile. Facile o non facile oggi tu ti lasci fare. Sorrido di rimando al suo di sorriso che le illumina il volto. Sto immobile e non è facile quando lo stringe delicatamente tra le dita per poi accostarvi le labbra, le schiude, abbassa il capo lentamente per poi sollevarlo, in questo, nel farmi uscire, strige le labbra con un pò di forza. E' diabolica.

Giovane e all' apparenza quasi bambina ma ora è una donna che succhia l' uccello al suo maschio, mi fa impazzire, devo scacciarla, devo allontanarla...voglio, voglio... poi godo in modo irrefrenabile in quella bocca calda che lo succhia, lo lecca, un poco se lo spinge in gola abbassando la testa. E lei continua, più lentamente, stringendolo tra le labbra, svuotandomi come mai mi era successo prima.

Più tardi, molto più tardi, spossati fisicamnte e mentalmente ci diciamo a vicenda di amarci e piangiamo. Si, piango pure io perchè...perchè la amo da morire.

Accompagnadola a casa dico che la vorrei stringere, baciare, far vedere al mondo che è la mia donna, la donna che amo che amerò per sempre. Lucia spreme qualche lacrimucia. Si stringe a me. Alza più tardi la mano a carezzarmi il viso e si protende a baciarmi davanti al suo portone.

Una pazzia, mi dico più tardi già a casa. Una autentica pazzia! Se vuoi, tutto! Lo ha mormorato scostandosi da me dopo il bacio prima di scappare letteralmente diretta alla scala...

A scuola il giorno dopo sembra assente, più distaccata del solito.
Nondimeno con la coda dell' occhio la colgo almeno una volta a fissarmi in modo strano, diverso...

Lunedì mattina poi la vedo esitare, un attimo appena ma esitare quando le dico che la aspetto alla solita ora, ma poi fa cenno di si col capo, si allontana veloce senza neppure un ciao.

E più o meno alla solita ora è da me. Entra senza esitazioni, vestita come al solito. Forse, penso, sapendo che mia madre è a Milano si sente più sicura. Appena chiusa la porta è nostra abitudine abbracciarci, salutarci con un bacio, ma oggi le sto vicino senza indulgere a questa dolce abitudine.

Tua mamma è in casa? Chiede. No cara ma dobbiamo parlare e parliamo seduti al tavolo. Abbiamo detto entrambi cose che non dovevamo dire l' altra sera ed immagino te ne sia già pentita. Lucia resta a testa china, neppure mi guarda. Tutti e due ribadisco. Ti ripeto che in futuro, quando sarai pronta e se sarai ancora della stessa idea faremo l' amore come lo fanno un uomo ed una donna ma solo allora, non prima che tu sia pronta. Adesso ci mettiamo a studiare, avremo da fare per tutto il pomeriggio. Piange dicendo un mucchio di cose dolcemente assurde, mi ringrazia, mi bacia, mi prodiga mille carezze ma al temppo stesso è chiaro che le ho tolto un grosso peso di dosso. Me lo sono tolto pure io.

Mamma, rincasando un poco prima del solito ci becca in pieno ripasso, cioè affacendati in modo più che legittimo, un saluto e scompare. Continuate ragazzi non voglio interrompere la concentrazione...poi ci serve un the...

Torniamo, giorno dopo giorno alla normalità. Molto studio, su questo non si transige e, tabù la camera da letto per la presenza in città di mamma, sul divano il tempo che possiamo rubare a compiti, lezioni e ripassi. Paroline dolci, carezze, leccate di figa e succhiotti di cazzo a gogò, sempre più abili e sofisticati. Non tuttii giorni ma due o tre volte la settimana, si.

Le palpo le tette, mi sembrano quasi cresciute le dico. Arrossisce ma anche sorride. Voi maschi, prosegue...non ti sei accorto che mamma ha tolto l' imbottitura al reggiseno? Poi, arrossendo ancora di più. E le mie cose si stanno regolarizzando. Tientelo per te questo, tutto anzi. Impiego qualche momento a capire cosa intenda sulle sue cose ed anzi deve spiegarmelo il problema con aria di sufficienza.

Stai sviluppandoti più in fretta insomma! Credo proprio di si. Ma anche il tuo...coso cresce direi...in tutto. Siamo seduti sul divano e me lo stringe. Io ho la mano sulla sua cosina. Questa è diventata...più paffuta e ti bagni più in fretta e di più. Prima di Natale ti inumidivi appena e ci impiegavi parecchio, adesso invece. Ridiamo, la confidenza sembra cresciuta e tanto dal nostro discorsetto di pochi giorni fa.

Mamma la settimana prossima è via, e, mi fermo incerto. Anch' io ho voglia di stare senza niente addosso mentre mi coccoli. Abbassa la testa. E non me ne vergogno, termina rialzando il capo con gran sorriso stampato sulla faccia. No, non me ne vergogno più a dirtelo, per niente.

Aspettiamo con ansia, io di sicuro ma credo anche lei, che trascorrano questi giorni. Facciamo tutti i compiti e studiamo le lezioni che ci sono già state assegnate, arriverà dell' altro, certo, ma queste sono fatte. Andamo avanti con i ripassi, sono programmati quindi non abbiamo problemi.

Ed arriva lunedì. Libri e quaderni in bella mostra sul tavolo in un disordine "normale"
e noi in bagno e subito dopo in camera mia. Al solito ogni bacio un bottone ed ogni bottone una carezza. Stesa sul letto aspetta. Che c'è, mi chiede vedendomi immoile ad osservarla. Sai cara, mi sembra proprio che ti sia come ammorbidita. Ammorbidita? Ma si, oltre le tette, anche i fianchi e le cosce...sembrano un poco più...meno...ride. Poi seria seria. Ne sei sicuro? Credo di si...ne sono certo. Mamma non mi ha detto niente ma...pensandoci bene, un abito che volevo indossare mi sembra più stretto.

Poi è la solita sinfonia...mi si stringe con forza e poco più tardi. Questo no, amore, dobbiamo ancora avere pazienza. Lo dice sempre quando struscio per qualche attimo la testa del cazzo lungo la fessura. Mi piace sentirlo li ma mi fa anche paura. E' stretto il mio letto, ad una piazza, nondimeno, correndo il rischio di capitombolare giù e tenendola contro il muro riesco a lapparne i seni carezzandola tra le cosce schiuse. Ora però per me non c'è più spazio, si è stesa a culo all' aria. Di necessità virtù. Mi devo stendere sopra di lei ma prima poso le labbra sull' una e sull' altra pregevole natica. Le lecco, le annuso. Che fai? Mi accerto che non ci siano differenze. Ride, sei un poco pazzo. Pazzo certo, di te e del tuo culetto splendido. Ora mi stedo su di lei, frugo però con le dita la fessura nascosta ed inviolata, prosguo su lungo la riga del sedere premo con delicatezza il buchtto celato che desidero tanto, in segreto però.

Premo ancora di più, un poco di più per poi posarci il glande. Non premo, lo tengo solo posato.

Dicono che così faccia un poco male. Non me lo aspettavo. E' vero, rispondo, dicono che faccia male le prime volte. Molto male? Perchè è vero che un dito è più piccolo, ma quando mi metti il dito non mi fa male, anzi mi piace, assieme al resto che mi fai però.
Forse è l' altra cosa che facciamo contemporaneamente a non farmi sentire male.

Non è così amore, sono certo che faccia male, è, ce l' ho piuttosto grosso. Se vuoi, con della glicerina, mamma la tiene in bagno...Ti piacerebbe amore? questo lo posso fare anche se la prima volta fa male. L' altra cosa no, non si può proprio. La dottoressa se ne accorgerebbe subito...

Questo racconto di è stato letto 2 0 7 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.