Erotici Racconti

Ti voglio - Capitolo 5 (L'amico di papà)

Scritto da , il 2016-12-19, genere etero

Ero ormai tornata al lavoro dalle ferie, non stavo più nella casa al mare che mio padre aveva preso in affitto per le vacanze e ritornare in città, nonostante tutto, fu un buon modo per pensare lucidamente a quello che era successo. Non nego che fossi ancora eccitata al pensiero del sesso grandioso che avevo fatto con mio padre Gaetano: il modo animalesco in cui mi aveva preso, il suo cazzone che mi squarciava la fica a colpi fortissimi, il desiderio che potevo leggere nei suoi occhi ogni volta che mi guardava. Non nego neanche che, fosse stato per me, nei pochi giorni rimasti nella casa al mare dopo l'accaduto io avrei ripetuto quell'esperienza diverse volte, ma mio padre mi aveva fatto capire col silenzio che, sebbene fosse stata una cosa assolutamente appagante anche per lui, forse era meglio farla finire là e non parlarne più.

Tornata in città, però, non passava giorno che non mi masturbassi pensando a lui, alle sue braccia possenti che mi stringevano, al suo petto sudato che si contraeva con ogni colpo inflitto al mio sesso; non smettevo di pensare al momento in cui il suo orgasmo mi esplose in faccia, caldo, denso, la mia lingua che ne ripuliva le ultime gocce dal suo glande ancora turgido... Dovevo proprio essere una troia per trovare così eccitante un incesto con la persona che, insieme a mia madre, mi aveva messo al mondo, ma la verità è che non me ne preoccupavo. Ho sempre vissuto la mia vita libera da comportamenti adottati solo a causa delle convenzioni sociali; se quella cosa mi faceva sentire bene, se mi portava piacere, allora ero ben contenta di andare fino in fondo.

Dopo non aver sentito mio padre per alcuni giorni al ritorno dal mare, fui quindi molto contenta quando mi chiamò per chiedermi se volevo andare con lui a una festa organizzata insieme ai suoi amici storici, che io conoscevo sin da quando ero una bambina, una festa che organizzavano ogni estate prima dell'inizio del campionato di calcio amatoriale al quale partecipavano come squadra. Ci andavo sempre quando ero più piccola, poi dopo la separazione dei miei tra una cosa e l'altra non ne avevo più avuto occasione, ma questa volta decisi di cogliere l'opportunità; speravo che per il dopo festa mio padre mi chiedesse di andare a stare da lui per la notte, e a quel punto avrei fatto di tutto per replicare la favolosa scopata della vacanza. Quell'anno la festa si sarebbe tenuta a casa di Ercole, un amico di mio padre che abitava in una zona un po' fuori città ma che d'estate si riempiva di vita. Era una villa di discrete dimensioni, con un giardino enorme che la circondava e una piscina dove gli invitati avrebbero potuto fare il bagno tra un cocktail e l'altro. Mio padre mi consigliò di portarmi il costume da bagno, e così indossando un bikini con perizoma che avrebbe mostrato le mie forme migliori e un vestitino molto leggero color corallo insieme a un paio di sandali dorati aspettai che papà venisse a prendermi, e per le 20 eravamo in viaggio verso casa d'Ercole.

Arrivammo lì che il giardino era già brulicante di invitati che andavano e tornavano dal tavolo del buffet alla piscina, o camminavano per i prati, chiacchieravano a piccoli gruppetti, qua e là si alzavano delle risatine. Cominciai a salutare tutti gli amici di mio padre che conoscevo, le loro mogli, alcuni erano accompagnati al seguito anche dai figli; c'erano anche molte persone che non avevo mai visto, amici di amici, o compagni di squadra di mio padre che non conoscevo ancora, altri conoscenti che non facevano parte della squadra... Insomma, era una piacevole serata in compagnia di tanta gente, buon cibo e buoni cocktail.

Ercole, il padrone di casa, e sua moglie Anna ci accompagnarono in una stanza della casa dove potemmo lasciare i nostri vestiti e le nostre borse. Mentre ci spogliavamo io guardavo con la coda dell'occhio mio padre che si sfilava la maglietta, e ancora una volta mi caddero gli occhi su quei pettorali e quegli addominali scolpiti che mi eccitavano così tanto. 'Devo fare di tutto per averlo di nuovo, stanotte', pensai.

Uscimmo di nuovo in giardino, e a quel punto ci dividemmo: mentre mio padre raggiungeva alcuni amici vicino al tavolo del buffet, io presi un drink e andai in piscina. Appoggiai il bicchiere col mio cocktail a bordo vasca e piano, cominciando dalle gambe, mi immersi nell'acqua tiepida. Era una sensazione veramente piacevole. Chiusi gli occhi, mi appoggiai con la schiena alla parete della vasca e appoggiai la testa sul bordo, poi presi il cocktail e lo sorseggiai prima di riappoggiarlo. Mi guardavo intorno, sorridevo alle persone che conoscevo e che mi passavano davanti, fino a che sentii una voce che mi disse "Hey!" proprio a fianco a me.

Mi girai: era Bartolomeo, un amico di vecchia data di mio padre che non vedevo ormai da anni.

"Bartolomeo!" dissi non appena vidi chi era la persona che mi chiamava. Anche lui era dentro la piscina e si avvicinava a me. Lo abbracciai e gli diedi due baci sulle guance.
"Ma..ma..." disse guardandomi mentre io gli sorridevo, "da quanto tempo è che non ci vediamo?"
"Eh, direi che ormai si tratta di qualche anno!"
"Ma guarda come ti sei fatta bella!" mi disse riabbracciandomi.

Cominciammo a chiacchierare, uno a fianco all'altro a bordo piscina mentre sorseggiavamo i nostri cocktail. Gli dissi del lavoro, del nuovo appartamento dove abitavo da sola - "Wow! Sei proprio cresciuta eh" disse mentre mi guardava ancora una volta dalla testa ai piedi - di come le cose, per me, stessero andando bene. Anche lui mi raccontò un po' della sua vita: la sua azienda di ristorazione andava molto bene e nel resto del tempo faceva, insieme a sua moglie Jackie, il papà a due meravigliosi bambini che crescevano a vista d'occhio ogni giorno.

Anche Jackie si avvicinò a un certo punto e mi salutò dal bordo piscina, felice anche lei di vedermi. "Ma come ti sei fatta bella!" mi disse guardandomi, e sorrisi di rimando. Vedendo che avevamo finito i cocktail ce ne portò altri due e poi disse: "Vi lascio alle vostre conversazioni, io ho tante altre persone da salutare!", e se ne andò dopo aver dato un bacio veloce al marito.

Conversare con Bartolomeo era molto piacevole, e non nascondo che lo trovavo anche un uomo molto affascinante. Al terzo cocktail dovetti ammettere a me stessa che lo trovavo molto attraente; dovevo anche ammettere che ciò che era accaduto con mio padre mi aveva messo una grande curiosità nei confronti degli uomini più maturi. Quel misto di fascino e sicurezza costruita con gli anni, l'esperienza e i primi segni del tempo stavano cominciando a eccitarmi. E Bartolomeo, fisicamente, non era niente male.

Più alto e slanciato di mio padre, aveva una muscolatura solida ma più asciutta e longilinea. Non sapevo esattamente quanti anni aveva, ma immaginavo fosse, proprio come mio padre, tra i 52 e i 54. Aveva dei capelli corti, tagliati a spazzola, completamente brizzolati, gli occhi di un verde acceso e profondo e il viso affusolato liscio e perfettamente sbarbato. Il naso e la bocca erano disegnati con linee nette, quasi femminili nella loro perfezione. Sul petto i corti peli bianchi erano l'unico segno che lasciava intuire che non era più un ragazzino. Portava uno slip bianco che fasciava il fondoschiena modellato dagli anni di calcio e sul davanti potevo intuire le forme del suo sesso.

Mi avvicinai impercettibilmente a lui, cercando un contatto fisico. Eravamo chiaramente brilli, niente di estremo, ma di sicuro eravamo più sciolti. Dissi "Forse è meglio che vada a prendere qualcosa da mangiare", ma lui mi mise una mano attorno al fianco e rispose: "No dai, rimani qui, mi fa piacere parlare con te!".

Continuammo a parlare, e lui non mi stacco il bracciò dal fianco neanche per un secondo. Stavamo affrontando argomenti in modo casuale, era ovvio che non avevamo più motivi per rimanere lì a parlare, eppure non mi mollava. Decisi di fare qualcosa per vedere quale sarebbe stata la sua reazione e gli accarezzai il braccio in modo disinvolto, mentre parlavamo, indugiando sui bicipiti e poi andando a poggiare la mano sul petto. La festa era ormai nel suo pieno svolgimento, nessuno prestava attenzione a chi stava intorno se non alle persone con cui si parlava, ma anche se qualcuno ci avesse visto non stavo facendo niente di male dopotutto.

Bartolomeo si distrasse per un attimo guardando la mano appoggiata sul suo petto, e rispondendo a qualcosa che gli dissi sentii che strinse di più il suo braccio attorno ai miei fianchi. Con l'altra mano allora, sott'acqua, gli accarezzai gli addominali. Continuammo a parlare per un altro minuto, poi slegandosi dai miei fianchi mi disse: "Dentro la casa c'è una stanza dove hanno messo a disposizione degli asciugamani per tutti gli ospiti, che ne dici se andiamo ad asciugarci e poi ci avviciniamo al buffet per mangiare qualcosa? L'alcool sta cominciando a darmi alla testa". Acconsentii, e ci avviamo all'ingresso della villa.

C'era un gran viavai di persone, ma la stanza con gli asciugamani era in quel momento vuota. Mi passò un asciugamano e ci asciugammo. Mentre mi asciugavo i capelli mi guardò sorridendo, e poi mi disse: "Sai per caso dove è il bagno? Sono venuto qui tante volte ma non mi sembra di aver mai usato il bagno".

Certo che lo sapevo. Gli dissi di seguirmi al piano di sopra, e mentre camminavamo per il corridoio, io davanti a lui che facevo strada, mi prese per un polso e mi tirò a sé. Si avvicinò, mi guardò e mi disse: "Sei diventata proprio una donna eh..."

Io risi, vagamente imbarazzata da quell'improvviso impeto. Non sapevo cosa rispondere, ma prima che potessi anche solo pensare a qualcosa di dire la sua mano scivolò su una delle mie natiche lasciata scoperta dal perizoma.

"Tua moglie sta giù in giardino..." dissi, cercando però di nascondere l'eccitazione che quel gesto mi aveva subito provocato.
"Quindi mi stai dicendo che se mia moglie non fosse qui, tu ti lasceresti andare?", mi chiese, stringendomi più forte e con un sorrisino complice.
"Può darsi..." risposi, ricambiando il sorrisino.
Quella era evidentemente la conferma che serviva a Bartolomeo per fare il passo seguente. Trascinandomi per mano entrò in una delle stanze del piano di sopra. Era vuota, a parte per un comò e alcune cianfrusaglie in un angolo. Chiuse la porta a chiave e poi spingendomi contro il muro cominciò a baciarmi dappertutto, sulla bocca, sul collo, sui seni che palpava aggressivamente con entrambe le mani, e tra un bacio e l'altro, ansimando, ripeteva: "Sei bellissima, cazzo".

Io lasciavo che mi facesse quello che voleva, con una mano sulla sua nuca e l'altra che palpava i bicipiti muscolosi.
"Me lo fai un bel bocchino?" mi disse. "Dai puttanella, mettiti in ginocchio e succhiami il cazzo".
Mi misi in ginocchio, e liberai dallo slip il cazzo che ormai era durissimo. Era diverso rispetto a quello di mio padre, ma non si poteva di certo dire che Bartolomeo non fosse dotato, anzi; il suo cazzo era perfettamente dritto, molto lungo e con un diametro più che discreto, anche se di certo non grosso come quel bestione che mio padre nascondeva nelle mutande. La cappella era turgida, di un rosa molto acceso e aveva una forma allungata.
Lo presi in bocca fino ai coglioni sin da subito. Volevo impressionarlo con la mia maestria da succhiacazzi, e a giudicare dai suoi gemiti ci ero riuscita. Continuai a succhiarglielo, riempiendolo di saliva ogni volta che me lo infilavo fino in fondo. Con una mano mi trastullavo sotto il costume la fica, che era comunque già bagnatissima. Mentre succhiavo il cazzo guardavo Bartolomeo negli occhi; era proprio figo con quei capelli brizzolati e i peli bianchi sul petto scolpito.

Mi prese per le braccia e mi rimise in piedi, mi diede un bacio veloce, poi mi girò e mi fece piegare sul comò. Mi abbassò con un colpo il perizoma, si inchinò in ginocchio e cominciò a leccarmi la figa. Io ero completamente in estasi, la sua lingua passava veloce sul mio clitoride e poi mi accarezzava le labbra, velocissima. Avrei voluto continuare così per ore. Gemevo incontrollabilmente, e di tanto in tanto Bartolomeo si fermava per dirmi "Devi stare zitta!" o "Fai silenzio!", seguiti da pacche sul culo.

A un certo punto si risollevò in piedi, si avvicinò col cazzo in tiro e mi appoggiò il glande sulla figa, per poi penetrarmi con un colpo. Cominciò a scoparmi, così, mentre stavo piegata sul comò a godere come una troia. Sentivo i suoi coglioni che sbattevano contro il mio sesso a ogni colpo, mentre lui mi teneva per le spalle e non si fermava neanche per un momento. Stavo godendo come una matta, 'È il secondo padre di famiglia che ti scopi, che brava puttana' pensai. Ebbi il primo orgasmo, copioso, in questa posizione; gli bagnai tutto il pene e la zona inguinale. Il mio orgasmo lo fece diventare ancora più animale, e rimettendomi in posizione eretta una mano afferrò un seno e l'altra mano si poggiò sul ventre, mentre mi scopava ancora più forte di prima e, avvicinandosi al mio orecchio, mi diceva cose come: "Sei proprio una troietta rovinafamiglie" o "Ti eccita sapere che mia moglie è di sotto e non sospetta niente, eh?".

Dopo una ventina di minuti di questo sesso senza pause, Bartolomeo sfilò il cazzo dalla mia vagina e mi disse di rimettermi in ginocchio. "Dobbiamo concludere prima che qualcuno si chieda dove siamo e si insospettisca", disse mentre mi guardava negli occhi e mi menava il cazzo. "Fammi venire con un bocchino, dai che sei brava" mi disse appoggiandomi la verga sulle labbra. E così cominciai a succhiare, con una mano glielo menavo ogni volta che il cazzo usciva dalla mia bocca, madido di saliva, e con l'altra mano mi masturbavo. "Farai un lavoretto pulito quando vengo, vero? Ingoierai tutta la sborra, sì, troietta?"mi chiese poco prima di venire. Io di tutta risposta continuai imperterrita a succhiare, fino a che il suo succo mi inondò la gola. Allora aprii la bocca, perché Bartolomeo vedesse i suoi ultimi schizzi di sperma che mi imbiancavano la lingua. Ingoiai tutto, lucidai il cazzo con un'ultima succhiata e premetti il glande per far uscire le ultime gocce di sborra, che raccolsi con la lingua.
"Così e abbastanza pulito?" chiesi sorridendo, mentre ancora tenevo il suo cazzone stretto nella mano destra.
"Sei...incredibile", disse lui sopraffatto dall'eccitazione.

(Continua...)

Questo racconto di è stato letto 2 7 5 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.