Erotici Racconti

Lo Scambio fa bene all'Amore?

Scritto da , il 2016-12-14, genere orge

La mattina dopo a colazione mi sento meglio. Sono impregnata del profumo e del sapore di Eva; continuo a riempirmi lo sguardo del suo sorriso giovane e luminoso mentre ammicca maliziosa sorseggiando il suo caffè.
Carlo ha risposto al mio messaggio e mi sento rinfrancata anche sul fronte della caccia oltre che su quello dei sentimenti…
A completare la trieda delle cose importanti, anche Letizia si fa viva con una telefonata, ringraziando per il gancio che lo ho offerto facendole incontrare Guido e ragguagliandomi sugli ultimi sviluppi.
- Sei una vera amica, Pat – comincia riscaldandomi il cuore – Avevo bisogno di sentirmi desiderata da un uomo, e Guido è davvero un tipo fantastico!
Lo so, l’ho scopato per quasi un anno. Solo che io dei maschi mi stanco presto.
Spero che Enrico non me ne vorrà per questo brutto tiro: ci tengo anche alla sua, di amicizia…
Letizia mi rassicura: la decisione di andare con Guido è stata solo sua, e non mi coinvolgerà negli strascichi che sicuramente insorgeranno quando Enrico scoprirà la sua scappatella…
Perché, pensa di rivederlo?
Risatina sommessa: perché no?
Hai capito, la Leti!
Faccio due più due fra me e le chiedo se ha intenzione di confessare l’accaduto a Enrico o se pensa di lasciare che sia lui a scoprirlo.
Le ci deve pensare.
Allora le faccio una proposta sconcia, e lei scoppia a ridere.
- Pat, questa è proprio da te! M’intriga: facciamolo!
Facciamo un giro di telefonate e organizziamo il tutto senza troppi problemi: gli incastri sono diversi, ma abbastanza semplici da comporre.
Eva mi fa un sorriso imperscrutabile, poi ammicca e sorride: ci sta anche lei.
Evidentemente il suo Massimo può aspettare…
Alla fine, quando la Leti mi messaggia di essersi messa d’accordo sia con Sergio che con Enrico, io telefono prima a Guido, che naturalmente non ha problemi, e poi finalmente a Carlo, che ho tenuto sulle spine fino all’ultimo.
Lui è quello con più problemi naturalmente: deve liberarsi della moglie stronza; però è anche fortemente motivato, e quando mi richiama dandomi l’OK il cerchio è chiuso.

La Leti passa a prendere come la volta precedente Eva e Elena, mentre io aspetto che arrivi Guido.
Stranamente, la Giulia non fa storie: rimarrà buona buona sulla Serenissima a fare compagnia a Jasmine e si vedranno insieme un bel film. La Mara è a casa con la sua Franci, e loro se ne staranno a bordo senza problemi…
Guido arriva puntualissimo con la sua BMW e io lo raggiungo alla rotonda equipaggiata da caccia con giubbotto e mini, canotta e stivali.
Lui mi fa un bel complimento e io gli do un bacio sulle labbra in nome dei vecchi tempi. Lo prendo un po’ in giro per la Leti, e lui accetta lo scherzo di buon grado ammettendo che, sì, si tratta davvero di una ragazza simpatica e carina, e mi ringrazia di avergliela fatta conoscere.
Prima di andare da lei però, mi faccio accompagnare da lui a prendere il Carlo, che per scaricare la stronza ha dovuto lasciarle la macchina.
- Chi è Carlo?
- Il tipo che mi scopo in questo periodo – rispondo con noncuranza – Quando io e Eva abbiamo voglia di un diversivo ci teniamo qualcuno con cui divertirci a portata di mano…
Così gli ho ricordato che razza di sgualdrine siamo tutte e due.
Lui fa una smorfia e scoppia a ridere.
- Non sei cambiata.
- No. Non molto…
Imbarchiamo Carlo in centro; faccio le presentazioni, e per fortuna i due non sembrano essersi troppo antipatici. Carlo intuisce come Guido sia un mio ex, ma non pare aversene a male.
Indico la strada, e Guido si destreggia nel traffico serale attraverso la periferia riminese fino alla villetta del Sergio.
Gli altri sono già tutti lì. Il padrone di caso e il suo compare di scopate hanno organizzato un semplice buffet in giardino con tramezzini e patatine, e le ragazze che sono arrivate prima di noi hanno portato la birra.
Cominciamo a scioglierci chiacchierando e sgranocchiando in piedi con una lattina di birra in mano, così Carlo e Guido fanno la conoscenza del resto del gruppo della grigliata di due giorni prima, poi un po’ alla volta i giochi cominciano in modo quasi naturale.
Istruite da me in precedenza, e per nulla restie ad assecondarmi, Eva e Elena si fanno sotto rispettivamente a Enrico e a Sergio, così che siccome io mi sto già strofinando contro Carlo, la Leti può cominciare a flirtare con Guido con perfetta naturalezza.
Guido non è al corrente del fatto che Enrico sia il fidanzato della Leti (accidenti mi sono scordata di dirglielo!), e del resto lui ha già le mani sul culo di Eva: così, anche visto l’atteggiamento da perfette troie mio e di Elena, lui si sente pienamente autorizzato a darsi da fare con la sua nuova amichetta.
Abituato alle nostre porcherie di gruppo, Enrico non si avvede immediatamente di quel che sta succedendo: non avendo mai visto prima Guido e Carlo ma solo che due miei amici si sarebbero uniti al gruppo, non ha fatto immediatamente caso al pericolo e si è semplicemente lasciato andare come al solito.
Sergio mette un po’ di musica e Un po’ tutti ci mettiamo a ballare sul patio, accoppiati nello stesso modo in cui avevamo cominciato a chiacchierare.
Quando Enrico si accorge che la sua fidanzata sta ballando abbandonata fra le braccia di uno dei nuovi arrivati, lui sta già pomiciando apertamente con Eva e non sembra troppo contrariato dalla cosa; in fondo è abituato a condividere le grazie della Leti con il suo amico, e anche con me, quindi è abbastanza vaccinato contro la gelosia...
Almeno fino ad un certo punto.
C’è una bellissima luna, e le zanzare non infieriscono troppo, almeno per il momento.
Carlo ha fiutato la situazione e intuito di potersi allargare un po’, così comincia ad allungare le mani. Io a mia volta mi strofino come una sudiciona e lui perde anche gli ultimi scrupoli quando vede che il padrone di casa ha già una mano nel decolté di Elena.
Il mio ganzo mi bacia sulle labbra e io gli metto la lingua in bocca, strofinandomi come una cagna in calore per sentire la sua erezione.
Eva è più aggressiva del solito: l’idea di corrompere Enrico per consentire alla Leti di farsi sbattere davanti a lui senza rimorso l’ha eccitata non solo sessualmente ma anche sul piano strettamente professionale… Un esperimento di psicologia applicata.
Letizia prende nota di come l’olandesina abbia già una mano nella patta dei pantaloni del suo fidanzato, e comincia a fare lingua in bocca con il proprio amante.
Il padrone di casa, com’è naturale, ha la responsabilità di avviare le danze del secondo tipo, come aveva già fatto con quelle del primo…
Elena si trova schienata contro la parete del patio, con una tetta di fuori e il suo cavaliere chino a succhiargliela con avidità, mentre la fruga in mezzo alle gambe senza nessuna remora; la mia amica getta la testa all’indietro ed emette il primo sospiro di goduria della serata mentre il suo compagno comincia a masturbarla.
Il cazzo di Carlo è bello duro contro il mio stomaco; il mio amante è poco più basso di me, anche a causa degli stivali che indosso, ma non sembra farsene un problema.
Mi ha già avuta pochi giorni prima e sa bene di avere completo accesso al mio corpo, così non perde tempo a corteggiarmi ulteriormente: il vantaggio per un uomo di essere più basso della donna con cui balla, è poterle infilare con maggiore facilità una mano sotto la gonna.
Sento le dita esperte del maschio sollevare l’orlo di pelle e scivolarmi fra le cosce nude, e mi sento attraversare da un brivido di lussuria.
- Sei senza mutande…
- Non ricordi? Le ho lasciate allo stabilimento l’altra notte.
- Che porca che sei!
Hmmm… Se n’è accorto.
Sento un rantolo e volto la testa: quella troia della mia compagna è in ginocchio davanti a Enrico in mezzo al patio, e gli ha già preso il cazzo in bocca. Alla faccia dei preliminari.
Non vorrei che qualcuno dei nuovi arrivati mi facesse più pudica delle altre, così abbasso la lampo di Carlo e gli prendo in mano la sostanziosa erezione che mi sta offrendo. Comincio a segarlo allo stesso ritmo con cui lui mi massaggia il grilletto, e in pochi istanti cominciamo ad ansimare all’unisono mentre ci masturbiamo a vicenda.
A questo punto Guido perde gli ultimi freni inibitori: sussurra qualcosa all’orecchio della Leti, poi le pone le mani sulle spalle e la spinge verso il basso. La giovane troia scivola obbediente sulle ginocchia ritrovandosi la patta rigonfia dell’amante davanti alla faccia: senza perdere tempo gli apre i pantaloni e ingurgita la carne tosta che aveva preso in pancia solo ventiquattr’ore prima.
Senza smettere di segare Carlo giro lo sguardo per osservare la reazione di Enrico: il bel paraca si sta godendo il succoso pompino di Eva e ha la testa reclinata e gli occhi chiusi… Non sembra essersi ancora accorto che la sua fidanzata sta succhiando il cazzo ad un estraneo.
Emetto un gemito di piacere: non è che non mi stia divertendo, ma mi sto ancora solo riscaldando; però il mio rantolo fa riaprire gli occhi a Enrico che mi guarda e sorride compiaciuto. Poi però fa girare lo sguardo sul patio, e i suoi occhi si fissano sulla Leti, in ginocchio davanti a Guido che le tiene la testa per le orecchie e la scopa in faccia con aria beata.
Lo vedo alterarsi e sogghigno dentro di me: evidentemente per lui un conto è dividerla con il vecchio compagno d’armi, un altro è vederla fare la troia con un perfetto sconosciuto… Un bel caso di doppio standard, penso fra me, chiedendomi quale possa essere la diagnosi di Eva.
Leggo un lampo omicida negli occhi del mio amico, e per un momento temo per la vita di Guido che in fondo non ha nessuna colpa; poi si deve rendere conto di avere a sua volta l’uccello nella bocca di un’altra, e lo vedo incespicare fin quasi a perdere in contatto con la psicologa che lo sta sbocchinando come fosse una cavia da laboratorio… Ma la boccuccia di Eva è troppo gustosa per perderla, e Enrico si riprende: lo vedo sospirare, evidentemente rassegnato almeno per il momento ad accettare la troiaggine della fidanzata, e riprendere a spingere il cazzo nella gola della biondina che lo sta manutenzionando così bene.
Le cose sembrano andare per il meglio.
- Scopami – sussurro con voce roca al mio amante.
Una scintilla di lussuria nello sguardo di Carlo: il tipo mi solleva di peso e mi fa sedere sul divanetto vicino alla porta.
Io spalanco le gambe offrendo in bella vista la mia bella fica bionda e spatasciata, e lui si posiziona davanti a me sollevandomi del tutto la minigonna e inginocchiandosi con il cazzo all’esatta altezza del suo bersaglio.
- Avanti, prendimi…
Lui non si fa pregare: mi solleva le gambe tenendomi per gli stivali e spinge in avanti entrandomi in fica con una facilità che rende conto del mio stato di eccitazione.
- Aahhh… - sospiro, sentendomi riempire la fica dal maschio, fiera di essere la prima ad essere farcita.
Carlo mi penetra fino all’elsa e si ferma un momento, fissandomi con intensità mentre la mia fica si richiude come un guanto intorno alla sua mascolinità. Poi mi allarga le gambe a V e comincia a scoparmi con movimenti lenti e profondi.
La parte superiore del suo pene scorrendomi dentro mi preme già contro il punto G, stimolandomi con forza anche se non sono ancora del tutto pronta: è un piacere intenso, quasi doloroso, che mi strappa rantoli di passione sempre più intensa man mano che lui aumenta il ritmo delle guzzate.
Ho il giubbotto spalancato davanti, e i capezzoli mi tirano con forza, protrudendo attraverso il tessuto sottile e quasi trasparente della canotta. Lui si appoggia una mia gamba alla spalla e ne approfitta per allungare una mano e tirarmi un capezzolo attraverso la seta leggera del top.
- Aahhh! – urlo, sorpresa da quella violenza improvvisa e perversa.
Cazzo, mi piace… Ma così non arriverò mai a godere.
Sposto lo sguardo sugli altri per eccitarmi: Elena è rovesciata sulla schena come me, a gambe all’aria sul tavolo del patio, che oscilla pericolosamente sotto i colpi che Sergio le sferra ne ventre. La mia amica strepita contorcendosi tutta per il piacere e faendo un casino pazzesco.
Enrico ha messo Eva a pecorina sul pavimento e se la sta facendo da dietro tenendola per i capelli mentre la sbatte energicamente strappandole gemiti e rantoli ad ogni colpo che le infligge nella fica.
Letizia ha fatto stendere a terra il suo amante e lo sta cavalcando a spegnimoccolo, dimenando le tette a destra e a sinistra mentre Guido cerca di controllarla da sotto tenendola per i fianchi.
Intanto quel porco di Enrico, mentre si scopa la mia compagna, continua a tirarla per i capelli come una puldra alla briglia e così facendo la fa voltare verso di me. Eva annaspa, chiramente già prossima a venire, e allunga una mano verso di me.
Io riesco ad afferrare le sue dita con le me, e la sento fremere di piacere.
Il contatto con lei, così prossima a godere, mi accende i sensi. Mi porto l’altra mano fra le gambe, insinuo le mie lunghe dita nel groviglio ribelle del mio pelo biondo e umidiccio, e comincio a sgrillettarmi mentre Carlo continia a trivellarmi la fica con forza quasi esagerata.
Eva si produce in un arco dorsale accompagnato da uno strillo acuto, e io la guardo godere infilzata da Enrico che appare ancora lontano dallo svuotarsi le palle. Le dita della mia ragazza si contraggono intorno alle mie e mi sento cacciare le sue unghie nel palmo…
Cazzo che male!
Mi contraggo tutta, e in quel momento Carlo annaspa dentro di me, mi sferra un colpo più potente degli altri fra le gambe, ed emette un lungo rantolo di doloroso piacere.
No! Cazzo, non ci sono ancora…
Sento i suoi schizzi dentro di me mentre mi viene dentro, ed emetto un ululato da jena inferocita.
Lui crede che stia gridando di piacere e si china a baciarmi… Sto per strappargli la lingua con un morso ma mi trattengo: non è solo colpa sua, e comunque non risolverei niente.
Lascio che finisca di scaricarsi dentro di me, poi lo allontano con una spinta e offro la mia bella fica piena di sborra fresca alla boccuccia avida di Eva, che si sta appena riprendendo dall’orgasmo ed è ancora saldamente montata da Enrico… Lui sì che è un amante come si deve!
Eva annusa la mia gustosa torta alla crema e si tuffa a slappare rumorosamente, bevendo con voracità i succhi di cui sono bella piena.
La lingua di Eva è micidiale. Serro le cosce nude intorno alla sua testa a rischio di farle male con i tacchi degli stivali, e lei mi scava nella vagina succhiando avidamente la sborra che ho dentro, e così facendo mi riaccende i sensi e mi trascina velocemente verso il traguardo.
Finalmente in discesa, mi porto le mani ai seni e mi tormento i capezzoli, ansimando sempre più in fretta, finché mi sento esplodere sulla punta della lingua della mia amante.
- Aahhh… - esalo, in un gemito liberatorio sentendomi lavare il cervello dalla potenza di un orgasmo rapido ma intenso, un po’ superficiale ma soddisfacente.
Eva continua a brucare la mia fica in cerca delle ultime gocce di sborra, e intanto Enrico acelera affannosamente il ritmo dentro di lei, fino a sfogarsi con un rantolo riempiendole la fica di sperma caldo e denso.

Momentaneamente appagata, Eva si lascia cadere sul divano accanto a me.
Ci abbracciamo e ci scambiamo un lungo bacio di lingua, con cui lei mi lascia assaggiare qualche filamento di sborra raccolto di fresco nella mia fica ancora sgocciolante.
I nostri amanti si sono tirati faticosamente in piedi e si stanno aprendo un’altra lattina, facendo cin cin con aria soddisfatta quanto e più di noi…
Le altre due coppie hanno cambiato posizione e stanno ancora dandoci dentro, con entrambe le troie appoggiate alla balaustra del patio e i porci intenti a trombarle all’inpiedi da dietro.
Eva si è accorta perfettamente che Carlo non mi ha affatto soddisfatta, e in effetti se non mi avesse aiutata lei sarei ancora lì a farmela a mano…
Fa un sorriso ambiguo, intriso di astuzia perversa, e mette mano al suo cellulare.
Non mi rendo subito conto di cosa stia facendo o di chi stia chiamando, finché non la sento dire: - Massimo? Sei libero? Abbiamo bisogno di rinforzi…
Non ci posso credere: sta chiamando il suo ganzo per farlo venire qui!
Mi sento bruciare dalla gelosia, ma cerco di non darlo a vedere: in fondo io mi sono appena fatta scopare dal mio amante, e lei mi ha fatta godere quando lui non c’è riuscito. Non ho proprio il diritto di protestare…
Elena latra alla luna il suo orgasmo, e Sergio si lascia andare a sua volta dentro di lei, lasciando Guido e la Leti da soli alla balaustra, ancora intenti a fottere come animali.
Letizia ormai strilla come un’aquila: è già venuta due volte, e il suo amante continua a scoparla energicamente e con fantasia, prolungandole il piacere oltre ogni sua speranza…
Guardo Enrico e colgo il suo sguardo infastidito: no, vedere la Leti sollazzarsi su un cazzo non autorizzato non gli piace per niente.
Anche Eva sta guardando intenta: già, per lei è tutto un esperimento di psicologia applicata…
Massimo non doveva essere troppo lontano, perché subito dopo che le altre due coppie hanno raggiunto con successo il capolinea e si stanno appena riprendendo, squilla il campanello del cancello.
Eva bada a fare le presentazioni, e Massimo riscuote subito il pieno apprezzamento di Letizia e (soprattutto!) di Elena. Enrico e Sergio non hanno problemi visto che sono dei tipi piuttosto sicuri di sé, e gli altri due essendo ospiti se pure hanno qualche problema pensano bene di starsene zitti.
Personalmente, se non fossi gelosa, lo troverei anche simpatico: è un maschio davvero notevole, con un corpo atletico come Enrico ma assai più muscoloso, e una bella parlantina accattivante. Inoltre, come ho avuto modo di verificare la settimana prima nella sua macchina, scopa come un dio.

Mi rialliscio la minigonna lungo i fianchi, tendo le falde gel giubbotto e mi sollevo in piedi un po’ affamata.
In effetti anche gli altri hanno un po’ di languorino, così ci esibiamo in una vorace sgranocchiata di patatine e in un’altra birra. Io ne approfitto per scambiare un’occhiata di intesa con la Leti, strizzo l’occhio a guido congratulandomi con lui, e rubo un bel bacio in bocca a Eva, che mi si strofina un po’ contro con aria allusiva…
Poi però getta le braccia al collo di Massimo e fa avidamente lingua in bocca anche con lui.
Sono indispettita, ma prima che possa dire o fare qualcosa di stupido, mi sento afferrare per le spalle: Sergio mi gira sui tacchi degli stivali, mi stringe a sé e mi bacia con forza.
Io resisto solo un istante, poi avverto la sua robusta erezione contro lo stomaco e mi rilasso contro di lui.
Sento una manaccia afferrarmi una chiappa attraverso la gonna, e subito dopo un’altra strizzarmi una tetta con più forza del necessario… Mi piace. Mi sciolgo subito, di nuovo infoiata.
Intorno a noi lo spuntino si sta rapidamente concludendo, man mano che i commensali si stanno riaccoppiando disordinatamente per il prosieguo della serata…
Ricominciamo a pomiciare senza molto ritegno. I maschi sono per lo più ancora un po’ mosci, ma almeno il mio sembra pronto a ricominciare.
Mentre le nostre lingue danzano un rituale osceno, le sue mani frugano il mio corpo senza accettare barriere di sorta: mi sento torcere un capezzolo, e un istante più tardi la manona che mi palpava il culo mi scivola sotto la gonna intrufolandosi fra le cosce in cerca del pelo.
Ansimo di piacere sentendomi solleticare il clito: Sergio è una sicurezza, sa sempre esattamente come eccitarmi. Del resto ormai sono diversi anni che mi scopa ogni estate…
Sto per impadronirmi del suo uccello per dargli una buona succhiata, quando il citofono suona di nuovo.
Fosse per me, me ne fregherei, ma Sergio è il padrone di casa e deve rispondere.
Chi se ne frega per davvero è la Eva, che è già in ginocchio con il bananone nero di Massimo in gola…
Sento lo scatto dell’apertura del cancello e un istante dopo una figura emerge dalla penombra entrando nel cono di luce dal patio.
Resto di stucco.
- Nadia!
Carlo, che era intento a fraternizzare con Elena insieme a Guido, si riscuote alla mia voce e si fa avanti incontro a sua moglie.
Ci siamo, mi dico con improvviso interesse: adesso scorre il sangue…
Carlo è a torso nudo da quando mi ha scopata. Io sono ancora più o meno vestita, ma gli altri sono tutti discinti, e anche se non ci fosse Eva nell’angolo intenta a spompinare mezza nuda un negrone, sarebbe evidente a chiunque quale sia la natura della nostra festicciola… Conoscendo il carattere della moglie stronza di Carlo immagino la sua reazione imminente.
Schiaffeggerà il marito? Sbraiterà? Tirerà fuori una pistola? Provo una scarica di adrenalina al pensiero che magari aggredirà me, e che potrò pestarla a dovere e magari violentarla di nuovo davanti a tutti…
Invece no: la stronza senza palle getta le braccia al collo del marito e scoppia in lacrime.
Che delusione. Carlo l’aveva chiamata per darle una lezione, facendosi vedere da lei intento a divertirsi alla faccia sua, e invece di arrabbiarsi lei comincia a sproloquiare su quanto lo ama, come sia pentita di aver inaridito la loro vita sessuale e di come sia decisa a smettere di bere…
Penso che adesso lui le darà uno spintone e la manderà a cagare…
Niente: lui rimane sorpreso, la lascia parlare, si sciogle come il burro, e alla fine la abbraccia stretta a sé. Cazzo.
Sei un avvocato, cazzo… Non sai riconoscere una recita?
Niente. L’ha bevuta tutta… Adesso ce la presenta pure, e a noi tocca fare conoscenza come se fossimo contenti di averla fra i piedi.
Magari gli altri lo sono davvero. Dopotutto la tipa non è niente male…
Cazzo, la presenta anche a me!
- Lei è Pat… - le dice con voce esitante – E’ la mia amica della festa…
Probabilmente lei non gli ha raccontato del nostro incontro successivo alla scopata che mi sono fatta con lui. Immagino che fosse un po’ umiliante per lei.
Incontro il suo sguardo e vedo per un istante lampeggiare il suo odio. Poi, improvvisamente, lei abbassa lo sguardo, sottomessa.
- Ciao Pat – mi fa, con voce timida – Scusami per l’altra volta… Sono stata stupida e maleducata.
Non ci posso credere.
Che anticlimax: speravo di farle di nuovo la festa e di umiliarla davanti a tutti, e invece lei mi chiede scusa. Non c’è più gusto.
Mi tende la mano e solleva lentamente uno sguardo timido.
Non posso fare la figura della stronza davanti a tutti: le stringo la mano… Magari un po’ troppo forte, ma non è colpa mia se è un tipo così delicato.
Lei fa una smorfia di dolore ma si trattiene dal lamentarsi.
- Sai, non sono una bacchettona… - mi dice, sempre con gli occhi rispettosamente abbassati – E’ solo che io… Insomma, scusami.
Accidenti a lei.
- Non ti preoccupare – faccio io meccanicamente – Acqua passata.
- Ti ringrazio…
Sergio mi afferra di nuovo per i fianchi e mi trascina a sé: - Allora, dov’eravamo rimasti?
Eva non ha mai smesso di spompinare il suo ragazzo.
Guido riporta subito la sua attenzione sulla consuocera con cui ha finalmente l’occasione di approfondire la conoscenza.
Carlo abbraccia sua moglie e la bacia in bocca, ottenendone in cambio un appassionato abbraccio… Beh, probabilmente in fondo si meritano a vicenda.
Manca qualcuno: giro la testa mentre Sergio ricomincia a masturbarmi mentre mi succhia il collo come una lampreda, e li vedo.
Enrico e la Leti sono sul divano, intenti a pomiciare di brutto.
Sorrido fra me, e mi lascio lentamente cadere in ginocchio per succhiare come si deve il cazzo del padrone di casa.
Intorno a noi le nuove coppie si stanno scatenando, e non intendo rimanere indietro. Apro la bocca dopo aver tirato un paio di pompe con la mano, e prima di prenderlo dentro alzo lo sguardo sul mio maschio e gli strizzo l’occhio: - Dopo però lo voglio nel culo!

Un’ora circa più tardi, sono aggrappata a denti stretti al bordo del tavolo del patio. Sergio mi sta inculando a sangue da almeno quaranta minuti, e io sto urlando di dolore e di piacere come l’ultima delle puttane da strada.
Ho la mini arrotolata intorno alla vita, le gambe non mi reggono più, anche le braccia mi fanno male e soprattutto il buco mi brucia da impazzire; però ho già goduto una volta, e sento un nuovo orgasmo contro natura montarmi nelle budella con la forza e l’ineluttabilità di uno tsunami.
Dalla mia scomoda posizione posso vedere altre due coppie: Eva sta cavalcando il suo ragazzo baciandolo appassionatamente in bocca mentre lui le tiene le chiappe da sotto, mentre Enrico sta scopando la sua Leti sul divano a cucchiaio tenendola per le tette e sbaciucchiandola sul collo.
Mi congratulo dentro di me con tutti e quattro, e un istante più tardi la cappella a fungo di Sergio mi colpisce posteriormente il punto G attraverso la parete intestinale, e io mi sento eplodere le viscere.
- AAHHH! – grido impazzita, dimenando la testa e contorcendomi tutta per il piacere mentre Sergio mi impala fino in fondo – Godo… Godo…
Il maschio mi artiglia le tette e le spreme ferocemente, raddoppiando il mio piacere; sento il retto contrarmisi come un pugno intorno al membro nodoso che mi riempie, e un istante più tardi avverto il calore dello sperma che mi allaga le budella.

Quando riapro gli occhi Sergio è ancora piantato dentro di me, ma ha smesso di incularmi.
Anche Enrico e la Leti hanno finito, e si stanno baciando teneramente, soddisfatti e innamorati come sempre. Sorrido dentro di me, contenta per entrambi: evidentemente lo scambio fa bene all’amore…
Massimo intanto continua imperterrito a trombare Eva, che dimena i lunghi capelli biondi per ogni dove, ormai fuori controllo. E’ completamente nuda, madida di sudore e con le tette che ondeggiano liberamente sulla faccia del suo amante che continua a tenerla saldamente per le chiappe sode.
Vedo gli enormi testicoli neri pulsare con forza, e capisco che il negrone sta sborrando dentro la mia ragazza per l’ennesima volta…

Ci ricomponiamo faticosamente, e solo allora ci accorgiamo che siamo rimasti solo noi sei. Sergio si era accorto che Carlo e Nadia si erano allontanati dopo aver fatto l’amore sull’erba un po’ in disparte, ma anche Guido e Elena devono essersela filata da un po’. Evidentemente i due consuoceri si sono piaciuti, penso fra me con cinismo. Speriamo bene…
Mi guardo intorno: io ero arrivata in macchina con Guido e Carlo, e se la sono filata entrambi. Ho paura di dover chiedere un passaggio a Enrico e alla Leti, anche se penso che sia un peccato non lasciarli in pace adesso che si sono ritrovati…
- Posso accompagnarvi io tutte e due – mi fa a sorpresa Massimo con un bel sorriso.
- Ma certo Pat – sorride Eva mettendomi una mano sulla spalla – Lasciamo stare i fidanzatini, tanto anche tu la macchina di Massimo la conosci bene!
Già, mi ci sono fatta scopare sopra per più di un’ora la settimana prima.
Eva e io diamo un bel bacio al padrone di casa, salutiamo da lontano la Leti e Enrico che continuano a sbaciucchiarsi sul divano, e usciamo in strada dove Massimo ha parcheggiato la sua Golf nera.
Salgo sul sedile posteriore, e a sorpresa Eva sale di dietro insieme a me, ammiccandomi con aria sbarazzina.
Massimo inarca un sopracciglio un po’ sorpreso, poi mette in moto e parte.
Eva mi passa un braccio dietro le spalle e mi abbraccia sorridendo.
Riconosco lo sguardo nei suoi occhi e sorrido a mia volta: - Hai ancora voglia?
Lei annuisce, leccandosi un labbro con aria lasciva: - Non abbiamo avuto molto tempo per noi alla festa…
Allarga le gambe mostrandomi la sua fichetta scopata di fresco: ha ragione, lei ha leccato la mia, ma io non ho avuto modo di renderle il favore, e in effetti ho ancora un certo languorino.
Ci baciamo in bocca, strofinandoci e accarezzandoci a vicenda sotto lo sguardo prima sorpreso e poi interessato di massimo, che ci osserva dal retrovisore; poi io scivolo in basso, sollevando la mini e infilando il viso fra le gambe spalancate di Eva.
Il profumo del suo sesso è una fragranza che mi stordisce: è ancora piena del seme di Massimo, ed è il mio turno di gustare una succosa torta alla crema fresca di forno…

Ci sono circa dieci minuti di macchina dalla casa di Sergio alla rotonda della Darsena. Il nostro autista cerca di guidare lentamente per gustarsi meglio lo spettacolo che gli stiamo offrendo, e quando alla fine parcheggia io ho tirato Eva al limite e ce la sto tenendo già da un paio di minuti, torturandola con sottile crudeltà per punirla di avermi fatto ingelosire in quel modo.
Il sapore della sborra di Massimo sulla lingua, quello degli umori di Eva sulle labbra, io mi sto srillettando a mia volta: non perché cerchi un altro orgasmo, ma solo per condire meglio il piacere del connilinguo che sto regalando alla mia ragazza.
Sento le sue dita nei capelli: mi incoraggia e mi implora, ansimando e gemendo sempre più forte, nuovamente coperta di sudore.
- Oh Pat, ti prego! Non resisto più… Fammi godere!
Io continuo a succhiare e a slinguare con spietata calma, tenendola crudelmente al limite del balzo ma senza spingerla oltre. Lei si tormenta i seni, smania, scalcia…
- Sto impazzendo… Fammi godere ti prego!
Una slinguata profonda, più forte delle altre, accompagnata da un energico risucchio.
- AAHHH! Sìiiii… Godo…
Mi serra le cosce calde intorno alla testa, e i suoi succhi mi riempiono la bocca: dolci come il miele, profondamenti diversi dallo sperma che ho ormai finito di divorare da qualche minuto. Eva si dibatte, sussulta, smania, mi strappa i capelli… E infine si abbatte sfinita, finalmente appagata.
- Cazzo che bello – ansima poi, quando il suo respiro si è calmato – Voi maschi non potete capire…
Le sfioro le labbra con un bacio e la aiuto a ricomporsi.
Poi baciamo entrambe Massimo, che per un momento può assaporare entrambe le nostre lingue in un triangolo che deve farglielo sicuramente rizzare di nuovo.
Intuisco l’arrapamento del maschio, e d’impulso faccio la mia offerta: - Hmmm… Stavo pensando: perché non vieni a bordo anche tu? Potresti passare la notte con noi due, cosa ne dici?
Vedo lo sguardo del ragazzone illuminarsi: immagino che l’idea di averci tutte e due non gli dispiaccia affatto.
Ma a sorpresa interviene Eva: - No, non stanotte. Lo faremo senz’altro una di queste sere, ma non adesso. Perché ora ti voglio tutta per me…
Lo lasciamo lì, un po’ deluso ma speranzoso per i giorni a venire. Ci allontaniamo mano nella mano verso il molo dove è attraccata la Serenissima, e la sento mia.
Sento che Eva è mia: mia come forse non lo è mai stata prima.
Sì, lo scambio fa bene all’amore… Molto bene!

Saliamo a bordo cercando di non fare rumore e scendiamo sotto coperta senza accendere le luci, orientandoci con l’illuminazione notturna.
Dalle cabine di poppa non proviene nessun rumore, ma ormai conosciamo le ragazze e non ci facciamo sorprendere.
Il nostro lettone è occupato come avevamo immaginato… Ma sopra non ci sono solo Giulia e Jasmine.
I corpi nudi e ancora aggrovigliati nel letto padronale sono quattro… Mauro e Danilo sono ancora abbracciati rispettivamente a mia figlia e alla sua amichetta, e hanno tutta l’aria di essersela spassata.
Jasmine ha fatto il salto insieme alla Giulia.
Una dimostrazione ulteriore che, sì: lo scambio fa davvero bene all’amore!

Questo racconto di è stato letto 3 2 0 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.