Erotici Racconti

I piedi del mio amico cinese (2a parte)

Scritto da , il 2016-12-14, genere feticismo

Ripensai per tutto il giorno seguente a quell'incontro con Huey..questa cosa mi aveva sconvolto,confuso e attratto allo stesso
tempo.Il pensiero correva a lui ogni volta che con la mente potevo staccare dalle incombenze del lavoro e dalle vicende quotidiane.
Il fatto poi di sapere che fosse distante da me solo due rampe di scale mi faceva quasi impazzire,ero quasi tentato di salire a
casa sua e suonare alla sua porta solo per rivedere il suo viso e il suo sorriso.
Mi sembrava di essere tornato a quello stadio dell'adolescenza in cui ci si innamora di una ragazza dopo solo il primo bacio e si
contano le ore prima di poterla rivedere.Certo,con lui non c'era stato solo un bacio ma una vera e propria tempesta di
sensazioni che avevano aperto una parte di me sconosciuta e che non vedevo l'ora di poter rivivere.
L'occasione si ripresentò il pomeriggio in cui ricevetti una sua email.Due righe in cui mi diceva che i suoi sarebbero stati
via fino al giorno successivo per una visita a dei parenti di Prato e che sarebbe stato felice di passare una serata con me
ma a casa sua.Gli risposi che sarei salito dopo cena.
Ero raggiante e con un sorriso da ebete andai a farmi una doccia.Cenai e salii due rampe così com'ero..maglietta,pantaloncini
corti e ciabatte.Suonai alla sua porta e mi aprì.Con il sorriso più bello del mondo mi buttò le braccia al collo incurante
del fatto che avrebbe potuto passare qualche vicino..entrai subito in casa e richiudemmo la porta..solo allora lo potei
guardare meglio..indossava una vestaglia nera di seta con calzini neri alla caviglia e ciabattine di raso dello stesso
colore..me lo mangiai con gli occhi mentre mi faceva strada lungo il corridoio...mano nella mano fino alla sua camera da
letto.Lasciò la mia mano per slacciarsi la vestaglia che cadde ai suoi piedi..si sdraiò sul letto e mi sorrise..mi liberai
di maglietta e boxer e lo raggiunsi..gli sussurrai di quanto inaspettato e meraviglioso fosse quello che mi stava accadendo ma
che allo stesso tempo mi spaventava la possibilità che qualcuno intorno a noi avrebbe potuto scoprirci o sapere..un 40enne
che tresca con il ragazzino suo vicino di casa..roba da diventare l'orco del quartiere,un incubo!....mi rispose:"sarà il
nostro segreto..sarò il tuo segreto"..accompagnò queste tre ultime parole strofinando uno dei suoi piedi contro i miei fino
a farmi cadere a terra entrambe le ciabatte..scese ad abbracciarmi le gambe e così facendo distese le sue gambe all'altezza
delle mie braccia appoggiando i piedi ancora inciabattati sul cuscino e accanto al mio viso..due gambe dalla pelle leggermente
ambrata e glabre..strinsi a me le sue caviglie e gli sfilai entrambe le ciabattine..la stessa emozione ed il medesimo
batticuore nell'avere i suoi piedi nudi a portata di labbra..le sue piante rosee con la traccia scura dell'interno delle
ciabatte a sporcarne il rosa ma ad arricchirne l'afrore erotico..socchiusi gli occhi e con l'uccello ormai al massimo
dell'erezione affondai la punta del naso tra le dita di quei piedi meravigliosi...nel mentre sentii le sue labbra inumidire
le dita dei miei piedi..la sua lingua intrufolarsi tra ognuna di esse..nessuna donna mi aveva mai fatto una cosa simile ed
ero in paradiso..letteralmente impazzito per questo ragazzino che per la seconda volta mi dischiudeva le porte ad un piacere
intenso quanti mai ne ebbi in tutta la vita...desideravo baciarlo e mi staccai,seppur a malincuore,dai suoi piedi...risalii
lungo le sue gambe fino a soffermarmi sulle sue natiche..non sono mai stato un amante del sesso anale,ma appena Huey avvertì
il calore del mio viso si girò prono,e sollevando il bacino me le dischiuse rivelando ai miei occhi la sua rosellina
anale..fu chiaro il suo invito..ed io non seppi sottrarmi..posai le mie labbra nel solco di quelle chiappette da cerbiatto in
calore,e con piacevole sorpresa non avvertii nessun odore sgradevole,ma piuttosto un profumo di mughetto..derivante in modo
evidente da un sapone liquido con cui ebbe cura di lavarsi le parti intime prima di ricevermi...senza quasi pensarci iniziai
a leccargli quel buchino scuro..che ad ogni carezza della mia lingua si contraeva stringendosi ed allargandosi ripetutamente e
che aprendosi mi lasciava intravvedere le pareti anali interne..segno inequivocabile di come la sua rosa bruna il ragazzino
l'avesse donata a più d'uno...ne saggiai la resistenza con l'indice di una mano fino a penetrarlo con l'intera falange..gli
scappò un lamento seguito da un mugolio..estrassi il dito e chiesi a Huey di girarsi supino..lo fece..e nel voltarsi mi
rivelò agli occhi l'erezione del suo piccolo scettro..ci scambiammo un sorriso d'intesa e portai le sue caviglie sulle mie
spalle..mi accarezzò le guance ora con un piede ora con l'altro..carezze a cui io risposi baciandoglieli e annusandoglieli
e con un'erezione che sembrava supplicarmi di darle sfogo..Huey buttò indietro le sue gambe fin quasi a toccarsi il petto
con le ginocchia affinchè le sue natiche fossero più aperte..prese tra due dita la mia cappella pulsante per appoggiarsela
sul buchino..io non feci altro che spingere appena..e più spingevo più il bordo anale mi accoglieva all'interno..caldo come
un guanto...iniziai un accenno di stantuffo entrandogli più in profondità...guardai l'asta del mio uccello affondare sempre
di più mentre lui disteso e ad occhi chiusi tormentava due lembi di lenzuola con le mani e mordendosi le labbra..sentii
il suo budello rilassarsi e ad accogliermi sempre più come fosse un nido caldissimo..presi le sue caviglie tra le mani
e sollevandole iniziai ad aumentare i movimenti del bacino...gemevamo insieme quasi seguissimo in perfetta sintonia la
stessa onda di piacere..onda che sentii aumentarmi d'intensità nell'avvicinare i suoi piedi al mio viso e nel percepirne
l'odore...scopavo quel bellissimo cerbiatto e m'inebriavo del suo odore più intimo..e più quell'afrore mi riempiva il
cervello più sentivo l'orgasmo salirmi incontrollabile...gli venni dentro mentre la mia lingua scivolava ad insalivare
le sue dita..il sapore dei suoi piedi a triplicarmi il piacere...sfilai il mio cazzo ancora pulsante dal suo buchino mentre
il mio sperma fuoriusciva dalla sua rosellina anale...salii a cercare la sua bocca per baciarlo e stringerlo a me..ci
addormentammo abbracciati ed esausti...e molto felici.

Questo racconto di è stato letto 1 1 6 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.