Erotici Racconti

Mia madre molto aperta

Scritto da , il 2016-12-09, genere incesti

Salve a tutti, quello che scrivo non è frutto di fantasia ma di fatti realmente accaduti che mi eccita raccontare. Come avrete potuto capire dal titolo, il soggetto è mia madre Gianna che rimasta sola, si ritrovò senza cazzo ma con la presenza di mio cugino che abitava da qualche periodo con noi. Questi fatti li ho raccontati alla mia ex moglie e soprattutto alla mia compagna Ivana, che godeva e gode nel sentirseli raccontare così come io godevo e godo nel raccontarglieli e sentire gli apprezzamenti pesanti su mia madre. Tutto cominciò quando una sera, mentre ero in dormiveglia, sentii mio cugino passare nella mia stanza e chiudere la porta che solitamente tenevo aperta. Mi insospettii e facendo attenzione a che non mi sentissero, mi alzai e mi avvicinai alla porta della stanza da letto di mia madre che essendo aperta, mi permetteva di vedere bene anche grazie alla TV accesa. Dai sospiri e dalle frasi che sentivo, stavano guardando un film porno e presi dall'eccitazione di quello che vedevano mista alla loro voglia di scopare, si liberarono dalle coperte ed iniziarono a toccarsi. Lei, da gran troia, incitava mio cugino a menarsi il cazzo mentre si toccava la figa entrando il dito medio a velocità notevole e si girava spesso a guardarlo menare. Poi sempre lei, si mise su mio cugino iniziando un sessantanove che si concluse con un suo primo orgasmo, mentre strofinava la figa sulla faccia di mio cugino che gradiva molto quella posizione. La luce della TV accesa mi faceva vedere tutto bene, tanto che cominciai a menarmi il cazzo e venni la prima delle otto volte di quella notte. Vedere la figa di mia madre mentre veniva scopata, era pazzesco ed ancora oggi mi sego a quei ricordi o a sentire gli insulti su di lei da parte di Ivana o ancora meglio, quando ne parlo con lei. Mia mamma si feceva e si fa scopare spesso con sborrate in bocca e dentro la figa, anche se da mio cugino, preferisce farsi prendere il culo. Col tempo mi accorsi che era pronta a farsi fottere anche da un paio di vicini e dal fruttivendolo che andava a trovare continuamente. Non si può certo definire una bellezza, ma ha una quinta di seno che già è attraente di suo ed una figa pelosissima veramente larga che può ricevere anche due cazzi. Alla domanda "Ivana che pensi di mia madre?" La risposta è sempre del tipo "tua mamma è una grande troia, una zoccola senza limite, una puttana, una succhiacazzi e tu sei un gran porco che te la scopi". A seguito di quella e delle altre scopate ed a seguito del fatto che ormai la vedevo sotto quella veste, una notte passai nella sua stanza dopo che si era fatta scopare da mio cugino anche il culo che ormai aveva l'aspetto di una rosa aperta, e menai il cazzo mentre mia madre dormiva, sborrandole sui capelli. Fu l'inizio di una serie di avvenimenti che mi hanno portato ad avere rapporti completi con lei anche adesso che sto con Ivana. La sua figa è unica, le sborro dentro almeno un paio di volte ogni rapporto. Se vi è piaciuta la prima parte del mio racconto assolutamente vero, continuerò con i racconti entro breve tempo.

Questo racconto di è stato letto 1 5 6 2 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.