Erotici Racconti

La voglia di lui

Scritto da , il 2016-11-30, genere dominazione

Oh padrone... ora ho davvero voglia di sesso quello sporco carnale e feroce, quello che non da scampo, il tuo cazzo si vibra duro e pronto tra le tue dita chiuse appena sotto alla cappella la mia figa è come sempre fradicia aperta gonfia e bollente ho voglia di essere leccata prima di farmi scopare fino a schizzare come una cagna in calore, la tua lingua aperta si muove lenta la saliva cola insieme ai miei umori fino alle mie natiche ho una voglia fottuta di sentirti entrare dentro, una voglia di essere scopata che mi devasta vorrei qualsiasi cosa dentro basta che qualcosa mi riempi, il mio clitoride è seviziato dalla tua lingua che si muove velocissima il piacere mi arriva dritto al cervello come una scossa elettrica me la apri con le dita e mi lecchi selvaggiamente muovendo la faccia come un animale, tengo la tua testa tra le mie gambe che socchiuse poggiano sulla tua schiena ma me le spalanchi perché vuoi farmi con la bocca. "Oh si fammi gridare voglio che tutti sappiano quanto mi fai godere" mi prendi per le gambe attorcigliando le tue braccia sotto alle mie cosce e mi sollevi portando la mia figa davanti al tuo cazzo, la guardi e ci sputi sopra intimando "togli quelle maledette dita dal clitoride cagna del cazzo e lasciami entrare" scivoli in me veloce tre colpi ben assestati e mi apri fino all utero ringhiando "ora si che posso scopartela come Dio comanda" mi tiri a te ogni colpo facendomi gridare ogni volta, il tuo cazzo mi sta mandando in paradiso, lo sento fino in fondo, ti fermi è tutto dentro di me lasci una gamba e l altra la porti sulla tua spalla ti abbassi su di me appoggiando un piede sul divano e ti muovi senza uscire la tua voce mi stupra " lo senti il mio cazzo sventrarti ti potrei scopare fino alle ovaie" le tue parole mi fanno schizzare come una puttana infoiata, mi porti a un passo dal venire muovendomi veloce ma facendomi sentire a fondo ogni colpo, il mio godere e uno schuittio, ti butti sul divano e mi ordini di scoparti il cazzo non me lo faccio ripetere ti do le spalle e mentre sto scendendo con il culo sul tuo cazzo mi fermi con entrambe le mani apri le chiappe e mi lecchi avidamente portandomi alla follia, appoggio le mani sul tavolino davanti a me la tua lingua affonda ancora in me affamata e ingorda muovo il culo e ti scopo la faccia poi mi tiri a te facendomi scivolare sul tuo cazzo, mi muovo veloce su di te mettendo le gambe sul divano, le tue parole "fammi vedere la tua figa che si divora il mio cazzo" mi fanno quasi venire, scivolo su e giù selvaggiamente, indemoniata, senza pudore, ti scopo il cazzo divinamente ti faccio quasi sborrare mi fermi dicendo "rallenta o ti riempio subito", mi incazzo e sbuffo e per farmi capire chi comanda veloce mi abbracci e mi impali muovendoti brutalmente, mi lasci andare e inizio a muovermi sono seduta su di te le mie gambe sulle tue il cazzo è sparito nella mia figa ci muoviamo insieme in un movimento sconnesso io ruoto il bacino e tu mi scopi sto godendo come una cagna in calore di nuovo la tua voce mi inchioda "ferma ora ti fotto il culo girati verso di me ti voglio guardare mentre ti sventro pure il culo muoviti subito veloce ho voglia di scopare" non ho più un io, ho solo voglia di scoparti dannatamente scoparti scivolo sul tuo cazzo e mi muovo all impazzata avanti e indierto, dio quanto mi fa godere il mio culo, la mia figa ti bagna la pelle riesci a infilarmi tre dita e mi scopo pure quelle venendo violentemente il mio orgasmo ti fa godere e mi sborri in culo tenendoli ferma sussurrando "ti voglio riempire per bene cagna"
DEDICATO A LUI ...BIMBA79

Questo racconto di è stato letto 2 9 5 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.