Erotici Racconti

All'ufficio postale

Scritto da , il 2016-09-23, genere pissing

Quando cominciai a lavorare presso lo studio commercialista, uno delle mie prime mansioni era quella di andare alla posta per sbrigare la corrispondenza. In genere lo facevo in tarda mattinata dopo aver sbrigato tutte le pratiche d’ufficio, andavo in bagno e poi uscivo. Quel giorno però ero particolarmente di fretta per cui uscii senza aver svuotato la vescica. Poco male pensai, la farò al ritorno.
Arrivato all’ufficio postale però trovai una gran fila. Non potevo tornare indietro, perché alcune raccomandate dovevano partire entro quel giorno e per cui mi armai di pazienza e attesi il mio turno.
Nell’attesa mi guardai intorno e notai che proprio allo sportello delle raccomandate c’era una nuova impiegata. Giovane e carina. Capelli biondi, ricci e lunghi che cadevano sul seno prosperoso messo in evidenza dalla magliettina a righe scollata. Indossava una gonna altezza ginocchia che svolazzava ogni volta che si alzava dalla sedia e faceva intravedere un culo che parlava solo.
Da gran maniaco quale sono per passarmi il tempo incominciai perciò ad immaginarmi situazioni spinte con lei. All’inizio me la immaginai tutta nuda con quelle gran poppe grosse e turgide, il culo a mandolino e la fica un po’ pelosa ma biondina.
Poi sognai letteralmente ad occhi aperti di saltare la fila e violentarla davanti a tutti. Le avrei strappato la maglietta e smanacciato i seni. Al grido di succhia puttana le avrei uscito il mio grosso cazzo e glielo avrei infilato in bocca. All’inizio,vista la sua iniziale resistenza, sbattendolo sui denti, poi dopo averle messe le mani intorno al collo, giù dentro fino alle tonsille nel momento in cui avesse ripreso fiato.
Poi le avrei tirato su la gonna e messa a pecorina sul bancone. La sua faccia verso i clienti e io dietro a infilarle il mio membro nella fica e nel culo. A quel punto qualche vecchietto si sarebbe avvicinato e avrebbe cominciato a toccarle le tette ballonzolanti dopo ogni mio colpo di cazzo. Un paio si sarebbero presi di coraggio e le avrebbero sborrato in bocca dopo un breve forzato lavoretto di bocca. Io invece le avrei sborrato direttamente nel buco del culo e poi mi sarei fatto pulire la cappella sporca di merda direttamente con la sua lingua. Alla fine le avrei ovviamente pisciato in bocca e sulle tette e me ne sarei andato non dopo essermi però fatto fare anche le raccomandate :-)
Ritornai in me col cazzo dolorante dalla erezione provocata dalle mie fantasie e dalla pisciata sempre più imminente. Per fortuna stava arrivando il mio turno. Ero l’ultimo della fila e l’orario di chiusura era quasi prossimo. Arrivato allo sportello saltellavo letteralmente per l’urgenza di pisciare. L’impiegata se ne accorse e credei di vedere un suo sorriso ironico. Se la rideva la troia!
Sbrigate le pratiche allo sportello, prima di congedarmi, mi chiese se era tutto a posto. Le spiegai la mia urgenza e lei mi invitò di usufruire del bagno dell’ufficio. Accettai subito. Il bagno era dietro gli sportelli, negli uffici non aperti al pubblico, per cui mi dovette fare strada. Il bagno consisteva in una piccola stanza con lavandino e water in un unico ambiente. Lei mi precedette per accendere la luce e io, non facendocela più, uscii il cazzo, ancora in erezione, per pisciare quando ancora lei era in stanza.
Lo scroscio uscii immediatamente fu così potente che alcuni schizzi andarono a finire addirittura sulla sua maglietta a righe. Mi scusai imbarazzato ma per tutta risposta, con uno sguardo da troia assetata, mi prese il cazzo in mano e diresse il mio caldo gettito di piscia direttamente dentro la sua scollatura. Le stavo pisciando le tette davvero come nei miei sogni!
Si accovacciò ancora più vicino per farsi pisciare direttamente in testa. Quei capelli ricci bagnati di piscio erano spettacolari e le bagnavano tutto il resto del corpo. Quando le diedi la mia ultima goccia di pipì per ringraziarmi della doccia, se lo mise in bocca per farmi uno dei migliori pompini della mia vita. Lingua calda e veloce e grande lavoro sul frenulo. Le sborrai in men che non si dica.
Si sedette infine sul pavimento bagnato della mia piscia a masturbarsi violentemente. La lasciai lì, tutta pisciata, sborrata e ansimante come una troia qual’era. Ritornai altre volte in quell’ufficio postale ma lei non la rividi più se non nelle mie più estreme fantasie masturbatorie.

Questo racconto di è stato letto 1 3 1 9 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.