L'Ascensore

Scritto da , il 2016-09-11, genere tradimenti

L'ascensore
Questa vicenda è accaduta in ferragosto. Mi trovavo in ascensore di un grattacielo in un parco residenziale. Dovevo andare da un amico che abita li. Come ormai dato per scontato in questi giorni in città non c'è anima viva. Difatti non c'era nessuno . Al citofono il mio amico non risponde ma potrebbe stare in bagno o dormire. intanto arriva una donna credo 35-40 le faccio subito una guardata totale body , castana chiara con capelli colorati di biondo alle punte leggermente mossi. Un abbronzatura ambrata camicetta corta che lascia il pancino fuori con un bel ombellico. Pantaloni jeans sul grigio e tutti rotti come si portano oggi, ma attillatissimi. scarpine con tacco alto con un braccialetto sulla caviglia. Bella faccia sorridente . Insomma simpatica già dal primo sguardo. Stava di casa li mi chiede chi sto cercando , le dico il cognome del mio amico. " Ah si Francesco,lo conosco sta nella mansarda . Io sto al 9 piano invece , se vuole la posso far entrare. Accetto e ringrazio. Ci avviamo all'ascensore e ne approfitto per scambiare dei convenevoli ma giusto per creare un approccio confidenziale. Confesso che dovevo far fatica a nascondere il mio imbarazzo che intanto il mio pacco era bello che gonfio. Ho messo sopra la busta con il regalo che dovevo fare al mio amico per minimizzare. Entriamo nell'ascensore digitiamo i rispettivi piani ed ho notato che lei cercava di evitare di guardarmi nel volto invece io la fissavo desiderosamente.
L'ascensore non era veloce, ma tranquillo. Ridiamo parlando del caldo che fa ma giusto per togliersi dall'impaccio. Improvvisamente un sussulto ! L'ascensore si blocca ed insieme tutto è buio. Lei va in panico " Oh Dio e mo che succede ?". Io stavo preoccupato ma volevo tranquillizzarla " non preoccuparti adesso suoniamo l'allarme qualcuno sentirà " . Lei "chi di ferragosto ?".Io confidavo sul mio amico. Lo chiamo col cellulare. ma niente da fare non c'era campo. Intanto lei inizia a piagnuculare. Istintivamente la stringo a me e lei si adagia subito fra le mie braccia come per cercare sicurezza.Annuso i suoi capelli odor di pesca .Sento Il suo profumo dolce intonato con la sua figura. La tocco sulla spalla una pelle liscia e vellutata. Sento contro di me la punta dei suoi capezzoli . Il cazzo diventa di marmo e sento che lei si strofina. Le piace ! A questo punto le sposto i capelli e la bacio sul collo. Lei fa un accenno di resistenza ma poi le nostre bocche si incontrano e la sua lingua entra nella mia bocca. A quel punto la bacio appassionatamente . Sento che le sue mani mi aprono la patta dei pantaloni e mi impugna il cazzo sagandolo. Le faccio un accenno di abbassarle la testa e lei non si oppone e procede alla ricerca del cazzo ( siamo sempre al buio ). Sento le sue labbra sulla cappella . Un assaggino una leccatina con la punta e poi lo ingoia tutto.La guido con la testa tra le mani ma non era necessario sapeva muoversi bene. Mi sento un eccitazione estrema. La faccio sdraiare per terra e l'adagio con la testa sulla busta del regalo per il mio amico ( una maglia del rock cafè ). Lei si sbottona i pantaloni e li abbassa sfilando una gamba dopo aver tolto una scarpa. Vorrei vederla nuda ammirare la sua figa, ma il buio non consentiva. Allora oriento la punta del mio cazzo tra le sue cosce e sento Il bagnato della sua figa. Un primo colpetto piano ma sento il burro e la penetro facile.Solo allora lei emette un suono ."Ohhhhh!". Da dire fino a quel momento in silenzio. Sento che inizia ad agitarsi la pompo sempre più forte. sento i suoi " Ah" uniti al respiro frequente. Sta per arrivare al l'orgasmo ed anche io ci sono quasi . Devo per forza chiederle " posso venirti dentro ?" lei " Noooh non sono protetta aspetta me prima, poi....!". " Capisco! ". Mi controllo anche se difficile . Poi lei urla un "Siiiiiiiii" mi respinge dietro e mi ordina "ALZATI" , sento la sua bocca succhiarmi il cazzo voracemente da gran troia. "Vengooooo" sborro, ma lei ingoia tutto, continua a succhiare e segarmi con una mano mentre con l'altra mi strizza le palle come se volesse aspirarmi anche l'ultima goccia di sperma che mi è rimasta. Le sussurro " sei meravigliosa !" . Lei si alza e mi dice "Grazie anche tu sei stupendo !".All'improvviso si accendono le luci ci riconponiamo mentre ci osserviamo un po imbarazzati. L'ascensore riprende a funzionare e continua la sua corsa in salita.Al nono piano lei sarebbe dovuta scendere invece no, le dico "ma non era il nono piano ?" lei dice "no no vengo con te da Francesco !".Arrivati al XIV si aprono le porte e Francesco stava proprio lì davanti e fa " Menomale siete arrivati sono andato ad attaccare la corrente che c'è stato un blackout !: Tutto a posto ? Vi siete spaventati ?" lei si lancia su Francesco e le dà un bacio sulla bocca poi fa " Sì ho avuto molto paura amore ! Se non era per il tuo amico che mi ha dato molto conforto !" e poi lo bacia di nuovo appassionatamente Lui mi guarda, poi sente il sapore del bacio e mi riguarda stranito. Io lo fisso come per dire " Che cazzo ne so che era la tua ragazza? ".


Questo racconto di è stato letto 1 0 5 9 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.