Il mio amore, Voglio fare un giochino - parte 12

Scritto da , il 2016-08-04, genere etero

Alba: Amore alla solita ora vengo a casa tua??
Chris: Certo che vieni a casa mia!
Alba: Puoi preparare le manette e una cintura??
Chris: Va bene, ma...cos'hai in mente??
Alba: Voglio fare un giochino...

Conversazione su whatsapp finita. Alba sta pedalando come se fosse al Tour de France verso casa di Chris. Il caldo sole d'Agosto la fa sudare, si asciuga delle goccioline formatesi nell'incavo tra naso e labbro superiore. Appena arriva nel vialetto, dove è parcheggiata la macchina, salta giù dalla bici e la lascia sul retro. È felice come una Pasqua e balza davanti alla porta d'ingresso, che si apre davanti a lei. Ad accoglierla, inaspettatamente, il padre di Chri in tenuta da bicicletta e...una donna mai vista prima che si presenta come Maria. Boh sarà una zia, pensa Alba. Appena i due se ne vanno, Chris salta fuori dal salotto in mutande, con un sorriso a trentadue denti sul volto. "Ciao amore!" Dice Alba saltandogli al collo e baciandolo. "Ma chi era la tipa di adesso?"
"La compagna di mio padre."
"Compagna? Quindi si è fidanzato?"
"Sinceramente non ho nemmeno io la più pallida idea di che cosa sia!" Esclama lui ridendo. Alba scoppia a ridere: "Ma questa compagna barra amica barra fidanzata narra che cazzo ne so...da quand'è che è uscita fuori?"
"Daaaa...mmmm...un paio di mesi."
"Vabbe amore, facciamo l'amore?" Dice Alba con lo stesso tono con cui direbbe "Amore andiamo a prendere il latte?"

In camera di Chris, lui è legato con una mano al letto tramite le manette e i piedi sono legati con una cintura. Alba è sopra di lui che lo bacia, gemendo al tocco della sua lingua. Tra un bacio e l'altro lei gli dice: "Adesso tu hai una mano libera, con quella mano ti dovrai segare, guardandomi mentre mi masturbo a pochi centimetri dalla tua faccia." Chris geme, la figa di Alba è già bagnata e si struscia contro il suo pene, che sembra gradire molto il trattamento. Si posiziona sul letto accanto e comincia a masturbarsi, dita sul clitoride che roteano piano. Chris non distoglie lo sguardo, ha la bocca socchiusa e gli piace molto quella vista. Anche Alba ha gli occhi puntati su quella mano che fa su e giù, facendo apparire e scomparire la cappella rossastra e desiderosa. Per una decina di minuti, entrambi rimangono così, finché Alba non sente il battito accelerare e i muscoli contrarsi. La mano di Chris accelera il ritmo insieme a lei, insieme ai suoi gemiti di piacere che le provoca l'orgasmo. Non resistono più. Alba lo libera e lui le si avventa addosso come un leone su una gazzella. La prende a novanta e la sculaccia così forte che la chiappa destra diventa completamente rossa. Urla di piacere invadono la casa...e i dintorni. I vicini e i nonni li sentono? Ma chissenefrega! Alba sente quel pene sbatterle dentro, facendola venire a ripetizione. Madonna quanto è duro! Quanto le mancava questa sensazione! Quanto le mancava fare l'amore con lui, sentirsi in simbiosi con lui, fondersi con lui in un unico corpo, unito da quell'atto intenso di piacere. Il giochino di prima ha eccitato troppo Chris, non le permette di prendere il controllo. La ribalta sul letto, gambe attorno al suo collo e la sbatte ancora più forte. Alba urla, geme, bacia, morde. Entrambi sono eccitati al massimo. Chris le dice che è la sua puttana, che lo fa arrapare come una bestia e Alba si sente immensamente felice. Poi un orgasmo intensissimo, quando Chris le viene dentro, le fa sentire i fiotti caldi di sperma riempirla e di colpo la volgarità sparisce, lasciando il posto a un'immensa dolcezza. Chris la guarda con occhi luccicanti, le scosta teneramente una ciocca di capelli dal viso: "Sei bellissima amore." E la bacia teneramente, lentamente, mentre lei lo stringe a sé con braccia e gambe. "Amore? Io mi dovrei anche lavare, altrimenti sbrodolo qua sul tuo letto." Dice lei ridendo e mentre si alza, sente qualcosa gocciolarle tra le gambe. Eccolo. "Cazzo sta uscendo tutto qui!"
"Amore mi stai allagando la casa di sborra!"
"Moriremo affogati dalla tua roba! Pure sotto i piedi ce l'ho, aiuto!!" Eh dopo aver fatto l'amore loro due hanno bisogno di questi momenti di demenza...veramente ce li hanno in tutta la giornata. Alba si lava e nota le mutande di Chris per terra. È arrivata l'ora della cazzata giornaliera. Torna in camera con le mutande in testa che le coprono la faccia: "Fermo! Questa è una rapina!" Dice lei puntandogli le dita a forma di pistola sul torace. "Ma che cazzo...?"
"Fanculo! Dammi i soldi!"
"Ma ho solo un pene!"
"E allora dammi quello!"
"Ma chi sei?"
"Mutanda pazza!" Scoppiano a ridere per la scena imbecille. "So io come sconfiggerti!" Esclama lui, iniziando a riempirla di baci. "Oh la famosa guerra dei baci!!" Alba inizia a baciarlo ovunque e...niente! Si ritorna a fare l'amore!

"Alba?"
"Dimmi tutto."
"Lo sai che oggi mi hai fatto eccitare troppo? Lo sai che ti devi aspettare una vendetta da parte mia?"

Questo racconto di è stato letto 2 7 6 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.