Erotici Racconti

C'era una volta una stronza in Canadà - 1 - Dimmi che ho un brutto culo

Scritto da , il 2016-05-18, genere dominazione

PER I LETTORI:

Ringrazio per i commenti tutti quelli che si sono divertiti ed emozionati con il mio Diario di una Stronza, così come quelli che si sono indignati e mi hanno regalato, oltre alle risate, dei virgolettati fantastici per una quarta di copertina.

Se non rispondo mai, a parte casi eccezionali, è perché detesto esprimermi al di fuori dalla narrazione, specialmente a racconto in corso.
Non vogliatemene ma amo parlare solo dal palco
...su questo sono una stronza all’antica ;)

xoxo
Alessandra

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


Capitolo 1



Un vibratore bianco in perfetto stile Apple con cavo usb per essere collegato al telefono e vibrare a tempo di musica.

Tre bottiglie di finto-sperma di marca coreana, riscaldabile al microonde, per le amanti dell’auto-bukkake.

Un DVD incomprensibile di importazione con in copertina delle ragazze giapponesi intervistate che piangono.

Svariati butt-plug dotati di code colorate dal marrone realistico al fucsia, a seconda che vogliate sentirvi una puledra o un MyLittlePony in calore.

- Wow - penso osservando la variopinta vetrina di un sexy shop - Qui siamo avanti anni luce rispetto allo standard italico -
Sì perché vivendo a Vancouver da quasi 2 mesi (la Contessa aveva ragione, alla fine sono rimasta) una delle prime cose che ho notato è come l’erotismo sia davvero lo specchio della modernità e del livello culturale di un paese.
Guardo i sofisticati articoli erotici e mi sento come se fossi arrivata nel futuro mentre se ripenso all’Italia è come tornare indietro di 100 anni ad un immaginario erotico da dopoguerra fatto di giarrettiere e di corna con l’idraulico.

Sono le 5 del pomeriggio, il sole sta iniziando a calare sui grattacieli della città, le persone tornano a casa dal lavoro e il tempo sembra mettersi male con le nubi che minacciano pioggia. La mia sessione fotografica all’agenzia di moda per oggi è finita, le ragazze della sezione marketing mi hanno chiesto se stasera vado a bere qualcosa con loro ma sinceramente non ne ho la minima intenzione.
Anche perché so già come andrà a finire: una serata a cercare di ubriacarmi da sola mentre loro parlano tutto il tempo della casa, si lamentano dei mariti che dopo due anni di matrimonio hanno già smesso di scoparle e mi fanno vedere le foto dei loro bambini di merda.
Meglio una serata da sola, tranquilla... e poi ho voglia di regalarmi qualcosa. Penso tutto questo ed entro decisa nel negozio.

Sono in piedi chinata verso una vetrinetta di piercing quando sento una voce allegra alle mie spalle
- Hello, can I help you? -
Mi volto e vedo una ragazza sorridente che sta sistemando dei vibratori di Hello Kitty su uno scaffale. E’ di poco più bassa di me, ha i capelli verdi, rasati solo da un lato, un lungo tatuaggio giapponese che le copre il braccio sinistro e due piercing: due palline sulle guance che le impreziosiscono il bel visino.
- Ehm.. sì. Stavo cercando... - le spiego in inglese - ..cioè, volevo dire, sarei interessata a farmi un piercing... in verità non ho ancora... -
- Mi spiace - mi interrompe subito - Oggi sono senza attrezzatura, dovresti ripassare domani -
- Oh.. ok - ma mentre mi sto voltando per andarmene, aggiunge
- E dove volevi farlo? -
- Beh, in realtà non ho ancora deciso -
Mi avvicino ad aiutarla raccogliendo una scatola che le è caduta
- Mi è sempre piaciuto qui... - indicando il sopracciglio - ...ma forse qui sarebbe meglio... - indico la parte superiore del naso.
La ragazza si ferma e rimane un attimo in silenzio, pensierosa, poi si avvicina
- Posso? - mi chiede, e senza neanche darmi il tempo di rispondere inizia ad esaminarmi il viso spostandolo a destra e a sinistra con l’espressione assorta di un archeologo con un reperto antico
- Guarda... - conclude - ..se vuoi un consiglio, nessuno dei due -
Resto un po’ spiazzata dalla risposta che davvero non mi aspettavo
- Sì, ti starebbero bene... ma hai una bocca così particolare, così bella... - mi dice sfiorandomi le labbra, poi come colta da un’illuminazione
- Ecco... - si china a cercare nella vetrina, prende un anellino fatto a U, me lo infila sul labbro e con l’altra mano, recupera allungandosi uno specchietto sul bancone.
Me lo porge per farmi guardare. Nel riflesso vedo la simulazione di un piercing al centro del mio labbro inferiore e di fianco la sua espressione compiaciuta di chi sa già di aver avuto ragione.
- Sì, mi piace - le sorrido soddisfatta mentre le restituisco l’anello e lo specchietto
- Perfetto! - mi risponde tutta contenta - Allora a domani! -
Sto per salutarla quando, guardandomi intorno per l’ultima volta, non posso fare a meno di chiederle
- Senti... - prendendo in mano il dvd dai caratteri nipponici che avevo visto in vetrina - Ma... cos’è? -
- Oh... - mi risponde eccitata - ...quello mi è arrivato ieri, è l’ultima novità in fatto di dacrifilia -
- Dacrifilia? -
- Sì, feticismo delle lacrime -
Si avvicina e apre il dvd per farmi vedere il libretto all’interno
- Vedi, ci sono queste ragazze che vengono intervistate e ognuna si mette a piangere raccontando un episodio triste della giornata -
Mi guarda come se questa descrizione avesse perfettamente senso.
Sono confusa
- E... non succede nient’altro? Voglio dire, piangono e basta? -
- Piangono e basta - annuisce
Si mette a sfogliare il libretto - Allora, c’è Hinata che è triste perché il capo l’ha sgridata al lavoro, Sayaka che le è morto il cane, Nozomi che è stata presa in giro a scuola, Megumi che... -
- Non ci posso credere... - osservo sbalordita
Lei si ferma, un po’ imbarazzata, evidentemente non ha capito il tono della mia reazione e di colpo è come se si vergognasse un po’.
Finché non concludo ridendo
- ...Ma questa è la cosa più bella del mondo! -
In un attimo riacquista tutto il suo entusiasmo
- Ahahah, vero? - Con gli occhi che brillano mi parla vicina come se fosse una confidenza tra amiche
- Sai, io adoro il fetish giapponese, ci sono delle cose pazzesche! Ti faccio veder.... -
Il fragore improvviso di un tuono poco distante ci interrompe facendoci sobbalzare come in un thriller. Dalla vetrina vediamo la pioggia che ha iniziato a battere violentemente mentre i passanti stanno accelerando il passo coprendosi la testa con gli abiti.
- Aspetta qui un attimo... - mi dice lasciandomi il dvd in mano - ... arrivo subito -
Sto esaminando sempre più rapita il booklet del curioso feticcio nipponico quando la sento urlarmi distante
- SENTI, TI VA UN TE’? -
- COME SCUSA? - mi volto e la vedo in piedi su una scaletta pericolosamente in bilico vicino all’entrata ad armeggiare con i comandi per aprire le tende
- STAVO PER FARMI UN TE’... LO VUOI ANCHE TU? -
Perché no? penso, dal momento che sono senza ombrello, tanto vale aspettare che finisca di piovere.

------

Sedute in un angolo appartato tra vibratori tentacolari, cinture di castità e un ammiccante Obama gonfiabile con uccello a due velocità, stiamo bevendo un earl grey mentre facciamo conoscenza sulle note dei Ramones.
Lei si chiama Coraline ma si fa chiamare Cory, ha un anno in meno di me ed è arrivata qui 2 anni fa da Christchurch, Nuova Zelanda perché aveva bisogno di prendere fiato da una storia d’amore finita male e perché era stanca della vita nel suo paese.
Mi racconta che la Nuova Zelanda è molto tranquilla, molto pulita, molto sicura ma vivere lì era come stare a guardare il mondo da un oblò, isolata lontano mentre le cose importanti sembravano accadere sempre da un’altra parte. Voleva sentirsi un po’ più parte del mondo, all’inizio aveva pensato agli Stati Uniti ma c’erano troppe cose laggiù che non le stavano simpatiche e così ha ripiegato per il Canada.

Mi rivela inoltre che uno dei motivi per cui adora lavorare nei sexy shop è perché è l’unica situazione in cui i clienti non si possono mai permettere di trattarti male.
- Perché è come se qui tu avessi sempre il coltello dalla parte del manico. Li tieni per le palle -
Posa la tazzina per spiegarsi meglio
- Prendiamo ad esempio il classico cliente rompicoglioni, di solito maschio bianco minidotato con il SUV. Se fossimo, che so, in uno Starbucks non aspetterebbe altro che il primo errore della povera sventurata al bancone per poter alzare la voce e sfogare così la frustrazione per il suo micropene, giusto? -
Annuisco mentre soffio sul tè bollente
- Beh, qui non può. Perché magari sta comprando un video di farting e... -
- Farting? -
- Sì, ciccione che scoreggiano in faccia alla gente - specifica con noncuranza
- Oh, ok -
- Capisci che voglio dire? Da una parte è intimidito dalle sue perversioni, dall’altra probabilmente se la fa sotto alla possibilità di essere scoperto dai colleghi o dalla moglie. E quindi non si azzarda minimamente a provare a rompere il cazzo -
Devo riconoscere che il suo discorso non fa una piega
- Dovresti vedere certi pezzi grossi, ma di quelli super-mega-stronzi, come cambiano quando sono qui a comprarsi l’ultimo modello di bocca vibrante o il kit col ciuccio e il pannolone per vestirsi da bebè, diventano docili come agnellini! -

Si è fatta ora di chiusura, la pioggia non accenna a fermarsi e dal momento che abita all’ultimo piano dello stesso palazzo, Coraline mi offre di salire un attimo da lei. Mi verrebbe da dirle che non è il caso, che anche se mi bagno un po’ non muoio mica, ma è così carina che alla fine mi lascio convincere senza fare troppa resistenza. E poi sono anche curiosa di alcuni cartoni animati erotici giapponesi che vuole assolutamente farmi vedere.

Tenendo su la borsa con la bocca, Cory apre la porta di casa
- Oh shit, è andata via la luce - commenta mentre clicca sull’interruttore morto - Aspettami qui - Si toglie le scarpe e sparisce nel buio.
Sento i suoi passi veloci muoversi nell’oscurità, poi un tonfo seguito da un - AHI! - e da svariate imprecazioni anglofone
- CORY, TUTTO BENE? TI SEI FATTA MALE? - le chiedo dall’uscio
- TUTTO OK... IL MALEDETTO SPIGOLO DEL CAZZO! -
Una luce fioca è comparsa da una stanza, Cory esce zoppicando con due candele in mano e viene verso di me ad accogliermi nel suo appartamento. Il suo viso sorridente illuminato dalla calda luce dei lumini mi dà subito una sensazione di intimo tepore facendomi sentire a mio agio e contenta della piega imprevista che ha preso la giornata
- Il bagno è da quella parte? - indicando la stanzino da cui è arrivata
- Sì, ma al momento siamo senz’acqua... E’ per via di alcuni lavori che stanno facendo, tra poco dovrebbe tornare -
- Giusto per curiosità... - le chiedo ridacchiando - ...c’è qualcosa che funziona in questa casa? -
Lei posa le candele su un tavolino, mi prende per mano e mi conduce ad una porta-finestra chiusa - C’è questo... -
Apre le imposte e quasi rimango senza fiato di fronte alla vista più stupefacente che abbia mai visto.
Esco sul balcone, la pioggia si è fermata e il cielo si sta schiarendo. Gli ultimi deboli raggi di sole tingono il blu dell’oceano di sfumature rossastre mentre le luci dei grattacieli iniziano a brillare nell’oscurità imminente.
- Mioddio... - esclamo in italiano senza rendermene conto - E’ stupendo... -
Cory viene di fianco a me, prende qualcosa dalla borsa e inizia a sistemare della marijuana su una cartina.
- Vuoi? -

Restiamo in silenzio a fumare guardando Vancouver che sprofonda nella notte
- Alexandra... - mi dice ad un certo punto (non ha ancora capito come si pronuncia il mio nome per esteso) - ...io sto morendo di fame, ho del ramen da fare al microonde, ti piace? -
In un attimo realizzo di avere un buco allo stomaco grande come una caverna. Annuisco decisa ma prima di rientrare le chiedo
- Senti, ti dispiace se sto ancora un po’ qui fuori... a guardare la città? -
- Eheh, è una droga, vero? - ed entra a preparare la cena.

------

Svaccate sul grande divano-letto al centro del suo monolocale stiamo guardando un catalogo di piercing che mi ha portato per farmi scegliere l’anello per domani.
Avanzi di ramen nei cartoncini e bottiglie di birra sono sparsi sul tavolino di fronte, la calda voce di Jim Morrison esce dallo stereo, il profumo d’incenso si spande nell’aria e la tv muta condisce questo sapore di psichedelia anni 60 con immagini di scolarette giapponesi in divisa seviziate da alieni tentacolari all’interno di un anime.
Mentre commentiamo i piercing, Cory mi chiede di raccontarle della mia adolescenza, dell’Italia, delle mie amiche, di Giorgia.
Ride battendo le mani ogni volta che salta fuori un episodio divertente e mi ascolta attenta nella parti più serie.

Verso le undici stiamo fumando erba in silenzio sdraiate una ai piedi dell’altra, io distratta dalla tv, lei assorta nella musica mentre mi accarezza dolcemente i piedi di fianco al suo viso.
Si volta verso di me
- Senti, posso farti una domanda? -
Faccio segno di sì con la testa mentre faccio un tiro
- Tu sei dominante vero? -
Totalmente spiazzata, non posso fare a meno di sbarrare gli occhi e quasi mi soffoco con il fumo
- No scusa, non importa - si corregge subito temendo di essere entrata troppo nel personale
- Sì... - le rispondo un po’ timidamente - ...Credo di sì -
- Credi? -
- Ho sempre avuto delle fantasie... -
- Ad esempio? - si volta verso il mio piede e gli dà un bacino
- Beh, quando oggi ti ho detto che il dvd delle giapponesi era la cosa più bella del mondo un po’ scherzavo... - vengo colta da un brivido - ...ma quelle cose lì in realtà mi eccitano -
- Ti eccita una ragazza che piange? - mi domanda un po’ maliziosa spostandosi dal collo del piede verso le dita per baciarle dolcemente
- Mi eccitano le lacrime... - confesso mentre con un altro bacio, più intenso, le dita si infilano tra le sue labbra
- Mi eccita il sangue... -
mi tocca le dita con la punta della lungua
- Mi eccita vedere una persona sottomessa... - le prende in bocca
- Abusata... - le morde
- Umiliata... - le succhia
La libido ha completamente annebbiato ogni traccia di lucidità.
Mi tiro su, paonazza, col battito a mille
Cory mi guarda negli occhi
- Ho voluto gettarmi ai tuoi piedi dal primo momento che sei entrata in negozio -
A queste parole, mi lascio definitivamente andare, le prendo il viso tra le mani e le infilo la lingua in bocca.
Ci baciamo con foga, come due ragazzine in piena tempesta ormonale, ci infiliamo le mani sotto i vestiti, ci tocchiamo, ci spogliamo e ci baciamo ancora. Poi ci separiamo, per riprendere fiato, e Coraline mi dice una frase che ancora adesso mi risuona nelle orecchie facendomi vibrare dall’emozione
- Alexandra... ti va di trattarmi male? -
Sono talmente confusa dallo stato in cui mi trovo che non so neanche cosa e come rispondere
- Cosa... Cosa vuoi che faccia? - le chiedo ingenuamente come se fosse lei quella a dover decidere.
Lei si mette a gattoni, con la faccia verso i miei piedi e il sedere verso di me. Si abbassa i pantaloni, volta la testa e con la voce affannata per l’eccitazione e lo sguardo imbarazzato mi dice
- Dimmi che ho un brutto culo -
- C-come? - pensando di non aver capito bene il suo inglese
- Ti prego, dimmi che ho un brutto culo - ripete mentre riprende a baciarmi i piedi
- Dimmi che non mi scoperesti mai... Che sono un’imbranata, una asciugafighe... -
Mi lecca le ditine, ci passa la lingua in mezzo, le succhia
- Che posso essere solo la tua patetica leccapiedi... -
Mi prende l’alluce in bocca
- ...la tua succhia-alluci ridicola... -
- Cory... - le dico ansimando - ...fermati... se.. se continui così... -
Sento il cuore che sta per esplodermi e le ginocchia che mi tremano come attraversate da una scossa elettrica.
Lei si sposta sulla pianta, la lecca, la bacia, la morde
- Cory... sto per... -
Mi dà un morso più forte, io butto la testa all’indietro, mi metto una mano davanti alla bocca mentre con l’altra ancorata al letto strappo le lenzuola e raggiungo il culmine con un urlo soffocato.


Sono distesa con gli occhi sbarrati verso il soffitto. Esausta, disorientata, incredula.
- S-sono... - inizio a dire con un filo di voce - ...venuta? -
Cory mi viene vicino e mi da un bacio sulle labbra
- Mi sa proprio di sì - mi dice sorridendo
Tiro su la testa cercando di riprendere fiato
- Ma... com’è possibile?? -
- Non ti era mai successo? - mi chiede sdraiandosi di fianco a me
- No... Non così -
Mi sposta i capelli dal viso
- Raggiungere un orgasmo in questo modo è una cosa piuttosto rara... - mi dà un bacino sulla fronte - ...Sei speciale! -
Appoggia la testa sul mio petto e restiamo così per un tempo indefinito. Io le accarezzo i capelli, lei alza ogni tanto lo sguardo per darmi un sorriso mentre, a bassa voce, segue la musica che riempie la stanza:

Riders on the storm
Riders on the storm
Into this house we're born
Into this world we're thrown
Like a dog without a bone
An actor out on loan

Riders on the storm


Sono le 2 passate quando sto salendo sul taxi per tornare a casa. Coraline mi ha detto che potevo dormire da lei ma domani devo alzarmi presto e l’agenzia è lontanissima dal suo quartiere. E poi è stato tutto talmente nuovo e forte che ho bisogno di stare un po’ da sola. A metabolizzare, a ricomporre i pezzi.
- Dove la porto, signorina? -
Il tassista di colore con la faccia sorridente di Forest Whitaker mi sveglia dai miei pensieri
- Uh...West End! - rispondo veloce
Sistemo le mie cose e mi accorgo che alla radio stanno passando la stessa canzone che stavamo ascoltando prima
- Le dà fastidio? Vuole che abbassi un po’? - mi chiede gentile
- No no, affatto - e appoggiata al finestrino, con le luci della città che mi passano davanti e la musica che mi culla, piano piano chiudo gli occhi, e mi addormento.

---------------

il resto dei capitoli li trovi sul mio sito: https://unabiondatralenuvole.wordpress.com

Questo racconto di è stato letto 4 4 8 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.