La fine dell'estate. (pt.1)

Scritto da , il 2016-02-03, genere prime esperienze

Stavamo insieme da poco, anche se già avevamo condiviso molto. Ultimamente eravamo diventati molto intimi infatti.. io conoscevo il suo corpo e lui il mio, però non ci eravamo mai spinti "oltre". Era la mia prima volta, e non volevo perdere la verginità con leggerezza.. però anche se stavamo insieme da poco e non lo conoscevo benissimo sentivo che volevo di più da lui, ciò che facevamo non mi bastava, non mi rendeva pienamente soddisfatta, volevo sentirlo più vicino. Lo amavo tanto, forse troppo. Un giorno come un altro andai da lui dopo scuola, stavo all'inizio del quarto liceo. Ci mettemmo a studiare insieme, ma ero troppo agitata, non riuscivo a concentrarmi. Sapevo che di lì a poco la mamma sarebbe uscita e saremmo rimasti soli in casa. Non accadeva di rado, anzi, ma era la prima volta che succedeva dopo quell'ultima volta..
Durante le vacanze estive avevamo trascorso molto tempo insieme, ma senza mai spingerci oltre i semplici baci, anche se avevo già avuto altre esperienze, non volevo correre. L'ultima sera d'estate stavamo con degli amici in un campeggio a pochi passi dal mare, e per finire in bellezza bevemmo e fumammo a non finire. Verso le due di notte però l'alcool stava iniziando a "deviare" i miei pensieri, che si stavano iniziando a concentrare sul suo corpo, e sulla voglia di averlo. Decisi di assecondarlo senza ragionarci troppo su. Lo presi per mano e lo trascinai in tenda, poco distante da dove stavamo. Lì dovevamo per forza star chinati, lo spinsi per farlo sdraiare e mi buttai su di lui per baciarlo, intensamente. Lui ricambiò con altrettanta passione e cingendomi i fianchi spinse il mio sesso sul suo. Mi fece impazzire ancora di più, e lo baciai con una foga insaziabile, le nostre lingue si cercavano a vicenda, le labbra umide si sfioravano, generando brividi che percorrevano tutto il mio corpo. Dopo poco decisi che volevo di più da lui. Iniziai a baciargli il collo, il petto (già nudo a causa del caldo), sempre più giù.. arrivai alla "V", e le percorsi tutta, fino ad arrivare all'elastico dei suoi pantaloni. Glieli sfilai insieme ai boxer, e vidi per la prima volta il suo bel cazzo. Alzai un attimo lo sguardo per godermi la sua espressione, era in attesa, vidi nei suoi occhi il desiderio di averne ancora, e non lo feci aspettare un secondo di più: con la mano gli afferrai il membro e iniziai con dei leggeri movimenti delicati, per poi stringere sempre un po' di più e andare sempre più veloce. Ansimava, sapevo di averlo sorpreso, e sentivo che era al massimo dell'eccitazione, il suo cazzo pulsava e il suo respiro si faceva sempre più rumoroso, più irregolare. Gli chiesi di chiudere gli occhi, mi sputai sulla mano, e continuai a menarglielo: urlò dal piacere a causa dei movimenti molto più fluidi della mia mano. Mi sentivo parecchio accaldata e sapevo che anche la mia saliva non era da meno, sapevo che avrebbe gradito. Continuai chinandomi di nuovo su di lui, in modo da riuscire a baciarlo ancora. Con le mani iniziò a toccarmi il culo, inizialmente titubava un po', come se non sapesse ancora se potesse osare tanto, poi però la sua presa divenne più sicura e iniziò a palparmi per bene, infilando la mano sotto i pantaloncini cortissimi e arrivando sempre più verso il centro basso del mio culo.. iniziò pian piano ad avvicinarsi sempre di più alla mia figa, che era ormai bagnatissima dal desiderio di essere toccata. Il fatto che me la sfiorasse appena mi mandava ancora di più in tilt, non riuscivo a ragionare. Mi toccò giusto un attimo da sopra gli slip, prima di interrompersi e far aumentare ancora di più il mio desiderio. Mi fece girare, in modo da avere la mia figa in faccia. Con le mani mi spostò sia il pantaloncino che gli slip e iniziò a leccarmela tutta, con movimenti circolari, lenti, sinuosi.. avevo perso la testa, pensavo fosse il massimo piacere che sarei riuscita a ricevere quella notte, quando iniziò a penetrarmi leggermente con le sue dita, mentre continuava a leccarmi. Probabilmente i miei gemiti si sentivano anche fuori la tenda, ma non m'importava, non riuscivo a contenermi. Volevo assolutamente ricambiare il piacere che mi stava dando, così iniziai a prenderglielo in bocca. Appena lo feci si interruppe un attimo ed emise un sonoro sospiro di piacere, per poi riprendere a darmi piacere con la sua bocca e la sua mano, mentre con l'altra mi palpava sia il culo che il seno, alternandoli. Intanto glielo stavo leccando per bene: iniziai dalle palle per poi salire fino alla cappella, e viceversa.. poi lo presi quasi tutto in bocca, fino a farmi toccare la gola, e iniziai a muovere il collo sempre più velocemente. Continuammo così per un bel po'.. venimmo quasi contemporaneamente: lui mi inondò tutta la bocca, ingoiai ogni singola goccia del suo nettare, lo volevo tutto. L'attimo dopo mi buttai al suo fianco e distendemmo un attimo i muscoli per riprenderci, era stato magnifico. Ci riposammo qualche minuto e poi uscimmo dalla tenda per fumarci una sigaretta, e notammo che il cielo si stava già rischiarando. Avevamo perso totalmente la cognizione del tempo, ridemmo un po' sconvolti dal tempo in cui eravamo stati in quella tenda, senza accorgerci delle ore che passavano, presi completamente l'uno dal corpo dell'altro.

Questo racconto di è stato letto 3 2 0 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.