Erotici Racconti

Un'esperienza folgorante

Scritto da , il 2016-01-09, genere etero

La situazione era veramente imbarazzante e Valeria pensava invano ad una via d'uscita. Come aveva potuto lasciare che le sfuggisse così di mano? Tutto era iniziato per caso: un amico che aveva perso di vista da tempo, incontrato per strada un pomeriggio, di ritorno dall'università. Una breve conversazione con un uomo simpatico, qualche ricordo...aveva accettato senza obiezioni il suo invito a casa sua per guardare alcune foto del tempo andato. Lui era un uomo simpatico, con qualcosa di penetrante nello sguardo...e Valeria non rifiutò un piccolo bacio malgrado fosse fidanzata.
Ma da lì le cose avevano preso una piega che non aveva saputo controllare e adesso si ritrovava con la lingua di lui nella propria bocca...e non solo: sentiva la mano di lui che carezzava i due bei seni che aveva scoperti aprendole la camicetta e slacciando il reggi. Certo capiva benissimo che non aveva saputo bloccarlo perché troppo attratta da quell'uomo così fascinoso, che aveva saputo toccare corde nascoste della sua intimità, ma non poteva dimenticare di essere fidanzata e voleva riuscire a troncare subito. Tuttavia quel bacio appassionato, quella mano carezzevole ed energica allo stesso tempo che le massaggiava i seni e giocava con i capezzoli diventati ormai così duri e sensibili...difficile negare che avevano innescato un desiderio nascosto, a lungo represso e tuttavia rimasto sempre latente. Il fidanzato era una brava persona, certo..ma mai aveva suscitato in lei una tempesta simile a quella che provava adesso.
Valeria ebbe un improvviso sussulto quando si rese conto che la mano di lui si era infilata sotto la gonna, nelle mutandine...e il suo dito stava frugando in quella fessura che per tanto tempo aveva negato perfino al fidanzato. No, basta! Tentò di allontanare da sè quell'uomo che stava profanando il tempio dell'amore, come lo aveva definito il fidanzato. Ma il tentativo era troppo debole e lui troppo forte, staccando la bocca dalla sua lui le sussurrò "lasciami fare, sei troppo bella ed affascinante, mi hai stregato...seguimi, lascia libero il tuo desiderio...lo sai anche tu che mi vuoi...lo sento accarezzandotela". Effettivamente aveva ragione, Valeria la sentiva già bagnata e si sentiva così debole, tremante. Sensazione che divenne ancora più forte quando lui si liberò velocemente di pantaloni e boxer e improvvisamente guidò la mano di lei sul suo membro già duro. Valeria rrimase come pietrificata, lo sguardo fisso su quella verga solcata da vene gonfie, con in cima una cappella gonfia e sporgente e alla base due grosse palle pelose.
Ritrasse la mano istintivamente, ma lui gliela guidò lì di nuovo e lei strinse alla base quel bastone pulsante. Lui le mise una mano nei capelli, spingendole dolcemente la testa verso il basso. Ma anche senza quella spinta lei lo avrebbe fatto: sentiva un bisogno impellente di toccare quell'arnese anche con la bocca. Lui era rimasto in piedi, lei gli si inginocchiò davanti, sempre tenendolo in mano, ammirandone l'aspetto imperioso, le dimensioni generose. Il confronto con quello del fidanzato era inevitabile, malgrado lei lo volesse rifiutare. Non che l'altro fosse trascurabile, ma suscitava casomai una sensazione di affetto, un gingillo benevolo con cui trastullarsi; al contrario questo innescava un desiderio irrefrenabile di toccarlo, farlo proprio e sentirsi posseduta.
Valeria si vergognava di questo desiderio, ma non poteva distogliere lo sguardo da quella verga ritta e pulsante: avvicinò la lingua alla cappella, una leggera leccatina come di prova...poi passò la lingua con più convinzione sul bordo, sull'asta lungo tutta la sua lunghezza, prendendo poi in bocca tutta la cappella...lui le teneva sempre una mano nei capelli e le tenne ferma la testa mentre spingeva tutta la verga dentro la sua bocca, fino a toccarle la gola con la cappella. Non era certo la prima volta che Valeria faceva un pompino, e le era sempre piaciuto, sin da quando aveva fatto le prime esperienze da ragazza; nulla però era mai stato così eccitante come questa volta, la sensazione che questo fosse il manico del mondo, il perno della realtà.
Fu allora che lui la sollevò di peso per farla sedere sul bordo del divano, alzandole la gonna fino alla vita e sfilandole le mutandine: lei tentò un'ultima difesa, cercando chiudere le gambe, ma lui gliele aprì senza indugio. Valeria restò così, muta, le gambe aperte e semipiegate, completamente esposta al suo sguardo. Chiuse gli occhi come ultima difesa, mentre sentiva il dito di lui che le frugava la passera già tutta bagnata, le strofinava il grilletto duro e sporgente...finchè lui le mise la testa fra le cosce aperte, scostando con la lingua le labbra turgide e leccando tutto l'interno rosa. Quella lingua che esplorava le pieghe più segrete, si faceva a punta per stuzzicare il buchino, vibrava poi sul grilletto già fuori dal suo cappuccio e disperatamente voglioso: Valeria si sentiva impazzire, prigioniera di una voglia incontenibile di essere posseduta, di sentire il maschio dentro di sè.
Non dovette aspettare molto, ché lui già le era sopra, fra le sue gambe aperte, con in mano quel grosso bastone minaccioso. Strofinò la cappella lungo tutta la fessura e sul grilletto, poi Valeria sentì la cappella che si faceva strada...una spinta decisa, quasi improvvisa, e tutta la verga entrò dentro di lei, fino alla base, fino alle palle. Che sensazione indicibile, sentirsi impalata da quella grossa verga dura che la riempiva tutta, le dilatava la passera come non mai...e che adesso aveva incominciato a muoversi, lentamente dapprima e poi più forte, più a fondo, avanti e indietro, su e giù. La cappella così sporgente le raschiava tutto dentro, mentre l'asta massiccia le sfregava il grilletto nel suo andirivieni, facendola impazzire. Valeria si sorprese a gridare "oh sì, così...chiavami forte, così..sfondami tutta". Non era mai successo prima, ma Valeria ormai non era più padrona di sè stessa: aveva perso ogni ritegno, senza alcuna capacità di reagire, sotto il maschio che la penetrava. I due corpi erano avvinghiati insieme come a costituire un tutt'uno, lui che la stringeva con forza e lei con le mani sulle sue natiche ad accompagnare il movimento di su e giù. Lui le strinse le tette fino a farle quasi male, schiacciandole anche i capezzoli così duri e quasi dolenti, poi le prese il sedere a due mani tirandolo a sè e penetrando così ancora più profondamente dentro di lei, che ad ogni affondo sentiva la cappella esplorarle le viscere e le palle sbattere contro il sedere. Sentiva la figa come infiammata, slabbrata e sbrodolosa, che stringeva disperatamente quel cazzo grosso e duro che la bastonava senza sosta e senza pietà.
Proprio da lì si alzò lentamente come un'onda di piacere che si irradiava a tutto il corpo, un'onda sempre più forte che trasformò i suoi gemiti in un rantolo fino all'esplosione finale quando sentì che anche lui stava sborrando e le stava inondando la figa con schizzi violenti di sperma caldo.
Lentamente la tempesta si acquetò, i due corpi prima ansimanti erano ora insieme dolcemente, sempre uniti dalla verga ormai domata, lui che le baciava il collo e le accarezzava i fianchi. "Sei meravigliosa" le sussurrò lui, "Anche tu" rispose lei con un sorriso complice.

Questo racconto di è stato letto 3 5 2 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.