Co(g)niugi schiavi 1

Scritto da , il 2015-12-28, genere dominazione

Mentre preparo la cena capisco, dai gemiti trattenuti e dai singulti che mi arrivano dal soggiorno,che Elisabetta sta di nuovo torturando mia moglie. E sono di nuovo i seni della mia consorte ad essere l'oggetto principale di attenzione. Inginocchiata di fronte a lei, nuda, mia moglie ha ricevuto l'ordine di non muoversi, mentre Elisabetta le strizza i capezzoli e vi conficca le unghie. Per fortuna la cena é pronta e le sevizie vengono sospese. Naturalmente a tavola si sta su due livelli: Elisabetta seduta normalmente, e noi sotto, entrambi nudi. Fungiamo da poggiapiedi mentre cerchiamo, accucciati, di mangiare dalle nostre scodelle poste sul pavimento. Non possiamo usare né posate né mani, e quindi ci arrangiamo con la bocca, a completare la nostra condizione di animali domestici.
Mentre mangiamo, in questa relativa pausa che ci viene concessa, ritorno con il pensiero alle vicende che ci hanno condotto, mia moglie e me, a tutto questo.
Quando la assunsi come segretaria in prova nella mia piccola ditta, Elisabetta era una una ragazza dall'aspetto sveglio , molto carina e di una bellezza elegante, priva di quelle procacità vistose delle quali invece è fornita mia moglie , che è sempre stata una bella donna molto corteggiata. Invece Elisabetta era tremendamente carina ma di una bellezza delicata, anche se non priva di una certa altezzosità.
Vedendomela intorno per tutta la giornata cominciai a provare di settimana in settimana un lieve turbamento, ma lieve, e sono certo privo di conseguenze se non fosse stato per quello che le i avrebbe fatto in seguito.
In un tardo pomeriggio di un giorno lavorativo, quando in ditta non vi erano rimasti che lei ed io, si alzò dalla scrivania ed entrò in bagno. Non mi accorsi subito che aveva lasciato la porta semichiusa Ma dai rumori che mi arrivavano limpidi alle orecchie mi accorsi presto di quella che d' acchito giudicai una dimenticanza. Decisi di far finta di nulla. Sentii distintamente il tintinnare argentino dell'orina della mia impiegata, e dopo qualche tempo lo scroscio risolutivo dello sciacquone. Lei uscì subito dopo, mente continuavo a fingere indifferenza. Con la coda dell'occhio però mi accorsi che si stava avvicinando alla mia scrivania. Si accostò. Intravidi nella sua mano un pacchettino candido. Di colpo me lo mise sotto il naso e sulla bocca, e vi premette. Era la carta igienica appena usata per nettarsi. L'odore pungente si fece strada dalle mie narici fino al cervello. Non so perché ma non mi mossi, mentre un'emozione vivissima si impadroniva di tutto il mio essere. Continuò a tenere premuto quel pacchetto odoroso per una decina di secondi, ed io a respirarci dentro, finché mi liberò da quel bavaglio gettandolo nel cestino accanto. ”Il mio orario di servizio è finito, posso andarmene?” disse, non senza una punta di sarcasmo. Io feci di sì con la testa, incapace di emettere il benché minimo suono. Il cuore mi martellava sin nelle orecchie. Era appena uscita quando mi accorsi che il telefono squillava insistente. Era mia moglie. Mi ricordava la cena dai nostri amici e si raccomandava che ritornassi in tempo. Distrattamente la rassicurai, chiusi la comunicazione e mi preparai per uscire. Ma già col cappotto indossato una forza oscura mi bloccò a mezzo la soglia. Rientrai nell'ufficio ma prima chiusi la porta a chiave. Come in un sogno andai verso il cestino della carta straccia. Ritrovai il pacchettino gettato da Elisabetta poco prima, e lentamente mi chinai per raccolglierlo. Tra le dita ne percepii la consistenza morbida e la lieve umidità, mentre nei pantaloni accadeva reazione di cui avrei dovuto vergognarmi. Indugiai un poco con quel pacchettino in mano, poi mi risolsi: lo premetti di nuovo sul viso, inspirando. Di nuovo quell'odore sconvolgente. Mi snudai il pene e presi a masturbarmi sempre tenendo quel bavaglio sul naso e sulla bocca, talvolta baciandolo. Venni gemendo, schizzando dentro il cestino, in una congestione di godimento ed umiliazione.
Passai quella serata distratto, assente, come in una sorta di torpore.
L'indomani, quando rientrai in ufficio, avevo deciso di ostentare indifferenza, come se nulla fosse successo.

Questo racconto di è stato letto 6 1 4 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.