Greg Barison e l'Odore del Piacere. cap.11

Scritto da , il 2010-07-19, genere pulp

NELLE PUNTATE PRECEDENTI mentre indaga su incarico di Antonella Librandis sui presunti tradimenti da parte del marito, Giorgio, Grag Barison viene invitato al matrimonio di Rosa, una specie di fidanzatina ai tempi del liceo. Al matrimonio lo aspetta anche Grazia, la sorella maggiore di Rosa, a cui toccò l'onore di svezzare il buon Greg.

Cap.11

Penelope mi sveglia verso le 8 ticchettando gli artigli sul vetro finché le apro. Guardo fuori, verso le colline, e mi mette di buon umore il fatto di constatare che sta per piovere. Io vado in cucina per mettere la moca sul fuoco, poi in bagno a vomitare, quindi torno in cucina dove mi verso il caffè. Sciolgo due cucchiai di citrosodina in un bicchiere d’acqua e mentre aspetto che si sciolga bevo il caffè. Dopo il caffè mi infilo sotto la doccia finché il boiler è vuoto. Ci voleva. Alle 10 sono pronto, sbarbato e con una camicia pulita, fuori dalla chiesa di San Rocco . La sposa è in ritardo, io non conosco nessuno e voglio che le cose rimangano così. Mi nascondo nel bar di fronte affrettandomi per evitare la pioggia sottile ma insistente. Ordino una grappa.

Alle 11 meno un quarto arriva la sposa con tutta la famiglia. Hanno tutti 15 anni in più. Il padre è più bianco, la madre più tinta. Grazia è arrivata prima, mentre ero al bar, per controllare che tutto fosse a posto. Si è fatta rossa. Mi riparo nell’antiportico della chiesa quando arriva la macchina della sposa. Vedo la scarpa bianca col tacco e una caviglia sottile che si posano a terra, poi il resto della sposa si rifugia sotto ad un ombrello tenuto da un ospite che ride come un idiota. Rosa mi riconosce e sorride felice, poi riconosce qualcun altro e gli sorride nello stesso identico modo. Poi entra al braccio del padre mentre parte la solita marcetta. Io aspetto fuori guardando piovere.



Quando hanno finito, la pioggia rimane un attimo sospesa. Mi metto in disparte per evitare le bordate di riso. C’è una biondina, del tipo Drew Barrymore nel Charlys’ Angels moderno, che mi guarda cercando un pretesto per avvicinarmi. È un’amica di Rosa, che poi si butta con un’elevazione da pallavolista sul bouquet. C’è una lunga fila per baciare la sposa. Sto pensando di andarmene quando mi sento toccare un gomito.

– Ciao , Greg, ti trovo bene.

È Grazia. Raggiante, rossa, onnipotente. Il matrimonio non è il suo, ma se tutto andrà bene il merito andrà a lei. Quando mi abbraccia per i baci di rito mi preme i seni addosso. Sa di testosterone più di Totti dopo un gol nel derby.

– Non sei diventato molto più loquace, eh Greg?

– Direi di no.

– Non importa. Ci vediamo dopo, al pranzo.

Se ne va sculettando. Il risucchio degli invitati mi spinge verso la sposa ma prima passo davanti allo sposo intento a stringere mani in serie. Non mi guarda nemmeno in faccia, attento solo a non mancare la mano successiva. Se gli avessi detto “vaffanculo” mi avrebbe risposto comunque “grazie” tutto contento. Poi mi trovo davanti Rosa, con fiorellini bianchi nei capelli neri raccolti sul capo a treccine. È carina. Mi sorride e la bacio sulle guance. Mi pare incantata, più che felice. Vorrei chiederle come sta ma una zia mi spinge da parte.



Per il pranzo hanno affittato una villa sui colli famosa per il suo parco. Della gente che mi siede attorno a tavola non voglio raccontare. Non vorrei, rileggendo un domani queste righe, ricordare le loro facce.



Dopo il primo mi si avvicina Grazia e mi chiede di aiutarla a portare un pacco un po’ pesante, con dentro un orsacchiotto di peluche king size, fino in macchina. Nel grande garage sotterraneo mi fa mettere il voluminoso pacco dentro un’espace, poi chiude il portellone e mi salta addosso aprendomi la bocca con la sua lingua.

– Scopami prima che arrivi qualcuno – sussurra. Non ho niente di meglio da fare e allora le alzo la gonna e le abbasso le mutandine infilandole le dita nella fessa. Lei geme. Tiro fuori la bestia e con un paio di mosse le sono dentro, la sollevo reggendola per le cosce, con le mani sulle stringhe del reggicalze, la sbatto contro l’espace baciandola per soffocare i suoi gemiti. Si vede quanto ne aveva voglia perché viene relativamente presto. Allora si fa posare a terra, si inginocchia e mi tira un gran pompino, succhiando come una pazza. Si prende in bocca tutto quanto, poi si alza, si sistema la gonna e si rimette il rossetto usando lo specchietto della monovolume. Quindi si gira e mi da un bacio sulla punta del naso tenendomi per il risvolto della giacca. Mi sorride.

– Mio marito è un idiota. Una noia mortale. Avevo proprio voglia di vedere se avevi lo stesso sapore di allora – dice pulendomi le labbra con un fazzoletto di carta che poi butta a terra. – Torniamo su, ora.

Di sopra non è cambiato nulla.



Dopo 6 ore di pranzo e di giochetti di società in cui Grazia ha cercato di coinvolgermi, ricevendo un sguardo gelido che l’ha fatta desistere, mi sono ormai rassegnato a mangiare e bere tutto quello che mi capita a tiro ignorando il resto. Ci spostiamo nell’altra sala dove un complessino minimale – sintetizzatore, basso e voce – fa praticamente l’intero repertorio da matrimonio dagli anni ’50 in poi. Vedo Rosa, che si è tolta il velo lasciando le belle spalle scoperte, che apre le danze con lo sposo. Poi balla con il padre, poi un altro ancora e un altro. Poi finalmente riesco ad avvicinarla.

– Ehi!

– Greg, grazie di essere venuto.

Non credo si riferisca al recente revival con sua sorella.

– Come stai, Rosa?

– Sono stanchissima!

Avrei tante cose da chiedergli, al di là di quelle banalità. Ma in fondo sono anni che non ci parliamo. Ed a lei brillano gli occhi, anche se è stanca.

– Beh, se ti serve un investigatore… ti farò un sostanzioso sconto.

– Spero proprio di non averne bisogno – risponde lei ridendo e indicando lo sposo che balla con Grazia. Grazia è molto affettuosa anche con lui.

– Già…– faccio io poco convinto.

La tipa alla Drew Barrymore le si avvicina da dietro e le cinge la vita con una mano. Lei si volta e si sorridono.

– Ah, Greg questa è la mia amica Alessandra. Alex, questo è Gregorio, il mio grande amico delle superiori. Fa l’investigatore privato.

Ci diamo la mano mentre Rosa scivola via reclamata da altri invitati. Drew mi segue fino al tavolo degli alcoolici.

– Così fai l’investigatore, Greg. Posso chiamarti Greg?

Io sto cercando tra le bottiglie un refosco Riz con un particolarissimo retrogusto di bosco.

– Aha, – rispondo.

– E che cosa investighi?

Io trovo la bottiglia, me ne verso un bicchiere pieno. Poso la bottiglia e finalmente la guardo. Drew non è male. Un bel vestitino corto che mette in mostra della belle gambe sottolineate da tacchi a spillo portati con disinvoltura. Si intuisce che ha un seno capace di reggersi da solo, belle labbra e occhi azzurri. Troppo azzurri per avere una qualche espressività o qualcos’altro in grado di incuriosire. Tuttavia non voglio dormire solo anche stanotte.

– Sto indagando sul traffico internazionale di mine antiuomo. Sai quegli aggeggi che rendono zoppi tanti poveri bambini del terzo mondo.

– Davvero?

Evito di farla ballare raccontandole del mio ultimo viaggio in incognito (“quindi non dirlo a nessuno” le dico) collaborando con la CIA e il ministero degli interni, tra New York, Skopje in Macedonia, e Singapore. Gli spiego di come un malvagio industriale israeliano abbia impiantato una fabbrica di mine storpianti in Cina con capitali provenienti da Al Queda violando oltretutto il brevetto di una fabbrica di armi brianzola. Naturalmente non posso raccontarle tutto ma tra un ammiccamento e l’altro gli faccio capire che ho ricevuto i ringraziamenti della segretaria di stato USA e del presidente della Repubblica Centroafricana.

Lei dice “ooo” e “ma davvero!” di tanto in tanto.

– Certo, ma acqua in bocca.

Drew è una degli ospiti che vengono da fuori, quindi ha diritto a una camera di sopra e mi ci porta quando, a corto di argomenti, sto per svelarle i veri retroscena del delitto di un noto paesino valdostano.

Appena dentro mi sbatte contro la porta. Le nostre lingue si cercano piene di desiderio e anche un po’ ubriache. Anzi no: ubriache proprio. Ci spogliamo toccandoci. Le sfilo il vestito da sopra le spalle e lei rimane con un paio di mutandine ridottissime e le autoreggenti. La spingo verso il letto e lei ci si stende. Si infila una mano nelle mutandine mentre io finisco di svestirmi. Quando sono nudo barcollo verso il letto e mi ci stendo. Lei si mette sul fianco, con il gomito tra le mie cosce, rivolta verso di me, con una mano si porta la bestia alla bocca, con l’altra continua a masturbarsi. Io guardo la bestia sparirle in bocca e riapparire lucente della sua saliva. Ho qualche problema di concentrazione ma lei è brava e ben presto raggiunge una durezza accettabile. Con una mano le tengo la nuca, le accarezzo i capelli e le faccio capire cosa voglio, l’altra mano la poso sul suo ginocchio, risalgo fin dove la calza lascia posto alla pelle. Lì la pizzico piano, poi continuo a risalire fino al suo sesso aperto verso di me. La penetro con le dita, senza che lei la smetta di toccarsi. È molto bagnata.

Quando valuta che la bestia è abbastanza dura, mi sale a cavalcioni. Inizia a cavalcarmi con foga, le stringo il culo tra le mani, poi i seni, le stringo i capezzoli. Va avanti per un bel po’, impalandosi da sola senza che io collabori granché. Sembra che se la stia godendo parecchio ma bagnata e larga com’è io non sento nulla e poi tutto il refosco bevuto non mi aiuta certo a venire.

Quando mi prende il dubbio di avercelo ancora duro, decido che è tempo di agire, perché questi non sono pensieri da coltivare. La prendo per i fianchi e la rivolto mettendola sotto. Inizio a pomparla come un pazzo, lei dice “sì…sì” ad ogni colpo, e a volte invoca dio e la mamma ma il punto è che io non riesco proprio a venire, la scopo, la sento godere, ma io proprio non ci riesco. “Vieni, vieni” mi supplica. Allora allargo le mie gambe catturando le sue, gliele stringo con le ginocchia e così facendo lei sente ancora di più la bestia muoverglisi dentro. Ma anche così io la sento appena. Sono sudatissimo e il mio sudore la rende scivolosa. Passo le mie mani sotto di lei, mi avvinghio, con una le stringo le chiappe, poi mi faccio strada tra esse e con un dito le trovo l’ano bagnato dai liquidi che le scorrono dalla fica lavorata per non so quanto, la penetro con tutto il medio strappandole un nuovo grido, poi le sbatto la bestia fino in fondo con un colpo brutale e finalmente esplodo dentro di lei. Credo di averle messo in corpo davvero tanto sperma, anche se non si può mai dire, da ubriachi. Lei si divincola per togliersi la mano dal sedere con il dito lì dimenticato. Io rotolo e rantolo sudatissimo nella mia parte di letto. Drew mi si avvicina ancora, non meno sconvolta di me.

– Tu sei un pazzo, lo sai? Grazia mi aveva detto che avevi un bell’arnese e che ti ha insegnato ad usarlo bene, ma con tutte quelle balle che mi hai raccontato prima mi hai fatto sentire come la donna di James Bond. E poi nessuno mi aveva scopata così… a lungo.

Mentre lei va verso il bagno io non so cosa pensare. Sento la doccia scrosciare e lei che canticchia. Quando torna sto dormendo.

CONTINUA...

Questo racconto di è stato letto 3 7 8 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.