Una moglie troia e incestuosa con un marito cornuto-3°-L'enorme cazzo del suocero

Scritto da , il 2014-08-04, genere incesti

Dopo aver preso quella sofferta decisione avevo cominciato ad uscire con Giulio alternando la frequenza dei nostri incontri in funzione delle mie abitudini e delle mie esigenze.

Di conseguenza ci vedevamo alquanto di rado senza che lui pretendesse di più ma soprattutto senza che mi facesse domande che potessero imbarazzare entrambi.

I suoi regali sempre più impegnativi ma soprattutto i suoi stupendi bouquet di fiori non mancavano mai.

Di fatto io conducevo la vita di sempre riservando a lui i miei ritagli di tempo.

A volte per non apparirgli troppo avara di attenzioni lo portavo al cinema o anche in qualche locale in compagnia di qualche mio amico il quale non si faceva certo impressionare dalla sua presenza e si comportava con me come se lui fosse il mio fidanzato.

Quando si andava al cinema mi preoccupavo di uscire senza mutande e sedendomi tra lui e il mio amico,mentre con una mano stringevo quella di Giulio con l'altra masturbavo l'altro ragazzo il quale mi ricambiava ravanandomi la fica sino a farmi godere.

Alcune volte dopo che il mio amico mi aveva sborrato in mano,mi succhiavo le dita e poi leccavo il viso di Giulio intento a seguire la trama del film.

-Mmmm...che buon profumo...che caramella stai masticando!-

Mi chiedeva distrattamente a volte ed in quei casi farfugliando suoni senza senso,gli pennellavo le labbra con la lingua.

Al ristorante o nei locali la cosa era certamente più soddisfacente e meno furtiva giacché mi facevo autorizzare da lui stesso a farmi accompagnare dal mio amico in bagno o a fare un giro per prendere una boccata d'aria.

In quei casi il minimo che potesse accadere era un veloce pompino con leccata di fica e nei migliori dei casi,una chiavata completa magari con goduta multipla.

Una volta addirittura era capitato che fossimo stati sorpresi da due ragazzi i quali eccitati dall'improvvisa scena di sesso si fossero uniti a noi godendo anche loro della mia insaziabile voglia di cazzo.

Erano passati quasi due anni dalla mia decisione e grazie anche all'insistenza di mia madre che aveva capito che frequentavo qualcuno con intenzioni serie,mi ero decisa ad ufficializzare la cosa prima andando a conoscere i miei futuri suoceri e poi formalizzando il tutto con un fidanzamento ufficiale.

In tutto quel periodo Giulio non aveva mai provato a toccarmi e se non fosse stato per le mie "audaci" avances,non sarei riuscita neanche a farmi baciare.

A volte avevo cercato di sfiorargli la patta per saggiarne la consistenza e sempre la stretta gentile delle sue dita me lo aveva impedito.

I suoi genitori avevano una grande e bellissima casa e la festa di fidanzamento avevano voluto che si svolgesse da loro.

Il padre aveva modi gentili ma il suo sguardo e certi suoi atteggiamenti lo rendevano diverso ai miei occhi da come lui voleva apparire.

Non avevo tardato molto ad avere la conferma che i miei sospetti fossero fondati.

Mentre si svolgeva la festa e tutti i parenti erano intenti a conoscersi e rivolgere i loro complimenti al futuro sposo per la magnifica scelta,suo padre mi aveva presa sottobraccio e con fare paterno mi aveva accompagnata nella bellissima limonaia in stile liberty situata in un angolo appartato del grande giardino.

L'ambiente era illuminato solo dalla fioca luce della luna ed una volta entrati,mi ha spinta a forza su una panca di legno e mentre si slacciava la patta dei pantaloni mi diceva:

-E ora puttanella fammi vedere se sei la moglie adatta a quel cretino di mio figlio!-

Quando ha tirato giù i pantaloni,sotto i boxer mi era apparso un rigonfio assolutamente spropositato per essere un membro umano.

Era enorme....spaventoso!

Senza lasciarmi neanche il tempo di capire a che cosa paragonare quella inquietante apparizione,mi aveva preso le mani a facendomi afferrare l'elastico delle mutande me le aveva fatte tirare giù facendo fiondare davanti al mio viso l'enorme arnese scuro
come un colpo di clava.

Il mio stupore gli era apparso in tutta la sua evidenza mentre aggrappata alle sue mutande a bocca aperta strabuzzavo gli occhi trattenendo il respiro in una interminabile apnea.

-Pfffuuuiiiiiiii......che cazzo!-

Ero riuscita a rantolare mentre cercavo di riprendere fiato.

-Ti piace eh!Ti piace puttanella?questo servirà a darti ciò che quel rammollito di mio figlio non potrà mai darti!

Guardalo un po' se vuoi...accarezzalo...leccalo....leccami le palle....prendile in mano e saggiane il peso e la consistenza.....e ricordati...lo so che vorresti assaggiarlo subito...lo so che vorresti svuotarmi le palle per berne il succo.....ma non è per te stasera...stasera lo sta già aspettando quelle troie di mia moglie e mia cognata con quel cornuto del marito....a te è riservata la prima notte di nozze....con questo festeggerai la tua luna di miele.-

Mentre pronunciava quelle ultime parole lo aveva già riposto nel capiente fodero ed abbassandosi sul mio viso mi aveva infilato un metro di lingua in bocca.

Mentre mi riaccompagnava nel salone della festa delusa e frustrata sentivo ancora sulle mani il calore di quei magnifici testicoli dei quali mi pareva di sentire ancora il peso e la morbidezza del suo cremoso e abbondante contenuto.

Per tutta la serata mi sono sciolte tra le cosce con abbondanti emissioni di umori che per fortuna venivano trattenuti dal tanga che prudenzialmente avevo indossato per quella occasione.

La serata non poteva finire nel modo peggiore.

Dopo la festa non vi era stato verso di appartarmi con mio padre che pure mi aveva lanciato occhiate cariche di libidine per tutta la sera ed anche mio fratello per non so quale cazzo di impegno precedentemente preso non aveva potuto soddisfarmi.

D'altra parte non avevo nessun plausibile pretesto da offrire a mia madre per non tornare a casa con loro ed uscire a caccia di cazzi di cui sentivo un urgente bisogno.

Quella notte mentre mi consumavo la fica masturbandomi in modo furioso e senza tregua,avevo l'orecchio teso ed attento ad ogni minimo rumore nella speranza che mio padre o mio fratello mi venissero a fare visita nel mio letto.

Mi sono addormentata all'alba in una pozza di "sborra".



segue

Questo racconto di è stato letto 1 5 7 4 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.