Erotici Racconti

E' stato il mio primo pompino: l'ho fatto a mio cognato (PARTE 7)

Scritto da , il 2014-05-24, genere pissing

Erano le prime ore del mattino. Avevamo passato tutta la notte a parlare di porcate, a bere birre, a stuzzicarci con pizzicotti e palpate reciproche ai nostri pacchi sempre gonfi.

Eravamo ormai sbronzi quando Matteo, mio cognato, mi chiese di accompagnarlo in bagno, essendo lui infortunato. Quando arrivammo, barcollando per l'alcol e per il sonno, gli pestai involontariamente il piede dolorante: emise un urlo, diventò rosso e di scatto si sedette sul water. Gli chiesi scusa e subito mi inginocchiai sul pavimento per cercare di rimediare al danno. Iniziai subito a massaggiargli il piede e, quasi istintivamente, presi a sbaciucchiarlo.

Quando smise di lamentarsi per il dolore, caddi subito in preda alla mia indole da troia, scoperta da pochi giorni. Lasciai la gamba "malata" e mi dedicai a quella sana. Partii dal piede: lo baciai, lo annusai, lo leccai, passai la mia lingua tra le dita. Iniziai a risalire: trovai i primi peli che mi solleticarono la lingua e poi mi soffermai a contemplare quei polpacci scolpiti e possenti che vi avevo già detto essere ricoperti da una folta peluria bionda che arriva sino alle cosce, belle piene, di quel dio greco.

Fu in quegli istanti che sentii sulla mie testa qualcosa di caldo, di insolito. Alzai gli occhi. Davanti a me una scena che avevo visto in tanti film porno e che mi arrapava da matti: un pisellone semi-eretto, con la pelle del prepuzio tirata dietro al glande che lasciava spazio ad un'uretra bella aperta da dove zampillava tanta dorata pipì... Il fatto che quell'uccellone e quella pipì fossero di mio cognato non faceva altro che aumentare la mia eccitazione. D'altronde era ciò che volevo: l'avevo fatto bere così tanto in modo che si lasciasse andare a qualcosa di più spinto.

Lo fermai subito. Mi misi nel box, per non bagnare a terra, lo feci sedere sullo sgabello davanti a me, ripresi a baciargli e leccargli le gambe e i piedi e gli dissi:- Ora puoi farmi la doccia!-. Mi pisciò sulla testa, sull'addome, sul pisello, in bocca, sui suoi stessi piedi mentre glieli leccavo. Io ero la sua troia e lui il mio macho, seduto in maniera possente, con una mano a dirigere quell'idrante e con l'altra a grattarsi i coglioni, emettendo dei veri e propri grugniti. Dopo quell'interminabile pioggia dorata gli dissi :- Mi hai fatto la doccia, porco, ma non mi hai fatto il bidet!-

Gli girai di nuovo lo sgabello: lo portavo ormai dove volevo io. Mi sistemai in piedi, su quello sgabello, col culo in faccia a lui e appoggiato con le braccia al lavandino: non solo ero comodamente sistemato per godermi il servizietto di mio cognato, ma potevo anche godere della vista che mi regalava lo specchio. Potei osservare Matteo, eccitato come non mai, sparire tra le mie chiappe: lo vedevo allontanarsi per leccarsi i baffi e prendere fiato e poi tirar fuori la lingua e riavvicinarsi per riaddentrarsi nelle mie cavità nascoste. Era molto abile ed il pensiero non mi potè non giungere a mia sorella: chissà come godeva, la zoccoletta, quando questo toro gli lavorava la figa ed il culo come ora stava facendo a me...

Mi sentivo l'ano bagnato, rilassato, dilatato da quella lingua e da quelle dita che sempre più numerose entravano e uscivano. Capimmo entrambi che era arrivato il momento giusto: io, dandogli sempre le spalle, mi abbassai piano piano, continuandomi a sorreggere dal lavandino; lui mi guidava tenendomi con le sue manone da sotto le cosce e guidandomi verso "la leva che apre la porta del Paradiso". Chiusi gli occhi, sia per la paura (essendo la mia prima volta) sia per assaporarmi appieno ogni attimo. Quel palo, ormai ingrandito all'ennesima potenza, fece fatica ad entrare, anche perché, per istinto, io contrassi i muscoli e chiusi il mio sfintere non abituato a quelle visite... Matteo mi baciava sulle spalle, dicendomi di rilassarmi e di dirgli se volevo che smettesse.

Presi in mano la situazione nel vero senso della parola: gli afferrai il cazzo, me lo puntai verso il culo e, con pochi colpi decisi e molto dolorosi, me lo feci entrare dentro. Mi sedetti su di lui e piano piano, centimetro per centimetro, mi gustai l'uccello di mio cognato entrare in me. Non mi interessò scopare su e giù, almeno per quella volta: volli sentirlo tutto dentro. Volli sentire i suoi peli pubici toccarmi la schiena e le sue palle unirsi alle mie. Stetti seduto così per qualche istante: lui mi baciava intensamente e mi segava con foga.

Stavo per raggiungere l'orgasmo: il suo cazzo (che vi ho detto essere curvato all'ingiù) mi si appoggiava giusto giusto alla prostata, stimolandola. La mia eccitazione e l'orgasmo in arrivo aumentarono le mie "contrazioni interne" e imparai in quel momento a controllare il mio sfintere, stringendolo e ad allargandolo a piacimento su quel palo di carne. Godemmo, lussuriosamente, come mai avremmo pensato di godere insieme, io spruzzando il mio piacere qua e là in aria, sui nostri corpi, sul pavimento, lui riversando la sua sborra nelle mie viscere. Mi fece alzare, aspettò che il mio culo appena sfondato rilasciasse il suo seme, accolse con la lingua ogni colata che venne fuori: se la sputò in mano e la usò per lubrificarsi l'ano. Mi baciò in bocca e, amabilmente, mi disse :- Andiamo di là, ti prego, dammi il tuo amore. Entra anche tu in me -. Naturalmente realizzai il suo desiderio di essere penetrato, ma non so dirvi altro perché subito dopo l'amplesso, sfiniti, cademmo addormentati.

Continuammo con i nostri giochi erotici per il resto del weekend fino a quando ci ripulimmo dai nostri "peccati" e con molta indifferenza tornammo a casa, dalle nostre famiglie, dalle nostre fidanzate, dalla nostra "normalità". Sono passati otto anni da allora e molte altre cose sono successe. Magari ve ne racconterò qualcuna.

Questo racconto di è stato letto 2 7 0 6 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.