Erotici Racconti

Il righello dell'oblio

Scritto da , il 2013-09-02, genere bisex

Negli anni 2.000, allora 25enne e disoccupato cercavo lavoro. Un giorno ricevetti una telefonata da un amico politico di stare fermo e non accettare altri posti di lavoro per stare in graduatoria. Da lui seppi: che nel Comune dove risiedo c'è un accordo dell'università di Camerino con l'avallo della regione che apriva una succursale Politecnica delle Marche; davano la possibilità ai giovani che non sono riusciti con le scuole superiori di iscriversi alla facoltà di economia. L'ufficio del personale del Comune avrebbe richiesto una lista di nominativi di persone per quattro posti da usciere, all'ufficio del lavoro.

Ammetto che la notizia mi aveva molto entusiasmato, anche se non c'era speranza secondo la tipologia della graduatoria, e sperare di essere scelto. Dalla selezione fui fortunato, in quando altri avevano scelto posti più convenienti e l'ufficio competente mi aveva comunicato tramite lettera che sarebbe imminente un posto provvisorio di usciere per tutto l'anno scolastico presso: Politecnica delle Marche. Al giorno stabilito mi presentai con la lettera alla segreteria Politecnica delle Marche dove la segretaria mi accompagna al Rettore, e nei uffici a conoscere il personale docente. Il mio compito era di controllare i studenti e suonare a tale ora, fare le fotocopie, sistemare gli archivi e altre richieste del personale docente. Dopo finito le lezioni di mattina io e un altro collega aspettiamo il turno pomeridiano di altri due colleghi che ci danno il cambio dove loro proseguono fino alla sera, e poi alla chiusura devono aspettare che la ditta delle pulizie finisce a pulire. Eravamo quattro due al mattino (8/14) e due al pomeriggio (14/20) che ogni settimana ci alternavamo a turno. Per fortuna eravamo tutti giovani su per giù la stessa età, il più vecchio aveva 30 anni e io il più giovane, ma l'importante era che andavamo molto d'accordo tra di noi e coprirci a vicenda quando serve. Nel plesso i ragazzi e ragazze tutti giovani anche di varie etnie e ripetenti di altre scuole da 18 fino i 23 anni si comportavano decentemente, anche se i professori chiudevano un occhio a qualche ragazzata. I primi due mesi di inizio scuola erano andati molto tranquilli. Ma un giorno. Mentre stavo tranquillamente seduto a guardare verso la finestra della segreteria il mio sguardo cadde su una in particolare dove c'erano i bagni, dei ragazzi che erano affacciati fuori buttavano giù dei rotoli di carta igienica sotto le altre finestre dell'Istituto. La scena era divertente, ma loro vedendomi incominciarono a sfottermi! E inoltre facevano dei gesti con le mani per dirmi di raggiungerli, incuriosito dalla loro insistenza chiesi al mio collega di coprirmi e poi mi diressi verso i bagni. Entrando, due ragazzi m'impediva l'ingresso erano sorpresi dalla mia presenza, li salutai e loro ricambiarono accogliendomi dentro con una bella acclamazione. "Ma bravo! Il nostro usciere?" Mi schernivano spingendo verso gli altri che fumavano: "Ehi, ragazzi guardate un po' chi c'è venuto a trovare!" "Che cosa sei venuto a fare?", dissero due di loro con un grido soffocato.

Rimasi qualche secondo in silenzio e poi dissi imbarazzato: "Beh!?, ero curioso di sapere cosa volevate con quei gesti, tutto qui, non pensavo di fare qualcosa di male!?". Mentre i ragazzi si guardano ammiccano e scoppiarono a ridere. "A proposito, io mi chiamo Danilo, gli altri sono Ennio e Furio, Gustavo, Meneo e Amir. E tu!" "Io, a scusami. Pompeo!" "Mmmh!, niente male come nome. Che ne dite ragazzi, Pompeo sapra fare le pompe!?", disse ridendo e guardando gli altri che ridevano alla battuta. Dopo le presentazioni entrai nella mischia del loro discorso io, taciturno e sommesso sentivo tutti i loro commenti su alcune ragazze:. "Quella zoccola di Irma, ieri mi ha fatto una pompa da favola!" "Non dirlo a me! Giovanna in palestra mentre le sue compagne facevano ginnastica nel parapetto della giuria mi segava di nascosto!" "Beh!?, vi siete accontentati di poco io, a Teresa, lo sbattuta per bene nella sala di proiezione!" "Ma sei matto? Se ti scoprivano?" "Coglione non c'era nessun programma di proiezione a quell'ora, anche se la troiona ha mollato anche il culo!!", disse soddisfatto. "Cazzo!!! Che troia?" "Già, una vera troia, come lo prendeva inculo era una delizia, e poi si vedeva che era abituata a prendere cazzi entrambi i buchi!!" "Porca!!" "Si e una porca, ma svuotato i coglioni!!", chiude con un sorriso beato. Ad un certo punto Amir dice: "Beh ragazzi che noia, lasciamo perdere i bei ricordi, e facciamo il giochino del righello!!" Tutti acclamarono la proposta, urlando e sghignazzando! Anch’io, senza sapere di cosa si trattasse ma volendo adeguarmi alla mischia di quei ragazzi, urlai: "Sì, sì, facciamo il gioco del righello!!" Non so forse ero euforico in quel momento senza capire il gioco, mi feci spiegare al più vicino dei ragazzi come si gioca al righello. "Il gioco e semplice, il meno dotato del gruppo deve misurare i cazzi con il righello, e chi vince detta legge su di lui. Ora fai il bravo, tira fuori il cazzo e quello meno dotato dovrà misurare i cazzi!!", chiude Danilo. "Giù i pantaloni, ragazzi!!", esclama un momento dopo Amir, mentre si era aperto la patta dei pantaloni e calati giù tira fuori dai slip un cazzo dalle dimensioni ragguardevoli, circa 25 cm di salsiccia umana che sventolavano davanti ai miei occhi, anche gli altri, prontamente avevano ubbidito, si erano slacciati i pantaloni, e avevano tirati fuori degli invidiabili arnesi, meno Furio che era il meno dotato del gruppo. Io rimasi stupito, certi cazzi inverosimilmente lunghi e veramente larghi e grossi, con delle cappelle completamente sbucciate di colore porpora, mai visti tanti cazzi insieme di tutte le misure: chi puntava leggermente a sinistra o a destra, altri invece dritti, anche se in tutto da sotto penzolavano due palle pesanti e pelosi che dondolavano freneticamente avanti e dietro. Ero bloccato all’idea della figura che avrei fatto con i miei 10 centimetri di cazzo.

Ma quei ragazzi non erano evidentemente nuovi a quel gioco, perché immediatamente due di loro mi imposero di abbassare i pantaloni, purtroppo dovetti cedere e scoprire il mio cazzo. Le urla di sollievo di Furio che ero l'ultimo, e per altri di scherno furono immediate: “Pompeo, ma sei sicuro che quello sia un cazzo?, mi sembra fuori di dubbio che hai perso e ti tocca ha misurare i cazzi di tutti noi!!!", disse ridendo Danilo. Ero fermo immobile, in sei, si fecero in cerchio attorno a me. Vengo strattonato e messo in ginocchio, imposto a misurare i loro cazzi. Con il righello da 50 cm. in mano che accuratamente prendo il cazzo moscio di Danilo, e mezzo impacciato cerco di prendere la misura, ma ricevo da lui uno schiaffo. "Troia!, non hai capito che lo devi segarlo e succhiarlo per farlo drizzare. Sennò non é valido la misura!!", disse incazzato. "Ha ragione Danilo, troia hai perso, ora da bravo frocio succhialo!!", finisce Furio. Spalancai gli occhi, non capì subito, provo a domandare forse scherzavano, ma non ebbi nessuna spiegazione che una mano forte e autoritaria mi spingeva giù la testa obbligandomi a prendere in bocca quel cazzo moscio che tenevo in mano. Dovetti soccombere alla loro prepotenza tanto che abbassai la testa da prenderlo in bocca, puzzava di sborra e piscio, con al mano lo scappellai e gli leccai la cappella, anche se feci un po' di resistenza in quando mi faceva schifo, ma due figli di puttana mi spinsero la testa sul cazzo di Danilo, ed io non potei far altro che prendere in bocca quella minchia moscia. Intanto qualcuno non so chi palpava con insistenza il mio culo, senza chiedere permesso e con apprezzamenti volgari. Io, senza reagire presi a succhiargli la cappella e a leccare l’asta ormai dura. La succhiata dura un paio di minuti che entrava senza difficoltà essendo non troppo grosso, e contemporaneamente presi a fargli una sega. Vengo stoppato da Ennio. "Ehi!, succhiacazzo di merda non prenderci troppo gusto al cazzo. Ora misuralo che hai altri cinque da soddisfare!!" Misuro il cazzo e vado verso Furio. "Ehi! Che cazzo fai stronzo, devi dire il nome e la misura del cazzo, troia!!", disse arrabbiato Amir dandomi una sberla in faccia. Lo guardo attonito e ritorno a misurare e poi dico: "Danilo: ha 20 cm. di cazzo!!", neanche finisco che Furio mi presenta il suo cazzo semi_moscio. Glielo smanetto e me lo ficco in bocca, anche lui non e molto grosso da succhiarlo lentamente tanto da sentirlo tutto in bocca che cresceva. Un paio di minuti che lo tolgo e lo misuro e dico: "Furio: ha 17 Cm. di cazzo!!", e subito afferro il cazzo bello duro di Gustavo che non era niente male. Senza pensarci lo ficco tutto in bocca con po' di sforzo essendo più grosso dei precedenti, anche con lui un paio di minuti e poi lo sfilo, lo misuro e dico: "Gustavo: ha 23 cm. di cazzo!!", lascio e mi affretto sul cazzo di Ennio. Il porcello lo aveva bello duro già grugniva nel mettermelo in bocca tanto da spingere con forza dentro la gola, avevo la cappella in bocca, e afferrato ai capelli spingeva ritmicamente. Gli diedi anche a lui un paio di minuti e sfilare subito sennò mi sborrava, lo misuro e dico: "Ennio: ha 22 cm. di cazzo!!" Avevo appena finito a succhiare il quarto cazzo che già sentivo il piacere di prendere subito un altro cazzo in bocca. Ero in calore e tutto sudato da prendere subito il cazzo Di Meneo e ficcarlo tutto in bocca. Il suo cazzo entrava in bocca con vigore, quell’asta lucida e dura entrava e usciva dalla mia bocca sempre più velocemente. La cosa mi stava sfuggendo di mano, ma stoppato ancora da Amir che aveva capito l'andazzo, mi ripresi e misuro e dico: "Meneo: ha 25 cm. di cazzo" Non finisco che già il cazzo di Amir lo avevo tutto in bocca.

Io, istintivamente per non cadere mi aggrappai con le mani sulle sue cosce, Amir mi guardava con un sorrisetto accattivante, come se avesse già capito dove andrei a parare, mi spingeva la testa e mi sbatteva il cazzo dentro la gola. In bocca non entrava più di tanto e quando mi sentivo quel pezzo di carne tra i denti da succhiare avidamente. Contemporaneamente presi a massaggiare le sue grosse palle sudaticce, quel cazzone mi piaceva da morire e il calore del corpo sudato mi eccitava tantissimo. Il suo cazzo ormai dritto ed enorme usciva dalla mia bocca strapieno. Purtroppo dovetti lasciarlo e misurare quel bel tronco di carne e dico: "Amir: ha 28 cm. di cazzo!!" Ero sfinito e stanco che mi metto seduto sul pavimento. Erano tutti intorno ad Amir per complimentarsi della vincita. Lui rideva e si trastullava il cazzo, mentre si avvina a me disse: "Ehi Furio, stavolta ti sei salvato, non farai più la troia. Ora c'è la troietta di Pompeo per tutto l'anno scolastico!!" "Era ora, il mio culetto non ce la faceva più a farsi sfondare da voi... maschiacci!?", rispose con sollievo, mentre si massaggiava il suo culetto. "Si, però ogni tanto una spolveratina non ti farà male.. eeh culetto d'oro!!", disse Ennio ridendo e dandogli una bella pacca al culo. "Certo maschione, non vedo l'ora. Ma adesso se permetti vorrei fare il maschio!!", conclude Furio mentre si massaggia il cazzo. Amir soddisfatto mi presenta di nuovo i suoi 27 cm. durissimi come una pietra, ordinando: "Puttana ho vinto, ora succhialo di nuovo, bocca d'oro!!" Sono rimasto senza parole,
non ho capito più niente mi sono rimesso in ginocchio e stavolta ho cominciato a succhiarglielo con ingordigia, prima la punta poi piano piano tutto il resto con molta difficoltà e poi sono passato ai coglioni, e succhiato con bramosia tanto che lui ad un certo momento dice: "Piano troia, ehii.. succhiacazzo vai piano mica scappo! E poi di devo fare anche il culo!!" Mi sono bloccato dalla paura, effettivamente mi avrebbe fatto male, ma purtroppo me l’ero cercato andando nei bagni, anzi se volevo potevo mandarli affariculo e lasciarli in quei bagni, ma tutto questo non lo feci.

Mi sono scoperto quello che ero un lurido frocione e un rottinculo, e allora ho iniziato a risucchiarlo bagnandolo a più non posso, anche se lui incazzato mi prende la testa e mi blocca e contemporaneamente mi rialza. "Dai troia, calati le braghe!!", disse con un tono autoritario. Guardai gli altri mentre parlavano a voce bassa tra loro e che si scambiavano risatine ironiche e gomitate d’intesa. Non mi diede il tempo di calare i pantaloni che mi ha girato ed ha iniziato a toccarmi le chiappe. "Ehi, bel fichetto... non sei niente male a culetto!!", e poi con violenza si è bagnato con lo sputo due dita e me le ha infilate di colpo nel buco del culo, inizialmente ho gridato. Il resto è successo tutto in un attimo con la mano ancora bagnata di saliva ha inumidito il suo cazzone, ha appoggiato la cappella e con un solo colpo l’ha infilato, non so spiegare il dolore, ma ho pianto, anche se il dolore è durato un attimo perché poi mentre mi sbatteva, nel vero senso della parola, le sue palle contro il mio povero culetto ho iniziato a gemere come una cagna in calore. Molto probabilmente non se l’aspettava che il mio sfintere assorbisse subito tutta quella mazza dura tanto da iniziare a gemere anche lui e a sbattermi sempre più velocemente, e poi ha gridato, ha tirato fuori il manganello di carne mi ha rigirato, e ficcato in gola la sua minchia che con un getto di sborra calda da farcire la bocca, mi misi a ruotare la testa e a pompare e bere da riempirmi lo stomaco. Amir, svuotato si mise da parte e lasciando gli altri una voragine immensa. Per quanto volessi mostrare di essere stato costretto a ciucciare quel cazzo enorme, la situazione era così eccitante che dopo poco mi si presenta ai miei occhi altri cazzi da succhiare, ed io ingoio anche due alla volta, mi medesimo totalmente nella parte della femmina del gruppo. Come una troia esperta di cazzi cominciavo a leccare con sensualità non solo il cazzo, ma anche le palle dei ragazzi.

Mentre ero intento a succhiare i cazzi, sentii di nuovo delle dita che mi ungevano il buco del culo con la sborra residua di Amir: prima una, poi, due, poi tre dita si fecero strada nel mio buco anale del tutto dilatato. Ero ormai ben largo quando sentii un qualcosa di grosso e duro penetrare nel mio povero sfintere sfasciato, un bel cazzo aveva sostituito le dita, allargando a ritmo di samba. Era Meneo che mi stava inculato e cominciava a pomparmi di gusto, chiamandomi troia e puttana, mi sculaccia mentre mi sfondava di nuovo il buco del culo. Gli altri intorno a me si menavano i cazzi, aspettando il loro turno. Meneo e i due cazzi sborrarono quasi insieme, riempiendomi uno il culo e gli altri la bocca di sborra calda. Non ebbi respiro: Ennio e Gustavo presero immediatamente il posto di Meneo, Furio e Danilo, facendosi fare un pompino ed inculandomi fino a quando anche loro non vennero con urla da maiali. Come una catena di montaggio: Amir e Danilo mi fottono immediatamente mentre Ennio e Gustavo mollano sfiniti. Evidentemente la situazione aveva stimolato la libidine del gruppo, in quanto nelle due ore seguenti ora uno, ora l'altro, vollero di nuovo godere della mia bocca o del mio culo ormai ben slargato: con un cenno il cazzo di turno mi indicava di succhiargli la minchia che diventava man mano turgido e duro, e poi terminare con una lunga spruzzata di sborra in bocca o nel culo, a seconda del capriccio del momento, accompagnando l'orgasmo con insulti variopinti. Si rivolgevano a me come ad una troia a pieno servizio, ormai certi della mia totale sottomissione alle loro voglie: "Succhia troia pompinara, dai non vedi l'ora di essere sfondata da altri cazzi, puttana, dai che ti piace il cazzo, vero?, dai fammi sborrare, zoccola, che d'ora in poi sarai la nostra puttana della scuola!!" Tutto di più fino a lasciarmi stremato e riempito di sperma sul pavimento semi_nudo dalla parte di sotto, mentre i miei pantaloni e mutande erano appiccati ad una porta del bagno. I ragazzi mi guardano soddisfatti, mentre si tirano su i pantaloni, invece Amir non era molto soddisfatto tanto da dirmi: "Caro Pompeo il primo trimestre sei andato quasi bene: hai pompini un bel 10 lode, mentre a culo non sei un granché, hai tempo tutto l'anno scolastico per migliorare, quindi non fare scherzi e allena bene il tuo bel culetto d'oro. Ora lavati bene e torna a lavorare, e preparati per altre future fottute!!", dissero ridendo e lasciandomi solo in quel bagno, mentre escono.

Ma quei figli di puttana si vantarono con gli altri, dove tutti i studenti, i professori e i miei colleghi potevano scoparmi tranquillamente, ero rassegnato. Ormai bastava che mi facciano un cenno, e io vado in quel bagno e li lascio fare. Anche durante l'ora di ricreazione. Uno, due, tre alla volta. Il più delle volte si sfogano in fretta, ma qualcuno invece si gode a lungo il mio culo. Per fortuna non proprio tutti i cazzi!!!! Ormai il mio buco era abbondantemente largo dopo tutte quelle scopate non distinguevo neanche più le loro fattezze, mi limitavo a spalancare le chiappe per tutti e mi piaceva! Mi facevo in media 15 cazzi al giorno. Dovetti sopportare per il tutto l'anno scolastico i vari cazzi duri dei ragazzi e altri maschioni che mi sfondavano, e persi il conto quanti cazzi ho preso. E poi si mise anche la sorte, venni assunto indeterminato ad usciere. Insomma la mia prima esperienza "GAY" lo passai in quell'Università nel sesso e nella lussuria più sfrenata.




By Mimi

Questo racconto di è stato letto 2 9 6 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.