Lizbeth Gea

Tutti i suoi racconti erotici e le sue statistiche

Ha scritto 8 3 racconti erotici i quali sono stati letti 3 3 3 8 1 7 volte.

La valigetta dei giochi
Ora che ci penso non ho mai parlato della mia adolescenza, sapete perché?. Semplice, perché ero timida, insicura e vergine. Però se volete e se avrete la pazienza di leggere questo mio breve racconto, vi posso parlare della prima volta che mi sono eccitata pensando a una donna. Avevo sedici anni e, come tutte, sentivo le prime pulsioni...
genere: masturbazione
scritto il 2020-08-15 | da Lizbeth Gea
Il ritorno della babysitter provocante
Forse ricorderete, o forse no, che mesi fa ho scritto quello che è successo con la mia babysitter, beh forse è ora che scrivi il seguito, anche perché è successo solo pochi giorni fa. A dire il vero lo scorso week end. Per chi non se lo ricordasse, avevo trovato quella puttana rossa a scoparsi il suo ragazzo in casa mia, mentre mio figlio...
genere: trio
scritto il 2020-08-07 | da Lizbeth Gea
The Nightmare
(Questo racconto non ha un genere, o forse è multigenere) Come mai è tutto buio, ma sopratutto dove mi trovo. Cerco un interruttore. Devo vedere. Sento dei lamenti provenire da poco distante, forse quella è la via d'uscita. Appoggio le mani al muro e cammino in avanti. Improvvisamente sento qualcosa di duro, penso che sia una maniglia, la...
genere: pulp
scritto il 2020-08-06 | da Lizbeth Gea
Una svolta inaspettata
Ormai le mie storie si fanno monotone e ripetitive, che vi posso dire, ho praticamente scritto tutto di me, e ho notato che, quando certo di inventare, non mi sento a mio agio e penso di scrivere banalità. Quindi ho fatto uno sforzo di memoria e mi è tornato in mente quando sono andata a trovare la mia amica Antonella in ufficio. Che dirvi di...
genere: trio
scritto il 2020-07-31 | da Lizbeth Gea
La mia terza moglie
Alla fine sono arrivati i temibili 40 anni. Sposato con Angelica, a dire il vero sono al mio secondo matrimonio, sovrappeso, stressato e giustamente cosa penso di fare, mi iscrivo in palestra. E' proprio lì che vedo per la prima volta Marina. Una altissima bionda, con un fisico mozzafiato. E' una delle proprietarie della palestra, ed è lei che...
genere: tradimenti
scritto il 2020-07-28 | da Lizbeth Gea
Quando conobbi la mia suocera coreana
Ebbene si lo confesso, ho fatto sesso con mia suocera e sapete che vi dico, non mi pento per nulla. Lo so è una cosa orrenda, ma ormai non si torna più indietro. Se avrete pazienza vi racconterò la mia tragedia in tre anni. Atto 1° Ero sposato ormai da un anno con So-yon, gentile e piccola ragazza coreano, conosciuta al mio corso di...
genere: incesti
scritto il 2020-07-26 | da Lizbeth Gea
Come mi piace
Si dice che tutto il mondo è un palcoscenico, e gli uomini e le donne sono soltanto attori. Hanno le loro uscite, come le loro entrate e nella vita ognuno recita molte parti. Quindi quale miglior occasione di Halloween per interpretare una parte o, forse, essere me stessa. Io adoro essere una donna, tra l’altro pure sexy, non lo dico io, ma...
genere: sentimentali
scritto il 2020-07-22 | da Lizbeth Gea
Alskarinna Clara
Avviso per i lettori, ora scriverò una cosa abbastanza forte, non so manco se è concesso in questo sito, ma giuro che è una storia vera, che non ho mai avuto il coraggio di confessare. Sicuramente nessuno arriverà alla fine del racconto. Chi per la lunghezza, utile per immergersi, chi per gli argomenti. Comunque buon divertimento. Erano...
genere: dominazione
scritto il 2020-07-19 | da Lizbeth Gea
Chissà se stai dormendo.
In questi giorni sono impegnata in un faticoso trasloco, tra i vari vestiti, suppelletteli e cianfrusaglie, è spuntata fuori una vecchia lettere che mi ha spedito, un paio di anni fa, un mio vecchio amico. Mi è venuta voglia di trascriverla. “Forse non dovrei scriverti, forse sto facendo uno sbaglio, ma sono qui alle tre di notte che ti...
genere: sentimentali
scritto il 2020-07-15 | da Lizbeth Gea
I coniugi Syndig
Finalmente, era ora, sono mesi che volevo tornare in Svezia, e finalmente, dopo diverse controversie, ci sono riuscita. A si c’è pure il mio ragazzo. Non voglio essere cattiva, ma volevo tornare qui da sola. Il mio chalet, con vista sull’arcipelogo, è un vero disastro, lo sospettavo. Però la bellezza di questo posto è sconvolgente, mi...
genere: scambio di coppia
scritto il 2020-07-11 | da Lizbeth Gea
Fantasie da LookDown
(prima di inziare è giusto dire che è tutta pura fantasia) Che palle rimanere chiusa in casa, sono stanca di vivere da sola, tutto questo mi sembra assurdo, fino a poche settimane fa, uscivo con le amiche, facevo sesso, si facevo sesso, tanto sesso. Sono stanca di usare il mio dildo, sono stanca di non avere un contatto umano, sono stanca di...
genere: saffico
scritto il 2020-07-07 | da Lizbeth Gea
Addio al nubilato
Che vi posso dire, ho iniziato questi racconti sulla mia vita da escort, per arrivare a questo momento. Ora immagino voi, con il vostro pene in mano, in attesa di masturbarsi, e mi aspetto un fanculo da parte di molti e se alla fine di questo racconto raggiungerete l’orgasmo, vi invito a meditare sui vostri pensieri e vi invito a farvi un...
genere: pulp
scritto il 2019-12-31 | da Lizbeth Gea
Il mio vagabondo
Io credo che ci siano sempre due versioni di una storia, soprattutto quando si parla di sesso e di amore e visto che in precedenza ho raccontato la versione maschile, ora voglio fare un piccolo esperimento, e descrivere invece quello che ha provato la donna protagonista del mio racconto precedente. Se volete leggere prima la versione maschile la...
genere: etero
scritto il 2019-12-29 | da Lizbeth Gea
Senza contatto
Ora quella che vi voglio raccontare è forse la storia più strana, anzi direi particolare, di quando facevo la escort, la cosa strana è che non ho mai visto in faccia il mio cliente. A una prima impressione sembra impossibile, ma vi giurò che capirete il perché. Mi contattò per mail e mi spiegò il suo desiderio. Era un italiano che...
genere: masturbazione
scritto il 2019-12-29 | da Lizbeth Gea
Immaginate che
Ora miei cari lettori e lettrici vi invito a essere fantasiosi, immaginate che questa stanza vuota sia una foresta, ora immaginate che questi mobili siano degli alberi e il tappeto un immensa distesa di erba. Ora immaginate l’aitante ragazzo che vi si presenta alla vostra destra, sia un principe disperato in cerca di un amor perduto....
genere: sentimentali
scritto il 2019-12-28 | da Lizbeth Gea
Avvolta nel buio
Ora ho voglia di raccontare una delle mie avventure più affascinanti, mentre svolgevo il mio lavoro di escort e, visto le mie ultime prestazioni, era una cosa di cui avevo bisogno. Credo che mi ricorderò per sempre quel 16 Marzo. Fui contattata da una nota società organizzatrice di eventi, mi avevano chiamata perché serviva una donna, di...
genere: orge
scritto il 2019-12-27 | da Lizbeth Gea
Il vagabondo. (racconto di natale)
Sapete c’è una categoria di persone che non vengono mai notate, eppure le vedete tutti i giorni. Vedono migliaia di gente, ma nessuna di esse li saluta. Ogni tanto ci date una mano per sentirvi meglio. Sono i vagabondi, e io appartengo a questa categoria. Specialmente oggi che è Natale, dimostrate tutta la vostra ipocresia, fingete di essere...
genere: sentimentali
scritto il 2019-12-24 | da Lizbeth Gea
Io rivale di una trans
Vi ricordate di Liang, quel spettacolare uomo asiatico. Bene con lui avevo stipulato un patto particolare. Per lui ero diventata, praticamente, la Netflix del sesso. Mi passava 2000 euro al mese e mi poteva chiamare quando voleva. Raramente facevamo sesso, anzi, uscivamo a cena, chiaccheravamo, andavamo a fare shopping, e ogni tanto gli facevo...
genere: trio
scritto il 2019-12-21 | da Lizbeth Gea
E vuoi da bere
Per l’ennesima volta il mio ragazzo mi ha tradita, ma possibile che sono così stupida. Ogni volta lui va con un’altra, ogni volta litighiamo e ogni volta io torno da lui. Possibile che l’ami così tanto. Non riesco a stargli lontano. Sono proprio scema, anche ora, che sono da sola al bar, penso a lui. Penso a quando, aprendo la porta del...
genere: sentimentali
scritto il 2019-12-18 | da Lizbeth Gea
La signora Sophie Capaldi – Il piccolo inganno
Ci svegliammo, la mattina dopo, ancora abbracciate, la firma del contratto milionario l’aveva esaltata, e volle festeggiare, con una notte passionale con me. Lei si alzò per prima e chiese il servizio in camera. Mentre aspettava la comunicazione, mi mandava baci da lontano. Ordinò una tipica colazine all’inglese avevamo bisogno di...
genere: trio
scritto il 2019-12-16 | da Lizbeth Gea
La signora Sophie Capaldi – Il lavoro
Arrivai in stazione centrale in anticipo, la mia solita ansia, e aspettai in un bar. Lei arrivò in ritardo, accompagnata da suo figlio, per fortuna se ne andò subito, credo che non mi abbia riconosciuta. Appena salimmo sul freccia rossa, lei estrasse, dalla sua borsa, dei fogli, era un dannato contratto. In pratica venivo assunta come sua...
genere: etero
scritto il 2019-12-15 | da Lizbeth Gea
La signora Sophie Capaldi - Incontro
#lesbo #milf #pissing #dominazione #sadomaso Erano passate due settimane da quella famosa festa di capodanno. Tenevo spento il cellulare del “lavoro” per due ragioni: uno, ero in piena sezione universitaria, due, dopo quella prestazione, avevo bisogno di qualche giorno per riprendermi e meditare sul mio futuro. Durante questo periodo erano...
genere: dominazione
scritto il 2019-12-14 | da Lizbeth Gea
Sally
“Basta mi sono rotta le palle dei tuoi tradimenti” – Ora questa che urla contro suo marito, sono io. “Ma quali tradimenti, non ho fatto nulla” Prendo il suo cellullare in mano e leggo i suoi messaggi. “Tesoro, stasera molli tua moglie per me, vero?” – e poi – “Ho comprato un bel babydoll, te lo voglio mostare” – E se non...
genere: tradimenti
scritto il 2019-12-11 | da Lizbeth Gea
Sally
“Basta mi sono rotta le palle dei tuoi tradimenti” – Ora questa che urla contro suo marito, sono io. “Ma quali tradimenti, non ho fatto nulla” Prendo il suo cellullare in mano e leggo i suoi messaggi. “Tesoro, stasera molli tua moglie per me, vero?” – e poi – “Ho comprato un bel babydoll, te lo voglio mostare” – E se non...
genere: tradimenti
scritto il 2019-12-10 | da Lizbeth Gea
La fregna bagnata di mia sorella.
Che serata deludente, sono uscita con le amiche e non sono riuscita a trovare ne uno straccio di uomo ne una ragazza con cui divertirmi, sono giorni che non faccio sesso, sono quasi stufa. Eppure mi ero vestita carina, abitino corto, tacchi alti, si vede che non attiro più nessuno. E’ anche vero che i ragazzi che si sono avvicinati, erano...
genere: incesti
scritto il 2019-12-09 | da Lizbeth Gea
cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.