Racconti erotici, storie eccitanti, letteratura a sfondo sessuale e narrativa a luci rosse per adulti italiana completamente gratuita.
Voyeur è uno dei più eccitanti ed erotici racconti per adulti nel mondo della narratva a luci rosse, delle fantasie osé, delle confessioni e delle storie di sesso
erotici racconti logo del sito di storie a sfondo sessuale

Altri racconti erotici di Aramis:

La scalata
genere gay
scritto il 2014-10-22 14:18:10

Aneddoto
genere gay
scritto il 2014-10-13 11:23:16

Jack e Carlo (Settima Parte)
genere gay
scritto il 2014-09-04 12:47:49

Jack e Carlo (Sesta parte)
genere gay
scritto il 2014-09-03 11:31:38

Iack e Carlo (Quinta parte)
genere gay
scritto il 2014-07-23 12:31:39

Jack e Carlo (Quarta parte)
genere gay
scritto il 2014-07-16 12:59:32

Jack e Carlo (Terza parte)
genere gay
scritto il 2014-07-09 10:19:53

Jack e Carlo (Seconda parte)
genere gay
scritto il 2014-07-07 10:20:44

Jack e Carlo (Prima parte)
genere gay
scritto il 2014-07-03 11:41:22

Roberto, il figlio del mio vicino (Finale)
genere gay
scritto il 2014-06-30 10:11:52

Roberto, il figlio del mio vicino (Seconda parte)
genere gay
scritto il 2014-06-30 10:08:04

Roberto, il figlio del mio vicino
genere gay
scritto il 2014-06-13 12:24:15

Ho rubato il ragazzo a mia sorella 14
genere gay
scritto il 2014-05-22 16:21:12

Ho rubato il ragazzo a mia sorella 13
genere gay
scritto il 2014-05-16 09:38:59

Ho rubato il ragazzo a mia sorella 12
genere gay
scritto il 2014-05-06 12:35:50

Ho rubato il ragazzo a mia sorella 11
genere gay
scritto il 2014-04-30 10:30:42

Ho rubato il ragazzo a mia sorella 10
genere gay
scritto il 2014-04-11 09:00:07

Ho rubato il ragazzo a mia sorella 9
genere gay
scritto il 2014-04-08 13:00:45

Ho rubato il ragazzo a mia sorella 8
genere gay
scritto il 2014-04-01 13:16:01

Ho rubato il ragazzo a mia sorella 7
genere gay
scritto il 2014-03-31 10:28:21

Ho rubato il ragazzo a mia sorella 6
genere gay
scritto il 2014-03-16 08:14:28

Ho rubato il ragazzo a mia sorella 5
genere gay
scritto il 2014-03-12 10:53:54

Ho rubato il racconto a mia sorella 4
genere gay
scritto il 2014-03-10 11:25:20

Ho rubato il ragazzo a mia sorella 3
genere gay
scritto il 2014-03-03 12:23:31

Ho rubato il ragazzo a mia sorella 1
genere gay
scritto il 2014-02-28 14:48:43




Voyeur
data racconti erotici 2012-10-16 11:01:07

genere: categoria racconti erotici gay

I ragazzi miei vicini di casa coi quali uscivo avevano un nuovo patrigno che trovai molto piacente. Era di statura media, capelli scuri e torace peloso come pelosi erano avambracci e dita. Io non riuscivo a togliergli gli occhi di dosso.
Cercavo sempre altre ragioni per passare del tempo a casa loro. Dario, uno dei ragazzi, era il mio miglior amico, condividevamo i nostri segreti più intimi. Spesso ci masturbavamo insieme condividendo le fantasie. Non eravamo mai stati timidi nel confidarci il nostro interesse per i corpi degli altri ragazzi ed i loro uccelli.
Ben presto cominciammo a carezzarci l'un l'altro mentre ci raccontavamo storie. Io spesso chiudevo gli occhi e fingevo che fosse il suo patrigno che stavo toccando. Quando Dario mi chiese di stare da lui per il fine settimana, presi al volo l'opportunità sperando di poter rimanere più a lungo col suo patrigno.
Ci andai venerdì, dopo la scuola, facemmo rapidamente i lavori assegnati a Dario per avere poi più tempo per noi. Andammo in un campo vicino dove c’erano erba alta e salici, solo lui ed io ne conoscevamo l’esistenza.
Dissi Dario quanto mi affascinava il suo patrigno e quando lui mi disse che l’aveva visto fottere sua mamma, lo bombardai di domande e dettagli di quello che aveva visto.
Io stavo carezzandomi furiosamente il cazzo mentre l’ascoltavo, quando Dario arrivò al punto, sparai. Il fiotto di sperma salì in aria e cadde sul suo braccio. Lui stava sdraiato vicino a me e gli fu colpita anche la bocca.
Mentre stavo per asciugargli le labbra, lui le leccò pulendosi con la lingua. “E’ buono!” Disse. Rotolò rapidamente su di me, si chinò e con la mia sborra che gli gocciolava si avvicinò alla mia asta. L’avvolse e leccò il rimanente sperma dalla mia verga sensibile.
Quella fu la prima volta che nella mia mente passò l’idea che fosse bello assaggiare e succhiare il cazzo di un altro ragazzo. Immediatamente mi resi conto che io volevo succhiare il patrigno di Dario.
Continuammo a giocare l'uno con l'altro e presto fui pronto per qualcosa di più. Mi sdraiai vicino a lui, le nostre teste in direzioni opposte.
Coprimmo uno il cazzo dell’altro con le nostre bocche contemporaneamente e godemmo il nostro primo sessantanove. Eravamo ambedue estremamente eccitati per la nostra nuova scoperta e presto eiaculammo riempendo la bocca dell’altro col dolce nettare delle nostre palle. Per tutto il tempo che Dario mi succhiò immaginai di farlo col suo patrigno. Avevo immaginato che ogni cazzo doveva avere un sapore diverso e probabilmente anche lo sperma!
Dopo pranzo andammo al cinema. Seduto in fondo con gli altri ragazzi, non guardai o ascoltai il film, i miei occhi erano sul patrigno, ogni sua mossa veniva documentata nella mia mente. Chiusi gli occhi e tentai di immaginare come poteva essere il suo corpo nudo, lo immaginai duro mentre si teneva l’uccello, pronto a fottere sua moglie.
Più tardi quella notte, quando Dario ed io eravamo nella sua stanza, lui portò il discorso su come il suo patrigno doveva essere arrapato. “Hai visto come continuava a toccare mia mamma?” Chiese: “Scommetto che lo fanno stasera. Vediamo se riusciamo a guardarli.” Aggiunse. Mi condusse silenziosamente sul retro della casa sotto la camera da letto dei suoi genitori. Ci acquattammo nei cespugli e sbirciammo nella stanza, erano nudi sul letto, si baciavano ed accarezzavano, lei aveva la sua erezione dura nella sua mano e la pompava mentre lui strofinava e toccava il suo buco. Era la prima volta che vedevo l’erezione gonfia di un uomo. Sembrava grosso e lungo, le sue palle erano coperte di peli scuri.
Potevo vedere le vene ben visibili sulla carne come quelle che aveva sul dorso della mano. Il suo
torace era coperto di peli scuri e lunghi che scendevano sullo stomaco e raggiungevano il cespuglio scuro di peli che circonda il suo uccello e le palle. Feci correre una mano sotto la mia t-shirt, carezzando il mio corpo liscio senza peli chiedendomi se un giorno potevo anch’io avere i peli là.
Affascinato dalla vista di lui nudo, le mie dita liberarono il mio membro rigido che ruggiva, lo strinsi e lo tirai mentre guardavo, mentre assorbivo ogni dettaglio. Quando si alzò sulle ginocchia e si mise tra le sue gambe, il mio cuore cominciò a battere con forza. Una mano circondò il seno, l’altra prese l'asta palpitante e dura e la guidò alla sua fica in attesa.
La mia mente si confuse quando lui spinse in avanti e penetrò il suo buco bagnato. Poco a poco la sua asta scomparve dalla mia vista finché le sue palle rimbalzarono contro le sue natiche alzate. Persi di vista quel bell’uccello. Lui si chinò e la baciò appassionatamente, poi alzò le anche togliendo l’erezione. Ero contento di riuscire a vederlo di nuovo.
Improvvisamente l'immerse e poi lo tirò fuori di nuovo. Pompò sempre più velocemente la sua carne dentro di lei. Io ero estremamente eccitato da quel movimento. Vedendo il loro godimento, sentendo i loro lamenti e lo schiaffeggiare dei loro corpi, cominciai a masturbarmi come un pazzo.
Dario vide come mi stavo eccitando guardandoli. Non mi accorsi che era scivolato giù di fronte a me finché la sua bocca non coprì la punta del mio cazzo che sbavava. Lasciai andare l'asta e lasciai che la sua bocca sostituisse la mia mano nella sensazione gioiosa che stavo esperimentando; presto cominciai a copiare i movimenti della fottuta che stavo guardando. Per la prima volta chiavai veramente la calda bocca di Dario infece di lasciare che mi succhiasse solamente.
Volevo farlo durare finché possibile, tenendo la testa di Dario, fottendo selvaggiamente dentro e fuori della sua bocca mentre il suo patrigno faceva la stessa cosa con la fica di sua moglie. Venni velocemente incapace di fermarmi. L'intensità del mio orgasmo mi fece chiudere gli occhi, quando ripresi i sensi e guardai di nuovo nella stanza, vidi il suo patrigno tendersi, gettare indietro la testa con espressione di delizia. Capii che stava spargendo la sua crema di uomo dentro sua moglie mentre io stavo pompando la mia nella bocca del suo figlioccio. Abbassai lo sguardo e vidi che Dario stava sparando il suo carico in terra.
Ritornammo a letto ridendo e parlando di quello che avevamo visto e fatto, questo ci eccitò nuovamente e presto ci trovammo nel nostro familiare sessantanove, solo che questa volta ambedue stavamo fottendo la bocca dell’altro!
Il mattino seguente Dario si svegliò e fece la doccia per primo. Io entrai e mi lavai i denti mentre lui finiva di asciugarsi, poi saltai io nella doccia. Mentre ero nel box che mi asciugavo, sentii la porta aprirsi e poi il rumore di qualcuno che pisciava. Pensai fosse Dario ma quando spostai la tenda vidi il suo patrigno davanti al water, nudo eccetto un paio di mutande di cotone. Erano tirate giù davanti sotto le palle pelose. Il suo uccello penzolava libero ma sembrava in quell'apparenza di stimolazione mattutina, mentre un ruscello di piscia si versava nella ciotola.
“Oh, sorry!” Ha detto. “Pensavo ci fosse dentro Dario.” Io rimasi silenzioso guardando le sue pelose caratteristiche virili. Incapace di parlare o controllare le mie reazioni, il mio uccello si gonfio e si alzò ad una piena erezione. Ero così preso dall’essere solo ad un metro da lui che non pensai di coprire la mia erezione con l'asciugamano.
“Bene, ti deve piacere quello che vedi, vista la reazione!” Ha commentato. Prendendo l’uccello gocciolante fra le dita ha scosso via le ultime gocce. Prima che potessi reagire si girò verso di me, spinse giù le mutande e cominciò a massaggiare il suo uccello crescente. In breve fu completamente duro come l'avevo visto attraverso la finestra quella notte.
“E’ tutto Ok, so quello che vuoi!” Ha detto. “Prendilo e carezzalo.” Fece un passo verso di me, ora era proprio di fronte a me, potevo sentire il suo odore muschiato. Gelai. Lui prese la mia mano e la guidò alla sua carne pulsante.
Le mie dita si chiusero intorno all'asta calda sentendo la carne flessibile della sua erezione. Cominciai a carezzarlo come avevo imparato a fare con Dario, solo che questa volta avevo in mano un cazzo molto più grosso. “E’ bello, baby! Mi stai facendo colare. Guarda come diventa bagnato grazie alle tue dita!”
Mi lasciava carezzare e giocare con la sua erezione, io osservavo ogni centimetro del suo corpo provocando il gocciolamento di pre eiaculazione dal mio pene che schiaffeggiava libero contro la mia pancia. Quell’uomino sexy, non rasato, peloso mi sorrideva mentre mi permetteva di toccarlo e giocare con lui. In breve l’altra mia mano cominciò ad esplorare i peli del suo torace,
ci feci correre dentro le mie dita.
Le palle mi facevano male in attesa della loro liberazione mentre lui mi lasciava carezzare e stringere le sue palle pelose e calde. Le presi, le soppesai e controllai la loro dimensione. Poi mi ricordai di quanto avevo voluto sperimentare la sensazione del suo uccello nella mia bocca, assaggiarlo e succhiarlo come facevo con Dario.
Mi lasciai cadere lentamente sulle ginocchia sul pavimento della doccia. La sua mano accarezzò i miei capelli bagnati e con l'altra portò il suo uccello duro alle mie labbra in attesa, carezzandole leggermente. Potevo sentire l'aroma forte della sua verga e delle palle sudate. Quando aprii la bocca lui lo spinse delicatamente attraverso le mie labbra sulla mia lingua. Me lo fece assaggiare e leccare per apprezzarne il gusto.
Mi ritornò alla mente la visione del suo cazzo nella micia di sua moglie, rivestito dello sperma che lui aveva vuotato dentro di lei. Ora stavo succhiando il suo uccello, assaggiando i succhi rimasti sulla sua asta. Lui afferrò la mia testa ed cominciò a fottermi la faccia. Il ritmo mi era familiare, lo stesso che avevo visto la notte precedente.
Quando pensai che stava per vuotare il suo sperma nella mia bocca, la porta si aprì! Noi gelammo! Io ero ancora col suo uccello nella mia bocca. Era Dario. Rimase fermo, scioccato, con la porta spalancato! Era come se tempo si fosse fermato.
Finalmente il patrigno parlò. “Cazzo, entra Dario e chiudi quella maledetta porta!” Gridò.
Dario entrò nella stanza, chiuse la porta rapidamente e vi si appoggiò. I nostri occhi si incontrarono e quando lo vidi sorridermi immediatamente ricominciai a succhiare il suo patrigno. Mi eccitai anche di più perché sapevo che il mio miglior amico mi stava guardando mentre succhiavo il suo patrigno.
Dario si avvicinò e si inginocchiò vicino a me. Mentre succhiavo lo vidi stringere quelle palle pelose, poi cominciò a leccarle e succhiarle mentre mi guardava lavorare sull'asta luccicante bagnata e spessa proprio davanti ai suoi occhi.
Mentre ci guardavamo l'un l'altro, la sensazione di tutto questo ci prese, sentii il cazzo bagnato di Dario appoggiarsi alla mia coscia ed alle mie gambe. Poco dopo il suo patrigno mi strinse con forza la testa e spasimò, riempendomi la bocca e la gola di crema di uomo gustosa e spessa.
Un aroma pesante e forte mi riempì le narici.
Dario lasciò andare le palle bagnate, scivolò sul pavimento e prese il mio cazzo furioso nella sua bocca. Sparai fiotto dopo fiotto di succo di palle sulla sua lingua, riempendo la sua caverna. Ambedue tenemmo la crema nelle nostre bocche il più possibile, lasciando che rivestisse le nostre lingue, godendo dell’odore e del sapore. Era una delle cose di cui avevamo parlato spesso.
Il suo patrigno ed io scivolammo sul pavimento. Eravamo seduti in cerchio guardandoci l'un l'altro, poi cominciammo a ridere. Quando ritornavamo alla realtà decidemmo di separarci mettendoci d'accordo di incontrarci lì più tardi.
Sussultammo quando la mamma di Dario bussò alla porta. “Non avete fame, ragazzi? La colazione sarà in tavola fra dieci minuti!” Ci ha gridato. Ci guardammo e ricominciammo a ridere.
Io stavo già pensando a cosa avremmo rifatto quel pomeriggio.

scritto da autore racconto erotico Aramis

racconto letto 2602 volte


Segnala abuso in questo racconto erotico
nick :
e-mail :
motivo :
L'animale che miagola?






commenti dei lettori al racconto erotico



Box delle utilità, spazio dei link veloci per gli ultimi racconti erotici inseriti, i racconti erotici più letti e più votati.

il racconto erotico più recente

Ultimo racconto erotico inserito:

La mia docile fidanzata
scritto il: 2014-10-22 22:17:19



Ultimo racconto erotico votato:

Mamma ed Anna
genere: incesti

Buon divertimento e buona lettura a voi perversi e arrapati.
menu per condividere i racconti erotici

racconto erotico casuale

Per portare alla vostra attenzione racconti erotici che altrimenti non andreste a cercare, perché spesso il caso è molto più eccitante del semplice trovare.

Castrato 2-La metamorphosi
genere: tradimenti


Speriamo di aver soddisfatto tutte le vostre fantasie a luci rosse.
menu per accedere rapidamente ad un racconto casuale tra tutte le opere

condividi i racconti erotici

Puoi anche condividere un racconto erotico o una qualsiasi altra pagina del nostro sito semplicemente usando il tasto share che trovi qui sotto.
Se il racconto è piaciuto a te, piacerà anche ai tuoi amici, condividilo tramite tutti i più diffusi social network.

Bookmark and Share


Segnala su google la pagina, per diffondere racconti erotici di qualità.




newsletter

iscriviti alla newsletter di erotici racconti e potrai ricevere tutti gli aggiornamenti sui racconti erotici inseriti e sulle statistiche e gli apprezamenti sulle storie più eccitanti tramite una mail.

Speriamo di aver soddisfatto tutte le tue fantasie sessuali.