Racconti erotici, storie eccitanti, letteratura a sfondo sessuale e narrativa a luci rosse per adulti italiana completamente gratuita.
Scopo mia mamma è uno dei più eccitanti ed erotici racconti per adulti nel mondo della narratva a luci rosse, delle fantasie osé, delle confessioni e delle storie di sesso
erotici racconti logo del sito di storie a sfondo sessuale

Scopo mia mamma
data racconti erotici 2010-02-10 11:57:57

genere: categoria racconti erotici incesti

L’estate in cui mi diplomai, io e mamma ci trasferimmo a Santa barbara dallo Iowa così da permetterle di trovare un lavoro migliore. Ci sistemammo giusto in tempo perché mi iscrivessi al college. Avevo 18 anni. Feci subito molte amicizie soprattutto tra i ragazzi. Di ragazze ce n’erano molte ma non ebbi alcuna occasione con loro nei primi mesi. Nel secondo semestre il consiglio accademico decise di farmi frequentare un corso di fotografia in quanto tra tutti quelli proposti sembrava il più comodo. In effetti mi allenavo moltissimo nella squadra di pallacanestro e il tempo da dedicare alle altre attività era ridotto al minimo. Così mi registrai per “composizione fotografica”. Il professor Lerry, l’insegnante, era un tipo molto simpatico: sembrava un reduce della comunità hippy degli anni ‘60. Diceva che gli piaceva insegnare perché gli studenti lo aiutavano a rimanere giovane. era una persona molto brillante ma scoprimmo subito che il suo corso sarebbe stato tutt’altro che leggero. la prima lezione si basava sugli oggetti della fotografia e sull’importanza delle emozioni a scapito della tecnica. Il primo compito che ci diede fu di scattare 240 ritratti di gente comune al lavoro. L’oggetto non aveva nulla di artistico, bisognava solo catturare la realtà che stavano vivendo. Ci disse che chi avrebbe fallito questa prima prova aveva già fallito il corso. Solo 13 dei 37 studenti iniziali tornarono in classe due giorni dopo. Lerry era palesemente felice: ora sapeva di avere un gruppo di fotografi affidabili. Quando portai i miei lavori non mi aspettavo complimenti o strette di mano ma finirono con l’essere i più apprezzati insieme ai lavori di Yho Honny Chu una graziosa cino-americana che si era fatta aiutare da suo fratello, un poliziotto di S. Barbara. Per il secondo incarico il Professor Lerry ci diede 20 giorni di tempo perché sapeva che stavolta occorreva pianificare il lavoro. Il compito era di fotografare una o più persone di sesso opposto nude. Di nuovo 240 ritratti. Ma c’era dell’altro: le foto devono essere tutte della stessa persona o gruppo, quindi era assolutamente proibito infilarsi in una colonia di nudisti e fotografare a caso 240 persone diverse. La seconda regola era niente genitali perché l’obiettivo non era il sesso ma l’umanità spogliata della sua protezione. Terzo, vietato fotografarsi a vicenda. Per quelli che potevano permetterselo, Lerry consigliò dei modelli professionisti, ma solo come ultima spiaggia. Quella sera ero molto nervoso a cena e mamma mi chiese se era tutto ok. Le dissi di si ma lei insistette e così le spiegai che non avevo idea di chi fotografare perché le nostre finanze non ci permettevano inutili sperperi. Così le confessai che avevo intenzione di abbandonare il corso. Mamma ci pensò su qualche secondo poi cambiò discorso. Parlammo d’altro per alcuni minuti ma la mente di mia madre sembrava da tutt’altra parte. Finalmente tornò all’oggetto dei suoi pensieri. “Henry… che ne pensi di me?” chiese. “cosa penso di te… cosa?” risposi. “Che ne diresti di fotografare me, Henry?” “Nudaaa?” “Si, sciocco… completamente nuda!” “Mamma… non so… non ti sentiresti a disagio?” “Non se sarai tu a fotografarmi. Non potrei. Tu invece?” “Beh, francamente penso un po’ si…” “Perché? Non credo di essere tanto sgradevole. Me la cavo ancora piuttosto bene per essere una 37enne madre di un ragazzo ormai adulto”. “No, non è per questo… tu sei bellissima e hai un corpo delizioso. E’ solo che… insomma, sei mia madre!” “Chi meglio di me da ritrarre, Henry? Inoltre… ho sempre desiderato farmi fotografare nuda da un fotografo professionista!” “Ma io non sono un professionista, mamma. E non ho mai pensato a te sessualmente… non so se sarebbe giusto vederti sotto questo punto di vista…” “Henry, in non ti sto chiedendo di venire a letto con me e far l’amore come marito e moglie. Voglio solo essere la tua modella, che mi scatti delle foto… e non lo faccio solo per aiutarti. Te lo chiedo perché voglio essere guardata, ammirata… e… apprezzata… perché mi piace.” “Uhmmm… Ok” Mamma voleva cominciare subito ma la cosa richiedeva un minimo di pianificazione: decidemmo di scattare la prima sessione durante il primo fine settimana e di utilizzare il secondo in caso di emergenza. Avremmo utilizzato invece le serate per scattare qualche foto di prova e almeno all’inizio per prendere confidenza con quella nuova situazione. Il giorno dopo, a cena mamma era evidentemente euforica ed eccitata e servì il vino in tavola, cosa che faceva raramente. Dopo mangiato andò subito a cambiarsi mentre io preparai la macchina fotografica. Quando tornò rimasi a bocca aperta: sapevo che era andata a spogliarsi e che l’avrei vista apparire forse solo con un asciugamano a coprirle le tette e la fica, ma in realtà mi aspettavo di vederla nel solito accappatoio bianco che indossava sempre dopo la doccia. Ma non stavolta! Si presentò davanti ai miei occhi con un impalpabile baby-doll celeste! Rimasi senza fiato e mi spaventai anche: per la prima volta vedevo mamma come una femmina. Dimostrava 10 anni di meno e non aveva una curva fuoriposto anzi, sembrava che il tempo l’avesse addirittura resa più affascinante. Le sue gambe erano oltraggiosamente belle e non potei fare a meno di fissargliele. Mi vide turbato ad osservarla in piedi seminuda, vide il mio sguardo stupito… e le piaceva. “Mio piccolo Henry, sbaglio o quello che stai vedendo ti intriga?” Credo che balbettai qualcosa come:”…si, io…” o comunque una frase altrettanto stupida. “Henry, tu non hai idea quanto mi faccia sentir bene essere apprezzata dal mio giovane figlio. I tuoi sguardi mi fanno sentire davvero una donna speciale. Grazie, miele.” Poi si avvicinò con passi leggeri e mi baciò sulla guancia. Non poté evitare che una delle sue mammelle si schiacciasse contro il mio braccio e si scusò subito. Le dissi che era tutto ok, ma in realtà la mia erezione era ok! Si allontanò solo di 4 o 5 passi da me, quelli necessari perché i miei occhi potessero guardarla completamente senza perdermi un centimetro del suo corpo. Si tolse lentamente il baby-doll e osservò con uno sguardo profondo la mia reazione. Si girò per posare l’abitino sulla poltrona e i suoi movimenti sembravano quelli di un’esperta fotomodella e quando si piegò mostrandomi sfacciatamente il culo andai letteralmente in estasi. “Che ne pensi? Credi che sarò all’altezza?” “Oh Dio, mamma… hai classe da vendere! Sei incredibile!” Mi sorrise e potrei dire con assoluta certezza che la mia reazione l’aveva resa felice. I suoi atteggiamenti sexy non erano stati casuali, voleva sentirsi dire che era ancora una donna stupenda e io lo feci. E non mentivo. Il lavoro procedeva lentamente e un po’ a caso. Mamma posò sul divano e davanti al focolare, usando il baby-doll per coprire le zone strategiche nelle inquadrature frontali e nella maggior parte dei casi era completamente nuda, coperta solo dalla particolare angolatura di fuoco. Quasi tutte le foto la ritraevano infatti di spalle, quindi sia le morbide tette che il curatissimo cespuglio erano perfettamente celati e lasciati all’immaginazione dello spettatore, che era esattamente ciò che volevamo. Per me, però, la mia spettacolosa mamma era completamente disponibile e non sembrava minimamente imbarazzata… anzi sembrava provar piacere! Riuscire a concentrarmi sul lavoro diventava ogni minuto più difficile: non ero affatto abituato a vedere mamma nuda. Non ero vergine ma una donna tanto eccitante che si espone con tanta disinvoltura al mio sguardo non m’era mai capitata. Ebbi un’erezione. Grazie a Dio indossavo dei jeans sufficientemente stretti per tenerla a bada, non abbastanza comunque da occultare la taglia abbondante del mio pene curvatosi sotto la stoffa e subito notato da mia madre. Ma in ogni caso non disse nulla. Cercai in ogni modo di rallentare il lavoro e di far durare il più possibile quel rullino da 24 ma durante gli ultimi scatti notai un cambiamento in mia madre: per tutta la serata era stata molto allegra e aveva sempre sorriso di fronte all’obiettivo. Ma ora le sue occhiate stavano diventando più serie. Mi guardava sempre più intensamente ma ogni qualvolta spostavo l’occhio dall’obiettivo per ammirarla meglio, il suo sguardo cambiava direzione. Non che mi illudessi di qualcosa ma la situazione non era molto distaccata nemmeno da parte sua: aveva i capezzoli duri! Dopo aver scattato l’ultima foto e riavvolto il rullino non riuscii a resistere: “Hai freddo, mamma? Forse è meglio che ti copri prima che geli!” riferendomi neanche tanto velatamente ai suoi capezzoli. Capì perfettamente a cosa mi riferissi, li guardò e disse:” oh, questi…? No, non ho affatto freddo. Sono semplicemente eccitata. Mi eccita guardarlo così”. “guardarlo.. cosa, mamma?” dissi “Quello, Henry. Il tuo cazzo duro. Vederlo così mi fa impazzire. E’ meraviglioso sapere che ti piace quello che hai davanti agli occhi… sono bagnata, miele!” “Uh… ok, mamma… credo che… ecco, sarebbe meglio che ti coprissi…” borbottai. “Perché? A me piace stare così e so che a te piace guardarmi. Che c’è di sbagliato?” così dicendo portò le mani alle tette e si accarezzò i capezzoli duri. “Ooohh… era da tanto che non mi eccitavo così…” Ero senza parole. Bofonchiai qualche scusa e corsi via in bagno, non a fare pipì, ovviamente. Avevo bisogno di schizzare lo sperma prima di commettere una pazzia. Quando tornai nella stanza, mamma se n’era già andata. Tornò alcuni minuti dopo completamente vestita. Beh, forse non è esatto dire “completamente”: indossava un vecchio paio di jeans e una T-shirt bianca ma sotto non aveva il reggiseno. Era sicuramente segno di un grosso cambiamento in lei perché non aveva mai rinunciato a metterlo e lo toglieva solo per andare a dormire. Ora invece le sue deliziose tette dondolavano ogni volta che muoveva un muscolo. Ci sistemammo sul divano a chiacchierare e per fortuna la posizione che assunsi mascherava discretamente la mia nuova erezione ma non poteva nasconderla del tutto all’occhio attento di mia madre. Poi finalmente mamma portò il discorso sui binari dei miei pensieri. “Henry… ma io ti rendo nervoso? Ti faccio sentire a disagio?” “Si, mamma… mi dispiace ma non sono per niente abituato a vederti come stasera…” “Capisco… neanch’io ti avevo mai visto come stasera. Ma la sai una cosa? Mi piace e mi rendo conto che piace anche a te. In fondo per un ragazzo è normalissimo prendersi una cotta per la propria mamma e non vedo perché proprio io dovrei privarti della visione delle mie tette del culo e della vagina, miele. Io e te siamo troppo ansiosi, sempre seri e non ci concediamo mai un divertimento, abbiamo bisogno di rilassarci un po’!” “Hai ragione, mamma. Ma cerca di capirmi, io non ti ho mai vista come stasera e non semplicemente perché hai posato nuda per me, ma per come sei adesso, qui! Hai sempre indossato il reggiseno ma ora non lo porti e… e vedo le tette che si muovono… così mi farai diventare matto…” “Oh, non devi lasciarti trasportare così, Henry. Io non credo che potrei farti ammattire e sono felice che ti piace il mio corpo. Non credo affatto che tu possa perdere il controllo tanto facilmente.” “Dici? Io non ne sono tanto sicuro… la verità è che… sei una strafica e se non fossi mia madre ti salterei subito addosso…” “Anche tu sei molto arrapante, Henry. Ma se tu non fossi mio figlio non avresti alcuna possibilità di saltarmi addosso: sarei io a stringerti tra le braccia e a baciare e leccare tutto il tuo corpo…” Risi. In parte perché era divertente ma soprattutto perché ero realmente nervoso. La ringraziai ma ero certo che scherzasse. Mamma rispose che non scherzava mai del tutto. Che era contenta di come ero venuto su, alto, forte e bello. Mi disse che avevo un bel corpo e un gran bel culo e che era orgogliosa del modo in cui la guardavo. “E… mio dolce bambino studioso, dalla sporgenza che vedo credo anche che tu abbia un cazzo abbastanza grosso da far felice qualunque donna!” Rise allegramente e poi disse che era tempo d’andare a dormire. Ci abbracciammo e le diedi un bacio sulla guancia, come avevo sempre fatto. Questa volta però mamma strofinò intenzionalmente le mammelle sul mio torace. “Oops, spiacente!” mi disse con voce flautata, le dolci labbra dischiuse a pochi millimetri dalle mie e il profumo selvatico del suo corpo a confondermi i sensi. Mi accarezzò i capelli con le mani e mi baciò quasi sulla bocca mentre senza accorgermene le avevo messo le mani sulle natiche. Quando girò la spalle per andarsene le dissi: ” è tutto ok, mamma. Puoi farlo quando vuoi.” Sorridemmo entrambi ma lei lasciò quella sfida senza risposta e si diresse nella sua camera da letto. Mi ci vollero ben due seghe prima di potermi addormentare e naturalmente l’argomento era mamma. Il giorno dopo era venerdì. Mamma era a Los Angeles per una convention sul marketing e non sarebbe ritornata che alle due o tre del mattino. Quel fine settimana si sarebbe dovuta nuovamente spogliare per me. In classe parlai con Yho Honny Chu, la graziosa ragazza cino-americana. Eravamo ormai amici e ci scambiavamo consigli sulle tecniche fotografiche così discutemmo anche sulle nostre prime esperienze sul campo. Entrambi poi avremmo dovuto sviluppare le nostre foto così ci mettemmo d’accordo per incontrarci alle 7 del pomeriggio alla camera oscura della scuola. Appena lasciata la classe, Dianne mi chiese di fare due passi insieme. “Henry, tu mi piaci e non voglio darti un’impressione sbagliata. Stiamo andando a sviluppare dei ritratti di nudo e non voglio che questo ci porti a fare delle sciocchezze. Io sono lesbica e sono felice di esserlo. Vorrei che rimanesse un segreto tra me e te se è possibile. Non mi va che tutta l’università parli di me, capisci? Vorrei che la mia vita privata rimanesse tale… quindi se stasera non volessi venire con me non ti biasimerò di certo.” Rimasi molto sorpreso ma in fondo a me stava benissimo così. Avremmo potuto collaborare senza alcuna distrazione e quando lo dissi a Dianne ne fu molto felice. Ci reincontrammo alle 7 alla camera oscura e cominciammo a lavorare. La sala era molto capiente e c’erano probabilmente almeno un’altra dozzina di persone ad usarla. Quasi tutte però sviluppavano pellicola a colori così avevamo un’area per il bianco e nero tutta per noi. Io avevo solo un rullino da sviluppare ma Dianne ne aveva due. Li sviluppammo rapidamente poi passammo all hand-printing. Il modello nudo di Dianne era suo fratello Dan Chu, un ragazzo davvero bello. Mi complimentai con Dianne per la sua scelta e le chiesi come si era sentita nel vedere suo fratello nudo. “Oh, per me è stato normale e anche per lui nonostante la presenza della sua ragazza. Voleva per forza essere presente e guardarlo nudo e questo non faceva che eccitare Dan. Era piuttosto difficile dissimulare la sua… la sua erezione” Dianne rise al ricordo di quella buffa situazione. Quando finimmo di stampare le foto ci rendemmo conto che c’era qualcosa di negativo ad accomunare i lavori miei e di quella ragazza, come fossero troppo rigidi. Quando stampai la mie foto Dianne non poteva credere a quanto fosse splendida quella donna e volle assolutamente sapere di chi si trattava. In fondo lei aveva condiviso con me un suo segreto così le dissi che quella modella era mia madre. Tutto ciò che Dianne disse fu: “Wow!” Quando demmo un’occhiata al secondo rullino di Dianne ci rendemmo finalmente conto di dove fosse l’errore. Le pose erano assolutamente naturali e alcune anche umoristiche. Dianne ammise che quegli scatti erano quasi casuali e per niente preparati a tavolino. Stavano semplicemente scherzando. Nelle ultime foto appariva anche la ragazza di Dan, una certa Sherry che era molto più che una donna, era una bomba sexy senza mezze misure. Le differenze dalle altre immagini era un acceso effetto flou - un po’ alla playboy - e la scarsa applicazione delle restrizioni del dottor Lerry. Qui c’erano tette e cazzi senza censura. C’erano Dan e Sherry che si baciavano mentre lui le accarezzava le mammelle e anche una di lei che accarezzava il cazzo di Dan. Con quei ritratti capimmo che per aggirare la naturale rigidezza dei nostri ritratti dovevamo far ricorso all’umorismo e all’eros. Dianne e io fummo d’accordo a scambiarci alcune delle foto migliori con la promessa che non le avremmo mostrate a nessuno tranne ai nostri rispettivi modelli. Presi otto foto di Dianne di cui quattro con Dan e Sherry e lei ne prese sei delle mie. La mattina successiva mamma si svegliò presto. Il nostro piano di lavoro era di fare due sessioni di scatti sabato e due domenica, catturare la luce brillante del mattino e quella calda della sera. Tutto questo avrebbe occupato praticamente l’intero fine settimana. Mamma preparò un’abbondante colazione e a tavola mi parlò un po’ della convention ma era evidente che non era molto interessata all’argomento. Stava morendo dalla voglia di vedere le nostre foto! Tirai fuori due pacchetti. Uno conteneva i ventiquattro scatti con mia madre nuda e l’altro le otto foto di Dianne. Mamma impiegò circa un’ora per guardare i suoi ritratti e discutere con me come migliorare le pose. Era molto felice del risultato e quando finì di guardarli mi diede un grande abbraccio. Indossava solo un accappatoio e quando le sue mammelle si schiacciarono contro il mio torace rise tra i denti. “Oops, spiacente” disse di nuovo. Posando le foto mi chiese cosa conteneva l’altra busta e le risposi che c’erano i lavori di Dianne. Glieli lasciai guardare senza fare commenti. Si complimentò per le prime quattro foto - due serie e due umoristiche - ma quando vide il ragazzo in coppia con Shelly disse: “Oooooooooooh! Guarda qui!” Guardò a lungo quella foto ma non disse più nulla. Guardò la seconda foto, un profilo di Dan e Sherry che si baciavano mentre le tette della ragazza si poggiavano sul torace del maschio e l’erezione protendeva ansiosa verso la calda vagina di Sherry. Mamma guardò a lungo anche quella foto. Gli ultimi due scatti riguardavano Dan che accarezzava le enormi mammelle di Sherry, la prima era quasi umoristica ma la seconda era la migliore di tutte: Dan era di spalle a Sherry e l’abbracciava accarezzandogli i capezzoli e baciandole la nuca. Mamma sussurrò appena un “Ooooohhh…” e continuava a guardare la foto senza dire nulla. La sua mente sembrava lontana un milione di miglia e avrei dato non so cosa per sapere cosa stava pensando. poi disse “Oddio… è meraviglioso…” poi guardò le foto e rise “cielo, guardami! Ho i capezzoli induriti come i suoi!” Aprì l’accappatoio davanti a me e si accarezzò i capezzoli rendendoli ancora più duri. Iniziò a boccheggiare e mi disse di essere ormai bagnata fradicia fra le gambe e che doveva andare nella sua stanza. Aggiunse che non ci avrebbe messo molto prima di essere pronta per la sessione fotografica. Appena chiuse la porta alle sue spalle mi avvicinai per origliare. La mia camera era contigua alla sua così potei sentire il morbido ronzio del vibratore che si faceva largo nelle calde pieghe di mamma e che mi costrinse a tirare fuori il cazzo e a masturbarmi. Mamma si stava infilando un cazzo di plastica nella fica a pochi metri da me e sapeva sicuramente che io mi stavo toccando e che la stavo spiando. Tutt’e due sapevamo cosa stavamo facendo ma nessuno dei due tentò di celarlo. Quando sborrai sussurrai “mamma… mamma… mamma…” . Lei non avrebbe potuto sentirmi ma sicuramente sapeva a cosa stavo pensando. Mi buttai sul letto sfinito cercando di riprendere fiato e qualche istante dopo sentii mia madre gridare il mio nome confuso in un gemito di estasi da orgasmo. Quando mamma mi raggiunse in salotto indossava solo la camicia da notte che aveva messo la prima volta. Si mise orgogliosa davanti a me, si passò le mani sul vestito per evidenziare meglio il suo corpo e mi baciò spudoratamente sulle labbra. “credo che sia meglio che tu lo sappia, Henry… mentre ero distesa sul letto a… insomma io ho pensato solo a te…” la tirai verso di me prendendole dolcemente la testa e la baciai dolcemente sulle labbra. “Anch’io pensavo a te, mamma. Ed era molto piacevole” La sessione fotografica del mattino durò circa un’ora. Mamma posava in maniera molto più disinvolta e fui sorpreso nel trovarla anche molto più professionale. Riempii due rullini col suo magnifico corpo. Dopo pranzo mamma aveva delle commissioni da fare così ricominciammo alle tre e, su suo suggerimento, mettemmo anche un pò di musica. I risultati sembravano eccellenti. Mamma ondeggiava sinuosa e danzava meravigliosamente mentre scattavo senza sosta una posa dopo l’altra. Questo però ci stancò in breve tempo così decidemmo di fermarci. “Henry…?” chiese mamma. La guardai e sembrava di umore malinconico. “Si, mamma?” “Henry… Dan e Sherry hanno ottenuto qualcosa per posare. Non intendo i soldi, intendo che hanno avuto una ricompensa… non pensi che anch’io dovrei averne una?” “Certo, mamma! Stasera ti porterò da Pepe!” Pepe era suo ristorante messicano favorito. “No, Henry… non è quello che avevo in mente” rispose. “Henry… credi che sarebbe possibile posare insieme come il fratello di Dianne e la sua ragazza? Nulla di veramente spinto, solo dei bei ritratti d’amore?” “Beh, diciamo che con un treppiede e l’autoscatto non sarebbe affatto un’impresa impossibile… non verrebbero bene come ci fosse un fotografo ma si può fare.” “si… ma lo faresti per me?” “Mamma… io non lo so… abbiamo provato a lavorare nel modo più serio e scrupoloso possibile finora… cosa credi che accadrebbe se fossimo tutt’e due nudi insieme ad accarezzarci?” “che vuoi che accada, Henry? Siamo adulti, possiamo fermarci quando vogliamo! Lo sai che non è nulla di irreversibile! Per favore Henry… le foto che mi hai scattato sono bellissime e farcene alcune insieme per me significherebbe moltissimo.” Decisi di accontentarla e per qualche istante mi fermai a pensare come posizionare il treppiede e le luci ma quando vidi quel sorriso ardente sul volto di mia madre andai da lei. In fondo nulla è irreversibile… potevamo sempre fermarci! La prima foto ci doveva ritrarre uno di fronte all’altra con le gambe divaricate tenendoci per mano. Mi spogliai completamente, sistemai il temporizzatore e corsi da mamma. “Oh!” boccheggiò lei. “che hai, mamma?” chiesi. “Tu! Mio Dio, Henry… guardati! Ce l’hai così grande!” Invece di tenermi per mano mamma rimase a guardarmi il cazzo e la foto uscì così. Iniziammo a ridere come matti al pensiero che la nostra prima foto insieme era una mamma emozionata che ammira il grosso cazzo duro di suo figlio! Non riusciva proprio a distogliere lo sguardo dai miei 22 centimetri e questo non faceva altro che rendermelo ancora più duro. Ormai anche i suoi capezzoli erano diventati durissimi così dissi a mamma che era meglio fermarsi ma lei si rifiutò. Disse che non vedeva il mio pene dall’età di 9 o 10 anni e che le serviva solo un po’ di tempo per abituarsi. E aggiunse che non aveva mai visto un cazzo tanto bello in vita sua. E che anche io ero bello. Finalmente ci sistemammo come avremmo dovuto fare all’inizio e ci prendemmo per mano. L’insieme era però rovinato dal mio cazzo eretto che cercava disperatamente la vagina di mamma. Per ovviare l’inconveniente decisi di posizionarmi quasi di spalle all’obbiettivo e anche così dovemmo ripetere due volte lo scatto perché mamma continuava a guardarmi il sesso. Poi ci baciammo e fu una grande foto perché le mammelle di mia madre sono grandi ma non siliconate come quelle di Sherry così io e lei eravamo davvero incollati e il mio cazzo, essendo molto più lungo di quello di Dan, pulsava schiacciato contro il suo soffice pancino. Quando mi baciò, mamma chiuse gli occhi e anche quando le nostre bocche si separarono rimase così per qualche secondo. Scattammo moltissime foto e ci divertimmo come due bambini. Quell’esperienza ci stava avvicinando molto e ci sentivamo veramente bene. L’ultima serie di scatti cominciò con me che abbracciavo mamma da dietro. Queste sarebbero state più erotiche e quindi usai il filtro flou. Nella prima foto toccavo appena le sue anche. Ero a circa 30 centimetri da lei con il cazzo teso verso il culo di mia madre. Non era esattamente quella la tenerezza che volevo catturare! Mi spostai più vicino a lei per nascondere il cazzo all’obbiettivo e la girai leggermente verso la macchina fotografica. Il mio cazzo si ergeva di poco al di sopra del gentile pendio delle chiappe perfette di mia madre ma sapevo che anche così sarebbe stato visibile. Avvicinai ancora di più il culo di mia madre verso il mio cazzo sperando che questo non uscisse in foto. Mi muovevo un po’ a caso dietro di lei sbattendo spesso il mio cazzo sulle sue natiche. “Henry, non colpirmi il sedere con quel mostro! Se scivoli mi ucciderai!” mi stuzzicò mamma. Ridemmo e le spiegai perché mi muovevo tanto. Come risposta la mia dolce genitrice portò una mano indietro, prese lentamente il mio cazzo e lo guido tra le sue gambe. Quella posizione lo teneva sicuramente lontano dall’obiettivo ma abbastanza vicino alla vagina di mamma da poterne sentire il calore! E poi… ecco, mamma mi aveva preso il cazzo in mano! Scattammo una serie di foto mentre l’abbracciavo dolcemente, le accarezzavo le guance con le labbra e toccavo i suoi capelli. E lei faceva le fusa come una gattina. La stesi sul letto e lei non fece nulla per opporsi, anzi mi sorrise. Le accarezzai i capezzoli prima dolcemente poi con intensità crescente. Mamma cominciò ad avere il respiro affannoso, poi si lasciò sfuggire un gemito morbido e allargò le sue magnifiche cosce. Mi afferrò li cazzo palpitante e lo guidò all’imboccatura della vagina. Girò il suo viso verso il mio e aprì la bocca sorridente come a invitarmi. Le nostre lingue si amarono freneticamente e si fermarono solo per un’istante, quando la testa del mio cazzo varcò la soglia della bollente fica di mia madre. “Oooooooohhhh……….” Mamma si allontanò da me di qualche centimetro facendo uscire il mio pene dalla fessura. Credevo di averla spaventata e che la penetrazione fosse una cosa troppo spinta da essere accettata subito, ma mi sbagliavo. Nei bellissimi occhi di mamma c’era solo felicità e passione. Si inginocchiò lentamente guardandomi fisso negli occhi e prima ancora di capire che intenzioni avesse si era già infilata tutti i 22 centimetri del mio cazzo nelle bocca. Lo prese davvero tutto, con disinvoltura fino in gola! Lo succhiò voracemente come una puttana ninfomane affamata di cazzo. Sentivo la sua lingua saettare con sapienza alla base del glande e mi lubrificava la mazza sputandoci sopra grosse quantità di saliva ogni 20 - 30 secondi. Mamma stava giocando con me come si farebbe con un gattino, prima mi portava quasi a godere e un’istante prima si fermava per prolungarmi il piacere. Finalmente mi consentì di venire ed esplosi tutta la sborra calda nella sua bocca affamata. La quantità di crema era talmente abbondante che non riuscì a mandarla giù tutta e formò dei rivoli ai lati della sua bocca. Alcune gocce le caddero dal mento, mi sorrise e cercò di recuperare e ingoiare tutta la sborra che gli era sfuggita. Si asciugò il mento con un dito e lo tenne davanti alla bocca finché non sentì il rumore dell’autoscatto poi si leccò felicemente l’ultima goccia del mio sperma dal dito. “Avanti, chiava mamma, fammi vedere quello che sai fare! Sfondami la fica come una troia!” L’afferai per i fianchi e la distesi sul divano. Affondai la lingua nella sua vagina come non avessimo un domani. La macchina fotografica ormai non poteva più riprenderci. Gli scatti si susseguivano regolari e scandivano inutilmente il tempo che impiegò mia madre a godere, a gridare di gioia. Ero pronto per fottermela ma lei mi prese per mano e mi fece capire di desiderare la camera da letto. Quella notte scopammo per più di due ore. Quando finalmente crollammo uno lelle braccia dell’altra, mamma mi disse ridacchiando: “E’ tutto a posto, Henry… Possiamo fermarci quando vogliamo!” Ridemmo entrambi al ricordo delle nostre sciocche razionalizzazioni. Alcuni anni dopo Dianne divenne una fotografa professionista. Io sono un agente di cambio, ho 33 anni e mamma 52. E’ ancora una donna bellissima, si è presa cura del suo corpo e gli anni sono stati gentili con lei. Viviamo ancora insieme e siamo innamorati come il primo giorno. Ancora adesso ci dedichiamo alla fotografia: paesaggi, piante, animali e naturalmente mia madre nuda. Molte di queste foto sono anche state pubblicate ma la maggior parte - quelle che la ritraggono mentre fotte con me - non le ha mai viste nessuno.

scritto da autore racconto erotico Anonimo

racconto letto 16452 volte


Segnala abuso in questo racconto erotico
nick :
e-mail :
motivo :
Il colore dei denti?






commenti dei lettori al racconto erotico



Box delle utilità, spazio dei link veloci per gli ultimi racconti erotici inseriti, i racconti erotici più letti e più votati.

il racconto erotico più recente

Ultimo racconto erotico inserito:

La vecchia Contessa 2
scritto il: 2014-09-18 14:03:51



Ultimo racconto erotico votato:

Mamma ed Anna
genere: incesti

Buon divertimento e buona lettura a voi perversi e arrapati.
menu per condividere i racconti erotici

racconto erotico casuale

Per portare alla vostra attenzione racconti erotici che altrimenti non andreste a cercare, perché spesso il caso è molto più eccitante del semplice trovare.

Il figlio della mia amica
genere: voyeur


Speriamo di aver soddisfatto tutte le vostre fantasie a luci rosse.
menu per accedere rapidamente ad un racconto casuale tra tutte le opere

condividi i racconti erotici

Puoi anche condividere un racconto erotico o una qualsiasi altra pagina del nostro sito semplicemente usando il tasto share che trovi qui sotto.
Se il racconto è piaciuto a te, piacerà anche ai tuoi amici, condividilo tramite tutti i più diffusi social network.

Bookmark and Share


Segnala su google la pagina, per diffondere racconti erotici di qualità.




newsletter

iscriviti alla newsletter di erotici racconti e potrai ricevere tutti gli aggiornamenti sui racconti erotici inseriti e sulle statistiche e gli apprezamenti sulle storie più eccitanti tramite una mail.

Speriamo di aver soddisfatto tutte le tue fantasie sessuali.