Racconto erotico gay kikko L'amico di mio padre Racconti erotici, storie eccitanti, letteratura a sfondo sessuale e narrativa a luci rosse osè per adulti italiana completamente gratuita.
Erotici Racconti

L'amico di mio padre

Scritto da kikko, genere gay

mio padre ha sempre saputo della mia omosessualita',lui poi e' anche giovane e molto bello,credo di averlo profondamente deluso,ma la natura per me e' questa!
spesso affrontiamo argomenti piccanti,come l'altra sera quando incontriamo per strada un nero che vendeva la sua mercanzia,molto carino,lo guardai con ingordigia,mio padre mi vide e mi chiese se ero mai stato con uno di colore.........
ma veniamo al racconto,romeo e' un amico di mio padre,lavora spesso con lui ha 44 anni,alto e ben messo,sportivo e palestrato al punto giusto.
romeo deve fare una relazione su un lavoro che lo studio di mio padre deve portare avanti,e il pomeriggio usa lo studio di casa mia,dove mio padre spesso lavora.
io ero tranquillo a vedere la tv,poi visto il caldo asfissiante,mi faccio una doccia,esco dal bagno nudo,convinto che romeo fosse nello studio,mi vede e io rimango un attimo imbarazzato........
dai giulio,mica penserai che non ho mai visto un ragazzo nudo! e poi siamo tra uomini......
ok,e' solo perche' pensavo che stavi nello studio di papa'!
ma sai giulio che sei molto bello?
grazie romeo,anche te sei un bell'uomo.....
adesso vado in camera,ci vediamo ciao romeo.
dopo 10 minuti,mentre stavo nudo disteso sul mio letto,bussano alla porta,avanti urlo!
entra romeo,senza parlare si siede sulla sponda del mio letto,mi accarezza le gambe,per poi salire sul culo,sei bellissimo giulio,mi fai impazzire!
senti romeo,se papa' torna?
tuo padre adesso e' a roma per un contratto,prima delle 22.00 non torna,e tua madre e' con lui!
quindi romeo puoi approfittare di me! ehehehheheheh
io caro giulio ogni volta che ti vedo mi fai eccitare da morire!
ma perche' mio padre ti ha detto che sono gay!
nooooo,non abbiamo mai parlato della tua diversita',io sento qualcosa,voglio fare l'amore con te!
inizio a toccare romeo,per farlo sciogliere un pochetto,poi lo spoglio,rimane in mutande,e scopro che romeo ha un fisico bellissimo,per non parlare del suo cazzo!
faccio una pompa a romeo,il suo cazzo e' talmente grande che fatico a prenderlo in bocca,poi ho voglia di farmi scopare,prendo del lubrificante e chiedo a romeo come vuole scoparmi,lui preferisce la pecorina,mi apre in due con il suo cazzone,e mi inculo' per molto,godevo e urlavo di piacere,romeo e' un vero uomo,ci sa' fare e usa molto bene il cazzo,gli chiedo solo di venirmi in bocca adoro sentire lo sperma uscire caldo in bocca e in faccia!
romeo mi bacia e mi chiede di potermi rivedere in futuro,poi scappa nello studio di papa' deve finire il suo lavoro.
il giorno dopo mio padre mi chiama,mi chiede cosa avessi fatto il giorno prima,se avevo visto romeo!
si ho visto romeo,perche'?
perche' non ha combinato un cazzo di lavoro,penso che lui e' pazzo per te,avete scopato?
si papa' abbiamo scopato,ma e'stato lui a insistere!
si giulio,lo sapevo,lo vedevo che ogni volta viene a casa ti squadra e ti fissa!
se ci sono problemi,io papa' non gli parlero' mai piu'!
no,se ti piace e hai piacere di uscire con lui per me va bene! anzi sono piu' tranquillo!

Questo racconto di kikko è stato letto 4541 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

Ultimo racconto erotico inserito

Racconto erotico casuale

Per portare alla vostra attenzione racconti erotici che altrimenti non andreste a cercare, perché spesso il caso è molto più eccitante del semplice trovare.

I miei cuginetti
genere: incesti


Copyright © 2009-2014 Erotici Racconti - Tutti i diritti riservati