Racconti erotici, storie eccitanti, letteratura a sfondo sessuale e narrativa a luci rosse per adulti italiana completamente gratuita.
Stupro in casa è uno dei più eccitanti ed erotici racconti per adulti nel mondo della narratva a luci rosse, delle fantasie osé, delle confessioni e delle storie di sesso
erotici racconti logo del sito di storie a sfondo sessuale


Stupro in casa
data racconti erotici 2012-06-14 14:15:32

genere: categoria racconti erotici dominazione

Come l'anno precedente mio marito per motivi di lavoro avrebbe passato il natale in Nigeria, lavorando per una grossa compagnia petrolifera non poteva organizzare le ferie come i comuni mortali, ma doveva sfruttare i periodi di riposo per poter stare brevi periodi con noi.
Sebbene la cosa m'indispettisse non poco, sapevo benissimo che tutto questo veniva fatto per il benessere mio e delle nostre figlie affinché non ci mancasse nulla.
Dopo cena io e mia figlia maggiore Sara di 18 anni organizzammo le incombenze per il giorno seguente, in prospettiva della partenza per Moena, piccola località turistica montana mentre Serena la minore sedicenne, stava telefonando alle sue amiche sentimmo suonare il campanello d'ingresso io e Sara rimanemmo sorprese, non aspettavamo nessuno, la nostra villetta era l'ultima della strada leggermente distanziata dalle altre case e questo non aiutava a dissolvere la nostra paura, sebbene la casa fosse attrezzata da videocitofono e vetri corazzati ai finestroni del soggiorno e alle altre finestre, un poco di timore c'era sempre, specialmente di notte.
Risposi al videocitofono ma non ottenni nessuna risposta, la nostra curiosità ci fece commettere un grossolano errore aprimmo leggermente il portone blindato non vedendo nessuno aprimmo di più la porta, tutto si svolse in un attimo due persone entrarono in casa io e Sara fummo scaraventate per terra poi mentre uno si piazzava sulla porta d'ingresso l'altro strappava i fili del telefono e ordinò che gli venissero consegnati i cellulari e furono smontati della batteria per sicurezza, in quel momento Serena che non si era accorta di nulla rientro in soggiorno, rimase impietrita ed istintivamente cercò di scappare ai piani superiori ma il più giovane dei due la rincorse e la bloccò mentre l'altro teneva la rivoltella puntata su di noi con aria bonaria in un italiano biascicato disse:
“Ora voi dare soldi a me, capito non fare nulla male se voi state buone”
“La cosa mi rincuorò e dissi OK va bene ti do i soldi che vuoi pero promettimi che non farai male a nessuno di noi”
“Se voi fare brave noi prendere soldi e andare”
Presi il portafogli ed estrassi sei banconote da cinquecento euro e li consegnai alla persona più meno giovane.
Lui guardò i soldi e disse :
“Va bene sei stata brava ora andiamo via”
Ma qui successe l'imprevisto inaspettato Serena che di natura è uno spirito ribelle comincio ad inveire contro loro e lancio un vaso in testa al più giovane ferendolo e impugnando il cellulare e la batteria si chiuse in bagno il ragazzo con un colpo assestato sfondo la porta e prima che lei potesse montare la batteria e chiamare aiuto distrusse il l'apparecchio telefonico con il tacco della scarpa.
Noi urlavamo dalla paura il ragazzo stava trascinando per le gambe Serena e lei come una matta si dimenava incurante che la sua gonna era risalita fino alla vita mettendo in mostra le gambe ancora acerbe coperte dai collant e l'inguine nascosto dalle minuscole mutandine azzurre.
Questo risvolto nella rapina dette un' altro sapore alla storia l'uomo meno giovane vedendo la scena si era eccitato
Poi guardandomi fece cenno di andare da lui, capii cosa mi aspettava passò la rivoltella al suo compare e volle che mi sedessi sulle sue ginocchia Sara piangeva immaginando che non si sarebbero fermati a me, successivamente sarebbe toccato a lei.
Mi sedetti sul suo grembo e la sua mano s'infilò sotto la mia gonna lentamente risalii la coscia cercavo di tenere le gambe serrate ma l'uomo con brutalità riuscii a forzarle, senti le dita stracciare il nylon dei collant toccare la tenera carne dell'interno coscia e dal buco fatto la mano s'infilò fino alla giuntura delle gambe posandosi sull'inguine, cercai di impietosirlo con un discorso improvvisato sulla famiglia e sui figli che probabilmente anche lui aveva da qualche parte, ma questa mia tecnica non fece altro che eccitarlo maggiormente.
Con orgoglio mi resi conto che se dovevo essere violentata allora preferivo farlo sudare e non subire passivamente lo stupro, mi alzai di scatto e cercai di scappare aiutata da Sara, raggiungemmo la cucina, vidi Serena immobilizzata con il nastro da pacchi, era stesa per terra, l'energumeno più giovane si era divertito a spogliarla lasciandola mezza nuda, le aveva tolto la maglia sfilato la gonna strappato il reggiseno lasciandola con il petto in bella mostra, pregustando il momento di quando avrebbe lacerato il minuscolo slip per cogliere quel fiore appena sbocciato e per quanto ne sapevo io ancora puro.
Come due belve ferite io e Sara reagimmo, ma la sovrastante forza fisica dei due uomini ebbe la meglio per un attimo vidi mia figlia lottare disperatamente prima che il ragazzo l' immobilizzasse costringendola a guardare quello che avrebbe fatto il suo compare con me.
L'uomo più anziano rivolgendosi a mia figlia disse:
“Per colpa sorella ora noi fare festa a mamma e tu guardare come troia mamma”
la sua bocca si appoggio alla mie labbra ne sentii il fiato fetido di una persona che neanche sa cosa sia l'igiene orale, facendo uno sforzo disumano lasciai che la sua lingua entrasse nella mia bocca, poi una mano s'insinuo dentro la mia camicetta e palpo con cattiveria i miei seni, ne lacerò la leggera stoffa setosa, lasciando il mio busto coperto dal solo reggiseno bianco regalo di mio marito, ne estrasse un seno ed appoggio la bocca sul capezzolo succhiandolo e mordendo la tenera carne del bottoncino rosato, un succhiotto nella la parte inferiore della coppa lasciò come un marchio un alone rossastro sulla candida pelle lui rise e rivolto al suo amico disse un qualcosa che lasciava intendere un qualcosa di poco bello guardandomi disse:
“Tu bella troia ora io chiavare te e venire dentro pancia poi mio amico scopare tua figlia”
La cosa mi preoccupò non poco perché per ordine medico avevo smesso di pigliare la pillola da un mese e sfruttando l'assenza di mio marito avevamo deciso io e il medico che quello era il momento migliore.
Fui scaraventata per terra l'uomo si gettò su di me mi sollevò la gonna e mentre le sue mani palpavano la carne e i punti più intimi del mio corpo, le urla di Sara fecero girare il mio sguardo nella la sua direzione il ragazzo la stava spogliando e come con sua sorella i sui indumenti intimi furono lacerati e gettati per la stanza, le mutandine alte di cotone mi fecero capire che Sara aveva le mestruazioni il leggero rigonfiamento sul monte di venere denotava la presenza dell'assorbente, la cosa eccitò maggiormente il ragazzo che ne estrasse il pannolino e lo mostrò al suo amico come un trofeo, una leggera striscia di sangue mi fece capire che era il suo primo giorno di mestruazioni.
Mentre cercavo di realizzare tutto quello che ci stava capitando, le mie mutandine furono arrotolate fino alle caviglie il volto del mio aggressore si affondò fra le mie gambe lo sentii mentre annusava l'odore del mio sesso, poi la lingua entro dentro me e scivolò fra gli anfratti della mia vagina comincio a leccare e succhiare il mio clitoride fino a farlo diventare rosso e turgido, poi sposto la sua attenzione al mio sedere, la punta della lingua solleticò la pelle delicata dell'ingresso anale, seguendone ogni piccola increspatura ogni interstizio, la punta infine entro dentro lo sfintere provocandomi sensazioni strane e particolari .
La cosa mi aveva eccitato moltissimo, mai mio marito mi aveva fatto provare queste emozioni, mi resi conto quanta poca fantasia albergasse in lui e quanto sterile e mortificante fosse la classica scopata della durata di cinque minuti, sebbene cercassi di rimanere insensibile al rapporto sessuale un sospiro di piacere partii dal profondo del mio cuore, ma la cosa preoccupante era che il mio corpo ora reagiva a queste sollecitazioni con un'emissione abbondante di umori vaginali.....e quello purtroppo non potevo controllarlo, l'uomo se ne accorse e sorridendo mi disse:
“Ti piacere troiona”
Anche la parola “troiona” ebbe un effetto vulcanico, mi sentivo veramente una puttana, mi piaceva quello che lui mi stava facendo, anche se per pudore e rispetto verso le mie figlie dovevo smorzare tutto il cataclisma interno che stava scombussolando il mio corpo, la voglia di essere scopata in quel modo metteva in secondo piano anche il fatto che stavano violentando mia figlia.
Senti il suo pene entrare dentro me era grosso e lungo mie gambe divaricate facilitarono il suo ingresso e i tendini del mio corpo si tesero come corde di violino, cominciò a pompare dentro la mia pancia con violenza, con colpi possenti e cadenzati, mi sentivo mancare dal piacere, la punta del suo cazzo urtava il fondo del mio utero provocandomi dolore, il mio cervello rischiava d'impazzire se non davo sfogo alla mia libidine, non riuscivo più a controllare il mio godimento, cominciai a gemere, prima flebilmente successivamente urlando con quanto fiato avevo in gola.
Nonostante l'eccitazione, lo spettro di rimanere incinta era sempre presente, quando un grugnito mi preannunciò che stava per venire cercai di spostarmi di lato, ma le sue mani bloccarono il bacino e incurante del mio:
“No ti prego per favore non voglio rimanere incinta”
Lui rispose:
“Perché tu non volere rimanere incinta tu essere ancora giovane fare maschio,mancare lui, e lo disse ridendo in modo sguaiato”
Inondò il mio utero di sperma, sembrava colto da un raptus più urlava affondando i colpi finali più il suo volto assumeva un ghigno di soddisfazione, soddisfatto estrasse il pene dalla mia pancia, e guardò la colata biancastra scendere dalla vagina, lungo il solco anale per poi depositarsi sul tappeto del soggiorno.
La rabbia per la paura di rimanere incinta fu soffocata dallo sguardo implorante di Sara stesa sulla moquette con le gambe oscenamente spalancate, i suoi indumenti strappati davano l'idea della foga e della cattiveria del suo violentatore, l'assorbente insanguinato buttato di lato non aveva fermato la sua voglia di sesso, il corpo nudo di Sara sobbalzava come una bambola di pezza inanimata i suoi sogni di dolcezza e sensibilità dell'atto sessuale si erano infranti in una brutta serata di dicembre e trasformati in un puro incubo.
Il ragazzo aveva sollevato le gambe di mia figlia per entrare meglio e più in profondità, mentre la sua bocca spaziava in modo incontrollato da un seno all'altro, mordendo pizzicando i piccoli globi di tenerissima carne bianca, i piccoli capezzoli rosati erano li a farne le spese venivano tirati, succhiati e strattonati con lo scopo di fare del male a Sara, era evidente una forma di sadismo violento nel DNA del ragazzo.
Avrei voluto avvicinarmi per cercare di fermare questo scempio ma la mano dell'uomo mi blocco e disse:
“No lasciare stare io fatto accordo che lui, lui potere chiavare tua figlia grande e lasciare stare piccola, lui vero animale, se io non fermare lui volere sverginare tua figlia piccola”.
Non riuscivo più a coordinare le idee io ero stata stuprata da uno che a sua volta aveva impedito che l'altro violentatore non rovinasse la vita alla figlia più piccola, che però accettava la violenza sulla figlia maggiore................ i miei pensieri furono interrotti dall'urlo liberatorio del giovane ragazzo che stava venendo dentro la pancia di mia figlia, Sara con il volto reclinato di lato piangeva sommessamente impotente dello sperma che veniva depositato nel suo utero, finito il rapporto sessuale il giovane si balzò in piedi il suo uccello era rossastro del sangue mestruale di Sara prese le sue mutandine stracciate e si pulii il pene con cura, poi come segno di estremo disprezzo verso di noi urinò sul corpo di mia figlia.
Sono passati due mesi e sono incinta, porto nel mio grembo il frutto dello stupro avrei voluto abortire poi con calma ho pensato di tenerlo, siamo tutte e tre in analisi in particolar modo Sara ha grosse difficoltà a superare lo stress e la paura di quei momenti, mio marito venuto a conoscenza di quanto era successo si è fatto trasferire in una base operativa della zona, mentre per quanto riguarda i due stupratori sono risultati introvabili pertanto liberi di continuare da qualche altra parte a violentare donne sole in casa.
Questa storia è VERA riportata dai giornali dieci anni fa e riadattata e da me, semplificata nei luoghi e nelle delle persone, comunque rispondente ai fatti e alle cose riportate nel racconto.

Scritto da Laura Braga.

scritto da autore racconto erotico laura braga

racconto letto 20728 volte


Segnala abuso in questo racconto erotico
nick :
e-mail :
motivo :
Il colore dei denti?






commenti dei lettori al racconto erotico



Box delle utilità, spazio dei link veloci per gli ultimi racconti erotici inseriti, i racconti erotici più letti e più votati.

il racconto erotico più recente

Ultimo racconto erotico inserito:

Il nuovo amico di famiglia 3
scritto il: 2014-08-31 04:25:25



Ultimo racconto erotico votato:

Mamma ed Anna
genere: incesti

Buon divertimento e buona lettura a voi perversi e arrapati.
menu per condividere i racconti erotici

racconto erotico casuale

Per portare alla vostra attenzione racconti erotici che altrimenti non andreste a cercare, perché spesso il caso è molto più eccitante del semplice trovare.

La puttana
genere: etero


Speriamo di aver soddisfatto tutte le vostre fantasie a luci rosse.
menu per accedere rapidamente ad un racconto casuale tra tutte le opere

condividi i racconti erotici

Puoi anche condividere un racconto erotico o una qualsiasi altra pagina del nostro sito semplicemente usando il tasto share che trovi qui sotto.
Se il racconto è piaciuto a te, piacerà anche ai tuoi amici, condividilo tramite tutti i più diffusi social network.

Bookmark and Share


Segnala su google la pagina, per diffondere racconti erotici di qualità.




newsletter

iscriviti alla newsletter di erotici racconti e potrai ricevere tutti gli aggiornamenti sui racconti erotici inseriti e sulle statistiche e gli apprezamenti sulle storie più eccitanti tramite una mail.

Speriamo di aver soddisfatto tutte le tue fantasie sessuali.

Top 100 Eros