Racconto erotico dominazione eremita Umiliazione senza fine Racconti erotici, storie eccitanti, letteratura a sfondo sessuale e narrativa a luci rosse osè per adulti italiana completamente gratuita.
Erotici Racconti

Umiliazione senza fine

Scritto da eremita, genere dominazione

Cio che successe quella sera di dicembre cambio definitivamente la vita di Isabella.
Stava tornando con suo marito da una gita in Versilia, avevano fatto un po di shopping a Viareggio, Lui 45 enne dirigente d'azienda, lei splendida 43 enne che nonostante l'eta mostrava un fisico da 30enne. Frequentava il circolo del tennis, era molto attiva nel sociale, insomma una signora rispettata; quel giorno con il marito avevano passato una splendida giornata, Isabella essendo fuori zona aveva un po esagerato conl'abbigliamento: vestitino di maglina calze nere stivali alla cocia veramente osceni, microperizoma e reggiseno trasparente, con un cappottino di camoscio veramente sexy, non la conosceva nessuno chi la poteva giudicare, il trucco era leggermente pesante, insomma chi la vedeva la poteva benissimo scambiare per una zoccola. Diritorno verso Massa Carrara la donna provocava il marito con atteggiamenti eloquenti,l'uomo decise di fermarsi su una strada secondaria. Ritornavano ai vecchi tempi quando erano giovani e facevano l'amore in macchina: isabella si spoglio accuratamente levandosi il vestito di maglina, il reggiseno il microperizoma, ripiego le calze sugli stivali che non si tolse, si inginocchio sul sedile del passeggero chinandosi sul cazzo del marito e si esibi in un pompino veramente d'autore, il marito stava impazzendo spingeva la testa della moglie verso il suo uccello e nel frattempo le urlava" succhiamelo troia"; i due non avevano pensato di chiudere con la sicura la portiera, errore fatale. Una pattuglia di poliziotti si era fermata, si avvicino alla macchina di soppiato e noto questo splendido culo che si erigeva dal finestrino: nella zona era in corso una retata di prostitute dell'est, la popolazione era esasperata ed era stata emanat una direttiva di tolleranza zero verso il fenomeno: la porta si apri d'improvviso e la povera isabella venne trascinata fuori dal poliziotto: brutta cagna te la levo io la voglia di battere" gli urlo'! La povera donna venne sbattua in terra fuori nuda con isuoi stivali con il tacco alla coscia. Ma cosa state facendo aiuto siamo moglie e marito urlo la donna, nel frattempo il amrito spaventato dalla scena venne colto da infarto e stramazzo sul volante. Aiuttelo vi prego disse isabella, gli agenti allertarono l'ambulanza che prontamente arrivo e carico l'uomo portandolo nell'ospedale piu vicino. La donna rimase li con i poliziotti protestando: devo andare e' mio marito,urlo':gli agenti le chiesero i documenti, isabella apri la portiera e li cerco nella sua borsetta posta dietro insieme ai vestiti e all'intimo che si era tolta ma non li trovo se li era dimenticati a casa. Non li trovi perche sei una lurida troia albanese le urlo l'agente; la donna aveva una straordinaria somiglianza con una prostituta gia nota lle forze dell'ordine su cui pendeva un mandato di espulsione definitiva dall'italia. I due agenti con una negligenza imperdonabile presero la donna le fecero emttere il cappotto e la portarono in questura, non prima di aver commentato l'abbigliamento e l'intimo della stessa: e tu saresti una signora per bene dell'alta societa?? ma raccontala ad un altro guarda come vai in giro vestita sei solo una lurida vecchia puttana. In questuracon una celerita mai vista dalla giustizia italiana la donna venne scedata come Irina molopok 35 anni albanese, isabella protesto davanti al questore ma non ci fu nulla da fare. La donna venne caricata su un celllulare della polizia, portata all'areoporto di pisa dove un aereo di stato stava partendo per tirana con tutte le prostitute albanesi e i peggiori delinquenti della stessa nazione, irregoalri in italia che venivano estradati nel loro paese. Oggi un anno dopo il amrito di isabella e' tuttora in coma vegetativo, non proferisce parola, isabella e' stata classuficata come persona scomparsa, alcuni sospettano del marito che l'abbia uccisa, e dopo lo scock sia caduto nel coma vegetativo. La povera donna invece, e' ormai finita in un bordello di secondo ordine di tirana, dove si prostituisce per 20 euro con contadini del posto, viene tenuta segregata sotto la minaccia da parte di un noto magnaccio albanese, che vista l'eta non piu giovane della donna usa per clienti di secondo ordine.

Questo racconto di eremita è stato letto 8526 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

Ultimo racconto erotico inserito

Racconto erotico casuale

Per portare alla vostra attenzione racconti erotici che altrimenti non andreste a cercare, perché spesso il caso è molto più eccitante del semplice trovare.

Lo zio Gaetano
genere: tradimenti


Copyright © 2009-2014 Erotici Racconti - Tutti i diritti riservati