Racconti erotici, storie eccitanti, letteratura a sfondo sessuale e narrativa a luci rosse per adulti italiana completamente gratuita.
Il fratellino adottivo è uno dei più eccitanti ed erotici racconti per adulti nel mondo della narratva a luci rosse, delle fantasie osé, delle confessioni e delle storie di sesso
erotici racconti logo del sito di storie a sfondo sessuale

Il fratellino adottivo
data racconti erotici 2012-05-11 19:38:02

genere: categoria racconti erotici incesti

Johnny si svegliò dolcemente, illuminato da un raggio di sole che filtrava attraverso le tapparelle. Saranno state le dieci del mattino più o meno. Il bambino di undici anni appena compiuti, dagli occhi verde smeraldo e i capelli castani, dolce e tenero come nessuno al mondo, il giorno prima aveva giocato per ore con i suoi amici. Con una mano passò sotto al pigiama, toccandosi il pube ancora acerbo, chiedendosi quando sarebbero finalmente spuntati anche a lui i primi peli. Ma Anna diceva che era ancora presto. Così, anche per un certo bisogno di raggiungere il bagno, si alzò. E goloso com’era si diresse prima in cucina a prelevare il pacco di biscotti. Ma mentre si allungava verso la credenza, si sentì afferrare alle spalle mentre una voce gridava con vigore. Così anche lui gridò terrorizzato, lasciò cadere la scatola dei biscotti, di cui metà si rovesciò, si accasciò a terra frignando e coprendosi il volto. “Ti prego, no!”, aveva gridato inconsciamente. Poi sentì ridere con forza e aprì gli occhi, trovandosi davanti un’euforica Anna, la sua sorella adottiva, che ghignando lo indicava. Si sentì un po’ spaesato e restò imbronciato a guardarla mentre lei rideva fino alle lacrime. Anna, una bellissima quindicenne dagli occhi azzurri e dai capelli biondi come il grano, gli faceva spesso degli scherzi come quelli, approfittando della sua tenera età. Ma poi gli allungò una mano per aiutarlo ad alzarsi e mentre questo si tirava su, scoppiò improvvisamente a ridere un’altra volta, scompigliando i capelli al ragazzino. “E basta, mi hai già preso in giro abbastanza!”, piagnucolò lui, mentre la ragazza cercava invano di riprendere fiato dalle risate. Indicandogli i pantaloni ansimò: “Ti sei fatto pipì sotto!”, e nuovamente a ridere come una matta. Johnny si piegò e si esaminò all’istante, colpito dal fatto che la ragazza avesse terribilmente ragione. Si era fatto la pipì addosso e nemmeno se n’era accorto. Era successo, così. Era scappata. Ma a causa di tutta la confidenza che c’era tra lui e la sorellona, non se ne vergognò nemmeno. Si voltò, sempre imbronciato, e si mise con la faccia al muro. Non si sentiva affatto umiliato in realtà, era solo un modo per attirare l’attenzione. Anna, che intanto era caduta a terra dalle risate, si rialzò e avvicinandosi gli disse: “Dai, non fare così! In fondo capita a tutti, e poi è stata colpa mia”. E afferrandolo dalle gambe lo prese a testa in giù. La forza di quella ragazza era veramente incredibile, così come il suo senso dell’umorismo. Infatti tornò nuovamente a ridere quando vide la pipì cominciare a gocciolare ai suoi piedi dalla parte opposta. “Allora piccolo, vieni a fare un bagno caldo con me?”, chiese in tono retorico. Johnny, che se ne stava a testa in giù con le braccia incrociate, non rispose. Allora Anna lo girò e sempre tenendolo in braccio lo portò in bagno dove aprì i rubinetti dell’acqua della vasca e si spogliò fino a restare in reggiseno e mutande. Johnny, ancora imbronciato, la guardava senza batter ciglio. “Vuoi proprio essere trattato come un bambino allora?”, disse, e si avvicinò a lui per spogliarlo. Lui fece un passo indietro e disse: “Finisco di fare”, e finì di farsi la pipì addosso. Tanto peggio di così non poteva andare. Anna si mise a ridere nuovamente e abbracciò il bambino, baciandolo sulla guancia. Poi gli tolse la maglia del pigiama e la canottiera, gli fece alzare le braccia per controllare se finalmente gli stessero spuntando i primi peli sotto le ascelle, e, per niente sorpresa della loro totale assenza, gli calò anche i pantaloni. Johnny era rimasto con un paio di mutandine bianche talmente zuppe di pipì che erano diventate trasparenti, e se ne stava là dritto a guardare aspettando che la sorellona facesse la prossima mossa. Anna era intenerita dall’atteggiamento infantile del fratellino e dopo averlo preso in braccio nuovamente, e dopo aver fatto una decina di giri su se stessa con lui in braccio, si decise a togliergli anche le mutandine. Johnny era ancora del tutto bambino: aveva un pisellino di pochi centimetri che ancora serviva solo a fare pipì. E come pensò Anna in quell’istante, funzionava veramente bene. Poi aveva due pallucce grandi meno di due fragole e un pube totalmente sprovvisto di peli. Poi era abbastanza paffuto: aveva due tenere guanciotte da riempire di baci e un sederino sodo tutto da mordicchiare. Poi lei si tolse anche il reggiseno, lasciando vedere al fratellino due meravigliosi seni di una terza abbondante. Johnny li fissò impassibile: era abituato a vedere la sorella nuda, ma da un certo tempo gli faceva come un effetto strano. Poi in atteggiamento sensuale Anna si calò le mutandine, lasciando vedere al bambino prima un meraviglioso culetto che ogni uomo pagherebbe una fortuna per possederlo anche solo qualche minuto, e poi, giratasi, una fichetta sporgente decorata da un elegante triangolino di peli che avrebbe fatto eccitare perfino un santo. Johnny appena la vide ebbe un piccolo sussulto, e deglutì impensierito, mentre cominciava ad avvertire un certo prurito intimo. Anna, colto il suo attimo di difficoltà, gli si avvicinò e gli strusciò la fichetta contro il braccio, accarezzandogli il sederino con una mano. In quell’istante il bambino sentì come il bisogno di fare di nuovo pipì, ma aveva appena finito di farsela tutta sotto. Anna si infilò nella vasca da bagno, poi tenendo per mano Johnny fece entrare anche lui, e lo sedette sulle proprie ginocchia, pronta a coccolarlo in tutti i modi del mondo. Il bambino era già abituato a baciare la sorellona con la lingua: nei momenti di intimità facevano sempre così. Infatti Anna, tenendo stretto il bambino, gli sfiorò le labbra, e poi lo penetrò con la lingua. Il piccolo undicenne ricambiò il bacio, facendo girare vorticosamente la lingua attorno a quella della ragazza e restarono così per qualche minuto, in una situazione di assoluto relax. Poi Anna cominciò a palpare il fratellino, toccandogli prima le spalle, poi la schiena, e infine quel meraviglioso culetto liscio da bambino. Iniziò a strofinargli delicatamente un dito contro il buchino del culetto, e Johnny gradualmente si eccitava. Poi premette stando attenta a non fargli male e la punta del mignolo si trovò quasi interamente all’interno dell’ano del cucciolo. Delicatamente lo ruotò in entrambi i sensi, mentre Johnny si agitava per il piacere e continuava a baciarla. Dopo pochi minuti lo fece girare, facendolo accovacciare dalla parte opposta della vasca, col culetto rivolto a lei. Mentre la ragazza lo continuava a tastare con le dita, il bambino fece una tenera scorreggia, che suscitò una nuova ondata di risate in lei. Anna poi si avvicinò sempre di più e cominciò a baciargli le liscissime natiche, cominciando anche a fargli un succhiotto sul culetto e a leccargli ogni centimetro quadrato di pelle. Poi scese più in basso e diede una leccata sulle pallucce del bambino, facendolo agitare dall’emozione. Poi, sempre leccandolo, risalì lungo la riga tra i due glutei fino a raggiungere il buchino del culetto. Johnny era eccitatissimo. Anna ancora di più. Allora iniziò a leccargli golosamente e a succhiargli l’ano, provocando in lui un piacere mai raggiunto prima. Piano piano deflorò il culetto vergine e leccò le pareti più esterne del retto dei piccolo. Lui sembrava in estasi. Allora, stando ben attenta ad allargarlo gradualmente, Anna fece penetrare completamente il mignolo nel buchino del fratellino, e lo ruotò lentamente, facendolo contorcere per l’incredibile piacere che stava provando. Allora lo penetrò con l’indice e, dopo aver girato anche con quello, cominciò a farlo uscire quasi completamente e poi rientrare del tutto, e il bambino iniziava a gemere per l’intensità delle emozioni provate. Allora Anna iniziò a fare sempre più forte per qualche minuto, poi smise all’improvviso e fece alzare in piedi il fratellino. Aveva il pisellino in erezione, rivolto all’insù e in parte scoperto dalla pelle. Sembrava veramente eccitatissimo. Allora Anna lo baciò sulla punta, e lasciò scivolare la labbra fino alla base del pisello. Era così piccolo che stava tutto in bocca senza problemi. Johnny ancora non si era mai masturbato, perciò per lui era tutto una meravigliosa novità. Anna saliva e scendeva con le labbra, fino a farlo eccitare in un modo assurdo. Il ragazzino teneva la bocca aperta e godeva come un porcellino: si sentiva veramente in paradiso. Se queste erano le conseguenze, decise, si sarebbe fatto sotto più spesso. Anna si girò, lasciando il culetto libero al bambino, che capendo le intenzioni della sorella appoggiò la punta del pisellino contro il suo buchino e, facendo molto delicatamente, lo fece penetrare completamente. Anna gemeva e si contorceva: anche lei in fondo non aveva molte occasioni per godere a pieno della sua intimità. Allora Johnny continuò a penetrarla per diversi minuti, finché la ragazza non iniziò a strillare e dalla fichetta le uscì una piccola quantità di fluido trasparente, dopodiché si accasciò nell’acqua calda, riprendendo fiato. Il fratellino le si andò a sedere in braccio e tornò a baciarla con la lingua: una meravigliosa avventura era finita.

scritto da autore racconto erotico Megan

racconto letto 11295 volte


Segnala abuso in questo racconto erotico
nick :
e-mail :
motivo :
Il colore del sangue?






commenti dei lettori al racconto erotico



Box delle utilità, spazio dei link veloci per gli ultimi racconti erotici inseriti, i racconti erotici più letti e più votati.

il racconto erotico più recente

Ultimo racconto erotico inserito:

Il playboy 10
scritto il: 2014-10-23 21:21:09



Ultimo racconto erotico votato:

Mamma ed Anna
genere: incesti

Buon divertimento e buona lettura a voi perversi e arrapati.
menu per condividere i racconti erotici

racconto erotico casuale

Per portare alla vostra attenzione racconti erotici che altrimenti non andreste a cercare, perché spesso il caso è molto più eccitante del semplice trovare.

Massaggi Cinesi
genere: trans


Speriamo di aver soddisfatto tutte le vostre fantasie a luci rosse.
menu per accedere rapidamente ad un racconto casuale tra tutte le opere

condividi i racconti erotici

Puoi anche condividere un racconto erotico o una qualsiasi altra pagina del nostro sito semplicemente usando il tasto share che trovi qui sotto.
Se il racconto è piaciuto a te, piacerà anche ai tuoi amici, condividilo tramite tutti i più diffusi social network.

Bookmark and Share


Segnala su google la pagina, per diffondere racconti erotici di qualità.




newsletter

iscriviti alla newsletter di erotici racconti e potrai ricevere tutti gli aggiornamenti sui racconti erotici inseriti e sulle statistiche e gli apprezamenti sulle storie più eccitanti tramite una mail.

Speriamo di aver soddisfatto tutte le tue fantasie sessuali.