Racconto erotico sadomaso eaglefan Spanking (Sculacciate) Racconti erotici, storie eccitanti, letteratura a sfondo sessuale e narrativa a luci rosse osè per adulti italiana completamente gratuita.
Erotici Racconti

Spanking (Sculacciate)

Scritto da eaglefan, genere sadomaso



“Sono un amico di Pietro….”. così si presentò al telefono lo sconosciuto quella mattina.
In un attimo collegai nomi e fatti: Pietro era il proprietario della villa dove avevo vissuto la mia prima esperienza da escort (o da puttana, se preferite) qualche settimana prima, e il numero di cellulare doveva essergli stato dato o da lui o da Jean Claude, il mio conoscente di colore che mi aveva trascinato, ma non controvoglia, in quella avventura.
“Vorrei invitarla per una serata fra amici” mi disse, “credo che potrà piacerle”.
“Guardi che io lavoro la mattina dopo, e non sono sicura di voler venire”, risposi, facendo un po’ la preziosa.
“Signora, credo che non se ne pentirà. Quanto al lavoro cosa succede se si dà malata?”.
Accettai, ricordando che il primo incontro nella villa di Pietro era stato molto ben remunerato.
L’ambiente in cui mi trovai era simile: un villa anche questa, meno sontuosa, forse, ma la sorpresa fu a tavola. Eravamo infatti sei persone, tre uomini e tre donne; le altre due erano molto più giovani di me, sui ventotto-trenta anni (io ne ho 44 molto ben portati). Gli uomini erano tutti sulla cinquantina, eleganti e di aspetto ordinario.
Capii subito che io ero destinata al padrone di casa, quello che mi aveva telefonato.
Dopo cena, mentre mi aspettavo una ammucchiata, fui invece sorpresa di vedere che si erano formate tre coppie, ognuna delle quali si appartò in una stanza diversa della villa.
Quando mi trovai sola con il padrone di casa, che mi disse di chiamarsi Giuseppe, pensai che era una serata quasi “normale”, mi aspettavo una scopata con qualche variante di posizioni e di tecniche e via.
Invece Giuseppe si sedette su una poltrona e mi chiese di spogliarmi, rimanendo completamente vestito. Feci quanto richiesto, indugiando sull’ultimo capo di vestiario, le mie mutandine. Non porto perizomi per principio, trovo che facciano troia e sfilare uno slip che ancora copre qualcosa è per me più erotico che togliere un perizoma magari trasparente, che ha già rivelato tutto.
Tolte quindi le mutandine bianche di pizzo esposi alla vista dell’uomo il mio metro e 74 di corpo nudo, con i miei seni prosperosi ancora abbastanza eretti e il mio ciuffo di peli pubici ben curati di cui vado fiera.
“Girati!” disse con tono imperioso “e rimettiti le scarpe”. Le scarpe, che avevo appena tolto, erano un paio di sandali con 9 centimetri di tacco, che oltre ad farmi superare il metro e ottanta di altezza evidenziavano alla perfezione i miei polpacci appena muscolosi e le mie lunghe gambe tornite. Ma non era alle mie gambe che era interessato, capii subito.
“Chinati in avanti” ordinò. Lo feci mettendo in mostra il mio sedere, non enorme ma ben formato, e sapevo che piegandomi ben altro sarebbe stato visibile dal mio osservatore.
Mi fece avvicinare a lui e, senza alcun preavviso mi diete una sculacciata fortissima sulla natica destra, nuda.
“Ahi! “ non potei fare mano di esclamare.
“Ti ho fatto male?” chiese con tono mellifluo.
“Beh, sì, un po’… ma non ti preoccupare” risposi, pensando che fosse una specie di foreplay.
“Invece mi preoccupo, perché volevo farti male” e giù un’altra sculacciata più forte sull’altra natica.
Cominciai a capire dove mi ero cacciata e pensai che fosse un sadico e che tirasse fuori altri strumenti. Ero pronta a scappare, soldi o no.
Ma divenne gentile quasi subito: “Girati verso lo specchio, guardati il culo” mi disse. Nel fare ciò notai lo forma a stampo rossa delle sue mani sul bianco delle mie natiche e capii che questo gli dava soddisfazione.
“Non ti preoccupare” disse come se avesse sentito i miei timori “userò solo le mani, e domani non si vedrà più niente”. Mi attirò a se e mi fece sdraiare a pancia sotto sulle sue ginocchia, con le mani e i piedi appoggiati sul tappeto, e il sedere al centro, proprio a portata delle sue mani.
Mi assestò un’altra sculacciata, poi un’altra ancora, alternando le natiche, destra-sinistra e così via. Il dolore non era fortissimo all’inizio, ma più andava avanti più aumentava, dato che colpiva sempre negli stessi punti. A venti sculacciate persi il conto e chiesi per la prima volta “Basta, ti prego…”.
Si fermò e pensai che mi avesse dato retta. Invece si limitò a slacciarsi i pantaloni per liberare il suo uccello che evidentemente spingeva per uscire: era in piena erezione e mi dissi: “Ci siamo”. Invece ricominciò a sculacciarmi con forza e pensai di non resistere (“Meglio due cazzi insieme che questo”, pensai). All’improvviso, quando era arrivato almeno a una trentina di sculacciate, smise di colpirmi e disse: “Ora è bellissimo, tutto rosso come il fuoco” e sentii che aveva cominciato a masturbarsi.
“Alzati e mettiti in ginocchio sul letto” ordinò. Lo feci e vidi che si era sfilato i pantaloni e i boxer. Si avvicinò a me continuando furiosamente a farsi una sega guadando fisso il mio culo rosso di sculacciate. Ma quando mi aspettavo di sentirmi penetrare il culo sentii i suoi gemiti strozzati, segno che stava avendo l’orgasmo, e avvertii qualcosa di umido e caldo sulla schiena e sul sedere: mi era venuto addosso, e sembrava soddisfatto.
Infatti dopo un po’ mi disse che se volevo potevo farmi una doccia.
In seguito mi rivestii e, vicino alla mia borsa vidi una busta con dentro 1000€ in contanti! Pensai di averli meritati, anche se in maniera ben diversa da quanto mi sarei aspettato.
Nel congedarmi mi disse: “Non so se ti è piaciuto, a me sì, ovviamente. Ora ascolta: in futuro, se sei disposta ad arrivare a 50 sculacciate sono 1500 euro. Per superare i 2000 dovresti accettare qualche oggetto diverso dalle mie mani, ma in questo caso è giusto che tu sappia che qualche segno può rimanere per alcuni giorni. Pensaci, ci sentiamo”.
In macchina pensai a lungo alle sue ultime parole, ma non sapevo ancora se avrei accettato o meno

Questo racconto di eaglefan è stato letto 6782 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

Ultimo racconto erotico inserito

Racconto erotico casuale

Per portare alla vostra attenzione racconti erotici che altrimenti non andreste a cercare, perché spesso il caso è molto più eccitante del semplice trovare.

Superdotato sull'autobus
genere: trio


Copyright © 2009-2014 Erotici Racconti - Tutti i diritti riservati