Racconti erotici, storie eccitanti, letteratura a sfondo sessuale e narrativa a luci rosse per adulti italiana completamente gratuita.
Scusa, nonna è uno dei più eccitanti ed erotici racconti per adulti nel mondo della narratva a luci rosse, delle fantasie osé, delle confessioni e delle storie di sesso
erotici racconti logo del sito di storie a sfondo sessuale

Altri racconti erotici di mcross51:

Amore bastardo... 1
genere gay
scritto il 2011-12-01 08:59:57

Sarà capitato anche a voi...
genere dominazione
scritto il 2011-11-18 16:39:40

Disguido
genere voyeur
scritto il 2011-10-24 14:59:16

Lo zio di... (3a parte)
genere prime esperienze
scritto il 2011-10-21 15:45:40

Lo zio di... (2a parte)
genere prime esperienze
scritto il 2011-10-20 17:44:31

Lo zio di... (1a parte)
genere prime esperienze
scritto il 2011-10-19 15:50:33






Scusa, nonna
data racconti erotici 2011-11-17 16:46:25

genere: categoria racconti erotici incesti

I primi ricordi di lei sono confusi: una signora rotondetta, dai capelli bianchi, sempre attiva e presente ma di poche parole.
La ricordo affaccendarsi con la camomilla quando ho mal di pancia, con acqua e zucchero per svegliarmi al mattino, a prendere le mie difese quando prendo un brutto voto a scuola.
La ricordo tenermi caldo la notte, scaldandomi la pancia quando mi faceva male per aver mangiato troppe castagne d'autunno o troppo gelato d'estate.
Forse è stata proprio questa abitudine al rapporto fisico che mi legava particolarmente a lei: mentre gli altri miei parenti erano distaccati, lei c'era, anche fisicamente.
Non voglio dire che mia madre non mi coccolasse, o che i miei fratelli evitassero i giochi che avevano a che fare con il contatto fisico – ma con lei era diverso: sentivo che le veniva spontaneo farlo, toccarmi e lasciarsi toccare.
Niente di malizioso: carezzine sui piedi e solletico sotto le ascelle – abbracci quando avevo paura e bacini prima di andare a scuola o qualche gita con i miei amici, strofinate vigorose a ginocchi e gomiti dopo le cadute con la bici.
È abbastanza ovvio che, con l'avanzare della mia età certe carezze però mi mettessero un po' in confusione: sfregare la pancia a otto anni ha un effetto, a dodici un altro...

Una cosa particolare contraddistingueva la nonna da gli altri parenti: il fatto di essere completamente disinibita in bagno.
Capitava di passare davanti al gabinetto e vedere che la porta aperta o chiusa – indifferentemente.
Anche questo non lo faceva con malizia, e quindi era un'abitudine per me entrare ed uscire dal bagno anche se lei era seduta sulla tazza o se si lavava le parti intime.
Devo dire che io ero l'unico che non si stupiva, però: mamma e papà le gridavano dietro quando la beccavano, i miei fratelli ridevano e si davano di gomito.
Ma a tutti nonna ricordava la sua infanzia contadina, dove non si faceva tanto caso alle deiezioni del corpo.
Una volta, a mia madre che la stava sgridando perché si era pulita senza neppure girarsi di schiena, nonna ricordò che quando era ragazza era normale far pipì ed altro nei cespugli senza troppe storie e che una volta, mentre tagliavano il fieno, una sua compagna era si era ferita a una mano con la falce. Erano lontane dal paese e, mentre qualcuno correva a casa a prendere l'alcool e chiamava il dottore per l'antitetanica, le altre aveva urinato a turno sulla ferita, per usare quel po' di ammoniaca contenuta nel corpo e – disse con fermezza e orgoglio – il dottore stesso aveva affermato che avevano fatto il meglio che potevano!

Ma anche questo, con l'aumentare della mia età, mi turbava: è vero che ero praticamente nato avendo visto il suo corpo in mille modi – ma ciò che da piccolo mi lasciava indifferente ora mi incuriosiva in maniera che io stesso sentivo “strana”: quando passavo davanti alla tazza del wc su cui era seduta, con finto disinteresse buttavo gli occhi sui suoi peli pubici grigio scuro e, lo confesso, speravo con turbamento di vedere colare un filo di pipì dal mezzo delle sue cosce.

Quel che mi metteva soprattutto in difficoltà – ma che dolce difficoltà! - erano le situazioni in cui la nudità non poteva esser nascosta: quando ero nella vasca da bagno, ad esempio.
Non ricordo che lei sia mai entrata nella stanza da bagno mentre ero in vasca, ma la porta era sempre socchiusa, più o meno per caso. A volte passava la mamma e chiudeva di scatto, altre papà che sbuffava, altre ancora i fratelli che mi chiedevano se avevo paura del buio o se volevo le papere con cui giocare... ma io aspettavo sempre che passasse lei e, magari, entrasse.
E quando sentivo i suoi passi che si avvicinavano subito un brivido mi saliva dal bacino e si trasformava in erezioni sempre più esasperate, che non sapevo bene come risolvere.

Già, perché all'epoca dei fatti non avevo ancora scoperto la magia della masturbazione.
Non dico che non mi toccassi proprio, questo no, lo facevo – ma non ero mai andato oltre a un certo limite, quel limite... mi toccava solo la punta, oppure i testicoli, ma poi davvero non sapevo come procedere: quello non me l'aveva ancora mostrato nessuno, e anche se mi era capitato di sentire dei rumori provenire dai letti dei miei fratelli, di notte, non avevo ancora in quadrato bene la faccenda, che restava un mistero doloroso ma incomprensibile: sentire di aver bisogno di uno sfogo ma non capire di quale sfogo avessi bisogno.

Non ancora. Eppure l'ancora tanto desiderato ma anche temuto divenne realtà, un giorno.

Immaginate un primo pomeriggio d'autunno, piovoso, in cui la casa è praticamente vuota: i genitori al lavoro, i fratelli in giro con gli amici o in camera, ad ascoltar musica ossessivamente.
Io non ho compiti da fare, mi sto annoiando perché non posso uscire in bicicletta, la televisione non offre nulla di interessante e il pc non è ancora stato inventato.
Giro per casa come un'anima in pena – come diceva sempre nonna! - senza capire cosa fare delle ore che passano. Passo davanti alla stanza da bagno, la trovo socchiusa, faccio ancora un passo avanti e... mi vedo nonna, seduta sul bidé, che si sta lavando.
Subito sento l'eccitazione che mi colpisce come qualcosa di doloroso, alla bocca dello stomaco.
Sento quasi di dover andare in bagno, preso da un attacco di mal di pancia.

Nonna si volta, mi vede e con il suo sorriso disarmante mi chiede se non mi sento bene.
Tento di negare, ma il mio volto evidentemente tradisce la bugia.
E forse lo fanno anche i pantaloni, che si sono gonfiati in modo tanto inatteso quanto inequivocabile.
Sicuramente se n'è accorta anche lei.
Mi chiama in bagno.
Non so cosa fare – probabilmente se fossi un minimo lucido non farei proprio niente! - ma le sue parole sono come ipnotiche: avanzo senza neppure accorgermene, in quattro passi sono vicino a lei.
Mi guarda in faccia e sicuramente capisce qual'è il problema.
Mi chiede se devo andare in bagno, se se ne deve andare... insomma, se c'è qualcosa che può fare.
Lei, la solita nonna di sempre, la pratica donna contadina che sa che siamo fatti anche di corpo e non solo di pensieri più o meno consapevoli.
Con un filo di voce le dico di no, ma le mie mani sembrano procedere da sole, quando mi slaccio i pantaloni e dalle mutande spunta il mio pene, assolutamente diritto, assolutamente inutile per me.

Lei lo guarda, stupita, come se non avesse mai pensato davvero che anche io avevo un corpo che cresceva, che si faceva maturo, che reagiva così energicamente alla provocazione degli ormoni e delle situazioni.
Non so cosa fare – mi vien da pensare che neppure lei lo sappia: la memoria del nonno è ormai certo lontanissima, è difficile immaginare la propria nonna che faccia sesso, anche se, razionalmente, si sa che l'ha fatto, almeno una volta...
Allora forse le torna quella memoria.
Lo prende un attimo in mano, anche se la posizione è innaturale.
Eppure lo stringe, lo accarezza, lo manipola... e io, che fino ad allora non mi ero mai toccato davvero, in piedi davanti a lei vedo la mia pelle salire e scendere, la sua mano andare su e giù, fino in fondo.
Non so come riesco a stare in piedi – ogni tanto guardo la nonna, che sembra tutta assorta nella nella sua attività.
Non mi guarda in faccia – anzi sì, mi osserva con una sorriso molto dolce e tranquillo, sembra quasi quello che fa quando, da piccolo, mi accarezzava la testa per rilassarmi e fermi addormentare.
Improvvisamente sento dentro di me come un'energia calda e umida.
Vorrei ritrarmi, forse lo faccio, ma in modo impercettibile, e infatti mi trovo ancora più vicino a lei, alla sua mano, al suo volto.
E senta potermi controllare dal mio pene esce un fiotto bianco, spesso, che viene lanciato a velocità incalcolabile fuori di me.
Sulla sua faccia.
E poi ancora e ancora – mi sembrano litri di seme che vanno ad infrangersi contro le sue labbra, il suo naso, le sue guance.
Non so cosa dire – adesso che vedo il suo sorriso più intenso di prima – e vedo il suo volto contornato dal mio liquido denso: è una maschera di sperma.
E dalla mia bocca, oltre ai mille sospiri incontrollabili di prima esce solo una frase: “scusa, nonna...”

scritto da autore racconto erotico mcross51

racconto letto 23606 volte


Segnala abuso in questo racconto erotico
nick :
e-mail :
motivo :
Il colore dei denti?






commenti dei lettori al racconto erotico



Box delle utilità, spazio dei link veloci per gli ultimi racconti erotici inseriti, i racconti erotici più letti e più votati.

il racconto erotico più recente

Ultimo racconto erotico inserito:

Mamma troia mi ha dato tutto
scritto il: 2014-09-01 11:48:01



Ultimo racconto erotico votato:

Mamma ed Anna
genere: incesti

Buon divertimento e buona lettura a voi perversi e arrapati.
menu per condividere i racconti erotici

racconto erotico casuale

Per portare alla vostra attenzione racconti erotici che altrimenti non andreste a cercare, perché spesso il caso è molto più eccitante del semplice trovare.

Work Shop 2 (epilogo)
genere: sentimentali


Speriamo di aver soddisfatto tutte le vostre fantasie a luci rosse.
menu per accedere rapidamente ad un racconto casuale tra tutte le opere

condividi i racconti erotici

Puoi anche condividere un racconto erotico o una qualsiasi altra pagina del nostro sito semplicemente usando il tasto share che trovi qui sotto.
Se il racconto è piaciuto a te, piacerà anche ai tuoi amici, condividilo tramite tutti i più diffusi social network.

Bookmark and Share


Segnala su google la pagina, per diffondere racconti erotici di qualità.




newsletter

iscriviti alla newsletter di erotici racconti e potrai ricevere tutti gli aggiornamenti sui racconti erotici inseriti e sulle statistiche e gli apprezamenti sulle storie più eccitanti tramite una mail.

Speriamo di aver soddisfatto tutte le tue fantasie sessuali.

Top 100 Eros