Racconto erotico etero ussaro Avventura in ascensore... Racconti erotici, storie eccitanti, letteratura a sfondo sessuale e narrativa a luci rosse osè per adulti italiana completamente gratuita.
Erotici Racconti

Avventura in ascensore...

Scritto da ussaro, genere etero

Mi hanno sempre turbato gli sguardi in ascensore. Ho sempre sperato che fossero un preludio ad una avventura erotica. I tempi di un viaggio in ascensore non sono sicuramente giusti per consumare un rapporto oppure cogliere un’occasione al volo. Eppure, incredibile a dirsi, quella volta in un hotel grattacielo successe proprio quello che avevo sempre desiderato, complice un guasto all’undicesimo piano ed una donna speciale.

L’avevo già notata subito dopo colazione nella hall dell’albergo e non avevo potuto fare a meno di guardare i suoi occhi azzurri, le caviglie perfette, le cavità poplitee desiderabili e le parti più apprezzate dagli uomini, dei seni ed un sedere da urlo. Erano le 11.00 di sera e davanti alla pulsantiera per chiamare l’ascensore eravamo solo lei ed io. Secondi interminabili sino all’apertura delle porte. Salii in ascensore subito dopo di lei, sentendone il profumo e percependone la sensualità da subito. Ero già eccitato e pronto quando scoprimmo che andavamo allo stesso piano, il 17° piano. Non smettevamo di guardaci e sorriderci. Arrivati all’undicesimo piano l’ascensore si fermò per un guasto che l’Hotel ci comunicava da un altoparlante sarebbe stato risolto in pochi istanti. Ci baciammo appena il messaggio finì e senza dire nemmeno una parola. Ottimo inizio pensai. Incuranti della precarietà del luogo, iniziammo a toccarci come se ci fossimo conosciuti da sempre. Lei si inginocchiò, mi abbassò i pantaloni ed inizio a baciarmelo e succhiarmelo. Ero estasiato. Le mie mani le accarezzavano le spalle, i capelli e le Sue mani appoggiate sui miei fianchi. Venni dentro la sua bocca così copiosamente che per un istante, fuori dalla Sua bocca, schizzai i pulsanti dell'ascensore. La baciai come per ringraziarla, per poi subito far scendere il mio viso tra i suoi seni per poi arrivare fra le sue gambe. Aveva le autoreggenti ed un perizioma che si lascio spostare dalla mia lingua. Iniziai un cunninlingus fre le sue labbra umide e calde. Succhiai i suoi umori e senti le vibrazioni che percorrevano il suo corpo. Le mie mani erano strette sui suoi glutei, rotondi, sodi e perfetti. Quanto poteva durare questa situazione? Nessuno dei due sembrava porsi il problema. Poi ci fu, gracchiante, la voce dell'ascensore: "Guasto risolto. Ci scusiamo per il disservizio".E l'ascensore riparti.

Ci rivestimmo alla velocità della luce. Al 17° piano con le scuse dell'addetto al piano dell'albergo ci consegnarono una consumazione gratuita al piano bar. Scegliemmo invece di utilizzare il servizio in camera, la Sua camera, e di continuare....

Entrammo nella stanza iniziammo a spogliarci lentamente.... uno di fornte all'altro, come fossimo ancora in uno spazio angusto come l'ascensore: lei si tolse la gomma, che rimase come una coroncina intorno ai bellissimi piedini, le scarpe nere con il tacco volarono via subito dopo. io mi tolsi le scarpe, la camicia ed i pantaloni in rapida successione...rimasi in boxer a quadretti con il mio pene che faceva capolino trai i bottoni... Lei si tolse la camicetta ed il il reggiseno ed i suoi capezzoli apparvero subito dritti e turgidi come se chiedessero di essere succhiati... il perizoma e le calze autoreggenti rimasero sul suo corpo per evidenziarne la femminilità... Ci sedemmo sul letto uno di fornte all'altro con le lingue intrecciate. Io con una mano dietro alla sua nuca e l'altra mano a massaggiarle il clitoride, spostando il sottile filo del perizoma... Lei con le due mani sulla mia asta, che spuntava dai boxer e sembrava chiedere di entrare in ogni suo BUCO....Mi tolsi i boxer ed sfilai il perizoma e, entrambi a gambe aperte, entrai in lei per inziare un movimento lento con le zone pelviche che dolorosamente premevano.... lei inizio a urlare ed bagnarsi così copiasamente che il mio pene era lucido nell'entrare e uscire. Con un movimento sapiente, cercato da entrambi, ci girammo su un fianco e mi trovai a penetrarla da dietro ...2 colpi ben assestati dentro la sua vagina e per poi provare a metterglielo nel buchino dell'ano che avevo lubrificato con le dita e la saliva .... prima timidamente e poi con foga .... con le mie mani sempre sui suoi fianchi. Sentivo il fondo con le palle che si schiacciavano nella fessura quasi volessero entrare...arrivai a spingere le su spalle per sentirmi tutto dentro di Lei....dove sborrai con foga.. e goduria....baciandole poi il collo e la nuca e leccandole l'interno delle orecchie...in maniera dolce e po' animalesca....sussurandole che avrei voluto morderle le grandi labbra, leccato il monte di venere...e succhiato il bottoncino per ringraziare di averla incontrata....

Continuammo così in ogni angolo della stanza, dalla poltroncina alla vasca da bagno... per tutta la notte. A colazione ci presentammo! ed iniziammo a parlare di tutti i nostri sogni in ascensore che sino alla sera prima non si erano mai verificati. Ridemmo di complicità...

ussaro

Questo racconto di ussaro è stato letto 3820 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

Ultimo racconto erotico inserito

Racconto erotico casuale

Per portare alla vostra attenzione racconti erotici che altrimenti non andreste a cercare, perché spesso il caso è molto più eccitante del semplice trovare.

Laura
genere: prime esperienze


Copyright © 2009-2014 Erotici Racconti - Tutti i diritti riservati