Racconto erotico trio Kyr Io tra di loro 3 “ La prima sodomizzazione di Marisa” Racconti erotici, storie eccitanti, letteratura a sfondo sessuale e narrativa a luci rosse osè per adulti italiana completamente gratuita.
Erotici Racconti

Io tra di loro 3 “ La prima sodomizzazione di Marisa”

Scritto da Kyr, genere trio

Io tra di loro 3 “ La prima sodomizzazione di Marisa”

Lucio era diventato il mio fedele lacchè, mi dava sempre idee nuove, mi sosteneva e al momento giusto con una scusa spariva lasciandomi campo libero con Marisa, la quale diventava sempre più attraente e sexy, Lucio in cambio voleva solo che le raccontassi nei minimi dettagli quello che facevamo.
La situazione mi intrigava ogni giorno di più, un paio di mesi dopo essere diventati amanti, Lucio si è inventato che doveva stare via da casa per tre giorni per lavoro, in modo avremmo avuto la possibilità di passare due notti intere assieme, era proprio quello che volevo per convincere Marisa a concedermi la sua verginità anale, per lei era una cosa fuori dal modo.
Essendo molto religiosa si era voluta sposare vergine, e oltre al marito non aveva mai avuto nessun altro amante tranne me, con Lucio aveva sempre avuto rapporti sessuali alla missionario, rapporti che diventavano sempre più radi da quando ero arrivato io.
Facendo l’agente di commercio mi sono organizzato per avere quei tre giorni completamente liberi, Lucio si era preso una pensioncina fuori città per due notti dove andare a dormire dopo il lavoro.

E successo già la prima notte dopo una giornata trascorsa in giro per la città a fare shopping, dove Marisa aveva preso dell’ottima biancheria intima molto stimolante.
Dopo molti baci tenere carezze, l’ho lavorata con la lingua per circa un quarto d’ora in entrambi gli orifizi, poi con modi delicati ma decisi l’ho fatta sdraiare a pancia in giù, le ho unto il buchino con dell’olio che le avevo fatto portare prima dalla cucina, le ho bloccato i fianchi passando il braccio sotto la pancia.
Gli e l’ho puntato e ho cominciato a spingere, Marisa cominciò a mugolare, era molto tesa.
-Vedrai che ti piacerà. Le ho detto.
Lei emise un gemito prolungato, a quel punto spinsi tutto fino in fondo, indubbiamente sentiva dolore ma piano piano si stava facendo strada anche il piacere che continuava a crescere.
All’ improvviso cominciò a sussurrare.
-Si ahh mi piace da morire, ti sento tutto ti sento dentro di me.
Accelerai il ritmo, lei cominciò a muovere il bacino e a rotearlo, al improvviso , agitava la testa in ogni direzione, insieme raggiungemmo l’orgasmo io godevo e lei godeva sotto di me.
-Sono la tua schiava, ti appartengo, puoi fare di me quello che vuoi . mi sussurrava con dolcezza.
Mi è venuto in mente Lucio nella stanzetta di quel alberghetto, probabilmente a masturbarsi al pensiero di quello che stava facendo la moglie, il godimento mentale faceva aumentare ancora di più quello fisico.




Questo racconto di Kyr è stato letto 11889 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

Ultimo racconto erotico inserito

Racconto erotico casuale

Per portare alla vostra attenzione racconti erotici che altrimenti non andreste a cercare, perché spesso il caso è molto più eccitante del semplice trovare.

Mia moglie gravida e il cazzo del negro
genere: tradimenti


Copyright © 2009-2014 Erotici Racconti - Tutti i diritti riservati