Racconto erotico prime esperienze Elia.73 Carla e l'iniziazione Racconti erotici, storie eccitanti, letteratura a sfondo sessuale e narrativa a luci rosse osè per adulti italiana completamente gratuita.
Erotici Racconti

Carla e l'iniziazione

Scritto da Elia.73, genere prime esperienze

Agosto 1988. Era l’estate tra la prima e la seconda media, trascorrevo le vacanze estive dai nonni, in una grande casa colonica immersa in un rigogliosa campagna.
Al tempo avevo 12 anni e trascorrevo le mie giornate cercando qualcosa per passare le giornate.
Dei miei amici nessuna traccia, tutti al mare, nelle case vicine non c’era ombra di miei coetanei, stavo ore intere senza parlare.
L’unica variante a questa monotonia era mia cugina Carla, che saltuariamente trascorreva un paio di giorni lì con noi.
Carla, 16enne, ossuta e secca come un chiodo, capelli corti ed atteggiamento da maschiaccio. L’emblema di quella che nessuno se la fila.
Nei miei confronti aveva comportamenti ambigui, a volte mi trattava come un ragazzo, a volte ingigantiva la nostra differenza d’eta’, facendosi grande e trattandomi da bambino.
Non sapevo mai come comportarmi., cercavo di essere accondiscendente, per non indispettirla, cercavo di non dar peso a quello che diceva e facevo tutto quello che voleva.
Un mercoledì la nonna mi disse :”…Marco, oggi arriva Carla e si ferma da noi fino a venerdì…” Era da un po’ che non la vedevo e speravo fosse di buon umore.
Gli zii la accompagnarono da noi verso sera. Fisicamente non era cambiata di una virgola .
Cenammo raccontandoci un po’ di cose e poi tutti a letto, sembrava piu’ tranquilla.
La nonna come al solito ci faceva dormire nella stessa stanza, in un grande lettone, tanto ai suoi occhi eravamo i piccoli nipotini.
Dormiamo e l’indomani mi svegliai tardi e solo nel letto. Mi diressi verso il bagno, feci per aprire la porta e la trovai chiusa.
“ …Un attimo...” arriva come risposta.
Con fare assolutamente ingenuo ed incosciente, mi chinai e spiai dalla serratura.
Vidi Carla seduta di profilo sulla tazza, che disturbata dal mio arrivo si alzo’ in piedi, con i pantaloni abbassati alle ginocchia, si giro’ pronta per venire verso la porta, si piego’ e si ricompose.
Tutto in pochissimi secondi ma sufficienti per turbarmi.
Deglutii e realizzai che mentre si rivestiva avevo visto la sua cosa. In realta’ alla distanza di 3-4 metri avevo visto una macchietta scura di peli…ma per me era la sua cosa. Non l’avevo mai vista dal vivo. Nel senso che avevo visto la patatina di alcune mie compagne a scuola, alle elementari, ma erano patatine implumi, da bambine. La sua per me era adulta.
Mi raddrizzai.
Rimasi dritto in piedi, impietrito. Sentii il rumore della chiave “ speriamo non se ne sia accorta, senno’ mi uccide”.
Porta aperta.
“Buongiorno dormiglione.” Mi accolse sorridendo.
Rimasi stupito. Entrai, mi lavai, scesi , parlammo per un po’ e pensai “ Incredibile, mi parla….mi parla come non aveva mai fatto ed e’ pure simpatica, ma se sapesse quello che ho fatto…”
La voce di nonna ruppe le nostre risa…” Marco…Carla…si mangia…”
Pranzammo, con calma. Aiutammo a sistemare la cucina e poi eravamo liberi.
Ora le alternative erano due, da buona tradizione contadina fare un riposino per evitare la calura, oppure passeggiare sotto alle vigne.
Quel giorno Carla mi disse “ Vieni a fare due passi?”
“Sì…dai…”
Io conoscevo palmo a palmo quella campagna. Camminammo, ridemmo e camminammo. C’era un caldo torrido ma stavamo bene.
Ad un certo punto mi sono defilato verso una siepe che costeggiava la vigna.
“ Dove vai?” mi chiese.
“Devo fare pipì…”
Sorride, mi cammina incontro e dice :” Posso guardare?”
“Co-cosa?Come guardare?”
Mi confida che e’ incuriosita dal fatto che i maschi possono usare il loro coso per indirizzare la pipì.
Silenzio. Mi guardava con un sorriso a labbra chiuse stampato in viso.
In fin dei conti io l’avevo spiata in bagno, era una sorta di espiazione.
Allora esagerai.” Vuoi tenerlo in mano mentre la faccio?” dissi scherzando.
Un “sì” secco mi fece capire che non era stato preso come uno scherzo.
“Ed ora?” mi girai verso la siepe, lei era alla mia destra, le mie mani scesero, lei abbasso’ gli occhi, con i pollici spinsi verso il basso l’elastico dei pantaloncini insieme a quello delle mutande, scoprendo il coso. Lei allungo’ la mano e lo prese subito con tre dita, il pollice sopra , l’indice ed il medio sotto. Sembrava avesse paura che il mio bisogno scappasse, senza poter sperimentare quella sua fantasia.
Fu allora che successe una cosa che non potevo prevedere.
Lei lo fissava,aveva il mio pisello in mano e lo fissava.
Io lo sentivo crescere, si stava gonfiando.
Lei non capì immediatamente, ma….stavo avendo un’erezione tra le sue dita.
Ormai era evidente.
Tolse la mano di scatto.”….mah….mah….” balbetto’
Quella situazione mi piaceva non volevo perderla.
“Aspettiamo un attimo, provo a farla da solo poi ti chiamo quando riesco a farla”.
Annui in silenzi e fece due passi indietro. Ci volle un po’ per calmarmi, ma alla fine ci riuscii. Lo stimolo era forte e quando il rivolo caldo inizio’ a sgorgare mi sentii sollevato, la chiamai , lo prese nello stesso modo di prima ed inizio’ a muoverlo, destra e sinistra, un po’ su ed un po’ giu’ facendo fare uno zig zag alla pipì. Sorrise. “Forte!”.
Tolse la mano e continuammo a camminare come nulla fosse, in una situazione che sembrava paradossale. Non ne parlammo.
Ma la cosa che segno’ la mia estate accadde venerdì dopo pranzo.
Giornata nuvolosa, vento, “ oggi riposiamo?” chiese Carla. “Sì”.
Salimmo le scale, lei davanti, per la prima volta guardavo il suo culo, anzi per la prima volta guardavo un culo femminile con interesse. Potevo intravedere le mutandine, che segnavano le natiche al di sotto dei pantaloncini.
Ci stendiamo sul letto ed inizia un discorso sulla scuola che non le piace studiare, che questo non va che quest’altro non va, che vorrebbe lavorare ecc..ecc…ascoltavo ma non e’ che mi interessasse piu’ di tanto.
Poi mi spiazza con una domanda,
“ Hai mai baciato una ragazza?”
“No”
“Hai mai avuto una fidanzata?”
“No”
Non mi interessavano ancora le ragazze, il sesso era ancora un mistero, ne scherzavo con i compagni di scuola, ma erano solo porcherie per fare un po’ gli stupidi, la realta’ e’ che non conoscevo ancora il mio corpo, non avevo mai giocato con il mio pisello, diciamo che ero ancora bambino.
Ecco, quel giorno fu diverso.
Credo fosse una sorta di ricompensa per il gioco del giorno prima, oppure un ringraziamento o ancora un modo per coinvolgermi, ma fatto sta che si alzo’ la maglietta arricciandola sotto il mento, si giro’ sul fianco sinistro e mi mostro' le sue grazie.
Aveva due tettine piccole, leggermente a punta, con i capezzoli marcati e chiari, da femmina.
Rimasi a contemplare.
“ Bellissime” dissi sorridendo.
“Ma va, sono piccole, ho delle compagne che le hanno molto piu’ grandi delle mie”
Non stacco gli occhi, sto guardando le tette di mia cugina Carla.
Si ristende di schiena, in lungo nuovamente. Piega le gambe, inarca la schiena e si abbassa tutto fino al ginocchio. Riscende.
Era stesa al mio fianco con la maglietta arricciata sotto il mento, pantaloncini e mutandine abbassate, le gambe chiuse e parallele…ed io non sapevo piu’ cosa fare. Inebetito osservo i peli pubici, ora da vicino, erano sottili, leggeri , tutti ben raccolti.
Attimi. Il mio cervello mi diceva, quella e’ la cosa di Carla. Sentivo il mio pisello duro nelle mutande.
Lei si rigiro’ sul fianco sinistro e disse: “Tocca a te “
Memore del giorno precedente e dell’imbarazzo dissi :
” L’hai gia’ visto ieri”
Ero piccolo ed ingenuo. Per fortuna insistette e ribadì : “ Tocca a te”
Lei era quella piu’ grande, non me lo feci ripetere ed abbassai il tutto esattamente come aveva fatto Carla.
Il mio pene adolescenziale era ispiratissimo. Diritto , liscio, senza venature evidenti, gonfio di voglia ed incorniciato da pochi peli.
Lo contemplo’ incuriosita.
“Così e’ completamente duro?” chiese.
Annuii con la testa.
Lei disse ” Sai una mia compagna di classe ha fatto una sega al suo ragazzo, a lui e’ piaciuto tantissimo ed alla fine e’ uscito un liquido dal suo coso.”
Con gli anni capii una cosa, lei era la tipa che nessuno a quell’eta’ voleva, sentiva i racconti delle sue amiche e voleva provare con mano. Io ero la sua cavia.
Senza chiedere lo afferra con tutta la mano e lo stringe forte, troppo forte…inizio’ a masturbarmi.
Il movimento della mano, specie quando andava verso il basso era dolore misto a piacere.
“ Ti piace?” chiese.
“Sì…ma meno forte…nel senso meno stretto…”
Allento’ un po’ la presa, la componente dolore scomparve quasi del tutto mentre il piacere aumentava esponenzialmente.
Continuava ad andare su e giu’ con la mano. Lo guardava, si fermava e faceva salire la pelle fin sopra la cappella, per poi ripartire.
Sentivo un bisogno che partiva dal basso, dalle palle. Non sapendo cosa aspettarmi cercavo di contrastare quella sensazione, che diventava ad ogni movimento piu’ incontenibile.
Non ce la facevo piu’, assecondai il mio corpo e partì uno schizzo che arrivo’ fino sopra l’ombelico. Lei blocco i movimenti stingendolo in mano. Pulsava . Seguirono altri due schizzeti piu’ piccoli.
Guardavamo la le goccie sulla mia pancia, senza parlare. Che benessere.
Mi aveva appena fatto, quello che con i miei compagni chiamavamo una sega. Mi era piaciuto. Da quel giorno avevo sdoganato la mia intimita’, iniziai a conoscermi e toccarmi quasi ogni giorno. Inizia inoltre a ricercarla nuovamente quella sensazione, le ragazze, era ufficialmente aperta la caccia alla figa.
Fu l’ultima estate che Carla si fermo’ a dormire dai nonni, ci rivedemmo spesso, alle cene di famiglia senza mai parlare dell’accaduto e senza raccontarlo a nessuno.
Non successe piu’ nulla.

Questo racconto di Elia.73 è stato letto 16315 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

Ultimo racconto erotico inserito

Racconto erotico casuale

Per portare alla vostra attenzione racconti erotici che altrimenti non andreste a cercare, perché spesso il caso è molto più eccitante del semplice trovare.

Andrea,il mio figlio piu' piccolo
genere: incesti


Copyright © 2009-2014 Erotici Racconti - Tutti i diritti riservati