Racconti erotici, storie eccitanti, letteratura a sfondo sessuale e narrativa a luci rosse per adulti italiana completamente gratuita.
L'ascensore è uno dei più eccitanti ed erotici racconti per adulti nel mondo della narratva a luci rosse, delle fantasie osé, delle confessioni e delle storie di sesso
erotici racconti logo del sito di storie a sfondo sessuale


L'ascensore
data racconti erotici 2011-03-10 15:51:41

genere: categoria racconti erotici tradimenti

Il temporale del mattino aveva dato un po' di tregua al caldo torrido d'agosto dei giorni prima.
Il cielo era terso e l'aria fresca, pulita.
Io ero appena tornata dalle vacanze, il frigo era vuoto e così per non morire di fame dovetti uscire a fare un po' di spesa.
Mi feci prima una bella doccia rigenerante, poi, ammirai il mio corpo nudo ed ancora bagnato allo specchio: l'estate ti fa bella, l'abbronzatura ed il sottile segno del bikini mi rendevano ancora più seducente.
“Proprio niente male”, pensai.
Misi il mio vestitino di lino bianco ed uscii.
Per fortuna erano ancora tutti in ferie ed al supermercato sotto casa non trovai praticamente nessuno.
Acquistai un po' di frutta, di verdura, degli insaccati e generi di prima necessità.
Praticamente uscii con la borsa colma ed una cassa d'acqua.
Nonostante la temperatura esterna fosse diminuita, il peso della spesa cominciò a farmi sudare e gocce di sudore cominciarono a colarmi sul collo fino al seno.
Per fortuna trovai nell'androne i figli dell'Ingegner Pini che abita proprio sopra al mio appartamento.
Vistami così trafelata si offrirono gentilmente di aiutarmi nel portarmi la spesa ed io non mi feci di certo pregare.
Salimmo nell'ascensore e premettero il 5° piano.
Io abito in un condominio abbastanza recente, in cui non manca niente e per fortuna l'ascensore non è di quelli striminziti ove ci stanno al massimo tre persone strette strette, stranamente può ospitare ben 7 persone molto comode..
mentre salivamo, osservavo i due ragazzi.
Manuel, il più grande, avrà avuto al massimo 22 o 23 anni, Daniel, il minore, sui 20.
La passione del padre per il nuoto era stata trasmessa ai figli che, per la loro età avevano due fisici scolpiti come modelli...
Spalle larghe, bacino stretto, braccia muscolose ed un culo meraviglioso.
Notai che anche loro mi guardavano compiaciuti, in fin dei conti per i miei 38 anni, sono un gran pezzo di gnocca e poi, questo vestitino bianco, vedo non vedo, mi fa fare la mia porca figura.
Ad un certo punto, però, mentre salivamo, l'ascensore si bloccò di colpo tra il terzo ed il quarto piano.
I due ragazzi provarono ad armeggiare con i pulsanti, ma l'ascensore non ne voleva sapere di muoversi.
Ad un certo punto si accese la luce di emergenza e questo ci fece capire che probabilmente fu un calo di tensione o un blackout nel palazzo.
“E adesso che facciamo?” chiesi
“Non ci resta che aspettare arrivi qualcuno e si accorga che l'ascensore è bloccato” disse Manuel.
Dopo un quarto d'ora di attesa nessuno era arrivato e l'ascensore non si era sbloccato.
Provammo quindi a chiamare il numero di pronta assistenza ma la signorina svogliata al telefono ci rispose che i tecnici erano quasi tutti in ferie e che appena possibile ci avrebbe mandato qualcuno, questo però non prima di almeno 2 o 3 ore.
“bisogna aspettare” disse Daniel.
Io mi sedetti sul pavimento dell'ascensore.
Nello spazio che avevamo a disposizione, l'aria cominciava a farsi sempre più calda.
I ragazzi mi chiesero se potevano togliersi la maglietta.
Io dissi che non c'erano problemi.
Quando li vidi a torso nudo, però, non riuscivo più a togliere gli occhi da quello spettacolo, erano completamente lisci, aggraziati da anni di sport.
Come avrei voluto accarezzare quei capezzoli, quegli addominali...
poi, abbassai gli occhi per paura si accorgessero delle mie attenzioni.
Dopo mezz'ora in quel forno cominciammo a sudare.
Loro si tolsero anche i jeans, rimanendo in boxer, io ad un certo punto mi tolsi il vestito e rimasi in perizoma e reggiseno.
Ad un certo punto i loro occhi si fermarono sui miei seni, e vidi un lieve rigonfiamento nei loro boxer.
Divertita e lusingata dalla cosa, presi una bottiglia d'acqua, l'aprii e cominciai a bere, facendo colare dell'acqua sul mio corpo seminudo per testarne la reazione.
Come immaginavo i due si eccitarono ancora di più.
Beh, in fin dei conti dovevamo pur far passare il tempo, no?

“Potete toccarle se volete”
Daniel abbassò lo sguardo, mentre Manuel mi guardò con una luce negli occhi.
Si avvicinò dicendo quasi con un filo di voce: “davvero posso?”
Allora gli presi la mano e gliela appoggiai sul mio seno sodo e bagnato.
Mi avvicinai e presi anche la mano di Daniel e la misi sull'altro seno.
Dio mio, avevo a disposizione due bei maschi.
Mi tolsi il reggiseno e Daniel che dapprima sembrava il più timido, avvicinò il viso al mio seno e cominciò a succhiarmi il capezzolo.
Questo mi eccitò da morire, e cominciai a sentire la mia fichetta che cominciava a bagnarsi.
Poi Manuel imitò il fratello ed entrambi succhiavano i miei capezzoli, piano, prima con la lingua, poi succhiandoli con più vigore.
Io ero eccitatissima, potevo venire da un momento all'altro tanto mi stavo eccitando.
Abbassai lo sguardo e vidi i loro uccelli belli duri all'interno dei boxer.
Non ci pensai due volte, ne presi uno per mano e cominciai a masturbarli piano, su e giù, scapellandoli con dolcezza.
Mamma che spettacolo, due cazzoni duri tutti per me.
Mi abbassai su quello di Daniel e cominciai a spompinarlo per bene mentre con l'altra mano masturbavo Manuel.
Glielo succhiavo proprio bene, a tal punto che si gonfiò così tanto che intuii che stava per venire, così presi in bocca quello di Manuel, un bel cazzone come quello non lo avevo mai visto.
Bello, turgido, più grande di quelli che avevo visto fino a quel momento.
Mentre mi succhiavo il cazzo del fratello, Daniel mi abbassò il perizoma e cominciò a toccarmi la fichetta.
Ero tutta bagnata e le sue dita scivolavano così bene, mi penetrò prima con un dito, facendomi fremere di piacere, poi con due, poi con tre.
Stavo quasi per venire ma avevo prima voglia di farmela leccare un po'.
Manuel era in piedi davanti a me mentre gli succhiavo il cazzo, su e giù fino alle palle mentre con le mani gli toccavo quel meraviglioso culo di marmo.
Daniel si mise dietro di me e comincò a leccarmi la passera.
Mi staccai per un attimo dal cazzo di Manuel, me la stava leccando così bene che non riuscivo nemmeno a respirare.
“Oh, sì, leccami così, leccamela tutta, fammi sentire la tua lingua dappertutto....
mettimi le tue dita nella fica, dai, scopamela con le mani e leccami....
Lui esaudì ogni mia parola e cominciò a scoparmi con quelle meravigliose dita lunghe mentre la sua lingua mi leccava tutta la passera umida.
“Ah, sìììì, mi fai venire, oddio, mi fai godere, mi fai godere....
Ahhhh, godo, godo, godoooooo!!!
Ebbi un orgasmo fortissimo, e Daniel continuava a leccarmi con vigore e a scoparmi la fichetta con tutta la mano.
Avevo le gambe che tremavano dall'intensità dell'orgasmo ed i miei umori cominciarono a colarmi lungo le gambe.
Avevo voglia di un cazzo in figa e quello di Manuel era l'ideale.
Lo feci stendere e mi misi sopra di lui.
Il cazzo entrò nella mia fica bagnata senza alcun problema.
“Hai proprio un gran bel cazzone, lo sai?”
“E la tua figa è stupenda da scopare, adesso ti impalo per bene, te la sfondo, vedrai come godi!”
Era vero, mi sapeva davvero scopare.
Daniel era dietro di me ed ad un certo punto lo sentii palparmi il culo.
Si inumidì un dito con gli umori della mia passera e cominciò a trastullarmi il buco del culo.
Oddio, era la cosa più eccitante del mondo, avere un gran cazzone della fica e magari uno anche nel culo.
Pian piano inserì il dito nel buchetto, e cominciò a farlo entrare ed uscire, poi sentii che erano due dita ed il mio culetto non stava opponendo alcuna resistenza tanto ero eccitata.
Quando vide che ero bella rilassata prese il suo meraviglioso uccello e spinse la cappella dura e gonfia verso il buco del mio culo.
L'avevo tenuto vergine fino a quel momento e francamente non mi dispiaceva sverginarlo così.
Il suo era un cazzo stupendo, grosso e dritto ed il mio culetto verginello non era abituato a quelle misure, al massimo al un paio di dita.
Pian piano si fece spazio ed un po' alla volta entrò completamente.
Avevo due cazzi ben piantati dentro, uno nella figa, l'altro nel culo.
Cominciarono a muoversi simultaneamente, scopandomi contemporaneamente.
“Ti piace come ti stiamo scopando, eh?”
“oh, sì mi state facendo morire, mi state scopando alla grande!”
“Adesso ti sfondiamo per bene”
“sì, sfondatemi, rompetemi il culo, sfondatemi la figa, fatemeli sentire fino alle budella!”
“è proprio arrapata la troia”
“Sì, sono la vostra troia, una cagna in calore che ha bisogno di cazzo! Dai, scopatemi, fottetemi tutta! Voglio sentire le vostre palle che mi scuotono, voglio tutta la vostra sborra nelle budella!”
mi stavano pompando sempre con maggior vigore, tanto che venni più di una volta come una cagna in calore...
Che gran pezzo di troia che sono, pensai, mi sto facendo scopare praticamente da due ragazzi e per lo più quasi sconosciuti...
Ma forse era proprio questo che mi eccitava ancora di più...
Ad un certo punto, Manuel, che era sotto di me si alzò, Daniel mi mise alla pecorina.
Manuel mi mise il cazzo in bocca: “Succhiamelo, pompinara, voglio sborrarti in bocca, succhiamelo!”
Daniel invece, ci prese gusto col mio culetto.
Mirò ancora una volta al buchetto oramai dilatato ed in un attimo me lo affondò con forza..
“ahhhh, sì, che bello, sbattimelo tutto dentro!”
“Adesso te lo faccio sentire tutto fino alle palle, adesso ti fotto il culo per bene!”
Manuel mi prese per i capelli e mi pompava la testa sopra il suo cazzone duro, ad un certo punto lo sentii pulsare ed un fiotto di sborra mi arrivò in bocca, lui un po' si ritirò, sborrandomi su tutta la faccia.
“Ti piace la mia sborra, vecchia troia, vero?!”
In quel momento Daniel cominciò a fottermi con più forza alternando le spinte tra il mio culo e la mia fica bagnata.
“Sììì, mi piace la vostra sborra, sto godendo ancora, ancora, ancora, fottimi, fottimi, fottimiiiii!!!!!!”
Daniel non se lo fece ripetere e continuò ad incularmi con spinte sempre più vigorose, finché non mi sborrò completamente nelle budella....
Stremati ci accasciammo tutti e tre sul pavimento dell'ascensore.
Dopo un paio di minuti sentimmo la voce del tecnico che urlò: “Hei, sono arrivato, fra 5 minuti vi tiro fuori di lì!”.
Ci guardammo a vicenda, nello stato in cui eravamo, mi aiutarono con dei cleenex dalla borsa della spesa a ripulirmi dalla sborrata e poi ci rivestimmo.
Non dicemmo una parola, finché non ripartì l'ascensore che ci riportò ai nostri rispettivi appartamenti.
Ci salutammo con un sorriso.
Entrai in casa, appoggiai la spesa ed andai a farmi una bella doccia.
La mia passera era ancora eccitata, ed il getto dell'acqua sul clitoride mi faceva tremare le gambe.
Il culetto mi bruciava un po', ma ne era valsa la pena.
In accappatoio mi sedetti sul divano, sgranocchiando qualche patatina.
Poi, la porta si aprì:
“Amore, sono tornato!”
Il mio fidanzato appena tornato da un viaggio di lavoro.
Si avvicinò, mi baciò sulla fronte: “ Cosa hai fatto di bello oggi?!”
“Mah, niente di che, una noia....”

scritto da autore racconto erotico comequandofuoripiove

racconto letto 7983 volte


Segnala abuso in questo racconto erotico
nick :
e-mail :
motivo :
Il colore dell'erba?






commenti dei lettori al racconto erotico



Box delle utilità, spazio dei link veloci per gli ultimi racconti erotici inseriti, i racconti erotici più letti e più votati.

il racconto erotico più recente

Ultimo racconto erotico inserito:

Ci so' ricascata co' mio fratello. E' l'ultima volta!
scritto il: 2014-09-02 20:24:52



Ultimo racconto erotico votato:

Mamma ed Anna
genere: incesti

Buon divertimento e buona lettura a voi perversi e arrapati.
menu per condividere i racconti erotici

racconto erotico casuale

Per portare alla vostra attenzione racconti erotici che altrimenti non andreste a cercare, perché spesso il caso è molto più eccitante del semplice trovare.



Speriamo di aver soddisfatto tutte le vostre fantasie a luci rosse.
menu per accedere rapidamente ad un racconto casuale tra tutte le opere

condividi i racconti erotici

Puoi anche condividere un racconto erotico o una qualsiasi altra pagina del nostro sito semplicemente usando il tasto share che trovi qui sotto.
Se il racconto è piaciuto a te, piacerà anche ai tuoi amici, condividilo tramite tutti i più diffusi social network.

Bookmark and Share


Segnala su google la pagina, per diffondere racconti erotici di qualità.




newsletter

iscriviti alla newsletter di erotici racconti e potrai ricevere tutti gli aggiornamenti sui racconti erotici inseriti e sulle statistiche e gli apprezamenti sulle storie più eccitanti tramite una mail.

Speriamo di aver soddisfatto tutte le tue fantasie sessuali.

Top 100 Eros