Racconto erotico prime esperienze Mitana Intime carezze Racconti erotici, storie eccitanti, letteratura a sfondo sessuale e narrativa a luci rosse osè per adulti italiana completamente gratuita.
Erotici Racconti

Intime carezze

Scritto da Mitana, genere prime esperienze

Mio padre giaceva da tempo in ospedale e mia madre per non essere sola mi fece entrare nel grande letto accanto a se. Ero fiero di dormire abbracciato a lei che continuava a ripetermi che ero l'ometto di casa e che in assenza di mio padre ero io il capofamiglia. Poi venne a mancare mio padre e dopo qualche mese lo zio Ettore, il fratello maggiore di papà fu ospite fisso in casa nostra. Di solito mamma mi metteva a letto e rimboccando le coperte mi raccomandava di addormentarmi e di non aspettarla perchè aveva da discutere di qualcosa collo zio. L'aspettavo fino a che il sonno non mi faceva volare su prati fioriti o lungo spiagge assolate e credendo di essere cullato dalle onde del mare non mi rendevo conto che il letto traballava sotto le spinte dello zio che cavalcava mia madre. Mi resi conto di quello che succedeva solo quella volta che lo sfregamento di una coscia nuda dello zio contro la mia anca mi svegliò. Zio Ettore si accorse che ero sveglio e, forse, per tranquillizzarmi mise una mano sulla coscia e mi tenne fermo fino a che non accelerando il ritmo sentii lui sbuffare e mamma sospirare. Sapevo benissimo che i grandi amano giocare in un certo modo sia perchè avevo assistito una sera ad un coito consumato da mamma con mio padre sia quella sera del funerale vidi lo zio possedere mia madre china su un baule. Anche mamma si era accorta che avevo scoperto il loro gioco per cui dalla sera seguente in poi venivano tutti e due a letto quando mi coricavo io. Già in cucina assistevo alle loro carezze ed ascoltavo i loro ragionamenti con riferimenti sessuali appena celati e comunque non era difficile vedere la mano dello zio infilarsi sotto le gonne di mamma mentre serviva in tavola o la mano di mamma che frugava tra le cosce dello zio seduto accanto al tavolo. Quando la mamma eccitata si spingeva troppo oltre lo zio le ricordava la mia presenza, e la giustificazione solita di mia madre era che mi considerava troppo piccolo per rendermi conto di certe azioni. Non sapeva che un bambino non è mai stupido e sebbene non conosca il meccanismo sa quando si tratta di sesso e quando no. Allo zio piaceva carezzarmi le cosce nude mentre penetrava mia madre e più di una volta infilò la mano nelle mutande e mi toccava il pistolino per eccitarsi di più. Non credo che mia madre se ne accorgesse troppo presa dal suo piacere. Si andò avanti per qualche anno tanto che anche in inverno lo zio mi chiedeva di indossare pigiami coi pantaloncini per avere facile accesso al pistolino, che manco a dirlo cominciava a gonfiarsi sotto i suoi toccamenti. Ogni volta che mamma si recava in bagno per lavarsi lo zio mi faceva toccare il grosso cazzo ancora duro e tutto impiastricciato di sborra. Mi soffiava in faccia di imparare bene come usare l'attrezzo perchè un giorno o l'altro avrei dovuto fare felice una donna col chiodino che mi trovavo tra le cosce come lui faceva felice mia madre con quel palo di legno. Un giorno che mamma era andata a parlare col colono lui si sedette accanto a me e mi fece toccare la patta gonfia. Ormai conoscervo bene il suo attrezzo e quando lo estrasse dai pantaloni e me lo fece carezzare lo avvolsi colle due mani e lo scapocchiai seguendo le sue direttive. Ricordo il viso paonazzo e gli occhi fuori dalle orbite quando si alzò in piedi e spingendo il cazzo contro la mia bocca mi ordinò di baciarlo. Di carattere timido e remissivo alzai lo sguardo e lo vidi sul punto di scoppiare di rabbia per cui accostai la bocca alla capocchia e la baciai con sussiego. Mi afferrò la testa e spinse gridando con voce gutturale di aprire la bocca e di succhiarlo come avevo visto fare mia madre. Più che l'ordine perentorio fu la curiosità di scoprire cosa provava mia madre a succhiare il cazzo eretto e quale fosse il piacere che la faceva gemere. La cappella era troppo grossa per le mie possibilità ed io mi aprii al massimo per non dispiacergli. Era gradevole sentire palpitare in bocca la capocchia dura e soffice allo stesso tempo e sempre tenendomi per i capelli guidò il va e vieni fino a che non mi strozzò con uno schizzo violento di liquido caldo e cremoso. Per poco non rimasi secco ed una volta estratto il cazzo ancora gocciolante mi venne da vomitare. Lo zio rideva del mio impaccio e quando mi ripresi mi ordinò di pulirgli il cazzo intriso di sborra. Per un attimo lo odiai e lo odiai tutte le volte che gli feci un pompino coll'ingoio prima di imparare a gustare di quel nettare e di essere io ad andare a cercare il suo cazzo per semtirmi la sua bocca preferita. Non faceva altro che ripetermi che ero molto più bravo di mamma a fare pompini e più accogliente di qualsiasi donna. Ancora adesso ritengo che sia più bravo di tante donne a fare certi giochini e lo evinco dai miei vecchi amanti che continuano ad invitarmi. Il tempo scorreva io crescevo e lo zio preferiva la mia bocca a quella di mamma. Fino a che non scoprì che Totonno il ciabattino mi aveva aperto la strada rendendomi parecchio simile ad una donna. D'allora in poi fui in netto contrasto con mia madre e fu motivo di attrito tra me e lei che continuava a ripetermi ogni volta che ne aveva occasione che ero diventata quella femmina che aveva sempre desiderato che io fossi. Lei aveva altri amanti coi quali sfogare le sue voglie ma si riteneva tradita in casa perchè gli altri non potevano passare la notte come poteva lo zio. Zio Ettore si alternava tra le chiappe di mamma e tra le mie favorito dal fatto che poteva entrare in casa senza passare dalla strada evitando cosi di essere notato da eventuali curiosi chiacchieroni. Il nonno paterno aveva diviso la casa in due appartamenti assegnandone uno per ciascuno dei due figli maschi ed aveva dato allo zio Ettore quale primogenito la chiave della porta che divideva la cantina per cui a suo piacere poteva entrare in casa in ogni momento. Quando raggiunti i vent'anni dissi amia madre cher avrei sposato una ragazza di un paese vicino lei accolse favorevolmente la notizia benchè fossi molto giovane e non avessi ancora un lavoro. A lei interessava allontanarmi da casa e renderla unica fruitrice degli eventuali cazzi che passavano per casa. Sapeva benissimo quanto fossi bisex, valido sia per i maschi che per le femmine per cui non si meravigliò quando le presentai la mia futura compagna come non si era scomposta quando mi aveva sorpreso a letto col cazzo dello zio infilato nel culo. Il seguito sarà argomento del prossimo racconto.

Questo racconto di Mitana è stato letto 13709 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

Ultimo racconto erotico inserito

Racconto erotico casuale

Per portare alla vostra attenzione racconti erotici che altrimenti non andreste a cercare, perché spesso il caso è molto più eccitante del semplice trovare.

Gemelli
genere: incesti


Copyright © 2009-2014 Erotici Racconti - Tutti i diritti riservati