Racconti erotici, storie eccitanti, letteratura a sfondo sessuale e narrativa a luci rosse per adulti italiana completamente gratuita.
Al cinema è uno dei più eccitanti ed erotici racconti per adulti nel mondo della narratva a luci rosse, delle fantasie osé, delle confessioni e delle storie di sesso
erotici racconti logo del sito di storie a sfondo sessuale

Altri racconti erotici di Steve:

Sofia
genere tradimenti
scritto il 2012-06-29 04:03:56

Ninfomane
genere etero
scritto il 2010-12-28 12:50:42

La stanza della mia ragazza
genere etero
scritto il 2010-12-28 12:49:40

Le colleghe troie dell'Università
genere orge
scritto il 2010-12-28 12:25:25






Al cinema
data racconti erotici 2011-01-13 07:28:00

genere: categoria racconti erotici masturbazione

Un film indimenticabile
Era il mese di luglio di tre anni fa e faceva un caldo terribile a Milano, dove ero restato per lavoro, mentre mia moglie era al mare, beata lei! Sono ingegnere in un grande centro di ricerca e per una improvvisa quanto importante serie di riunioni al ministero ho dovuto recarmi a Roma per qualche giorno.  Sistematomi al solito hotel, mi sono recato all’appuntamento di lavoro nel primo pomeriggio.  La riunione è durata fino a sera, poi tutti siamo stati invitati a cena dal funzionario ministeriale.  Per fortuna la cena di lavoro è stata breve e leggera e verso le 22 ci siamo liberati.  La città era quasi deserta, la temperatura era davvero torrida ed io non avevo voglia di rientrare subito in hotel, dopo una giornata tanto faticosa.  Così, vista l’ora e quasi per caso, entro in un cinema per l’ultimo spettacolo.  Non ho quasi mai tempo di andare al cinema e l’idea di un bel film al fresco dell’aria condizionata è stata irresistibile.  In sala le luci sono spente e di colpo non vedo quasi nulla così entro in una fila libera e mi metto comodo verso il fondo a guardare le immagini della pubblicità, sistemando la ventiquattrore del lavoro sulla poltroncina di fianco.  Intravedo nella penombra altre persone che si muovono per entrare o per uscire prima dell’inizio del film, senza farci molto caso.  Quando inizia il film, in un momento di discreta luminosità, noto che in sala ci sono poche persone, d’altra parte è una serata di luglio e la città è quasi deserta.  In particolare una coppia è seduta all’inizio della mia fila a qualche posto di distanza da me.  Nel buio intravedo che lei è piuttosto carina, elegante, forse sulla trentina, mentre lui mi sembra un po’ più grande, diciamo sui 45, ma molto distinto.  Dopo qualche minuto di proiezione avverto un po’ di movimento alla mia sinistra, mi giro leggermente e vedo che la coppia si scambia qualche tenerezza: lei si è un po’ allungata sulla poltroncina, mentre lui la bacia e le accarezza i capelli con dolcezza. Ora la vedo meglio, lei è veramente carina, sul biondo, molto esile, ma con un bel seno sotto la camicetta leggera e soprattutto due bellissime gambe, che la posizione e la minigonna risalita lasciano quasi del tutto scoperte.  Mi pare che la ragazza si accorga del mio sguardo, quindi cerco di non distrarmi dallo schermo, anche perché non mi va di passare per un guardone.  Tuttavia lo spettacolo è allettante e di sottecchi continuo a sbirciare.  Ora mi pare che addirittura i due si stiano accarezzando e lei, quasi del tutto sdraiata contro di lui, ha le gambe e parte delle natiche abbondantemente scoperte alla mia vista.  Mi rendo conto che non potevano non essersi accorti dei miei sguardi e che, essendo la sala semivuota, presumibilmente proprio li cercavano.  Non ne sono sicuro, ma un paio di occhiate da parte di entrambi verso di me, apertamente interessato alla visione che mi offrono, senza che questo muti il loro atteggiamento, mi convincono che probabilmente ho ragione.  Ogni possibile dubbio è fugato quando ad un mio sguardo insistito verso di loro, lei risponde con un sorriso, al quale fa seguire subito un rapido spostamento verso di me, superando velocemente le 4 poltroncine che ci dividevano.  Un po’ sorpreso, senza esitazioni, mi chiede: “Vuoi solo guardare o non ti piacerebbe giocare con noi?  Devo aver fatto una faccia molto strana, perché subito ha aggiunto: “Mio marito è d’accordo e gli piace guardarmi mentre gioco con un altro”.  Confesso che ero molto confuso da tanta audacia, ma la mia esitazione deve essere stata interpretata come un assenso, visto che lei ha fatto un cenno verso di lui e subito si sono seduti di fianco a me.  Vederla così vicina, sentirne il profumo delicato, avvertirne il calore sul mio braccio mi ha messo in uno stato di agitazione interna incredibile.  Lei doveva essere più abituata a queste situazioni, visto che avvicinando la sua bocca al mio orecchio mi ha sfiorato con la lingua, mentre con voce calda e sensualissima mi ha sussurrato il suo nome e quello di suo marito che sedeva impassibile alla sua sinistra.  Contemporaneamente, appoggiandosi un po’ a me e così sfiorandomi col seno il braccio sinistro, ha allungato la sua mano sulla mia coscia sinistra ed ha iniziato ad accarezzarmela dolcemente coi polpastrelli.  Avevo così a portata di mano le sue bellissime cosce quasi del tutto scoperte, che immediatamente ho a mia volta iniziato ad accarezzare con la mia mano sinistra, arrivando ben presto alle sue mutandine, che sentivo calde e umide.  Lei, schiudendo un po’ le gambe, ha accelerato il ritmo del suo respiro, ma subito dopo mi ha sussurrato all’orecchio di lasciarla fare, che il suo turno sarebbe venuto più tardi.  Ho quindi ritirato a malincuore la mia mano, lasciandola mollemente appoggiata sulla sua coscia, verso il ginocchio.  Lei invece, come rinfrancata, ha decisamente focalizzato l’attenzione della sua mano sulla mia patta, iniziando a sfiorare da sopra quello che sentiva crescere a dismisura sotto.  A dire il vero, la situazione fin dal suo inizio, mi aveva risvegliato non male i sensi, ma sentire le sue dita direttamente su di me mi ha provocato una erezione immediata pazzesca.  Molto soddisfatta del suo risultato, strusciandomi la sua tettina destra sul braccio e lanciandomi uno sorrisino malizioso, ha iniziato a carezzarmi con decisione l’uccello, stringendolo attraverso i pantaloni fino a sentirlo durissimo.  Poi ha puntato alla cerniera, tentando di abbassarla, ma un po’ la posizione, un po’ l’uccello gonfio da scoppiare ed un po’ i pantaloni stretti non le hanno consentito di portare a termine l’operazione da sola.  Così mi ha chiesto di aiutarla, cosa che ho fatto con piacere.  Abbassata la cerniera, è subito penetrata con la sua manina dentro stringendo con voluttuosa soddisfazione il mio coso attraverso lo slip.  Dopodiché è andata sotto per avere direttamente il contatto della pelle e per lunghi minuti si è divertita a stringerlo e a carezzarlo con evidente soddisfazione.  “Ora voglio vederlo”, ha sussurrato, tentando di tirarlo fuori da sotto lo slip, ma l’operazione non è stata possibile data la durezza del mio uccello e l’apertura troppo esigua dei pantaloni un po’ stretti.  Ancora una volta mi ha chiesto di aiutarla, facendomi aprire bene in cintura.  Poi mi ha fatto sollevare leggermente il bacino e, finalmente raggiante, ha potuto abbassarmi bene gli slip, liberandomelo completamente e facendolo balzare fuori come una molla, tanto era teso e costretto prima.  Con una esclamazione a stento contenuta, mi ha ripetuto quello che già modestamente sapevo, e cioè che avevo un uccello splendido e che la cappellona circoncisa che sbucava da sopra le sue mani e la circonferenza che non arrivava ad impugnare del tutto erano quelle che preferiva.  Così dicendo lo ha ripreso subito in mano, iniziando a menarlo con calma e profondamente, senza trascurare di scivolare fino alle palle, che si divertiva a pastrugnare con l’altra mano libera.  Il marito, nel frattempo, non si perdeva un attimo della scena e di tanto in tanto si sporgeva per vedere meglio l’andamento delle operazioni.  E’ andata avanti per almeno mezzoretta con le sue mani di fata.  Si sentiva che era a suo agio nella parte e che aveva una esperienza fuori dal comune.  Infatti, oltre a sapermi mantenere sempre una tensione altissima, tutte le volte che sentiva che stavo per cedere all’orgasmo cambiava ritmo e modo di accarezzarmi, arrivando a premermi sotto alla base del pene, per far rifluire lo sperma e ritardare l’eiaculazione, senza comprometterne la durezza.  Ormai avevo la cappella violacea ed enorme, col buchetto dilatatissimo sopra, e quasi mi faceva male, tanto ce l’avevo duro.  Finalmente, quando si è resa conto che ero al limite della sopportazione, si è preparata a farmi venire, come ho capito quando, lasciandomi le palle con la sinistra, ma tenendomi saldamente l’uccello con la destra, si è leggermente girata verso il marito che prontamente le ha allungato una manciata di fazzolettini di carta.  Rigirandosi verso di me, ne ha sistemati alcuni sulla mia pancia, altri fra il suo fianco e il bracciolo e restanti sulle sue gambe pronti all’uso.  Poi ha ripreso la sua posizione preferita: semisdraiata contro di me, la sua bocca vicinissima al mio viso e la mano libera di nuovo sulle mie palle, al limite dello scoppio.  Strizzandomi un maliziosissimo occhiolino, è partita per il gran finale con il più classico dei segoni mozzafiato, con un ritmo sempre più veloce, senza possibilità di ritorni o ripensamenti.  L’uccello ormai sembrava esplodere tanto era teso e gonfio, il mio respiro era sempre più affannoso e tutti i miei sensi erano pronti all’apoteosi finale.  Quando da grande conoscitrice di quello che teneva in mano ha capito che ormai era arrivato il momento magico, prima mi ha messo la lingua in bocca per un dolcissimo e profondissimo bacio, quasi fermando la mano e stringendomi l’uccello fortissimo alla base.  Poi si è leggermente abbassata verso il mio ventre per pilotare al meglio l’esplosione in arrivo, evitando di fare casini, e anche, secondo me, per vedere da vicino la conclusione di quello che aveva preparato con tanta cura e bravura, cosa che le piaceva e la eccitava da morire, come poi mi ha confermato anche lei.  Il segnale da parte mia che ormai stavo sull’orlo dell’orgasmo e che il limite di non ritorno era stato superato è stata la stretta spasmodica della mia mano sulla sua coscia destra, da dove non l’avevo mai tolta.  Allora lei ha accelerato all’inverosimile il su e giù della sua mano destra lungo l’asta, stringendo contemporaneamente con dolce fermezza le palle nel palmo dell’altra.  Quando la prima gocciolina di sperma ha imperlato la mia cappellona violacea, in simultanea con un mio profondissimo sospiro di godimento, lei ha stretto fortissimo la mano attorno all’uccello continuando nel contempo il segone, in modo di assecondare i miei spasmi di godimento, ma ostacolando leggermente la fuoriuscita dello sperma per qualche momento.  Poi ha improvvisamente allentato la stretta, e sotto la sua abilissima mano lo sperma accumulatosi lungo l’asta è esploso liberamente in lunghissimi e copiosissimi getti, che le ha abilmente indirizzato sui fazzolettini posizionati in precedenza sulla mia pancia.  Gli schizzi biancastri e densi hanno continuato ad ogni sua sollecitazione per un tempo interminabile, fino a lasciarmi completamente svuotato, tanto da avere le ultime contrazioni di godimento a secco.  E’ stato un orgasmo di rara intensità e l’eccitazione accumulata era tale che l’uccello non si è sgonfiato se non dopo parecchi minuti dalla incredibile sborrata e lei si è divertita a sbatterlo per aria tenendolo alla base e godendo della sua rigidità che non accennava a diminuire grazie al suo abile lavoro.  Mentre io poi mi sistemavo un po’, appallottolando i fazzolettini appesantiti dall’inverosimile quantità di sperma raccolto, lei si è riadagiata sulla sua poltroncina palesemente eccitata per la tensione accumulata, mentre parlottava col marito.  Subito dopo, mi sono riaccomodato anch’io, riprendendo finalmente il lavoro che avevo interrotto all’inizio su suo consiglio.  Con la mano avevo iniziato a ripercorre la sua gamba dal ginocchio, verso l’alto, su su fino alle sue mutandine, già fradice.  Ma ormai lei era così eccitata da quello che era successo prima che non aveva più tempo per perdersi in preliminari e con decisione mi ha preso la mano mettendomela sulla sua fighetta, dopo essersi sfilata le mutandine da una gamba, lasciandole appese al polpaccio dell’altra.  Così, mentre il marito le teneva il braccio sinistro e le accarezzava le tettine, non grandissime ma gonfie e turgidissime, dopo averle sbottonato la camicetta fino all’ombelico quasi, io le ho infilato quattro dita dentro, massaggiandole contemporaneamente il clitoridino col pollice.  Era così partita che ha cominciato immediatamente a decollare, spingendo il suo ventre contro le mie dita e sbuffando tanto forte che temevo potessero sentirci in sala.  L’orgasmo è esploso dopo pochi attimi, improvviso e violentissimo.  Si agitava come una pazza sotto le mie dita, mentre sentivo le sue contrazioni fortissime e i suoi gemiti a stento soffocati dal marito con la bocca.  Un orgasmo anche per lei interminabile e devastante.  Quando poi sotto le nostre dolci carezze si è piano piano ripresa ed ha iniziato a ricomporsi, con tono interrogativo le ho chiesto del marito.  Solo allora mi ha confessato che, per un problema di salute, era quasi del tutto impotente e traeva unicamente una qualche forma di godimento sessuale di tipo cerebrale da situazioni esibizionistiche di questo tipo, che ripetevano tutte le volte che si presentava l’occasione, a volte anche con la partecipazione diretta di lui, ma quasi sempre senza arrivare alla penetrazione completa e di norma affidandosi ad incontri casuali per evitare complicazioni sentimentali o violazioni della privacy.  La cosa mi ha quasi sconvolto, ma non al punto di non accettare un loro invito per due sere dopo.  Saremmo andati a cena assieme e poi concluso la serata in qualche locale di loro conoscenza oppure in qualche altro posto non usuale dove poter ripetere i nostri giochi un po’ particolari.  Ma questa è un’altra storia.

scritto da autore racconto erotico Steve

racconto letto 8253 volte


Segnala abuso in questo racconto erotico
nick :
e-mail :
motivo :
Il colore dell'erba?






commenti dei lettori al racconto erotico



Box delle utilità, spazio dei link veloci per gli ultimi racconti erotici inseriti, i racconti erotici più letti e più votati.

il racconto erotico più recente

Ultimo racconto erotico inserito:

Mamma troia mi ha dato tutto
scritto il: 2014-09-01 11:48:01



Ultimo racconto erotico votato:

Mamma ed Anna
genere: incesti

Buon divertimento e buona lettura a voi perversi e arrapati.
menu per condividere i racconti erotici

racconto erotico casuale

Per portare alla vostra attenzione racconti erotici che altrimenti non andreste a cercare, perché spesso il caso è molto più eccitante del semplice trovare.

L'angolo dei segreti (1)
genere: voyeur


Speriamo di aver soddisfatto tutte le vostre fantasie a luci rosse.
menu per accedere rapidamente ad un racconto casuale tra tutte le opere

condividi i racconti erotici

Puoi anche condividere un racconto erotico o una qualsiasi altra pagina del nostro sito semplicemente usando il tasto share che trovi qui sotto.
Se il racconto è piaciuto a te, piacerà anche ai tuoi amici, condividilo tramite tutti i più diffusi social network.

Bookmark and Share


Segnala su google la pagina, per diffondere racconti erotici di qualità.




newsletter

iscriviti alla newsletter di erotici racconti e potrai ricevere tutti gli aggiornamenti sui racconti erotici inseriti e sulle statistiche e gli apprezamenti sulle storie più eccitanti tramite una mail.

Speriamo di aver soddisfatto tutte le tue fantasie sessuali.

Top 100 Eros