Racconti erotici, storie eccitanti, letteratura a sfondo sessuale e narrativa a luci rosse per adulti italiana completamente gratuita.
Una serata hard con mio zio e i suoi amici è uno dei più eccitanti ed erotici racconti per adulti nel mondo della narratva a luci rosse, delle fantasie osé, delle confessioni e delle storie di sesso
erotici racconti logo del sito di storie a sfondo sessuale

Altri racconti erotici di By Mimi:

Non so cosa mi fece scoppiare la frociaggine in me
genere gay
scritto il 2011-05-02 11:31:42




Una serata hard con mio zio e i suoi amici
data racconti erotici 2010-12-18 16:13:26

genere: categoria racconti erotici fisting

Ciao mi chiamo Karim, ho 20 anni, figlio di emigrante Tunisino. Ho una
sorella maggiore ed un fratello minore. Io e mio fratello siamo nati in
Italia e viviamo a Roma. L'unico parente che ho a Roma e il mio zio Nadim.

A proposito vi voglio raccontare di mio zio Nadim, 45 anni, scapolo, 1,68,
capelli neri e un bel fisico da macho, spesso veniva a visitare i miei sogni
più peccaminosi, e, soprattutto, molto peloso. Nell'agosto scorso, Avevo
festeggiato il mio ventesimo compleanno, mio zio mi telefona: "ciao Karim,
puoi venire da me alle 23? Ho bisogno di parlarti!" "Vuoi che porto una
bottiglia di whisky?" "Sei un amore, Checco!" Mi chiama così da quando mi ha
visto nascere.

Arrivo con una bottiglia di whisky. Ci accomodiamo, parliamo del più e del
meno e a mezzanotte mi appresto ad andarmene. Mi dice: "Voglio parlarti dei
miei desideri nei tuoi confronti, perché ho dei pensieri francamente
sporcaccioni!" "Ma sei mio zio!" Allora mi spiega che vuole scopare solo con
me. "Cazzo zio, lo sai che a me piace la figa". "Povero Checco, di che ti
piace il cazzo, ancora con questa stupida copertura! So che sei bisessuale e
che ti piace farti inculare. Metti degli annunci su varie riviste con delle
tue foto hard". Va in camera sua e torna con otto riviste, fra cui Lettere
di Coppie e mi fa vedere le mie foto. "Questo cazzo finto nel culo! Sapevo
che mio nipote era un depravato, ma non fino a questo punto... Ti piace il
fist-kucking!" Avevo paura che lo dicesse alla mia famiglia. Ha proseguito:
"Vedo che ti piacciono i travestiti con degli uccelli di più di ventidue
centimetri su sei! Bene, vai a casa e domani torna qui con tutti i tuoi
cazzi finti. Ti presenterò degli amici, vedrai che ti piacerà!" Mio zio rise
fragorosamente e rispose "d'altra parte hai un gran bel culo?" "Grazie caro
zietto!" "Bene caro, Checco! Vieni alle venti". Esco dicendomi che se lui ha
tante riviste, vuol dire che ci mette degli annunci anche lui o risponde.

Lo vedremo domani! Il giorno dopo, il porco? Arrivo da lui con la borsa
appesantita dai cazzi finti. E' vestito di tutta pelle nera, da maso. In una
parola, è molto eccitante. Mi presenta i suoi amici, Dario e Alessandro.
Dario è biondo, capelli semi lunghi, 30 anni, 1,70, ben in carne. Alessandro
è meticcio, capelli scuri lunghi, vestito in modo molto sexy, alto, 1,78. Ci
sediamo sui divani per l'aperitivo. Mio zio ci chiede i nostri gusti,
parliamo di sesso, guardando gli annunci delle riviste, in particolare i
miei che le eccitano molto (anche a me fra l'altro). Mio zio apre la borsa e
ne tira fuori otto cazzi finti. I suoi amici lanciano delle esclamazioni:
"Ti infili questa roba nel culo! E' accogliente, il culo del tuo nipotino!"
Mio zio ci porta in camera da letto e dice: "Tutti nudi! Karim vieni con me
in bagno". Mi spoglio, mio zio contempla quel corpo che ha visto da neonato
e oggi è diventato uomo. "Oh, ti radi il cazzo e il culo!" Accarezzandomi,
mi infila un dito nel culo già in fiamme. "Chinati, ti faccio il clistere".
Mi introduce una cannula con una peretta in cima e mi pulisce il culo a
fondo. Mi faccio una doccia esce un'acqua tiepida, piacevole e comincia a
bagnarmi poco alla volta. Mio
zio era lì davanti a me in mutande.

Prende il sapone e mi strofina dappertutto, lentamente, e con la schiuma
maneggia tutta la lunghezza del mio membro. Poi, passa con l'acqua a poco a
poco la schiuma va via e lui, continua a lavarmi i coglioni e il cazzo e
vedo il porco che ha l'acquolina in bocca dal piacere. L'acqua scende e con
le mani afferra il mio cazzo gonfio di piacere, lo porta davanti a se, mi
guarda negli occhi e comincia a masturbarmi. Scendono gocce che gli
bagnano le labbra. E lui, con la bocca socchiusa, assetata di sesso, beve
quell'acqua che sgorga sull'uccello. Con la schiena si appoggia sulla parete
continuando su e giù, mentre con l'altra mi infila due dita in culo. Muove
le dita pian piano e poi sempre più veloce fino a quando, gridai dal
piacere, il cazzo comincio a schizzare come un vulcano in eruzione, la calda
sborra scende copiosa imbrattando la sua mano. Raggiungemmo l'orgasmo
insieme, schizzando da tutte le parti, quindi si alzò, mi fece uscire dal
box doccia, mi asciuga e torniamo in camera.

Uscendo nudo dal bagno vedo il bel culo di Dario, che ha delle chiappe belle
larghe. Quando apre le gambe, vedo che anche a lui piacciono le dilazioni:
ha un grosso buco dilatato. Alessandro ha un corpo stupendo, delle chiappe
belle e sode e più in basso, un'enorme bozza negli slip. Quando li abbassa,
appare un uccello di venticinque centimetri su sette! Mio zio mi dice:
"Credo che ti farai sfondare il culo ben bene, porcellino! Vieni, Checchino,
levami le mutante e tocca il mio bel cazzo!" Wow, tutti quei peli! Scendo,
le lecco l'ombellico. Comincia a gemere. Intanto, Alessandro mi apre le
chiappe e mi lecca la rondella, dicendo: "Ti sfondo fino agli intestini,
vizioso!" Scosto l'enorme foresta per piantare la lingua nel culo di mio zio
che si dilata un casino. Intanto Alessandro mi divora l'ano. Dario lo
raggiunge, mi lubrifica il buco e ci infila un dito, poi due, poi tre e
quattro. Mi dice: "Credo di poterti fistare!" Mio zio succhia l'enorme cazzo
di Alessandro e dice: "Puoi infilarlo! Guarda, ha il culo ben aperto! Sali
sul letto, Karim, sdraiati e solleva le gambe!" Dario spalma l'uccello di
Alessandro di saliva e comincia a mettermelo dentro.

All'inizio, il glande ha qualche difficoltà a entrare, allora Dario prende
una crema per fist e me la spalma. Il glande penetra come in un panetto di
burro. Alessandro comincia il suo va e vieni. Mio zio si stente sul letto e
mi mordicchia i coglioni e l'uccello. Dario gli infila tre grossi cazzi
finti nel culo e cerca di mettersene uno anche nell'ano. Regna un'atmosfera
di depravazione totale. Me lo piglio bene nel culo, sento l'uccello che mi
sfonda gli intestini. Ero impalato ormai in buona parte quando sentii un
colpo secco che mi penetrava completamente. Urli di piacere usciva dalla mia
bocca e lui con il palo piantato dentro rimase immobile in quella posizione
per un po' di tempo. Ma poco dopo Alessandro riprese il ritmo regolare di
una lenta inculata.

Mio zio mi mette sulla bocca il suo cazzo super sviluppato e mi dice:
"Leccami Checco, leccami bene!" A forza di farmi limare, comincio a
scaldarmi sul serio. Leccai quella cappella turgida che sentivo pulsare
tanto era gonfia e vogliosa. Spingeva il cazzo nella mia bocca che anche se
aperta al massimo riuscivo appena a contenerlo. leccavo quel cazzo enorme
che era lungo più di un palmo della mia mano. continuavo a leccarlo sempre
con minore imbarazzo. Anche loro, ormai senza pudore, godevano del
trattamento che riservavo loro e con sempre maggiore confidenza mi
guardavano dall'alto sorridendomi e incitandomi. Mentre mio zio godeva
molto; si agitava emettendo sommessi mugugni di piacere e inarcava prima la
schiena e poi spingeva in avanti il suo bacino per penetrarmi la bocca col
suo gigantesco uccello. Mentre lo leccavo sempre più avidamente, dal piacere
che provavo chiusi gli occhi ma percepivo tutto quello che i tre mi
facevano.

Tra una leccata e l'altra sentivo quella cappella calda che spinse a fondo
dentro il mio buco del culo già ben lubrificato. Era tanto grosso quel cazzo
che la mia resistenza era inevitabile. Il mio buco che con quel trattamento
si dilatava e facilitava la penetrazione che continuava lenta ma decisa. Mi
sentivo aperto al massimo ed era piacevole il calore di quella mazza che
sentivo sempre più dentro fino a quando si fermò perché in tutta la sua
lunghezza era dentro di me. Fui meravigliato dalla capacità del mio culo e
dalla bravura di Alessandro. Era rude ma deciso, voglioso e violento che
avrebbe ridotto la mia grande voglia e il piacere che invece provavo sempre
di più. Mi domandarono se provavo piacere e alle mie risposte positive
continuavo a leccare il cazzo di mio zio e l'altro ad uscire ed entrare dal
mio culo ormai dilatato oltre misura. Erano sempre più vogliosi e
instancabili e quel cazzo nel mio culo mi mandavano in estasi dal piacere.
Mentre il mio chiavatore continuava a stantuffarmi, Dario porse il suo
enorme cazzo sul viso di mio zio e così provocato cominciava a leccarlo e a
succhiarlo mentre emetteva repressi ma sonori mugolii di piacere. Eravamo
tutti eccitati al massimo e ce la mettemmo tutta per cogliere quei momenti
di grandissimo piacere che provavamo.

Ormai capirono che ero disponibile a ogni loro voglia, che potevano usarmi
per ogni loro desiderio e infatti seppero organizzarsi alla grande.
Alessandro sfila bruscamente il cazzo dal mio buco facendomi strillare e
sembrava non finisse mai di uscire tanto era lungo e grosso. Sapevano quale
grado di eccitazione stavo raggiungendo e continuavano a sollazzarmi ormai
senza nessun limite mentre cercavo di trattenete i miei mugolii di piacere.
Senza quasi che mi rendessi conto, sentire uscire quel cazzo che avevo nel
culo che appena libero rimase largo e dilatato ma subito ripenetrato da un
cazzo. Infatti si erano scambiati e ora ero in balia del cazzo di Dario che
si faceva strada dentro il mio culo. Era niente male e lo sentivo scivolare
dentro deciso e continuava fino a che non mi arriva in gola. Avevo dentro
quel popò di cazzo che mi sfondava sempre di più il culo, andando avanti e
dietro e spostandomi tutto ad ogni suo movimento. Pensai che sarebbe subito
venuto inondandomi del suo sperma, ma continuava nei suoi movimenti senza il
minimo cenno di stanchezza. Il mio piacere cresceva sempre di più e quel
gran cazzone che mi trapanava il buco ormai aperto oltre ogni misura
continuava i suoi affondi facendomi godere oltre ogni dire.

Poi, Dario si stacca da me.! Sentii che lentamente sfilava dal mio culo
quella mazza e pensando che volesse sborrare, rimasi in attesa degli schizzi
potenti che sarebbero usciti centrando in pieno le mie chiappe e il mio buco
del culo aperto come il cratere di un vulcano. Non ebbi il tempo di rendermi
conto che Dario con una mossa fulminea ancora col suo cazzo durissimo che in
un solo colpo lo fece sparire dentro il culo di mio zio. Ero in loro balia
si divertivano da pazzi a spese del mio povero culo che non aveva subito mai
fino ad allora un simile trattamento e, allo stremo delle mie forze, li
pregai di concedermi un po' di riposo. Mi lasciarono tranquillo ero steso a
bocconi sul letto e li guardavo mentre loro erano seduti a gambe larghe sul
letto che mi guardavano sorridenti e con una espressione di complicità.
"Piegati, ora dobbiamo prepararti" dissero. Mi fanno alzare e mettermi su
una poltrona, piegato a 90 gradi divaricandomi un poco le gambe, con la
testa in giù e il culo per aria. Ero sempre eccitato e non riuscivo a stare
fermo in quella posizione. Muovevo il bacino inarcando la schiena quasi a
desiderare ancora di essere penetrato e mio zio mi guardava incuriosito e
interessato. Dario si china verso di me e Afferra le natiche e le aprii,
come una mela. Con una mano si spalma di crema e mi infila dentro le cinque
dita. Spinse leggermente, incontrando poca resistenza. Spinse ancora di più,
e la mano entra dentro. Dario si ferma per qualche istante, per fare in modo
che si adattasse al buco.

Sentivo la sua mano farsi strada tra le mie chiappe e le sue dita entrare
dentro il buco del mio culo ancora lubrificato e un po' slabbrato dalla
recente inculata. Entrava facilmente e sentivo scivolare e allargare sempre
di più il mio sfintere tanto da darmi l'impressione che mi volesse
introdurre tutto il braccio. Poi spinse avanti e indietro, lentamente ma con
decisione e penetrava per qualche centimetro. Io gemevo, quella presenza mi
procurava sicuramente qualche dolore, ma ben presto il piacere avrebbe avuto
il sopravvento. Improvvisamente, spinse con decisione senza esitazione tutto
la mano fino alla base del mio intestino. "AAHHH" urlai. Ho il culo cosi
dilatato che all'inizio non mi fa molto male, poi sento che mi lacera l'ano.
Avanza fino al polso: "Ecco, porcone. Adesso, lo tira fuori e te lo rimetto
dentro per allargarti bene. Cosi, Alessandro, che ha la mano più grossa,
potrà mettertela dentro! Non preoccuparti, ti piacerà" disse mio zio.

Il dolore era notevole ma la voglia di prenderlo tutto doveva essere tanta.
Spinsi verso di lui, volevo che mi sfondassi
col pugno. E fu così. Stringeva le dita in modo da assumere una forma di
pugno e spinse, lentamente, con decisione. Il lubrificante fece il suo
effetto e la sua mano scomparve nel mio ventre. Mi aveva sfondato il culo
col pugno. Rimase per qualche istante così, dentro, penetrando con cautela
per alcuni centimetri per poi ritrarsi completamente. Rispondevo a tutto ciò
con gemiti e grugniti, comunque di piacere. Anche Alessandro si avvicina e a
turno si divertono ad allargare il mio culo con le loro mani che affondavano
e uscivano a ritmo regolare e cadenzato. Ogni tanto mio zio si avvicinava
alle mie chiappe e faceva cadere grosse quantità di saliva che facilitava
sempre di più quella piacevole penetrazione. Dopo anche mio zio lo fa ed è
molto doloroso. Alessandro fa delle foto mentre incula Dario. Mio zio fa
entrare e uscire la mano diverse volte e con l'altra si mena il cazzo. Era
più di un'ora che durava questo gioco eccitante ed ebbi l'impressione che
sarebbe proseguito a lungo con nuovi giochi tutti da inventare nel corso
della nottata.

Col culo per aria, do i numeri. Quando mio zio leva la mano, non è più un
buco che ho, ma un vero e proprio tunnel. Ci sputa dentro più volte e dice
ad Alessandro di incularmi. Mi mette dentro l'uccello senza che lo senta. Mi
chiede: "Vuoi che mi svuoti i coglioni nel buco o in bocca, porca?"
Rispondo: "In bocca!" Mi alzo e glielo succhio a fondo. Mi schizza il succo
denso e abbondante. Dario viene a leccarmi la bocca e la lingua per non
perderne neanche una goccia. "E delizioso!"
Esclama soddisfatto. Poi, inculo quel maiale di mio zio a fondo perché possa
condividere anche lui il nostro piacere. Le
infilo un cazzo finto nella bocca mentre le riempio l'ano. Alla fine, tolgo
il cazzo finto dalla bocca e gli vengo dentro e lui manda già tutto
dicendomi: "E' la prima volta che mando giù il tuo sperma!" Eravamo ormai
sfiniti, così decidemmo di fare una doccia.

Erano le sei del mattino. Dario e Alessandro si sono rivestiti e ci hanno
baciato dicendo: "La prossima volta culorotto, sarà ancora più divertente!"
Ci hanno lasciati, mio zio e me, e abbiamo fatto l'amore
fino alle undici. Ero esausto. E' il più bel ricordo di una storia hard che
ho avuto.

scritto da autore racconto erotico By Mimi

racconto letto 15715 volte


Segnala abuso in questo racconto erotico
nick :
e-mail :
motivo :
L'animale che abbaia?






commenti dei lettori al racconto erotico



Box delle utilità, spazio dei link veloci per gli ultimi racconti erotici inseriti, i racconti erotici più letti e più votati.

il racconto erotico più recente

Ultimo racconto erotico inserito:

Il playboy 10
scritto il: 2014-10-23 21:21:09



Ultimo racconto erotico votato:

Mamma ed Anna
genere: incesti

Buon divertimento e buona lettura a voi perversi e arrapati.
menu per condividere i racconti erotici

racconto erotico casuale

Per portare alla vostra attenzione racconti erotici che altrimenti non andreste a cercare, perché spesso il caso è molto più eccitante del semplice trovare.



Speriamo di aver soddisfatto tutte le vostre fantasie a luci rosse.
menu per accedere rapidamente ad un racconto casuale tra tutte le opere

condividi i racconti erotici

Puoi anche condividere un racconto erotico o una qualsiasi altra pagina del nostro sito semplicemente usando il tasto share che trovi qui sotto.
Se il racconto è piaciuto a te, piacerà anche ai tuoi amici, condividilo tramite tutti i più diffusi social network.

Bookmark and Share


Segnala su google la pagina, per diffondere racconti erotici di qualità.




newsletter

iscriviti alla newsletter di erotici racconti e potrai ricevere tutti gli aggiornamenti sui racconti erotici inseriti e sulle statistiche e gli apprezamenti sulle storie più eccitanti tramite una mail.

Speriamo di aver soddisfatto tutte le tue fantasie sessuali.